“Centrali quei due”, “Lo vedi il bastardo? Se riesci a centrarlo….”

centraliqueidue

“Spariamo con un po’ di criterio, cazzo… “, è la voce di uno degli agenti impiegati nel servizio di “ordine pubblico” nell’area di Chiomonte in quel 3 luglio oggetto del maxi processo no tav in aula bunker, ormai alle battute finali. Poi c’è l’operatore che perde il controllo, tossisce e sembra soccombere per i gas lacrimogeni e si sentono voci gridare “basta oh, basta lacrimogeni”, e più tardi, sempre qualche agente, urla “Ciccione di merda, basta, la dobbiamo finire con questi lacrimogeni di merda”.
L’avv. Bertone, nell’udienza del 4 novembre, mostra altri video interessanti che in qualche modo danno una risposta all’Avvocatura di Stato che, nell’udienza di ottobre, aveva evidenziato il fatto che “non ci fossero prove di tiri diretti contro le persone e intenzionali”. Una lunga serie di video sembra dimostrare il contrario, con tanto di audio per cancellare ogni ragionevole dubbio. Ad accompagnare tiri palesemente diretti contro le persone ci sono infatti frasi come “Lo vedi il bastardo? Se riesci a centrarlo… prendi la mira… appena esce” e ancora “Centrali, centrali quei due!”, tiri seguiti da complimenti come “Grande, Dani!”quando il lacrimogeno viene usato come proiettile e centra in pieno il manifestante diventato bersaglio.
“Sembra come se fosse un gioco di lanci e rilanci”, spiega l’avv. Bertone, “poi la forza pubblica fa le stesse cose che stanno facendo i manifestanti come se fosse legittimo sparare contro i manifestanti dei candelotti, ma la polizia di Stato non è autorizzata a rispondere con l’arma da fuoco sparando su una persona, non c’è proporzionalità perché il lancio di una pietra è ben diverso dal lacrimogeno…. “

Guardate il video e, come sempre, #giudicatevoi!
(Qui la trascrizione completa dell’udienza del 4 novembre, con altri video della difesa)

processo3

Simonetta Zandiri – TGMaddalena.it

“Centrali quei due”, “Lo vedi il bastardo? Se riesci a centrarlo….”ultima modifica: 2014-12-06T21:35:40+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *