L’immagine dell’apartheid israeliano

mostra visivamente il regime discriminatorio israeliano, per il quale un’unica autorità controlla la vita e il territorio nel quale vivono diverse classi di cittadini discriminate arbitrariamente da chi ha di fatto il potere assoluto e ne fa uso fino a negare ad alcuni i più elementari diritti umani, su tutti quello alla libertà. Lo strumento principale di questa discriminazione è l’anagrafe, che inserisce ogni nuovo nato in una classe diversa a seconda del suo luogo di nascita e della sua religione, che anche per i cittadini israeliani residenti in Israele si rivela decisiva.

I non ebrei non possono infatti stabilirsi nel 68% delle città israeliane, perché la maggioranza ebraica non li vuole e i «consigli d’ammissione» cittadini li respingono sistematicamente. Al contrario i cittadini ebrei, e i non cittadini ebrei che immigrano, possono muoversi e stabilirsi liberamente in tutto il territorio israeliano e sono anche liberi d’occupare il 60% della West Bank. Non si capisce quindi come si possa negare che questa sia discriminazione e che questo sia un regime d’apartheid, ma al contrario si capisce benissimo perché l’Occidente faccia finta di non vedere e preferisca non parlarne.

Fonte: http://mazzetta.wordpress.com
Link: http://mazzetta.wordpress.com/2014/05/17/limmagine-dellapartheid-israeliano/
16.05.2014

L’immagine dell’apartheid israelianoultima modifica: 2014-05-19T17:56:03+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *