No Tav, dieci domande al governo: “Draghi intervenga sull’uso dei lacrimogeni da parte delle forze dell’ordine”

https://torino.repubblica.it/cronaca/2021/04/23/news/no_tav_dieci_domande_al_governo_draghi_intervenga_sull_uso_dei_lacrimogeni_da_parte_delle_forze_dell_ordine_-297684946/?fbclid=IwAR2F88jE4qRTNnz5FEKSbsUF3KlU9eUBUhEv9hZW-PMM08_xgIfnJuvHX1c

La manifestazione No Tav a San Didero del 13 aprile (ansa)
Un documento dopo gli scontri al cantiere per l’autoporto di San Didero: “Azioni giudiziarie più simili a quelle di regimi dittatoriali che di una democrazia”
23 APRILE 2021
 
Si rivolgono a Draghi i No Tav che questa mattina sono entrati nella sede di Repubblica a Roma.

Hanno consegnato un documento con 10 domande da fare al governo dopo gli scontri dei giorni scorsi in Valle di Susa. Chiedono al presidente del consiglio di prendere posizione sull’uso dei lacrimogeni al Cs che – dicono – “vengono classificate come armi chimiche”, e chiedono di intervenire anche sul modo in cui questi strumenti vengono utilizzati. “sparati ad altezza uomo, come dimostrano i nostri video”, spiegano gli attivisti antitreno.

Il secondo blocco di domande riguarda invece i provvedimenti e le misure cautelari imposte ad alcuni attivisiti e in particolare Dana Lauriola, del centro sociale torinese Askatasuna, condannata per blocco stradale in una manifestazione del 2012. Ha scontato sette mesi in carcere e ora è ai domiciliari. “Amnesty international, con associazioni del diritto e giuristi hanno denunciato una detenzione assurda, che si somma a una lista di detenzioni, misure e procedimenti penali e amministrativi nei confronti di hi si è opposto con manifestazioni, tesi di laurea e articoli”.

I No Tav chiedono a Draghi se ha intenzione di continuare su questa linea. ” Le azioni giudiziarie contro il movimento No Tav sono più simili a quelle di regimi dittatoriali che a quelle di una democrazia”. Impugnano la valutazione della corte dei conti europei del 2020 per chiedere al premier, da sempre europeista “se intende ignorare un’istituzione che ha definito l’opera inutile e dannosa”. Chiedono anche conto della relazione costi benefici. I manifestanti definiscono la Tav un “accanimento” da parte di un governo che ha dichiarato la sua missione ambientalista con il ministero della transizione economica. In questo quadro si inserisce anche il cantiere dell’Autoporto di San Didero, secondo cantiere aperto in valle da parte di Telt la societa incaricata della realizzazione dell’opera, e nuova area di contestazione per i No Tav criticata anche dagli amministratori locali della zona. “In un momento di crisi sanitaria ed economica di queste  proporzioni come è possibile che si spendano 54 milioni di euro per un’opera di questo tipo? Come è possibile che la prima opera accessoria di un raddoppio ferroviario sia alla fine un autoporto che favorisce il trasporto su gomma?”, chiede il movimento interrogando Draghi.

(ansa)

L’ultima tranche del questionario rivolto a Draghi riguarda i costi dell’opera sbilanciati a sfavore dell’Italia. “Ogni chilometro italiano del tunnel di base costerebbe all’Italia ben 280 milioni di euro mentre ogni chilometro francese del tunnel costerebbe alla Francia solo 60 milioni di euro. Anche a questo governo non sembra anomalo questa ripartizione?”, dicono i No Tav che chiedono di dirottare quelle risorse per risanare le infrastrutture della valle, a partire dalla sanità.  

“È infine noto – concludono – che in caso di abbandono del progetto da parte dell’Italia e della Francia non vi saranno penali europee. Per quale ragione questo governo intende ignorare la volontà della cittadinanza, delle amministrazioni locali, dei sindaci delle città italiane e francesi coinvolte?”. Il documento è firmato “Rete No Tav Roma”

No Tav, dieci domande al governo: “Draghi intervenga sull’uso dei lacrimogeni da parte delle forze dell’ordine”ultima modifica: 2021-04-24T14:59:26+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *