RIBELLIONE, RESISTENZA, RINASCITA —– A FIRENZE PIAZZA ZEPPA DI ASSEMBRATI “SCIAGURATI IRRESPONSABILI” —- AMICHEVOLE CUNIAL VS DI BATTISTA 3-1

https://fulviogrimaldi.blogspot.com/2020/06/ribellione-resistenza-rinascita-firenze.html

MONDOCANE

LUNEDÌ 22 GIUGNO 2020

 

https://www.byoblu.com/2020/06/21/in-12-000-a-firenze-per-salvare-la-costituzione-byoblu24/?fbclid=IwAR1tFoM90rpq6w5qDlz2NroYjqdJsVO5jiEVXuVRVQ6iSm2tTasnf8HSvRM

Video di Adalberto Gianuario per Byoblu della manifestazione di Firenze, sabato 20 giugno

Dalla protesta alla proposta

Prima erano venuti i bravi incazzati, depistati verso il discredito dell’opposizione dal Generale dei Carabinieri e feldmaresciallo dei Forconi, Antonio Pappalardo, una via di mezzo tra un Masaniello rifatto da Ciccio (Franco Franchi) e il clown Fratellini. E aveva lasciato il tempo che trova. Poi abbiamo avuto i sediziosi napoletani da Coppa Italia, cugini lontani dei movidari in automatico “io so’ io e voi non siete un cazzo” di Brera e Trastevere. Più dignitoso il raduno a Piazza del Popolo, tra il lustro e il brusco, di alcuni spontaneisti, ahinoi senza capo né coda.  Tutti questi, pur nella loro evanescenza politica, per il circo dell’orrore di Pippo Conte & Co. avevano segnato un inizio di crisi di audience.

 Movida a Trastevere

Poi è arrivata la stoccata di Firenze in un 20 giugno tanto affollato quanto demascherinizzato e felicemente assembrato, dove i corpi, a detrimento dei virtualisti del digitale e dei farmaseparatori, sono tornati a incontrarsi e a guardarsi in faccia con le rispettive identità e un gran bel sentire collettivo. Merito di chi ha concepito, proposto e organizzato, con un coraggio impermeabile a qualsiasi intimidazione: il Movimento 3V (Vaccini Vogliamo Verità); per l’implicità libertà di scelta, contro il TSO per tutti, voluto dai virus-congiurati).

Se cliccate sul link in alto, avrete la visione dell’evento e degli interventi. E avrete la gioia postuma che frullò per piazza Santa Croce e poi, al rientro, per le vie del centro. Sotto  la statua, stagliata in un cielo festante di blù, di Dante Alighieri, che, con il solo sguardo, inibiva ai virus-gendarmi di avvicinarsi, e dei Davide di Michelangelo e di Donatello. Quelli che, con la fionda, abbatterono il gigante Golia. E oggi hanno disperso nel nulla anche i 60mila miliziani “civili”, probabilmente virtuali, messi in campo, probabilmente virtuale, dal ministro, probabilmente virtuale, Francesco Boccia.

Alieni virusiani in difesa…

A questo spappolarsi del regime poliziesco-biotecnofascista e della relativa paura, indotta per imporsi definitivamente, sono accorsi trafelati, a opporre un argine, i principali branditori dell’”arma fine dell’umanità”. Dalla banderuola, fluttuante a seconda del prevaler dei venti, Tedros Ghebreyesus, direttore dell’OMS, ai portavoce mediatici dei virus-coronati, che in questo caso, per intensità di bile, indico nel mattinale del Conte Pippo, “Fatto Quotidiano”. Passando dal paradiso promesso di un virus debellato dal vaccino, concetto virtuale come quello del paradiso dei religiosi, al purgatorio in cui il virus, seppure attenuato, serpeggia, il capomastro della Virale Commedia è tornato precipitosamente all’inferno dei 150mila nuovi casi nel mondo, “il numero più alto in un solo giorno”. Che gli “sciagurati” di Santa Croce, se ne rendano conto e si ravvedano. Così, Ranieri Guerra, vice all’OMS dell’etiope Ghebreyesus. Quanto ai media, tutti concordi, scelgo a caso, per l’immacolato servizio a una causa degno di miglior causa, il Fatto Quotidiano. Tutti ridotti a rilanciare, contro la vita, la paura.

… e rasi al suolo in Piazza Santa Croce

Zero Protezioni, nessun distanziamentoil sindaco Nardella: “Massa di irresponsabili, proveniente da tutta Italia (vero!!), ha invaso Santa Croce in spregio a ogni regola di sicurezzatutti stipati, senza protezioni, qualcuno ha addirittura messo in discussione la pandemia chiedendo ‘diteci la verità sul covid19’, con la deputata Sara Cunial, nota per il suo intervento complottista a Montecitorio… Le autorità si stanno già occupando del caso, è stato un insulto alla città, una brutta pagina che offende tutti i cittadini responsabili”. E poi giù riprovazione, deplorazione, anatema, in attesa che le teste virus-coronate concedano l’uso del lanciafiamme contro i reprobi. Ideona che sicuramente i danticausa di Pippo Conte, carta assorbente di qualsiasi cosa piova dall’alto.

Espressioni di frustrazione dovuta a questa Santa Croce indomita, dopo che, per quattro mesi di reclusione e vessazioni, si era pensato di aver ridotto il popolo a gregge, castrato per non riprodursi neanche in spirito e per produrre più lana. Una rabbia, al momento impotente, per una disobbedienza che sta diventando movimento e “resistenza, rivoluzione, rinascita”. Parole a cui avevano disseccato ogni senso fin dal 1945, o anche solo dal ‘68-77, in qua, arrivando a sostituirle con parole false, gravide di senso opposto, tali da chiuderci dentro a un muro rispetto al quale quello di Berlino, o, peggio, quello in Palestina, sono prodromi perfezionabili.

Antonietta Gatti

Gatti e Montanari, medici liberi

Gli interventi delle persone citate nel video di Gianuario sono quelle che hanno suscitato l’entusiasmo e i cori dei manifestanti. Quanti? Per la virus-stampa tra i 3000 e i 4.500. Ovviamente manipolati al ribasso per quell’istinto che la fa manipolare verso l’alto, l’altissimo, i numeri dei casi e dei morti di “pandemia”. Ma se è accertato che 8000 persone hanno firmato per il Movimento 3V, in piazza accanto al palco; e che un serpentone, che si divincolava per tutta la piazza, è andato ad acquistare il libro del Dr. Stefano Montanari, scienziato delle nanoparticelle, grande combattente e grande perseguitato, è difficile che siano di meno dei 10.000-13.000 calcolati da chi riprendeva l’evento. Ha fatto vibrare la piazza l’intervento di Antonietta Gatti, moglie di Montanari, fisica, bioingegnere, docente universitaria e, fino alle sue denunce, consulente del nostro governo e dell’UE. E’ stato bello ritrovarla in trincea, dopo che l’avevo intervistata per il documentario “L’Italia al tempo della peste”, in merito alle sue scoperte sulle nanoparticelle che stanno decimando animali e umani nelle regioni sarde in cui imperversano le esercitazioni militari Nato e gli esperimenti delle fabbriche di esplosivi di mezzo mondo.

Sara Cunial a Firenze

Dal sito R2020 potete riascoltare gli interventi in difesa della Costituzione, dei nostri diritti, delle nostre libertà conculcate e contro gli abusi inflittici da governanti che non rendono più conto al popolo e neppure al parlamento, ma a mandanti nostri nemici Nemici che Sara Cunial definisce “criminali e assassini”, in quella piazza come nel più bell’intervento udito alla Camera da tanto tempo. Un discorso che ai responsabili dei nostri dolori e affanni non ha risparmiato niente, tanto da esseri sparso per il mondo come disvelamento delle oscene nudità del re. Ne hanno potenziato la voce le sintesi della folla: “No 5G, No vaccini, No banche, No Tav, Sovranità, Difesa del Lavoro, Scuola Pubblica, Verità sul Covid-19, Costituzione, Le mascherine in Arno…”

 Sara Cunial a Firenze

Sara c’è

Entusiasmo e condivisione hanno raggiunto l’apice all’intervento della parlamentare Sara Cunial, espulsa dai 5 Stelle, evidentemente “per onestà”, principio di un tempo, ma che, sparendo insieme al Movimento nel ventre capace ed irsuto del PD, da quelle parti ha perso ogni significato. Ha colpito il chiodo sulla testa e ha così allargato, insieme agli smascherinati in piazza, una prima crepa nel muro di cui si è detto sopra. Lo ha fatto anche riandando all’origine del muro circondariale, con capomastro “il pluripresidente della Repubblica”, a cui va riferito il clima in cui ha potuto imporsi uno “scientismo dogmatico”, cui si devono i veleni   che hanno fatto prosperare “TSO, deportazioni, reclusioni, riconoscimenti facciali, e intimidazioni”, tutti in violazioni dei nostri “diritti costituzionali e umani”.

Sara Cunial e il vostro cronista

Il messaggio trasmesso e in pieno accolto è quello di riprenderci la nostra sovranità. La nostra è una nazione che sembrava preda dell’Alzheimer, tanto da farsi guidare in direzioni mai scelte, verso qualsiasi umiliazione e privazione. L’epifania di Sara, di Davide Barillari, il consigliere regionale del Lazio dimessosi dai 5Stelle con un intervento memorabile, e ora la loro, e di tanti altri, presenza nelle piazze d’Italia e in rete, sono forse la luce in fondo al più tenebroso tunnel che questo popolo abbia mai dovuto attraversare.

 Davide Barillari, consigliere Regione Lazio

E Alessandro Di Battista?

Nella mia lettera aperta a Di Battista quando è ricomparso sulla scena politica chiedendo che finalmente il movimento fosse coinvolto nella sua interezza nella linea, ho rinunciato a scegliere tra le due ipotesi poste: rigenerare il Movimento dall’interno, o rompere e riprendere da capo. La risposta sembra avermela dato un leader che mi era sembrato, insieme ad altri e a gran parte della base, quanto restava di vivo e antagonista nei 5Stelle. Ed è la risposta che mi ha fatto stabilire nel titolo il punteggio di 3 a 1 nel confronto con Sara Cunial. Tre gol a Sara per la riaffermazione e il rilancio di tre principi fondanti: il respingimento della manovra liberticida e distruttiva sul piano economico, sociale, morale, democratico, di un governo appeso ai fili dei grandi manovratori farmaco-digitali-finanziari della transumanità; la ripresa di tutti i concetti strategici dei 5Stelle, a partire dalla sovranità popolare; l’opposizione netta e irrinunciabile al sistema di potere in atto.

Di Battista l’ho visto alla “Nove”, nel programma “Accordi e disaccordi” di Scanzi, Sommi e Travaglio. Il punto, o gol, che gli andrebbe assegnato, riguarda la pubblica conferma dei principi guida del primo Movimento, quelli che gli hanno dato la strepitosa maggioranza alle ultime elezioni. Ultime in senso temporale, ma, per come gira il vento, forse anche in senso assoluto. Le ha ribadite con forza nell’intervista. Poi, però, si è chiuso nella difesa dell’indifendibile. Cito a memoria: Il premier Conte ha gestito il problema del Coronavirus nel modo migliore. Appoggio e elogio a un personaggio venuto dall’alta finanza,.della quale si è messo al servizio totale per il progetto di una catastrofe umana feroce e disumana senza precedenti. Beppe Grillo resta un cardine, padre, fondatore, tiranno e traditore dei 5 Stelle.

Un Di Battista incompatibile con l’altro

Sono due affermazioni che fanno a cazzotti con tutto il resto e lo svuotano di significato. Conte è stato il manutengolo che a forza di bugie e imbrogli, per conto di profittatori cinici e senza scrupoli, ha messo in quarantena un popolo e i suoi diritti fondamentali. E la cosa peggiore mai successa a questo paese. Grillo, dato il suo ruolo e il suo ascendente, ha verticalizzato il movimento, lo ha uniformato alle sue scelte e ai suoi intrighi e lo ha fatto letteralmente ruminare e poi digerire dalla forza politica più di palazzo e più compromessa. con male pratiche mai vista. “L’amore” che Dibba dichiara al Movimento, è l’amore per una noce secca e frantumata. Farebbe bene a rivolgerlo al popolo tradito dai suoi vertici. E’ ancora in tempo.

Mi è sembrato, attraversando la folla di Santa Croce, di rivedere le facce dei felici, perché sacrosanti e salvifici, vaffa dì un tempo. Facendomi strada verso il palco tra le persone assiepate, anzi, “assembrate” al punto che dovevo urtare, pestare piedi, sgomitare, non  registravo fastidi, ma sorrisi, gentilezza, comprensione, gente che mi si apriva. Tra quelle persone, dalle facce scoperte e dai corpi vicini erano rinati i sensi rubati: la vista degli altri come sono, non travisati; il tatto della cortesia, della curiosità, dell’affetto, dell’erotismo; l’udito di parole, buone, belle e giuste, non camuffate da mascherine. Perfino l’olfatto che, nell’incipiente serata, percepiva il profumo del soffio leggero in arrivo dai colli. Un profumo che mi riporta all’infanzia tra gli ulivi e i pini di Fiesole e, molto dopo, alla Curva Fiesole, quando giocavano Julinho, o Antognoni, o Baggio. Miracolo di un nuovo inizio.

Pubblicato da Fulvio Grimaldi alle ore 19:20

RIBELLIONE, RESISTENZA, RINASCITA —– A FIRENZE PIAZZA ZEPPA DI ASSEMBRATI “SCIAGURATI IRRESPONSABILI” —- AMICHEVOLE CUNIAL VS DI BATTISTA 3-1ultima modifica: 2020-06-24T17:41:24+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *