Consulenti americani banditi dalle compagnie pubbliche cinesi.

Alle impresi statali cinesi è stato ordinato di rompere le relazioni con società di consulenze americane, secondo il quotidiano britannico The Financial Times, citando fonti anonime.

Pertanto, le imprese statunitensi di società di consulenza, fra le quali The Boston Consulting Group e McKinsey, si trovano senza clienti cinesi. Questa decisione del governo cinese sarebbe stata motivata dal fatto che queste imprese possono raccogliere informazioni ai fini dei servizi segreti.

Il settore pubblico cinese ha dichiarato persona non grata a tutti i dipendenti di imprese statunitensi del Consiglio ( ndt Consulenti ). Questa informazione è stata svelata pochi giorni dopo la rottura tra la Cina e gli Stati Uniti di un enorme scandalo di spionaggio. Questa è la prima volta che Washington accusa personalmente cinque militari cinesi di hacking su reti informatiche di aziende statunitensi e di un sindacato. Gli hacker cinesi avrebbero scaricato informazioni classificate come riservate nelle reti imformatiche di società come Alcoa, Allegheny Technologies, SolarWorld, US Steel, Westinghouse Electric e United Steelworkers Union.

La Cina accusa gli Stati Uniti di aver fabbricato queste accuse, ed essa non ha esitato a rispondere in modo asimmetrico.

Il CEO dell’azienda Infaross Andreï Massalovitch ha qualificato questa paranoia riguardante lo spionaggio ” vaccino contro l’ insolenza ” nelle relazioni cino-americane.

” Queste azioni decisamente insolenti, come spiare alcuni consulenti che sono impiegati da società in un paese straniero, devono essere puniti. Si tratta di spionaggio puro e semplice. Comunque non credo che tali misure possano cambiare nulla. Direi che la decisione dei Cinesi di privare i consulenti americani l’accesso alle aziende pubbliche non è altro che un ” vaccino contro l’insolenza “. L’ascolto di tutti i mezzi di comunicazione da parte dei servizi segreti di diversi paesi hanno preso una tale ampiezza che non si può più far nulla a questo processo. E’diventato incontrollabile e totale, e riguarderà tutti i partecipanti, quanto i mezzi di prevenzione contro queste attività finché non verranno attuati dei regolatori speciali non verranno creati “.

Un meno di un anno fà, la Cina e gli Stati Uniti hanno creato un speciale gruppo di lavoro per elaborare un ” codice di condotta ” nel cyberspazio. Tuttavia, questo gruppo è stato sciolto dopo lo scandalo con i cinque hacker in uniforme militare.

Le autorità cinesi hanno annunciato, la settimana scorsa, che tutti i prodotti della tecnologia dell’informazione venduti nel paese saranno ormai sottomessi ad una nuova procedura di analisi di sicurezza. Qualsiasi azienda, prodotto o servizio, che non passerà questo test, ne sarà vietata lacommercializzazione in Cina. Ovviamente, sono i prodotti utilizzati nei settori della comunicazione, della finanza e dell’energia, che saranno più severamente controllati. Ma il governo cinese si riserva il diritto di monitorare i prodotti destinati a tutti i settori dell’industria che riterrà rilevanti la sicurezza nazionale. Tali misure potrebbero portare i loro frutti nella lotta contro gli hacker, prosegue Andrei Massalovitch.

” Questa in effetti è una misura particolarmente efficace “, spiega. ” Sarà introdotta contro qualsiasi dispositivo elettronico che arriva nei servizi di intelligence e delle strutture di Stato incaricate della sicurezza nazionale. Queste procedure sono estese in molti paesi, e pienamente giustificato. È possibile proteggere in una certamisura dei programmi malevoli, e de controllo esterno, ma niente ci dà la garanzia che si sia veramente protetti integralmente “.

” Lo scandalo continuerà a crescere “, prevede Andrei Massalovitch. ” Ma non bisogna associarlo allo spionaggio. Questo scandalo è piuttosto legato con la politica estera di modo tale che ogni fianco vuol fare dichiarazioni ed essere ascoltato. Lo scandalo cino-americano è una buona ragione che si può utilizzare in qualsiasi momento, perché esempi di ingerenza nelle reti imformatiche potrebbero trovarsi facilmente ogni giorno. L’uomo apre la bocca se vuole essere ascoltato “.

La Cina e gli Stati Uniti sono iscritti in un vero confronto politico. E gli scandali legati allo spionaggio sono una sorta di gioco geopolitico, e non è banale.N

Trad.kefos93

http://french.ruvr.ru/2014_05_27/Les-consultants-americains-bannis-des-compagnies-publiques-chinoises-1949/
visto su cdc
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&p=204266#204266

Consulenti americani banditi dalle compagnie pubbliche cinesi.ultima modifica: 2014-05-29T22:25:23+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *