RICONOSCIMENTO FACCIALE COATTO: Nuovo Brevetto permette di rintracciare i Volti anche senza Tag

11111
TORONTO – Un nuovo algoritmo studiato presso lUniversità di Toronto ha il potere di cambiare profondamente il modo in cui troviamo le foto tra i miliardi dei siti di social media come Facebook e Flickr.
Questo mese, la United States Patent and Trademark Office emetterà un brevetto su questa tecnologia. Sviluppato da Parham Aarabi, un professore del Dipartimento Edward S. Rogers Sr. of Electrical & Ingegneria Informatica, e il suo ex allievo del Maestro Ron Appel, lo strumento di ricerca utilizza posizioni tag per quantificare le relazioni tra gli individui, anche quelli non etichettati in una determinata foto .
Leggi anche:
Immagina tu e tua madre, raffigurati insieme, costruendo un castello di sabbia in spiaggia. Siete entrambi taggato nella foto abbastanza vicino insieme. Nella foto accanto, tu e tuo padre state mangiando anguria. Siete entrambi taggati (anche senza il tag manuale) .
 
A causa della stretta relazione ‘etichettatura’ sia con tua madre nella prima immagine che con tuo padre nella seconda, l’algoritmo può stabilire che esiste una relazione tra i due e quantificare quanto forte possa essere.
In una terza foto, si fa volare un aquilone con entrambi i genitori, ma solo tua madre è taggata. Data la forza del vostro rapporto, quando si cerca una foto di tuo padre l’algoritmo può restituire la foto anche senza tag a causa della probabilità molto alta che ha rappresentato.
 
“Due cose stanno accadendo: capiamo le relazioni, e possiamo cercare le immagini meglio”, dice il professor Aarabi.
L’algoritmo agile, chiamato relazionale Ricerca immagine sociale, raggiunge l’alta affidabilità senza utilizzare computazionalmente intensive-oggetto o un software di riconoscimento facciale.
“Se si vuole cercare un trilione di foto, di solito si fanno almeno un trilione di operazioni. Si basa sul numero di foto che hai “, dice Aarabi. “Facebook ha quasi mezzo trilione di foto, ma un miliardo di utenti, è quasi un ordine di grandezza di 500 la differenza. L’algoritmo si basa semplicemente sul numero di variabili, non dal numero di foto, che rende più efficace per cercare degli “approcci standard. “
Il lavoro su questo progetto è iniziato nel 2005 in Mobile Applications Laboratorio del Professor Aarabi, primo spazio laboratorio del Canada per lo sviluppo di applicazioni mobile.
Attualmente l’interfaccia del algoritmo è principalmente per la ricerca, ma Aarabi mira a vederlo attivo dietro i grandi database di immagini o social network. “Mi immagino l’interfaccia sarebbe esattamente come si usa Facebook ricerca-per gli utenti, non cambierebbe nulla. Avrebbero solo ottenere risultati migliori “, dice Aarabi.
Traduzione LaGrandeOpera
 
visto su Hack your Mind
RICONOSCIMENTO FACCIALE COATTO: Nuovo Brevetto permette di rintracciare i Volti anche senza Tagultima modifica: 2013-12-04T17:21:39+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *