ARRUOLATEVI NELLE GUERRE AMERICANE ADESSO NEL MENU C’E’ ANCHE LA PIZZA

Michelle Richardson, ricercatrice al centro Natick Soldier dell’ U S Army, un laboratorio di ricerca con sede nel Massachusetts, ha dato,  con l’ annunzio di aver creato una pizza che resta commestibile, tre anni tre, la prova di cosa possa  realizzare la scienza e a quali estremi  possa giungere quando non si tiene nel debito conto il fattore umano.
Dal punto di vista scientifico, pare che il risultato sia stato ottenuto con l’aggiunta di sali, zuccheri ed altri ingredienti a me sconosciuti che hanno la proprietà di impedire l’inumidimento – fonte di batteri –  provocato dal pomodoro ed altri umori.         A parte la temperatura ambiente a cui viene servita, pare che abbia tutte le caratteristiche organolettiche di una pizza almeno come la intendono gli yankee.
Che qualcosa non funzionasse nelle menti dei burocrati del Pentagono l’avevo intuito (buon ultimo ?) quando, dopo aver segnalato l’aumento di suicidi tra i militari dell’aeronautica USA per due anni di fila con post su questo blog, ho visto che il rimedio apportato è consistito in uno sviluppo di tecnologie atte a portare attacchi aerei con i Drone, gli aerei senza pilota che consentono a trattare gli omicidi mirati in Pakistan come una pratica amministrativa da espletare con una punta di fastidio dalla poltrona del videogioco situato a Tampa ( Florida).
Per poi andare a farsi una pizza alla mensa e un bagnetto a Miami beach.

La follia  burocratica si era spinta fino al punto di varare un decreto per l’attribuzione di apposite  decorazioni per questi Guerrieri da Balestra   il cui tasso di errori – ossia di omicidi delle persone sbagliate – giunge al 50%.
La reazione degli ex combattenti americani pare sia riuscita a scongiurare   almeno questo  grottesco risvolto che andava ad aggiungersi alla  disonorevole aberrazione di ammazzare  tavolino le persone sbagliate. Le razioni di combattimento non sono mai state piatti da gourmet, tanto che le  RBE ( così l’acronimo) furono ribattezzate dai soldati della prima guerra del golfo come Refused By Ethiopians , perciò, qualcuno deve aver  pensato che una buona pizza avrebbe potuto essere il giusto conforto per i soldati  in zona di operazioni.
L’ex colonnello  ed ora P.R. del laboratorio, David Accetta – ci informa Le Figaro – ha dichiarato che un buon pezzo di pizza caldo può dare un senso di comfort che ricorda ai militi il calore di casa.

A Napoli è sempre esistito uno strumento finanziario chiamato ” pizza a sette giorni” : la mangiavi il giovedì e la pagavi il giovedì successivo.  Adesso abbiamo la “pizza a tre anni” del laboratorio  Natick Soldier da usare come strumento di motivazione umana.
Complimenti allo chef.

Antonio de Martini
Fonte: www.corrieredellacollera.com
20.02.2014

ARRUOLATEVI NELLE GUERRE AMERICANE ADESSO NEL MENU C’E’ ANCHE LA PIZZAultima modifica: 2014-02-19T22:23:43+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *