Parlamento UE approva schedatura di massa: dati biometrici di 350 milioni di persone

https://www.imolaoggi.it/2019/04/23/parlamento-ue-approva-schedatura-di-massa-dati-biomentrici-di-350-milioni-di-persone/

Il Parlamento europeo ha votato la scorsa settimana per collegare una serie di sistemi di controllo delle frontiere e di migrazione in una gigantesca banca dati contenente i dati biometrici di cittadini dell’UE e di paesi terzi.

Questo nuovo database sarà noto come Common Identity Repository (CIR) ed è impostato per unificare i record su oltre 350 milioni di persone. Per la sua progettazione, CIR aggregherà sia i documenti di identità (nomi, date di nascita, numeri di passaporto e altri dettagli di identificazione) che quelli biometrici (impronte digitali e scansioni facciali) e metterà i suoi dati a disposizione di tutte le autorità di frontiera e di polizia. Il suo ruolo principale sarebbe quello di semplificare il lavoro ai posti frontiera e quello delle forze dell’ordine dell’UE che saranno in grado di cercare dati in un sistema unificato molto più velocemente, piuttosto che cercare individualmente in database separati.

La scorsa settimana, i funzionari UE hanno dichiarato: “I sistemi coperti dalle nuove norme includeranno il sistema di informazione Schengen, Eurodac, il sistema di informazione visti (VIS) e tre nuovi sistemi: il sistema europeo di casellari giudiziari per cittadini di paesi terzi (ECRIS-TCN), il sistema di ingressi / uscite ( EES) e il Sistema europeo di informazione e autorizzazione dei viaggi (ETIAS) “.

Il Parlamento europeo e il Consiglio europeo hanno promesso “salvaguardie adeguate” per proteggere il diritto alla privacy dei cittadini e regolamentare l’accesso dei dati ai funzionari.

L’UE gestisce uno dei più grandi database biometrici del mondo

Da quando i piani per creare questo database biometrico condiviso sono stati resi pubblici, lo scorso anno, i sostenitori della privacy hanno criticato l’UE, definendo la creazione di CIR come il “punto di non ritorno” nella creazione di un “database centralizzato europeoo del genere Grande Fratello”.

Una volta installato e funzionante, CIR diventerà uno dei più grandi database di tracciamento delle persone nel mondo, proprio come i sistemi utilizzati dal governo cinese e dal sistema indiano di Aadhar.

Negli Stati Uniti, la protezione doganale e di frontiera (CBP) e il Federal Bureau of Investigations gestiscono database biometrici simili.

L’esistenza del database viene giustificata dalla necessità di dotare le forze dell’ordine di strumenti migliori per il monitoraggio di migranti e criminali; tuttavia, c’è sempre il timore che il sistema venga lentamente esteso fino a  includere e rintracciare le persone che non sono oggetto di indagini penali e perfino i turisti che viaggiano nella UE.

www.zdnet.com

Clima impazzito? ”No,è guerra climatica ”. Parla il generale Fabio Mini

https://www.jedanews.it/blog/guerra-climatica-generale-mini/?fbclid=IwAR0aA5KAtrAjUqrU6u891WgylxN4N4F2XOYDVa0Ot2Xl5lwi_7DXiGcQ3R8

Mai come ora  ci rendiamo conto che il clima è impazzito.Ecco il motivo spiegato dal Generale Mini:”E’ guerra climatica,clima modificato con agenti chimici”.

Riportiamo qualche passo significativo della testimonianza di questa persona, il cui ultimo incarico militare è stato il Comando delle forze NATO in Kossovo, e quindi non è stato un generale di “cartone”, come si dice in gergo di coloro che non  hanno mai ricoperto ruoli di Comando, e sicuramente conosce l’argomento di cui tratta e  anche solo per questo, dovrebbe essere ascoltato.
“La guerra ambientale non è più solo una ipotesi: è già in atto. Ma guai a dirlo, si passa per pazzi.”

“Negare l’informazione è già un atto di guerra. Non c’è solo la disinformazione ma c’è una pratica militare che si chiama ‘denial of service’ ovvero si stabilisce che è necessario non solo negare la realtà o l’evidenza, ma negare l’informazione. E questo è già un vero e proprio atto di guerra. Determinate persone o paesi non devono venire a conoscenza delle informazioni e questo può causare catastrofi di proporzioni bibliche, come il devastante tsunami dell’Indonesia. L’informazione sul suo arrivo era disponibile, ma interruzioni nella trasmissione, a causa di anelli mal funzionanti o volutamente non funzionanti, ne ha impedito la comunicazione.”

 “La bomba climatica è la nuova arma di distruzione di massa a cui si sta lavorando in gran segreto per acquisire vantaggi inimmaginabili su scala planetaria. Alluvioni, terremoti, tsunami, siccità, cataclismi. Uno scenario che purtroppo non è più fantascienza.”

“La maggior parte delle persone ritiene inconcepibili certi scenari, in quanto non è al corrente delle progettazioni in materia di tecnologie militari e quindi delle conseguenti implicazioni.”

Il Generale racconta che nel lontano 1946, lo scienziato neozelandese Thomas Leech, lavorò in Australia per conto dell’Università dell’Auckland, con fondi americani e inglesi, per provocare piccoli tsunami. Il “Progetto Seal” ebbe successo, spaventò lo scienziato che interruppe gli esperimenti, e che poi sicuramente sono stati ripresi e perfezionati.
“I militari hanno già la capacità di condizionare l’ambiente: tornado, uragani, terremoti e tsunami alterati o addirittura provocati dall’uomo sono una possibilità concreta.”
“Nell’ambito militare non esiste una moralità che possa impedire di oltrepassare un certo punto. Basti pensare allo sviluppo e le applicazioni degli ordigni atomici. Non esiste vincolo morale, ciò che si può fare si fa.”

Non è solo un problema di mancanza di moralità, ma secondo il Generale si va anche oltre: “La voglia di conseguire un vantaggio spinge ad usare le tecnologie senza fare test a sufficienza. Una possibilità viene messa in atto per verificarne il funzionamento, sperimentandone direttamente sul campo gli effetti.”

Con l’articolo su Limes, il Generale aveva già divulgato il progetto dell’Aereonautica Militare Statunitense del 1995. In “Weather as a Force Multiplier: Owning the Weather in 2025” si delineavano i piani non “di possedere il clima”, ma di controllare il meteo, lo spazio atmosferico e condurre operazioni belliche in sicurezza, dice sempre il Generale. “Per esempio, irrorando le nubi con ioduro di argento, altre sostanze chimiche o polimeri, per dissolverle o spostarle. Oggi siamo piuttosto vicini al traguardo del 2025.”

Fonte : nogeoingegneria.com
Redatto da: veritaoltreilsistema.com

Incubo 5G, il Governo aumenta di 110 volte l’elettrosmog? Il libro denuncia di Martucci per Grillo (Ministro Salute): “Cittadini come cavie umane, si viola Codice di Norimberga!” E’ già tardi?

Dopo l’estate tutti gli “italiani saranno esposti a campi elettromagnetici ad alta frequenza, con densità espositive e frequenze sino ad ora inesplorate. Dopo Settembre l’operazione avrà respiro nazionale. Sottovalutare o ignorare il valore delle evidenze scientifiche disponibili non appare eticamente accettabile”. Pericoloso lascito dai predecessori: ignorati gli appelli precauzionali dei medici ISDE che continuano ad invocare una sensata moratoria, per compiacere Europa e lobby del 5G il Governo Conte potrebbe aumentare di 110 volte il valore limite di campo elettrico emesso dalle stazioni radio base (antenne di telefonia mobile), sommergendo la popolazione con un’irradiazione elettromagnetica multipla e cumulativa di dubbia innocuità, per altro già documentata come (potenzialmente) cancerogena da innumerevoli e accreditati studi nonché (seppur tra le polemiche per una classificazione 2B al ribasso!) dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Lo spauracchio è nella bozza di decreto stesa dal dicastero dell’ex ministro Galletti il 18 Aprile scorso e ora al vaglio di Sergio Costa. C’è scritto: considerati gli attuali limiti di legge (6 V/m nella rilevazione su 24 ore e dentro la struttura degli edifici) una “barriera per lo sviluppo della tecnologia” di quinta generazione (5G), il ministro dell’ambiente (di concerto con l’omologa della salute) decreterebbe l’applicazione di nuovi standard per i valori di attenzione “sulla base delle evidenze scientifiche in materia” da tradurre in ben 61 V/m, ovvero innalzando di 110 volte l’elettrosmog (in fisica il vettoriale delle radio frequenze è calcolato al quadrato, cioè campo elettrico+magnetico) per favorire nuove bande simultanee (s’aggiungeranno alle attuali 2G, 3G, 4G) e migliaia di nuove micro-antenne ubiquitarie (si pensa una sul tetto di ogni 12 abitazioni o sui lampioni della luce!) da disseminare senza tregua ovunque, in ogni angolo delle città ma pure in campagne e parchi. Cosa ci aspetta?
 
Snobbato il fronte precauzionista, l’unico criterio seguito sarebbe in ossequio (reverenziale!) ai desiderata degli operatori delle telecomunicazioni, recentemente riuniti a Roma da Eunews per chiedere “una revisione al rialzo dei limiti sulle emissioni elettromagnetiche”, giudicate restrittive, cioè da esplodere verso l’alto al grido di “serviranno molte antenne”!
La prerogativa, ad esclusivo appannaggio del business per l’ipercomunicazione di massa stimato in 225 miliardi di euro fino al 2025, vorrebbe l’assenza (sic!) di una dimostrata evidenza scientifica sugli effetti per la salute dell’uomo esposto alle irradiazioni, ritenuta ingiustificata l’applicazione del principio di precauzione da un punto di vista tecnico ed epidemiologico. Ma è davvero così? Ci possiamo fidare di Wi-Fi, wireless e 5G? E su quali premesse di tutela per la salute pubblica? Oppure c’è qualcosa che non ci viene detto? Qualcosa che ci tengono nascosto?
Per confutare quest’assioma stereotipato, fondato su ricerche superate e di dubbia indipendenza, ho scritto l’inchiesta “Manuale di autodifesa per elettrosensibili. Come sopravvivere all’elettrosmog di wi-fi, telefoni cellulari, smartphone e antenne di telefonia. Mentre arrivano 5G e wi-fi dallo spazio!”
 
Manuale di autodifesa per elettrosensibili_cop_fronte
 
(il libro uscirà ai primi di Luglio per Terra Nuova Edizioni), una libera (e scevra da condizionamenti) panoramica sui subdoli rischi dei pervadenti campi elettromagnetici, tracciato il perimetro del pericolo ambientale d’Era Elettromagnetica (patito in primis dagli ammalati – sempre più numerosi – di Elettrosensibilità), svelando incongruenze, distorsioni metodologiche e conflitti d’interesse alla base del cosiddetto fronte negazionista, passate in rassegna le maggiori sentenze di tribunale sul nesso giuridicamente accertato telefonino=cancro e gli studi (migliaia!) sugli effetti non termici di wireless e antenne di telefonia mobile.
 
Riporto: “I governi e le agenzie pubbliche di protezione della salute si nascondono di solito dietro obsolete linee guida ufficiali, che sono state redatte quando si pensava che l’unico modo in cui la radiazione da radiofrequenza poteva influenzare la salute era per l’intensità del campo sufficientemente alta o per l’eventuale potere di riscaldamento, come se il corpo umano fosse una bambola di plastica riempita di liquidi. Questo è falso perché innumerevoli studi scientifici hanno dimostrato che possono arrecare danni alla salute dei campi elettromagnetici molto al di sotto dei livelli delle linee guida ufficiali. Ci sono oggi forse 4 o 5 miliardi di cellulari in uso nel mondo e l’effetto cumulativo può mettere in pericolo l’essere umano”. E poi: “La strategia dell’industria è quella di finanziare studi a basso rischio che assicureranno risultati positivi, e poi di usarli per convincere i media e il pubblico che sono le prove dell’inno¬cuità dei cellulari”.
Infine: “L’anello debole della catena è comunque sempre il cittadino, che a fronte di una serie di disponibilità tecnologiche sicuramente utili e appaganti si trova comunque esposto a un rischio quantomeno possibile”.vero – che Fiorella Belpoggi (per l’Istituto Ramazzini direttrice della più grossa ricerca al mondo sugli effetti biologici delle radiofrequenze delle antenne, anticipata nei risultati parziali del 2018) ha ripetuto che “abbiamo identificato un pericolo. Non può accadere come è successo con il benzene, per il quale ci sono voluti 30 anni affinché fossero presi provvedimenti”, tanto che secondo Lorenzo Tomatis (fondatore IARC, Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro) far finta di nulla oggi “equivale ad accettare che un effetto potenzialmente dannoso di un agente ambientale può essere determinato solo a posteriori, dopo che quell’agente ha avuto tempo per causare i suoi effetti deleteri”.
Infatti (che lo si sappia!), ricerca e medicina forzatamente seguono a rimorchio la più veloce innovazione tecnologica, con l’inevitabile conseguenza che per attendere riscontri medici definitivi bisogna attendere (anche) 10, 15, 20 anni dal momento in cui è stato lanciato l’Hi-Tech sul mercato (in soldoni, con affanno si studiano gli effetti del 3G quando in commercio esce il 5G!). Quindi la misura del problema la conosce, eccome!
 
Non possiamo aspettare decenni per farci (colpevolmente) ripetere dai governanti di turno, “scusate, c’eravamo sbagliati, l’elettrosmog è certamente cancerogeno!”, con chissà quale conta per le persone eventualmente colpite e danneggiate. Per questo, in conferenza a Firenze, venerdì ho preso un impegno pubblico: manderò il mio libro (in uscita a giorni) al neo-ministro Giulia Grillo perché non possa dire di non sapere. Da consapevole attivista e poi all’opposizione, s’è battuta anche in Parlamento per scongiurare l’incubo MUOS in Sicilia, partecipando persino ad un dibattito pel riconoscimento di Sensibilità Chimica Multipla ed Elettrosensibilità.Non vorrei che, sostituita la Lorenzin, come suoi illustri predecessori anche la Grillo finisse per avallare una scellerata manovra politico-lobbistica (e non di precauzione sanitaria) che dopo ferragosto ci catapulterebbe (tutti quanti, nessuno escluso) in un pericoloso punto di non ritorno: la tutela della salute pubblica viene prima del 5G! Altrimenti si rischia di violare apertamente il Codice di Norimberga, trasformando la popolazione civile in cavie umane su cui sperimentare nuove tecnologie. E questo non è (assolutamente) ammissibile.
di Maurizio Martucci mercoledì 27 giugno 2018
 
 
VEDI ANCHE
 
FULL IMMERSION: DAL 2020 LA RIVOLUZIONE DEL 5G PASSERÀ PER I SATELLITI
 
CONNESSI A 5G. TUTTO BENE?
 
LE RADIAZIONI 5G FANNO MALE, 170 SCIENZIATI PER LA MORATORIA
 
PLANETARY EMERGENCY: THE EARTH NEEDS YOUR HELP. NOW.
 
Wi-Fi DALLO SPAZIO – A RISCHIO LO STRATO DI OZONO
 
 
VIDEO: 5G IL VERO TERRORE
5g

L’ultima della UE: il web senza immagini (e senza idee). Si chiama censura. Io non ci sto. E tu? – Come Don Chisciotte – Controinformazione – Informazione alternativa

BELLA L’EUROPA DEI POPOLI EH? TANTI DIRITTI E BENESSERE PER TUTTI VERO?

internet

ma tu guarda, la proposta viene da Oettinger, quello che voleva delegare i mercati a rieducare gli italiani che sbagliano a votare

Tutte le gaffe di Oettinger, il commissario europeo forse tradito da una sintesi sbagliata

Ma d’altronde tutte le sinistre sono d’accordo, qualsiasi cosa è legittima per ritornare ad occupare le poltrone e fare i servi della finanza, ah no, per salvare il popolo dall’ignoranza etc etc Ovviamente in piazza non si vedrà nessuno, la Ue sa fare il bene della gente no?

L’ultima della UE: il web senza immagini (e senza idee). Si chiama censura. Io non ci sto. E tu?

Il Cuore Del Mondo

Ci stanno provando in tutti i modi da tempo, negli Stati Uniti e, soprattutto, in Europa. Chi segue questo blog sa come la penso: da quando l’establishment ha perso il controllo della Rete e soprattutto dei social media, veicolando idee non mainstream e favorendo l’affermazione di movimenti alternativi, quelli che vengono sprezzamentemente definiti “populisti”, ogni pretesto è buono per favorire misure per limitare la libertà di pensiero. Ci hanno provato usando l’ariete delle “Fake news” e il tentativo è ancora in corso, in queste ore stanno usando un altro grimaldello, il copyright.

Come ha denunciato, in perfetta solitudine, Claudio Messora su Byo Blu   la Commissione Affari Legali del Parlamento europeo, su proposta dell’immancabile commisario tedesco Oettinger,  ha dato il primo via libera alla legge sul Copyright, che di fatto, se verrà approvata anche in Aula,  permetterà di introdurre misure censorie.

L’articolo 11, instaura la cosiddetta “tassa sui link”. Non stiamo parlando, a scanso di equivoci di film o di canzoni o di interi libri, ma stiamo parlando del testo che, citato testualmente si riferisce, “anche ai più piccoli frammenti di articoli contenenti notizie”, che “devono avere una licenza”. Avete presente quel piccolo testo di anteprima che appare a fianco o sotto a un link, in mancanza del quale nessuno sano di mente si sogna di cliccare? Ecco, anche quello dovrebbe disporre di un’adeguata licenza!

Spiega Messora, che così continua:

Secondo l’articolo 13 “le piattaforme online sono responsabili per le violazioni del copyright dei loro utenti” e “devono in ogni caso implementare filtri preventivi sugli upload”. Significa che gli algoritmi rigetteranno a priori qualunque contenuto che “potrebbe” violare il copyright, prima ancora che appaia online. Ma gli algoritmi non sono immuni ai falsi positivi e non possono certamente distinguere gli usi ammissibili, come le parodie, i meme, il diritto di critica… Non c’è nessuna concessione al concetto stesso di “Fair Use”. Ecco, ad esempio sarà impossibile pubblicare la foto di chicchessia con una scritta sotto, appunto i meme, a meno che quella foto non l’abbiate scattata voi stessi, e anche così sarete comunque giudicati “colpevoli” a meno che non vi dimostriate “innocenti” e non conduciate lunghe battaglie per riportare online i vostri contenuti.

Il messaggio è chiaro: se questa legge passerà, la diffusione di contenuti politici potrà avvenire solo senza il supporto di immagini, perché è evidente che il singolo cittadino mai potrà procurarsi le foto di un primo ministro o della guerra in Siria. E anche la citazione di brani di articoli potrebbe portare alla soppressione della vostra pagina Facebook o del vostro account Twitter. Insomma, se questa legge dovesse entrare in vigore, i blog e le pagine politiche sui social media con foto “non autorizzate” potebbero essere cancellate d’ufficio, privando la Rete di uno strumento di supporto ormai indispensabile. Quale attrattiva potrebbero avere avere pagine di solo testo? Volete davvero che la Rete venga ridotta a un’immensa bacheca di foto di gattini (solo i vostri, perché gli altri violerebbero il copyright)?

Salviamo Internet dalla direttiva del Copyright UE

Claudio Messora ha lanciato una petizione contro questo provvedimento, che sarà votato in aula a Bruxelles il 4 luglio. Lo scopo è di suscitare una sollevazione della Rete e siccome le grandi testate stanno , ovviamente, ignorando la notizia, l’unica possibilità è di innescare un passaparola che induca decine di migliaia di cittadini a firmare questa petizione.

Io ho firmato. E tu? Mancano pochi giorni, non perdere tempo!

Marcello Foa

Caso Skripal. A 10 Km da Salisbury c’è Porton Down, l’hub per la guerra chimica del Regno Unito

skripal

Ulf Schmidt, professore di storia moderna presso l’Università del Kent, in un libro recentissimo aveva documentato di innumerevoli disseminazioni di agenti biologici e chimici condotti sulla ignara popolazione inglese
Prosegue con continui, grotteschi, colpi di scena la saga di Sergej Skripal “avvelenato, insieme alla figlia, con il Sarin da sicari di Putin”. E mentre gli abitanti di Salisbury gettati nel panico dal governo sono l’unica “prova” che i mass media possono mostrare per attestare questo inverosimile “complotto di Mosca”, c’è chi si documenta sulle infamie del Defence Science and Technology Laboratory, l’impianto militare per la Guerra biologica di Porton Down, ubicato a dieci chilometri da Salisbury. Sale così tra i libri più scaricati (tramite Emule e Torrent) in Gran Bretagna “Secret Science: A Century of Poison Warfare and Human Experiments” (Oxford University Press, 2015) di Ulf Schmidt, professore di storia moderna presso l’Università del Kent.
Basato, su documenti ufficiali recentemente declassificati, il libro di Schmidt documenta di innumerevoli disseminazioni di agenti biologici e chimici condotti sulla ignara popolazione inglese dagli “scienziati” di Porton Down. Ad esempio, 1953: disseminazione tramite aereo – proprio sull’area di Salisbury – di 4600 chili di zinco e cadmio solfuro (oggi ritenuto potenzialmente cancerogeno); giugno 1964: dispersione nella metropolitana di Londra di batteri ritenuti debolmente patogeni (con il conseguente monitoraggio dei ricoveri ospedalieri per verificare la dinamica delle infezioni);
 
1952: la disseminazione di batteri vivi della peste al largo della costa occidentale della Scozia…
Esperimenti simili a quelli che venivano condotti negli USA ma che a Porton Down suscitarono le rimostranze di alcuni “scienziati” i quali segnalarono l’inopportunità di mettere a repentaglio la salute e, in alcuni casi la vita, degli Inglesi. Per questo motivo, esperimenti “senza restrizioni” cominciarono ad essere condotti dapprima nelle isole Bahamas (disseminazione di virus dell’Encefalite equina) e poi in un altro possedimento imperiale britannico: la Nigeria (gas nervino).
Con questi precedenti non c’è da meravigliarsi se in questi giorni sui social inglesi comincino ad affollarsi fantasiose ipotesi che collegano il “caso Skripal” allo stanziamento straordinario di 48 milioni di sterline erogate per il potenziamento del Centro di Porton Down. Ipotesi che sconfinano nella paranoia, certo. Ma la scoperta che a vegliare sulla loro incolumità siano proprio coloro che, fino a ieri, li intossicavano con veleni e microorganismi patogeni comincia a rendere davvero nervose non poche persone in Gran Bretagna.
Francesco Santoianni Notizia del: 16/03/2018

LA NOUVELLE DOCTRINE NUCLEAIRE DES USA QUI CIBLE DIRECTEMENT MOSCOU ET PEKIN

LUC MICHEL (ЛЮК МИШЕЛЬ) & EODE/

Luc MICHEL pour EODE/

Quotidien géopolitique – Geopolitical Daily/

2018 01 03/

LM.GEOPOL - Nouvelle doctrine us I (2018 02 03) FR 2

Les États-Unis veulent développer des armes nucléaires tactiques “en réponse à Moscou”, selon le Pentagone. Le Département américain à la Défense vient de publier, ce vendredi 2 février, un document baptisé « Posture nucléaire » (US Nuclear Posture Review) sur la situation atomique américaine qui détermine la nouvelle Doctrine nucléaire des États-Unis de Trump.

LM.GEOPOL - Nouvelle doctrine us I (2018 02 03) FR 3

Dans sa nouvelle Doctrine nucléaire, Washington a annoncé son intention de se doter de nouvelles armes nucléaires sous prétexte de contrer une escalade nucléaire que risquait de provoquer la stratégie militaire russe. La nouvelle Doctrine américaine prévoit l’augmentation des dépenses militaires pour la modernisation de l’arsenal et le développement des éléments de la «triade nucléaire» américaine (missiles balistiques, sous-marins stratégiques et bombardiers). La nouvelle Doctrine nucléaire de Trump n’exclut pas le recours à l’arme atomique dans le cas d’une attaque non nucléaire contre les Etats-Unis …

QUE DIT LA NOUVELLE DOCTRINE NUCLEAIRE DES USA ?

L’administration américaine « n’exclut pas l’utilisation d’armes atomiques dans le cas d’une attaque non nucléaire contre les Etats-Unis », a indiqué vendredi le vice-ministre américain à la Défense, Patrick Shanahan, commentant la nouvelle Doctrine nucléaire américaine, dont « le but final est d’établir un équilibre des forces avec les Russes », comme le prétendent les Américains. « La doctrine nucléaire dispose que les États-Unis peuvent envisager l’utilisation d’armes nucléaires dans des circonstances d’urgence pour protéger leurs intérêts vitaux, ainsi que des alliés et des partenaires », a déclaré Shanahan.

Selon le site web américain, ‘Defense News’, le gouvernement américain s’est dit, dans ce document, « prêt à changer et moderniser son arsenal nucléaire pour s’adapter à leurs adversaires potentiels ».

La version 2018 de la doctrine nucléaire US cible également la Chine, la Corée du Nord et l’Iran, mais s’attarde plus largement sur la Russie et au défi de « l’équilibre des forces ». Le document nucléaire de Trump veut assurer que ce changement de cap est le résultat des « évaluations réalistes de l’actuelle situation sécuritaire dans le monde ».

« La Russie possède des avantages sérieux sur les États-Unis et leurs alliés en matière de fabrication des armes nucléaires », selon la Doctrine nucléaire américain,e dont la partie non classifiée a été publiée en janvier par le journal ‘Huffington Post’. Selon la nouvelle politique, les États-Unis peuvent donc « répondre avec les armes nucléaires aux attaques stratégiques à grande échelle telles les cyberattaques contre leurs centres de commandement nucléaire ou leurs infrastructures urbaines comme le réseau électrique ou le système du contrôle de trafic aérien ».

Des voix se sont déjà élevées contre cette nouvelle approche, qui augmente le risque de conflit nucléaire. Dans un communiqué, le président américain Donald Trump a salué ce document, qui « dissuade encore davantage les attaques stratégiques contre les États-Unis, leurs alliés et leurs partenaires ».

Réagissant à cette information, l’ambassadeur russe aux États-Unis, Anatoli Antonov, a commenté la nouvelle doctrine nucléaire américaine en ces termes : « Les États-Unis se servent de la Russie comme d’un « épouvantail » afin de justifier l’augmentation des dépenses militaires et l’accroissement du potentiel nucléaire américain ».

NOUVELLE DOCTRINE NUCLEAIRE AMERICAINE :

LA RUSSIE ET LA CHINE VOIENT ROUGE

La publication de ce document sur la nouvelle « Doctrine nucléaire » des Etats-Unis, ce vendredi 2 février 2018, a provoqué de vives réactions en Russie et en Chine. Alors que l’administration Trump souhaite doter le pays de « nouvelles armes nucléaires à faible rayon d’action » (clairement destinée à des frappes tactiques), Moscou dénonce le caractère « belliqueux » et « anti-russe » de ces annonces, et Pékin appelle Washington à sortir de sa « mentalité de guerre froide ».

« Dès la première lecture, le caractère belliqueux et anti-russe de ce document saute aux yeux », pouvait-on lire dans un communiqué de la Diplomatie russe samedi, après la publication la veille de ce nouveau texte de référence aux Etats-Unis, qui prévoit un « renforcement du dispositif américain face aux menaces ». Les Etats-Unis veulent notamment se doter de « nouvelles armes nucléaires à faible rayon d’action pour renforcer leur dissuasion », mettant en avant le « réarmement de la Russie » dans ce domaine précis « qu’il convient de contrer » selon Washington, mais aussi « le risque chinois et l’émergence de nouveaux acteurs comme la Corée du Nord ».

« Les mécanismes de contrôle des armements sont mis en cause », selon Moscou. Dénonçant les « clichés », Moscou rejette ses « accusations farfelues », notamment celles, « infondées », d’ingérences et de violations des accords sur le contrôle des armements. Et de dénoncer, de la part des Etats-Unis, « une tentative injuste de rejeter sur les autres leur propre responsabilité ». Aux yeux de la diplomatie russe, « la détérioration de la situation en matière de sécurité internationale et régionale et pour le déséquilibrage des mécanismes de contrôle des armements » n’est en effet pas de son fait, mais « le résultat d’une série d’actes irresponsables des Etats-Unis eux-mêmes ».

Le point de départ de cette nouvelle Doctrine, c’est « le constat d’une dégradation brutale de l’environnement stratégique depuis 2014 ». Les Etats-Unis « ne peuvent plus continuer à réduire le rôle de l’arme nucléaire dans leur stratégie, en raison de la réémergence de tensions avec des grandes puissances, en particulier la Russie et la Chine, en raison de l’émergence d’adversaires nucléaires régionaux, par exemple la Corée du Nord ». En ce changement réside l’explication de la nouvelle Doctrine, qui est très différente dans l’esprit de celle qui avait été mise en avant par Obama en 2010.

Le ministère russe des Affaires étrangères se dit « profondément déçu » de cette évolution et promet une réaction : « Nous devrons bien entendu prendre en compte les approches qui sont désormais en circulation à Washington et prendre les mesures nécessaires pour assurer notre sécurité. » Même son de cloche du côté de Pékin …

Dans la nouvelle Doctrine américaine, la Chine et la Russie se voient placées au centre des préoccupations de la défense des Etats-Unis. « Nous espérons que Washington reste conscient du niveau de danger élevé que représentent ces directives d’un point de vue de planification militaire pratique », répond encore la diplomatie russe.

DES OPTIONS DE FRAPPES LIMITEES ENVISAGEES

« On avait déjà, dans l’arsenal stratégique américain, de manière générale, une assez grande flexibilité dans les options de frappes limitées. Mais l’administration a considéré que cette flexibilité n’était pas suffisante. Elle s’appuyait beaucoup sur les bombardiers stratégiques ou sur l’aviation de manière générale, ce qui posait des problèmes en termes de réactivité, de réponse rapide, en termes de discrétion et en termes de vulnérabilité aussi, d’où l’accent qui a été mis dans la posture actuelle sur les capacités portées par les sous-marins », analyse Corentin Brustlein de l’Ifri (sur RFI).

MOSCOU MET EN GARDE CONTRE LE DANGER DE LA DOCTRINE NUCLEAIRE US

La Russie accuse avec raison l’OTAN et les États-Unis de l’entraîner vers une course «frénétique» aux armements (qui était inscrite dans le programme de Trump en 2016) et de rompre l’«équilibre militaire» en vigueur en Europe depuis la chute de l’URSS.

Réagissant à la publication de la nouvelle doctrine nucléaire des États-Unis, un haut membre de la Commission russe de défense et de sécurité du Conseil de la Fédération a déclaré que « ce document autorisait un autre génocide des civils tout comme ce qui s’était passé à Hiroshima et Nagasaki ». Le sénateur russe Frants Klintsevitch a souligné que « le monde entier se souvenait de la catastrophe d’Hiroshima et de Nagasaki et que la nouvelle posture nucléaire américaine renforçait sérieusement la part de confrontation dans la politique étrangère de Washington ».

« La nouvelle posture nucléaire des États-Unis n’exclut pas la récidive d’Hiroshima et de Nagasaki c’est cela qui préoccupe le plus », a déclaré Frants Klintsevitch, vice-président de la Commission russe de défense et de sécurité du Conseil de la Fédération (chambre haute du Parlement russe), cité par la presse russe. Il a rappelé que la nouvelle Doctrine nucléaire américaine « se basait sur la confrontation avec la Russie ». « Ce n’est pas la première fois dans l’histoire que les États-Unis jouent une carte extrêmement dangereuse et dépourvue de toute perspective réelle, visant à démolir l’équilibre stratégique des forces du monde en sa faveur », a encore déclaré Frants Klintsevitch. Le sénateur russe ajoute que dans le cadre de cette doctrine, « les États-Unis essayent de modifier l’équilibre stratégique mondial en leur faveur », « tout en accordant une attention toute particulière à la mise à jour par la Russie de ses armements nucléaires ». Sous prétexte de la crise dans la péninsule coréenne, rappelle-t-il, Washington a suspendu ses négociations avec la Russie sur les dangers nucléaires.

Fin 2016, le président Poutine a ordonné un renforcement de la force de frappe nucléaire russe et une modernisation des armements, justifiés précisément par le renforcement de la présence militaire de l’Otan à ses frontières. Mais les dépenses militaires de Moscou, bien que conséquentes, sont encore très loin de celles des Etats-Unis.

Des experts estiment que « la nouvelle doctrine nucléaire US permet aux Américains d’avoir l’initiative dans leur confrontation avec la Russie ».

Le ministère russe a dénoncé dans son communiqué que le texte de la nouvelle doctrine nucléaire américaine prétendait que la Russie refusait de respecter l’Initiative nucléaire présidentielle (Presidential Nuclear Initiatives (PNIs), signée en 1991 entre la Russie de Gorbatchev et les États-Unis de Bush, alors que la Russie a détruit, conformément à cette initiative, une grande partie de ses armements nucléaires. Le reste des armes sont stockées dans des dépôts à l’intérieur de la Russie, selon le communiqué de la diplomatie russe. Le communiqué avertit, alors, les États-Unis en soulignant que la Russie pourrait recourir à des “mesures nécessaires” pour assurer sa sécurité.

LA CHINE APPELLE LES USA A RENONCER A LA MENTALITE DE GUERRE FROIDE

La Chine, elle aussi visée, a réagi à la nouvelle doctrine nucléaire américaine, appelant les États-Unis à renoncer à leur « mentalité de Guerre froide ». Le ministère chinois de la Défense a publié un communiqué, ce dimanche 4 février, dans lequel il a souligné que la paix et le développement sont des dynamiques mondiales irréversibles, recommandant à Washington de prendre l’initiative de suivre cette tendance au lieu d’aller à son encontre.

La Chine accuse les États-Unis de « spéculations insolentes » sur ses objectifs, déclarant qu’elle avait toujours fait preuve de retenue face au développement des armements nucléaires et qu’elle maintenait son arsenal à son plus bas niveau. « Nous espérons voir les États-Unis renoncer à leur mentalité de Guerre froide, prendre au sérieux leurs responsabilités sur la question du désarmement et corriger leur perception des intentions stratégiques de la Chine », a affirmé le ministère chinois de la Défense, cité par l’AFP.

“LA DOCTRINE NUCLEAIRE US DETRUIT L’HUMANITE”

Le ministre iranien des Affaires étrangères, Mohammad Javad Zarif, a déclaré, de son côté, que le document rapprochait l’humanité d’une extermination. « La nouvelle doctrine nucléaire américaine viole le Traité de non-prolifération des armes nucléaires et mène l’Humanité vers les abysses du néant », selon le chef de la diplomatie iranienne Mohammad Javad Zarif.

RETOUR A LA CRISE DES « EUROMISSILES » DES ANNEES ’80 :

LES USA ET L’OTAN NE PROTEGENT PAS L’EUROPE, ELLE EN FONT UNE CIBLE NUCLEAIRE !

Retour aux Années ’80 pour l’Allemagne (2) !
L’Allemagne a réagi au dernier rapport du Pentagone sur la politique nucléaire américaine intitulé « US Nuclear Posture Review ». La volonté des États-Unis de se doter de nouvelles armes nucléaires à faible rayon d’action risque de déclencher « une nouvelle spirale de la course aux armements », selon le chef de la diplomatie allemande. « La décision du gouvernement américain concernant de nouvelles armes nucléaires tactiques démontre qu’une nouvelle spirale de la course aux armements nucléaires est déjà en cours. Comme à l’époque de la guerre froide, nous, les Européens, sommes particulièrement vulnérables.
C’est pourquoi c’est à nous qu’il revient de lancer de nouvelles initiatives relatives au contrôle des armements et au désarmement », a déclaré le chef de la diplomatie allemande cité par la presse russe.

Selon lui, le développement de nouvelles armes « envoie de faux signaux », et « les accords actuellement en vigueur concernant le contrôle des armements doivent être préservés ».

NOTES :

(1) Cfr. Luc MICHEL, EODE THINK TANK/ LA PRESIDENCE TRUMP : VERS UN NOUVEAU STADE DE L’IMPERIALISME AMERICAIN …

sur http://www.lucmichel.net/2016/12/04/eode-think-tank-la-presidence-trump-vers-un-nouveau-stade-de-limperialisme-americain/
Et :
Luc MICHEL, EODE THINK TANK/ LES MEDIAS OCCIDENTAUX ET ‘STRATFOR’
CONFIRMENT MES ANALYSES. TRUMP CE SERA LE MILITARISME ET LA GUERRE !
sur http://www.lucmichel.net/2017/01/28/eode-think-tank-luc-michel-les-medias-occidentaux-et-stratfor-confirment-mes-analyses-trump-ce-sera-le-militarisme-et-la-guerre/

(2) Voir sur Voir sur PCN-TV/
GEOPOLITIQUE/ LUC MICHEL:
ACTUALITE DE LA NOUVELLE GUERRE FROIDE !
TRUMP OU PAS TRUMP, LA ‘GUERRE FROIDE 2.0’ CONTINUE DE PLUS BELLE … sur https://vimeo.com/205791102

Et :Sur PCN-TV/ LUC MICHEL:
TRUMP RELANCE LE MILITARISME US (SUR AFRIQUE MEDIA)

sur https://vimeo.com/195383189

(3) La première Guerre froide, celle de 1943-91 a connu deux grandes crises liées aux missiles :
– La crise de Cuba, au début des Années 60, où l’installation de missiles nucléaires dans le Cuba anti-américain de Castro et du Che, avait conduit les deux blocs au bord de la guerre nucléaire ;
– La crise des « euromissiles » au début des Années 80, où l’installation des SS20 soviétiques et des Pershing américain en Europe, jointe à la doctrine des « frappes nucléaires tactiques » lors des batailles terrestres, avait été une immense crise au sein de l’OTAN. En Allemagne, mais aussi en Belgique ou en Grande-Bretagne, des foules immenses anti-américaines contestaient l’OTAN au nom du « National-neutralisme » anti-américain (j’ai été un des protagonistes de ces manifestations entre 1981 et 1983, notre PCN y est né et est l’enfant du « National-neutralisme ») …

(Sources : Office Of The US Secretary Of Defense – Huffington Post – Defense News – AFP – EODE Think-Tank)

LUC MICHEL (ЛЮК МИШЕЛЬ) & EODE

* Avec le Géopoliticien de l’Axe Eurasie-Afrique :
Géopolitique – Géoéconomie – Géoidéologie – Néoeurasisme – Néopanafricanisme (Vu de Moscou et Malabo) :
PAGE SPECIALE Luc MICHEL’s Geopolitical Daily

https://www.facebook.com/LucMICHELgeopoliticalDaily/

________________

 

* Luc MICHEL (Люк МИШЕЛЬ) :

WEBSITE http://www.lucmichel.net/

PAGE OFFICIELLE III – GEOPOLITIQUE

https://www.facebook.com/Pcn.luc.Michel.3.Geopolitique/

TWITTER https://twitter.com/LucMichelPCN

* EODE :

EODE-TV https://vimeo.com/eodetv

WEBSITE http://www.eode.org/

Sostituire il rischioso Wi-Fi col più sicuro cablaggio: è legge ma nessuno lo sa!

Nel fitto sottobosco della giungla normativa s’annida una disposizione silenziata e misconosciuta, attesa però da tempo dal fronte precauzionista allarmato dai pericolosi effetti  non termici dell’elettrosmog.
 
E’ contenuta nel decreto d’inizio 2017 firmato dal ministro dell’Ambiente Galletti per il Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi della pubblica amministrazione. E praticamente sfuggita a tutti:
 
Al punto 2, nella parte dedicata all’inquinamento elettromagnetico indoor (2.3.5.4.) sui ’criteri ambientali minimi per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione’ di edifici pubblici, la decretazione rivoluzionaria recita infatti: “Al fine di ridurre il più possibile l’esposizione indoor a campi magnetici ad alta frequenza (RF) dotare i locali di sistemi di trasferimento dati alternativi al wi-fi, es. la connessione via cavo o la tecnologia Powerline Comunication (PLC).
è proprio quello che da anni si chiede (ad esempio) per gli ospedali o rivendicano numerosi comitati di genitori impegnati nella lotta per la riduzione 
delle irradiazioni sugli alunni tra i banchi di scuola.
 
In pratica si tratta di sostituire gli ubiquitari hot spot e router wireless con la connessione via cavo o PowerLine
 
Un operazione che, oltre a prevedere un’adeguata dotazione finanziaria per spingere ad una maggiore sostenibilità ambientale dei locali, dall’altro consentirebbe di contenere l’inquinamento pervadente di radio frequenze e microonde pulsate non ionizzanti per cui ampia parte della comunità medico-scientifica si batte in ossequio al sacrosanto Principio  di Precauzione, considerata l’ampia documentazione e letteratura medico-scientifica nazionale e internazionale che dimostra come queste frequenze comportino una grave tossicità che stimolano la produzione di radicali liberi, interferendo con i geni responsabili della vitalità cellulare e con il corretto funzionamento di diversi organi, come il sistema nervoso centrale e quello riproduttivo.
 

Esercitazione Trident Javelin 2017: i Comandi NATO si addestrano in operazioni difensive

https://www.tgvallesusa.it/2017/11/28634/

TG Valle Susa - Informazione indipendente

L’esercitazione non prevede “lo schieramento di truppe a terra”, e si colloca in un contesto di operazioni previste dall’articolo 5 del Trattato NATO del 1949

 È entrata nel vivo l’esercitazione che coinvolge i comandi  in Europa, con l’obiettivo di testarne e migliorarne le componenti di comando e controllo in caso di attivazione di operazioni difensive.

L’esercitazione, che riguarda esclusivamente i posti comando, continuerà fino al 17 novembre con la simulazione di un’operazione congiunta, in risposta a un’aggressione nei confronti di un Paese membro dell’Alleanza.

Per le sue caratteristiche, l’esercitazione non prevede “lo schieramento di truppe a terra”, e si colloca in un contesto di operazioni previste dall’articolo 5 del Trattato NATO del 1949 (difesa collettiva dei territori e delle popolazioni degli Stati membri). Saranno simulate le sfide più impegnative che l’Alleanza potrebbe trovarsi ad affrontare nell’ambito della sicurezza, comprese le minacce cyber e quelle ibride/terroristiche.

L’esercitazione coinvolgerà tutti e tre i livelli della struttura militare NATO: il Supreme Headquarters Allied Powers Europe (SHAPE) in Belgio a livello strategico, il Joint Force Comand (JFC) di Brunssum nei Paesi Bassi, comandato dal Generale italiano Salvatore Farina, a livello operativo e altre Sedi a livello tattico, quali:

– il NATO Land Command (LANDCOM) – Comando delle componenti terrestri, con sede a Izmir, in Turchia, che è schierato a Stavanger in ;
– il NATO Maritime Command (MARCOM) – Comando delle Forze Marittime,  a Northwood, nel Regno Unito;
– il NATO Air Command (AIRCOM) – Comando delle Forze Aeree, con sede a Ramstein in Germania;
– il NATO Special Operations Headquarters (NSHQ) –  Comando delle Forze Speciali con sede a Mons in Belgio.

All’esercitazione partecipa personale di staff di tutti i Paesi membri dell’Alleanza. In particolare per l’Italia sono presenti “Command Responce Cell” del NATO Rapid Deployable Corp (NRDC) di Solbiate Olona, elementi del CIMIC Group di Motta di Livenza e del 28^ Reggimento Pavia di Pesaro.

Un ruolo rilevante è svolto dal Joint Warfare Center (JWC) di Stavanger, Norvegia, che ha ideato lo scenario fittizio dell’esercitazione, denominato “Skolkan 3”, che comprende una campagna militare per ripristinare l’integrità territoriale di un Paese Alleato.

Il Comando responsabile dello svolgimento dell’esercitazione è il JFC di Brunssum, che oltre ad avere il compito della conduzione complessiva dell’attività, dovrà conseguire gli obiettivi politici – strategici, sincronizzando gli sforzi di tutte le componenti subordinate.

Sarà intensa anche l’interazione con le nazioni ospitanti, Norvegia e Paesi Baltici, e le organizzazioni internazionali, governative e non governative, per addestrarsi il più realisticamente possibile, al fine di sostenere il compito fondamentale della NATO di difesa collettiva.

La “Trident Javelin”, dopo la serie di esercitazioni “Brilliant”, conclude il processo di certificazione per gli elementi di comando e di controllo della “Forza di risposta rapida” della NATO (NRF), che nel 2018 vedrà passare la responsabilità della fase di stand-by, dal comando JFC di Napoli a quello di Brunssum.

da Difesa Online

UN TAGLIO IN PANCIA? COME ACCADE CHE LE TECH VI FARANNO GLEBA (per i 28 che non guardano Report o l’Annunziata)

 

UN TAGLIO IN PANCIA
Là dove la furia anfetaminica esplosa in questa era delle TECH in Artificial Intelligence (A.I.) raggiunge livelli da esplosione coronarica, è proprio nella Salute. La gara per il Super Brevetto lì, fa sembrare le innovazioni di Facebook o le App di Samsung lumache che attraversano l’autostrada.
E, di nuovo, ecco perché voi sarete al 99% sfigati che guarderanno alle cure super TECH e A.I. come i bambini poveri della Londra di Dickens guardavano col naso appiccicato alle vetrine le torte nelle pasticcerie dei ricchi.
Una delle ultime a uscire è una TECH sputata da una stampante in 3D, che produce delle fasciature chirurgiche o da emergenza che 1) chiudono il taglio o trauma in un quarto del tempo 2) trasmettono con una mini A.I. ai medici i dati su ogni minuto rigenerativo, infezioni, complicanze ecc. in tempo reale 3) lasciano cicatrici spesso invisibili o comunque molto minori rispetto alla norma.
La ferita viene spalmata di una nuova sostanza, Cellulose Nanofibrils, che aiuta le proteine coinvolte nella cicatrizzazione del tessuto ad attaccarsi a una ‘benda’ adesiva (si appiccica alla ferita) creata da una stampante 3D (sembra un transistor pieno di circuiti). La ‘benda’ quindi accelera la produzione di tessuto cicatriziale a una velocità incredibile, e allo stesso tempo racconta a un computer in ospedale cosa sta accadendo al taglio operatorio o ferita ogni secondo, in dettagli mai avuti prima dalla Medicina.
Chiunque fra noi futura GLEBA abbia avuto la sfortuna di avere un bisturi che gli ha aperto la pancia o il torace o la faccia, sa perfettamente cosa si patisce nella guarigione del taglio, le mille dolorose medicazioni, le complicanze. Lasciamo perdere i dettagli. Ma questa nuova TECH riduce la sofferenza e gli incidenti enormemente. Ad esempio, i liquidi prodotti dalla lacerazione/taglio vengono riassorbiti quattro volte più velocemente delle tradizionali medicazioni chirurgiche. L’eventuale infezione interna o esterna viene scovata dalla A.I. della ‘benda’ quando è a livello primordiale, e segnalata al computer del medico, che tenterà di stroncarla sul nascere. Non come di solito quando si urla dal male o si è già pieni di pus. Infine, l’esito cicatriziale, come detto, è infinitamente meno visibile.
Fantastica TECH in A.I. eh? L’ha inventata un lab da marziani in Finlandia, si chiama VTT Technical Research Center. Ha stretti contatti col ministero della Sanità di Helsinki, quindi uno pensa: “Dai! Magari questa volta i buoni nordici dei super Servizi Sociali passano questa super TECH alla Croce Rossa Italiana, che la passa a noi TECH-GLEBA bypassando la Merkel.”.
No.
Già la Barnard-Realtà ti si sbatte in faccia sulla home del VTT, con questa frase: “Noi creiamo tecnologia per il business – per il bene della società”. Certo, e i Rothschild comprano tutti gli anni i giocattoli della Befana, per il bene dei bambini.
Infatti, basta scavare sotto la superfice di un mm, e sbuca la Barnard-Realtà in tutta la sua spietatezza, perché quando uno legge la parola Ventures… alé, i giochi sono fatti. La VTT Ventures è il braccio finanziario per gli investitori della VTT e quindi anche della ‘benda’ magica. Sorry. Mentre la pagina introduttiva mostrava il volto umano di queste ‘belle anime’, quella Ventures mostra la foto sopra, e la nuda verità:
DALL’ELETTRONICA, ALLA IoT, ALLE SCIENZE BIOLOGICHE, LE AZIENDE DEL NOSTRO PORTAFOGLIO CLIENTI CREANO IL MONDO DI DOMANI”. (dove tu sfigato non abiterai)
E poi segue in termini inequivocabili l’ancor più cruda ammissione che tutte queste ‘meravigliose’ TECH in A.I. che stanno trasformando il Pianeta saranno da pagare a peso d’oro. La troviamo in due slogan della VTT:
CERCHIAMO COSTANTEMENTE TALENTI NUOVI PER COMMERCIALIZZARE IDEE SIGNIFICATIVE”.
&
LE PIU’ BRILLANTI IDEE NORDICHE SOSTENUTE DA DIRITTI DI PROPRIETA’ INTELLETTUALE”.
L’ultima frase si traduce in: brevetti da pagare, come accaduto per decenni all’Africa per tutte le medicine salva vita, AIDS inclusa: non pagavano e allora che crepassero.
Ora, la Barnard-Realtà v’insegna che nell’avvento delle incredibili super TECH in A.I. c’è insita nell’organismo – proprio incastrata come un virus micidiale – una novità tragica, ve la rammento:
Il nuovo Pianeta Terra in A.I., con computer quantistici o al DNA o computer molecolari, con materiali marziani e prodigi robotizzati, coi networks neuronali ecc., viene costruito su tecnologie talmente complesse, ma talmente inimmaginabili e così segrete per fruttare brevetti, che anche il più abile scienziato esterno alle TECH Corporations non ci potrebbe capire nulla. Quindi non è che se la VTT, o NVIDIA, o Wymo, o Google-Alphabet, o Benevolent A.I., o Baidu, o Tencent ecc. ci negano la salvezza per lucro, noi possiamo rifarcela in casa come è accaduto coi farmaci generici. Ci arrivate a capire che cosa vuol dire questo?
Vuol dire che i Padroni del Pianeta di cui sopra avranno le Chiavi della vita, della Salute, delle industrie, dell’Ambiente, dell’Energia, di tutto, in mano. Ok? Non paghi? Crepi. E devi pagare perché, si rilegga sopra, tutti questi Padroni devono rispondere ad altri Padroni che gli hanno versato miliardi su miliardi, gli investitori, che li rivogliono duplicati a dir poco.
Quindi, lo dico con tragica serietà:
Dopo tutte le prove che vi ho scritto in decine d’articoli do-cu-men-ta-tis-si-mi sul paradigma finanziario dei Padroni delle Chiavi della vita sul Pianeta, chiunque nei media vi parli di queste super TECH in arrivo SENZA AVVERTIRVI DEI PERICOLI VERI (magari fosse solo la perdita d’occupazione), è o un ignorante da cacciare dall’Ordine dei Giornalisti, o è una m… (finisce per erda). Capito ragazzini di Report e signora Annunziata, che mi copiate mesi dopo e pure male?
Per favore, non fate figli. Non li vogliamo poi da adulti con sbraghi nella pancia da 30 cm, bendati alla cazzo da Sanità pubbliche alla fame, mentre guardano col naso appiccicato alle finestre i fortunati degli ospedali di VTT Technical Research Center.
Paolo Barnard
Fonte: www.paolobarnard.info
6.11.2017
* spunti da Applied Materials & Interfaces.
MA I RIMEDI CI SAREBBERO:
MA PURTROPPO IN ITALIA:

UN MICROSCOPIO PER IL NOSTRO FUTURO

http://ilcorrosivo.blogspot.it/2017/11/un-microscopio-per-il-nostro-futuro.html

martedì 14 novembre 2017

Alba Canelli
Marco Cedolin

Tanto, di tutto e di più è stato detto e scritto sul microscopio del Prof. Stefano Montanari.
Ancora con questo microscopio?” Eh già, vi toccherà ancora leggere di questo argomento, eppoi decidete voi se è importante sapere quali sostanze vengono iniettate ai nostri figli nei vaccini, se sono sicuri. E l’acqua, l’amianto, l’inceneritore vicino casa (o anche più lontano) che incessantemente rilascia sostanze nell’aria che respiriamo? “Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”?Lavoisier è superato?
I moderni inceneritori bruciano rifiuti e rilasciano ossigeno nell’aria, meglio della sintesi clorofilliana?
Sapete bene che non è così.
Penso sia stato detto troppo poco, degli studi realizzati dagli scienziati Gatti/Montanari sulle nanopatologie, ed oggi questa ricerca è in serio pericolo.
La campagna diffamatoria costruita e portata avanti contro i due scienziati, va avanti da anni, inutile ripartire dall’inizio, chi volesse saperne di più, può leggere quanto accaduto, nel 2009 che fu per molte settimane l’argomento più dibattuto in rete.
Tra proprietari legali (Onlus Bortolani) e truffe legalizzate, cioè la sottrazione del microscopio acquistato con donazioni fatte per la ricerca del dott. Montanari, nel 2014 si arriva ad una  sentenza, che in alcuni passaggi sottolinea ciò che la logica impone, e cioè che:….
  • i denari utilizzati dall’Associazione Carlo Bortolani Onlus per l’acquisto del microscopio sono stati versati da soggetti che avevano inteso, con le proprie sostanze, sostenere il progetto di ricerca degli attori nell’ambito degli studi sulle nanoparticelle e la nanodiagnostica.
  • (…) l’associazione, infatti, avendo sposato la causa dei dottori Gatti e Montanari, ha liberamente assunto nei confronti del pubblico sottoscrittore un vero e proprio obbligo di garanzia volto ad assicurare che i denari raccolti non venissero distratti dal fine convenuto.
Tutto ciò era chiaro anche nel 2009, ma intanto nonostante la sentenza che obbliga la Onlus Bortolani a pagare le spese giudiziarie, perché non ha rispettato il vincolo di destinazione del microscopio, ad oggi i due ricercatori si ritrovano ancora in difficoltà, quando si tratta di svolgere e proseguire le loro ricerche.
Il microscopio attualmente è a Pesaro Urbino, la sentenza obbliga (inoltre) la onlus Bortolani a pagare le spese di trasferta dei due ricercatori, ma nonostante il disagio assurdo che devono affrontare per un microscopio che è loro (secondo la proprietà sostanziale ma non formale), rimane un dato di fatto tragico e ingiusto. Il prossimo 28 febbraio i dottori Antonietta Gatti e Stefano Montanari non potranno più utilizzare l’unico microscopio con cui è possibile effettuare la loro ricerca, quella sulle nanopatologie.
Potrebbe sembrare superfluo, ma purtroppo non lo è affatto, sottolineare come occorra uno sforzo da parte di tutte le persone di buon senso, per evitare che il lavoro di Stefano Montanari e di Antonietta Gatti non possa più procedere e vada irrimediabilmente perso tutto il bagaglio di conoscenza che grazie ai due scienziati è stato possibile accumulare, nonostante il boicottaggio permanente da parte della politica, dell’informazione e dei grandi interessi messi a repentaglio dai risultati delle loro ricerche.
Un vero e proprio sforzo di reni che, ovviamente nel piccolo delle possibilità di ciascuno, dovrebbe essere dovere di tutti gli italiani nessuno escluso, perché le ricerche di Montanari/Gatti riguardano la salute di ognuno di noi e si tratta del bene più prezioso che possiediamo. Troppo prezioso perché si possa lasciarlo nelle mani del bestiario politico che ben conosciamo, dei giornalisti prezzolati che gli fanno da grancassa, delle lobby farmaceutiche e dei grandi poteri industriali e finanziari che tirano le fila.
…………………………………………………………………………………………
A. Gatti., S. Montanari “Nanopathology: The health impact of nanoparticles” book, ed by PanStanford Publishing Pte.Ltd Singapore, ISBN -10981\-4241-00-8, 2008, 1-298. www.worldscibooks.com/nanosci/v001.html, —reviewed in (http://www.panstanford.com/browse_titles) (-http://www.env-health.org/m/191http://www.emito.co.uk/kontakt/go.do?uid=6847536&link=4134
2 K. Peters, R. E. Unger, A. M. Gatti, E. Sabbioni, R. Tsaryk and C. J. Kirkpatrick, “Metallic Nanoparticles Exhibit Paradoxical Effects on Oxidative Stress and Pro-Inflammatory Response in Endothelial Cells in vitro”. International Journal of Immunopathology and Pharmacology. 2007 20(4):685-95 
3 A.M. Gatti “L’uranio impoverito e le malattie dei soldati al ritorno da missioni di pace” Arpa Rivista, n. 3 maggio-giugno 2007 27-28.
4 A.M. Gatti “Gulf War Sindrome: is nanopathology to blame?” NanoNow, the magazine for small science, dicembre 2007, 43-44.
5 Antonietta M. Gatti, Marco Ballestri*, Gianni Cappelli* Nanoparticles: potential toxins for the organism and the kidney ? CRITICAL CARE NEPHROLOGY, 2nd Edition, Basic Physiology, 2008, Chapter 205 18-24.
6 A Gatti, J Kirkpatrick, A Gambarelli, F Capitani, T Hansen, R Eloy, G Clermont. “ESEM evaluations of muscle/nanoparticles interface in a rat model” Journal of Material Science: Material in Medicine Apr;19(4):1515-22. 2008 
7 A.Gatti, S. Montanari “ Nanopollution: the invisibile fog of future wars” The Futurist, May-June 2008, 32-34.
8 A.Gatti, S. Montanari “Nanocontamination of the soldiers in a battle space” In Nanomaterials : Risks and benefits, Ed I.Linkov and J. Steeveens , Ed Springer , the Netherlands , April 2008 83-92. (http://www.springer.com//nanotechno…/book/978-1-4020-9490-3)
9 A.Elder, I Lynch, K Grieger, S. Chan-Remillard, AMGatti, H Gnewuch,El.rafaie Kenawy, r. Kerestein, T. Kuhlbusch F. Linker, S.Matias N. Monteiro-Riviere, V Pinto, R. Rudnitsky, k Savolainen, a Shvedova, Human health risks of engineered nanomaterials in Risks and benefits, Edited by I.Linkov and J. Steeveens, Publisher Springer , the Netherlands April 2008,p 3-29. (http://www.springer.com//nanotechno…/book/978-1-4020-9490-3)
10 S.Barcikoswski, J. Walter, A Hahn, J.Koch, A. Gatti, Picosecond and femtosecond laser machining may cause health risks related to nanoparticle emission. Proc. Of LPM 2008-th 9th Int. Symposium on Laser Precision Microfabrication, 2008, Germany 1-5 
11 A.Gatti, D. Tossini, A. Gambarelli, S. Montanari, F. Capitani “ Environmental Scanning Electron Microscope and Energy Dispersive System investigation of inorganic micro- and nano-particles in bread and biscuits” Critical Reviews in Food and Nutrition 2009,49(3),275-82.
12 S. Montanari, A. Gatti “Inquinamento involontario da micro e nanoparticolato inorganico negli alimenti” Rivista di Scienze dell’Alimentazione (J. of Food Science and Nutrition) n.2 Apr-Giugno 2008 pag.17-28, [ISSN 1128/7969]. 
13 A.M Gatti, S. Montanari, “War Pollution and Human/Animal Nanopathology” The 3rd ICBUW International Conference Hiroshima, 2006, August, 3-6. http://www.bandepleteduranium.org/modules.php
14 A. Gatti “Le Nanotecnologie in Medicina“ ’Enciclopedia UTET, 2008, 2302-2312.
15 A. L. Guildford, T. Poletti, L. H. Osbourne, A. Di Cerbo, A. M. Gatti and M. Santin,”Nanoparticles of a different source induce different patterns of activation in key biochemical and cellular components of the host response” Interface: The Journal of the Royal Society. 16/2/2009—20:36, pp. 1–10 (doi:10.1098/rsif.2009.0021- RSIF 20090021) —
16 Niko BÄRSCH, Antonietta GATTI, and Stephan BARCIKOWSKI Improving Laser Ablation of Zirconia by Liquid Films: Multiple Influence of Liquids on Surface Machining and Nanoparticle Generation, JLMN Journal of Laser Micro-Nanoengineering 2009, vol.4 n.1, 66-70.
17 Stephan BARCIKOWSKI1, Jürgen WALTER1, Anne HAHN1, Jürgen KOCH1, Hatim HALOUI2, Thomas HERRMANN2, Antonietta GATTI3 Picosecond and Femtosecond Laser Machining May Cause Health Risks Related to Nanoparticle Emission JLMN-Journal of Laser Micro/Nanoengineering 2009, Vol. 4, No. 3, 159-164,
18 Antonietta M. Gatti, Daniela Quaglino, Gian Luca Sighinolfi, A Morphological Approach to Monitor the Nanoparticle-Cell Interaction, International Journal of Imaging (ISSN 0974-0627) Volume 2 No. S09 Spring 2009 (Editorial 1) 2-21. http://ceserp.com/cp-jour/index.php ISSN 0974-0627
19 A. Gatti, V. Puntes “While Scientists are still wondering, Industry is already selling” inviato a NanoNow 2009, june n.12, 28-30
20 Lisa Bregolia , Francesca Chiarinia, Andrea Gambarellib, Gianluca Sighinolfib, Antonietta M. Gattib, Patrizia Santia, Alberto M. Martelli and Lucio Cocco ” Toxicity of antimony trioxide nanoparticles on human hematopoietic progenitor cells and comparison to cell lines . J. of Toxicology 2009. Vol 262 n2,3 August 121-29.
21 T. Hansen, L. Klimek, F. Bittinger, I. Hansen, F. Capitani, A. Weber, A. Gatti, JK Kirkpatrick, Mastzellreiches Aluminiumgranulom, Der Pathologe. 29(4):311-3.
22 A.M Gatti, S. Montanari, Unintended Nanoparticles: The most dangerous yet? Military Problems and Nanotechnology Solutions, NanoNow, 2009, n 15, December 30-34.
23 Coauthor of the Meeting Report of FAO/WHO Scientific meeting: “Expert Meeting on “the Application of Nanotechnologies in the Food and Agriculture Sectors: Potential Food Safety Implications”, 2009 in press in 5 languages in 2010. (http://www.fao.org/ag/agn/agns/)) (http://www.who.int/foodsafety);http://www.who.int/…/fs_…/meetings/nano_june09/en/index.html
24 Antonietta M. Gatti1, Paolo Bosco2, Francesco Rivasi1, Sebastiano Bianca3, Giuseppe Ettore3, Luigi Gaetti4, Stefano Montanari5, Giovanni Bartoloni6, Diego Gazzolo7, Heavy metals nanoparticles in fetal kidney and liver tissues, Frontiers in Bioscience (Elite edition, E3) 2011;1 (January):221-6
25 Gatti A.M , DIPNA Development of an Integrated Platform for Nanoparticle Analysis to verify their possible toxicity and the eco-toxicity in Compendium of Projects in the European NanoSafety Cluster , Editors: Michael Riediker, Georgios Katalagarianakis, Lausanne, Switzerland March pag. 11-17, 2010 
26 Checchi L, Nucci MC, Gatti AM, Mattia D, Violante FS. Sarcoidosis in a dental surgeon: a case report.J Med Case Reports. 2010 Aug 10;4:259. (doi:10.1186/1752-1947-4-259)
27 A Gatti , Nanopathology: A New Word to Describe the Nanoparticle-Human Body Interaction in AzooNano http://www.azonano.com/details.asp?ArticleId=2753; 2010
28 Tommaso Iannitti, Stefania Capone, Antonietta Gatti, et al, Intracellular heavy metal nanoparticle storage:progressive accumulation within lymph nodes with transformation from chronic inflammation to malignancy International Journal of Nanomedicine 2010 Volume 2010:5 Pages 955 – 960 DOI: http://dx.doi.org/10.2147/IJN.S14363:http://www.dovepress.com/articles.php
29 Antonietta M. Gatti, Stefano Montanari, “Nanoparticles: a new form of terrorism? “In Proceedings of the NATO-ASI Conference in Chisinau, Moldova 07-17 June 2010 entitled “Technological innovations in detecting and sensing of chemical biological radiological, nuclear threats and ecological terrorismo , ED, by A. Vaseashta, E. Braman, P. Susman , Publisher SpringerScience +Business Media B. V. , Dordrecht, the Netherlands, 2012, 45-53, ISBN 978-94-007–2487-7, Doi 10.1007/978-94-007-2488-4_4.
30 E.Artoni, G.Sighinolfi, A. Gatti, R. Magistroni, D. Campioli The role of nanoparticles in cryoglobulinemia: a preliminary study. Clinical and experimental rheumatology 29(1):174-174 • January 2011
31 C. Falugi , M.G. Aluigi , M.C. Chiantore , D. Privitera , P. Ramoino , M.A. Gatti , A. Fabrizi , A. Pinsino , V. Matranga,Toxicity of metal oxide nanoparticles in immune cells of the sea urchin” Marine Environmental Research, Elsevier 2012,76, 114-121 (doi:10.1016/j.marenvres.2011.10.003)
32 A.Gatti, S. Montanari, “Nanopathology: A Controversial Aspect of Nanomedicine” NanoMagazine 2011 , 22 November, 18-21 ISSN 1757-2517
33 A.M.Gatti, S. Montanari Il fuoco amico “Social News” Anno 9, n.1 gennaio p.16-18, 2012
34 S. Montanari, A.M.Gatti I due lati di una medaglia “Social News” Anno 9, n.1 gennaio p.8-9, 2012
35 A.M.Gatti, La guerra e le nanopatologie 1^ Conferenza Nazionale Sanitaria deiMedici del Corpo Militare A.C.I.S.M.O.M. pag. 8-13, Milano 2012
36 Chiara Gambardella1*, Sara Ferrando1, Lorenzo Gallus1, Antonietta Morena Gatti2, Paola Ramoino1, Cesare Usai3, Livia Vittori Antisari4, Serena Carbone4, Carla Falugi1 Nanosilver pesticide-like toxic effect assessed by using Lemna minor. International Journal of Environmental Analytical Chemistry – Manuscript ID GEAC-2012-0504Nov 2012
37 L. Alexandrescu, K. Syverud, A. Gatti, G. Chinga-Carrasco..” A biocompatibility study of cellulose nanofibril-based structures” Cellulose 2012 ISSN 0969-0239- Cellulose, DOI 10.1007/s10570-013-9948-9, 18 March 2013, 1-13.
38 Chiara Gambardella, Maria G. Aluigi, Paola Ramoino, Alberto Diaspro*, Paolo Bianchini*, Antonietta M. Gatti**, Marino Rottigni, Grazia Tagliafierro, Carla Falugi, Developmental abnormalities and cholinesterase activity alteration in sea urchin embryos and larvae obtained from sperms exposed to engineered nanoparticles Aquatic Toxicology 130– 131 (2013) 77– 85 AQTOX-D-12-00673
39 Verstraelen, Sandra, Remy, Sylvie; Casals, Eudald; De Boever, Hilda Witters, Gatti, Antonietta; Puntes, Victor; Nelissen, Inge; “Gene expression profiles reveal distinct immunological responses of cobalt and cerium dioxide nanoparticles in two in vitro lung epithelial cell models” Toxicology Letters 2014, Volume 228, Issue 3,157-169. (http://dx.doi.org/10.1016/j.toxlet.2014.05.006)
http://www.sciencedirect.com/…/article/pii/S0378427414001970
40 L.Vittori, A. Gatti, S. Carbone Exposure of Tillandsia Usneoides at Silver Nanoparticles Conference proceedings of full text for publishing in Thomson Reuters database. Katerina Sanetrnikova, conference manager, NANOCON 2012, www.nanocon.cz<http://www.nanocon.cz/en/>
41 A.Gatti, S. Montanari “Engineered nanoparticles, natural nanoparticles and nanosized-by-products” NANO :the magazine for small science, n. 26 December 2012, pag 18-19.
42 A. Gatti “9/11 and nanoparticles: when one doesn’t like to be right” NANO :the magazine for small science, n. 26 December 2012, pag20-21
43 A.Gatti, I.Massamba, F. Capitani , M. Commodo, P. Minutolo “Investigations on the impact of nanoparticles on environmental sustainability and ecotoxicity “ EQA Environmental quality Vol 8 2012, 1-8, ISSN2039-9898
44 Tommaso Giordani (1)*, Alberto Fabrizi (2), Lucia Guidi (1), Lucia Natali (1), Giulia Giunti (1), Fausto Ravasi (1), Andrea Cavallini (1), Alberto Pardossi Response of tomato plants exposed to treatment with nanoparticles EQA – Environmental quality / Qualité de l’Environnement / Qualità ambientale, 8 (2012) 27-38
45 L. Vittori, S. Carbone, A.M. Gatti, G. Vianello, P. Nannipieri,”Toxicity of metal oxide (CeO2, Fe3O4, SnO2) engineered nanoparticles on soil microbial biomass and their distribution in soil” Soil Biology and Biochemistry Volume 60, May 2013, Pages 87–94, http://www.sciencedirect.com/…/article/pii/S0038071713000278
46 G. Degrassi, I. Bertani, G. Devescovi, A. Fabrizi, A. Gatti, V. Venturi Response of Plant-bacteria interaction models to nanoparticles EQA Environmental quality Vol8 2012, 39-50 , ISSN2039-9898 
47 L. Vittori, S. Carbone, A.M. Gatti, A. Fabrizi, G. Vianello,Toxicological effects of engineered nanoparticles on earth worms (lombricus rubellus ) in short exposure EQA Environmental quality 2012, Vol. 8, 51-60 , ISSN2039-9898 
48 C. Falugi, M.G.Aluigi, M.Faimali, S. Ferrando, C. Gambardella, AM Gatti, P.Ramoino , Dose dependent effects of silver nanoparticles on the reproduction and development of different biological models EQA Environmental quality Vol. 8 2012, 61-65, ISSN2039-9898 
49 S. Cattini, AM Gatti “In-vivo Diffuse Correlation Spectroscopy Investigation of the Ocular Fundus”.Journal of Biomedical Optics 18(5), , May 2013, pag.057001- (1-14).
50 A.Gatti, S. Montanari. The Quirra Syndrome : matter of Traslational Medicine, in Advanced Sensors fgor Safety and security Ed. By A.Vaseashta, S. Khudaverdyan, NATO Meeting in YEREVAN 2012, The NATO Science forPeace and Security programme: Series B:Physics and Biophysics, . Springer (ISBN978-94-007-7002-7), Dordrecht, Germany 2013, Cap. 4, 55-64.
51 Myrzakhanova M., Gambardella C., Falugi C., Gatti A.M., Tagliafierro G., Ramoino P., Bianchini P., Diaspro A. 2013. Effects of nanosilver exposure on cholinesterase activities, CD4 and CDF/LIF-like expression in zebrafish (Danio rerio) larvae. BioMed Res. Internat., vol. 2013, Article ID 205183, 12 pages, 2013. doi:10.1155/2013/205183.
http://dx.doi.org/10.1155/2013/205183 ,http://www.hindawi.com/journals/bmri/2013/205183/;
52 Chiara Gambardella, Carla Falugi, Antonietta M. Gatti, Marco Feimali, Lorenzo Gallus “Toxicity and transfer of metal oxide nanoparticles from microalgae to sea urchin larvae” Chem. Ecol., 16 January 2014; 30: 308-316 DOI:10. 1080/02757540.2013.873031, http://www.tandfonline.com/…/…/10.1080/02757540.2013.873031…
53 Chiara Gambardella,Maria G. Aluigia, Sara Ferrandoa, Lorenzo Gallusa, Paola Ramoinoa,Antonietta M. Gattib, Marino Rottignia, Carla Falugia,Developmental abnormalities and changes in cholinesterase activity in sea urchin embryos and larvae from sperm exposed to engineered nanoparticles. Aquatic Toxicology Volumes 130–131, 15 April 2013, Pages 77–85..
54 Maider Olasagastia, Antonietta M. Gattib,c, Federico Capitanic,Alejandro Barrancoa, Miguel Angel Pardoa, Kepa Escuredoa,and Sandra Rainieri. Toxic effects of colloidal nanosilver in zebrafish embryos . Journal of Applied toxicology 2014.; 34(5):562-75.
55 Gilberto Giannini, Antonio Giusto, Piero Pazzaglini, Annalisi Grucii, Daniele Contini, Pietro Gobbi, Antonietta Gatti, Laura Valentini, Paola. Boi, La microscopia elettronica a scansione: Collaborazione tra ARPAM e Università di Urbino. ARPAM Newsletter, Dicembre 2013, n.39 , 1-4.
56 Livia Vittori Antisari, Serena Carbone, Antonietta Gatti, Gilmo Vianello, Paolo Nannipieri, Toxicity of metal oxide (CeO2, Fe3O4, SnO2) engineered nanoparticles on soil microbial biomass and their distribution in soil, Soil Biology and Biochemistry 2013, 60:87–94. DOI:10.1016/j.soilbio.2013.01.016,
57 A.Gatti, New constituents and particle sizes herald new health dangers from pollution, Nano magazine n. 29 July 1-3, 2014 .
58 A. Gatti Archeologia: una disciplina affascinante e polverosa? Archeomedia Anno 9, 4 luglio 2014 http://www.archeomedia.net//39543-antonietta-m-gatti-arche…
59 A. Gatti, S. Montanari Nanopathology: The Nano-bio-interaction of Nanoparticles Inside the Human Body , M. Lungu et al. (eds.), Nanoparticles’ Promises and Risks, Springer International Publishing Switzerland 2014, PartII-5 5 , 70-84
60 A. Gatti, S. Montanari Identification of nanoparticles in organic matrices M. Lungu et al. (eds.), Nanoparticles’ Promises and Risks, Springer International Publishing Switzerland 2014 Part III-10, 213-220.
61 L P Nannipieri. Uptake and translocation of metals and nutrients in tomato grown in soil polluted with metal oxides- (CeO2, Fe3O4, SnO2, TiO2) or metallic- (Ag, Co, Ni) engineered nanoparticles, Environmental Science and Pollution Research (Springer)2014, 6 Settembre, 1-14. f (DOI 10.1007/s11356-014-3509-0) (http://link.springer.com/artic/10.1007%2Fs11356-014-3509-0…)
62 G.Degrassi, V.Venturi, L.Vittori Antisari, S. Carbone, A.Gatti, G. Vianello,C.Gambardella, Impact of Engineered Nanoparticles on Virulence of Xanthomonas oryzae pv oryzae and on Rice Sensitivity at its Infection. Article • December 2014, DOI: 10.6092/issn.2281-4485/4556
63 A.M. Gatti Nanomedicine and Nanopathology: Two Opposite Aspects of Nanotechnologies. Editorial Article, Journal of Nanomedicine Research 2014;vol I (2), 2-3
Citation: Gatti AM (2014) Nanomedicine and Nanopathology: Two Opposite Aspects of Nanotechnologies. J Nanomed Res 1(2): 00008. DOI: 10.15406/jnmr.2014.01.00008
64 Livia Vittori Antisari & Vito Armando Laudicina &Antonietta Gatti & Serena Carbone & Luigi Badalucco &Gilmo Vianello. Soil microbial biomass carbon and fatty acid composition of earthworm Lumbricus rubellus after exposure to engineered nanoparticles, Biol Fertil Soils 2015: 51; 260-69. DOI 10.1007/s00374-014-0972-1, Springerhttp://link.springer.com/article/10.1007/s00374-014-0972-1
65 G. L. Sighinolfi1, E. Artoni2, A. M. Gatti3and L. Corsi1, Carcinogenic potential of metal nanoparticles in BALB/3T3 cell transformation assay, Environmental Toxicology published 30 OCT 2014-http://onlinelibrary.wiley.com/d/10.1002/tox.22063/abstract
66 Antonietta m. Gatti, Stefano Montanari and Ashok Vaseashta Nanopathology—Risk Assessment of Mysterious Cryptogenic Diseases . in Life Cycle Analysis of Nanoparticles: Reducing Risk and Liability edited. By A. Vasehasta, DESTech Pubblications (Lancaster Pennsylvania. 2015; Cap.6. Pg. 143 -172, 
67 Antonietta m. Gatti, Stefano Montanari Letter to Science A new pathogenic agent: the Bad Luck.
68 Antonietta m. Gatti, Stefano Montanari “August 1945: WWII ended after two atomic bombs had been dropped: The health and environmental side-effects of high-temperature weapons including atomic bombs”. on January 8, 2015 at 17:00 warhistoryonline https://www.warhistoryonline.com//august-1945-wwii-ended-t…
69 “Gambardella C., Ferrando S., Gatti A.M., Cataldi E., Ramoino P., Aluigi M.G., Faimali M., Diaspro A., Falugi C. Morpho-functional and biochemical markers of stress in sea urchin life stages exposed to engineered nanoparticles. Environ. Toxicol., ” Environmental Toxicology 05/2015; DOI:10.1002/tox.22159.
70 Antonietta M. Gatti, Stefano Montanari Case Studies in Nanotoxicology and Particle Toxicology , Elsevier (USA) (ISBN: 978-0-12-801215-4). 2015; 1-260.
71 Roncati L1, Gatti AM2, Pusiol T3, Barbolini G1, Maiorana A1. Acquired immunodeficiency similar to Gulf War illness in a dead former serviceman. J R Army Med Corps. 2015 Jun;161(2):153-5.
72 Roncati L1, Gatti AM, Capitani F, Barbolini G, Maiorana A, Palmieri B
Heavy Metal Bioaccumulation in an Atypical Primitive Neuroectodermal Tumor of the Abdominal Wall. Ultrastruct Pathol. 2015 Aug;39(4):286-92.
73 Luca Roncati,1 Ph.D.; Antonietta M. Gatti,2, 3 Ph.D.; Federico Capitani,3 B.S. Goretta Bonacorsi,4 Ph.D.; Giuseppe Barbolini,1 Ph.D.; and Antonio Maiorana,1 Ph.D.A novel forensic Investigation applied to bone remains exhumed near Quira Interforce Firing Range: (Case Report) J.of Forensic Sciences 2015, December p.858-8612016 May;61(3):858-861. doi: 10.1111/1556-4029.13016. Epub 2015 Dec 31. PMID: 27122433
74 G.Visani*1, A.Manti2, L.Valentini2, B.Canonico2, F.Loscocco1, A.Isidori1, E. Gabucci1, P.Gobbi2, S. Montanari3, M. Rocchi3, S. Papa3, A.M.Gatti4* Environmental nanoparticles are significantly over-expressed in acute myeloid leukemia Leukemia Research, Volume 50, November 2016, Pages 50-56 http://www.sciencedirect.com/…/article/pii/S0145212616301916
75 Artoni E. 1,5, Sighinolfi G.L.5, Campioli D. 2, Magistroni R.3, Cappelli G.3, Gatti A.M.4, Sebastiani M.5, Colaci, Giuggioli D.5, Ferri C.5Micro and nanoparticles as possible pathogeneticco-factors of mixed cryoglobulinemia syndrome Occupational Medicine 2016 September 30;https://www.readbyqxmd.com//micro-and-nanoparticles-as-pos…
76 Livia Vittori Antisari,Serena Carbone,Antonietta Gatti,Gilmo Vianello,Paolo Nannipieri, Uptake and translocation of metals and nutrients in tomato grown in soil polluted with metal oxide (CeO2, Fe3O4, SnO2, TiO2) or metallic (Ag, Co, Ni) engineered nanoparticles.https://www.researchgate.net/publication/265394076_Article in Environmental Science and Pollution Research 22(3) • September 2014 
77 l.Vittori. A. Gatti ecc Impact of cobalt and silver nanoparticles and ions on soil microbial community structure, lumbricus rubellus health and their trophic interactions”. Environmental Toxicology and Chemistry Biol Fertil Soils (2015) 51:261– 269DOI 10.1007/s00374-014-0972-1
78 A M Gatti The theory of everythinghttp://medcraveonline.com/JNMR/articles-in-presshttp://medcraveonline.com/JNMR/JNMR-03-00053.pdf, J. of Nanomedicine &Research February 2016. 
79 Chiara Gambardella,1 Sara Ferrando,2 Antonietta M. Gatti,3 Edoardo Cataldi,2Paola Ramoino,2 Maria Grazia Aluigi,2 Marco Faimali,1 Alberto Diaspro,4 Carla Falugi5 Review: Morphofunctional and Biochemical Markers of Stress in Sea Urchin Life Stages Exposed to Engineered Nanoparticles (wileyonlinelibrary.com). DOI: 10.1002/tox.22159, Environmental Toxicology. 2015 ( Wiley Periodicals) Inc., 1-11.
80 Luca Roncati, Giuseppe Barbolini, Antonietta M. Gatti, Teresa Pusiol, Francesco Piscioli, Antonio Maiorana. The uncontreolled Sialylation is related to chemoresistent metastatic breast cancer, Pathology, Oncology, Research on-line ( DOI 10.1007/sl12253-016-0057-6) 2016 ; p1-5. Apr 1. [Epub ahead of print] PMID: 27037559 
81 Serena Carbone Sara Bosi; Antonietta Gatti; Giovanni Dinelli, Livia Vittori Antisari, Title: Metal and metal oxides engineered nanoparticles effects on physiological parameters and nutrients content in basil (Ocimum basilicum L.) spedito a Ecotoxicology and Environmental Safety, in accettazione
82 Roncati L, Gatti AM, Pusiol T, Piscioli F, Barbolini G, Maiorana A. The first investigative science-based evidence of Morgellons psychogenesis. Ultrastruct Pathol. 2016 Jun 7:1-5. [Epub ahead of print] PMID: 27269255
83 Antonietta Gatti Nano-biointeraction and nanopathology in AZOnano October 2016 http://www.news-medical.net//Nano-biointeraction-and-nanop…
84 Chiara Gambardella, Sara Ferrando, Antonietta M. Gatti, Edoardo Cataldi, Paola Ramoino,Maria Grazia Aluigi,Marco Faimali,Alberto Diaspro,Carla Falugì, Review: Morphofunctional and biochemical markers of stress in sea urchin life stages exposed to engineered nanoparticles Environmental Toxicology • May 2015 DOI: 10.1002/tox.22159
https://www.researchgate.net//277414327_Review_Morphofunct… [accessed Nov 23, 2016].
248 Gatti AM and Montanari S. New quality-control investigations on vaccines: micro- and nanocontamination. Int J Vaccines Vaccin 2017, 4(1): 00072. doi: 10.15406/ijvv.2017.04.00072…………………………. Comment:http://www.pharmaceutical-journal.com/…/re…/20202318.article Comment:http://www.ghostshipmedia.com/…/lead-iron-chromium-metals-…/……...http://www.healthnutnews.com/…/micro-nanocontamination-vacc…
249 Letter to the Editor Many vaccines have tiny amounts of inorganic matter, investigation finds. BMJ 2017http://www.bmj.com/content/356/bmj.j596/rr-3
250 Nano-biointeraction and nanopathology in News Medical Life sciences, 31 Oct. 2016; http://www.news-medical.net//Nano-biointeraction-and-nanop…
http://www.peacelink.it/editoriale/a/15248.html