Maxiprocesso No Tav – 27 giugno “perfido” lancio di lacrimogeni anche nel bosco

 L’avv. Bertone ricostruisce gli ultimi istanti dello sgombero della Maddalena, 27 giugno 2011, di quello che succede quando la gente si allontana nei boschi e si ritrova a fuggire inseguita da agenti e da insistenti lanci di lacrimogeni che qualche teste afferma fosse “lanciato dall’elicottero”. “Sarebbe da perfido, sarebbe da impazzimento se avessero sparato i lacrimogeni anche nel bosco”, per l’Avvocatura dello Stato, ma è proprio quello che l’avv. Bertone dimostra, con tanto di video, nell’udienza del 4 novembre 2014 al maxiprocesso no tav, in aula bunker.

“Un episodio grave”, disse nella stessa aula Prinzivalli, Avvocatura dello Stato, nell’udienza del 16 ottobre, “E’ credibile?” si chiede, “è plausibile?” e sostiene, contrariamente ai video, che quando le forze dell’ordine arrivano sul piazzale la situazione è “normalizzata”, evidentemente inseguimenti e lanci di pentole, pietre e lacrimogeni su manifestanti che non fanno nulla rientrano in una normalità a noi sconosciuta.
I video, infatti, raccontano un’altra storia. E se fosse provata, in quelle aule, lo Stato, per detta dell’avv. Prinzivalli, “ritirerebbe la richiesta di danno patrimoniale… ASSOLUTAMENTE!”.

Guardate e, come sempre, #giudicatevoi .
processo2

Simonetta Zandiri – TGMaddalena.it

Maxiprocesso No Tav – 27 giugno “perfido” lancio di lacrimogeni anche nel boscoultima modifica: 2014-12-06T15:38:47+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *