Coronavirus : la France rapatrie ses troupes présentes sur le sol irakien En savoir plus sur RT France

https://francais.rt.com/international/73175-coronavirus-france-rapatrie-ses-troupes-presentes-sol-irakien?utm_source=browser&utm_medium=push_notifications&utm_campaign=push_notifications&fbclid=IwAR3CpijkUO1LuZLqdcDmEk1cDvIfuYwBQK-ZwGedc4HfqePAVIygT_G5cIQ

Coronavirus : la France rapatrie ses troupes présentes sur le sol irakien

© Daphné Benoit Source: AFP

Des soldats de l’opération Chammal, lors de la visite de la ministre des Armées Florence Parly, le 9 février 2019, à la frontière irako-syrienne (image d’illustration). Le chef d’Etat-Major des armées a fait savoir que la France allait rappeler sur son sol ses troupes stationnées en Irak alors que la pandémie de coronavirus frappe également le Moyen-Orient. Une décision semblable à celle des Etats-Unis. En raison de la pandémie mondiale de coronavirus qui a fait près de 21 000 morts et confiné presque la moitié de la planète, le chef d’Etat-Major des armées François Lecointre a annoncé le 25 mars le rapatriement imminent des soldats français stationnés en Irak. «La France a décidé de rapatrier jusqu’à nouvel ordre le personnel de l’opération Chammal déployé en Irak dans ce cadre», a-t-il souligné dans un communiqué mis en ligne sur les réseaux sociaux dans la soirée, ajoutant que ce rapatriement commencerait «le 26 mars», et que la décision avait été prise en accord avec «le gouvernement irakien» et «la coalition» emmenée par les Etats-Unis. Cette décision survient alors qu’Emmanuel Macron a annoncé le lancement de l’opération Résilience, qui consistera à mobiliser l’armée française pour différentes missions directement liées à la lutte contre le Covid-19. La mesure concerne «la centaine de soldats engagés dans le pilier “formation” auprès de l’armée irakienne, ainsi que les éléments de soutien national stationnés au sein de de l’état-major de l’Opération Inherent Resolve (OIR) à Bagdad», est-il précisé dans le document. Néanmoins, toujours d’après François Lecointre, la France restera «engagée au Levant [en Syrie et en Irak], car la lutte contre Daech continue» et «reprendra ses activités de formation dès que la situation le permettra». Depuis le 22 mars, l’Irak a imposé des mesures nationales pour faire face au virus, les autorités faisant état de 20 décès des suites de la maladie et de 233 cas confirmés de Covid-19. Lire aussi Coronavirus : plus de 20 000 morts recensés dans le monde La nouvelle fait écho à la décision américaine, rendue publique le 20 mars par le United States Central Command (Centcom, entité du département de la Défense notamment responsable des opérations militaires au Moyen-Orient), de rappeler ses troupes présentes sur le sol irakien. «Pour prévenir une propagation du Covid-19, l’armée irakienne a suspendu tout entraînement. Par conséquent, la coalition va renvoyer temporairement dans leurs pays dans les jours à venir certains de ses éléments spécialisés dans la formation», avait-il fait savoir dans un communiqué daté du 20 mars, admettant que désormais «la coalition soutiendra les forces irakiennes depuis moins de bases, avec moins de monde». Cependant, l’Irak, qui peine à se reconstruire après la guerre menée sur son sol par les Etats-Unis depuis 2003 mais aussi suite à la partition du pays résultant de l’implantation de Daesh, pourrait paradoxalement pâtir de ce retrait, pourtant encore réclamé en début d’année par le Parlement. En effet, ce 26 mars, deux roquettes ont été tirées sur la «Zone verte» de Bagdad, où est notamment située l’ambassade des Etats-Unis. Il s’agit de la 26e attaque de ce type en à peine six mois. L’instabilité institutionnelle en Irak laisse ainsi présager d’une lutte farouche pour le contrôle du pays. Reste à savoir qui l’emportera et s’il réussira à unifier l’Irak pour la sortir de sa torpeur. Côté français, si les troupes de l’opération Chammal, lancée il y a plus de cinq ans, le 19 septembre 2014 contre Daesh seront donc rapatriées, aucune mention n’a été faite dans l’immédiat des militaires déployés au Sahel dans le cadre de l’opération Barkhane. Plus 5 000 soldats français se trouvent actuellement dans la région alors qu’y sont détectés les premiers cas de Covid-19 et recensés les premiers morts. Le 25 mars, le Mali a annoncé ses deux premières contaminations confirmées au coronavirus suivant le Niger et le Burkina Faso, dans lequel 4 personnes ont trouvé la mort des suites de la maladie. LIRE AUSSI Syrie, Libye, Yémen : comment se préparer à l’épidémie du coronavirus malgré les conflits en cours ? International

En savoir plus sur RT Francehttps://francais.rt.com/international/73175-coronavirus-france-rapatrie-ses-troupes-presentes-sol-irakien?utm_source=browser&utm_medium=push_notifications&utm_campaign=push_notifications&fbclid=IwAR3CpijkUO1LuZLqdcDmEk1cDvIfuYwBQK-ZwGedc4HfqePAVIygT_G5cIQ

Premio Nobel per la pace alla NATO

Nuova immagine (1)

Cari amici di fronte alla “incredibile” e vergognosa notizia della proposta di conferire il premio Nobel per la Pace alla più aggressiva e sanguinosa alleanza militare internazionale dal 1945 ad oggi, come Forum Belgrado per un Mondo di Eguali Italia, come Centro di Iniziative per la Verità e la Giustizia e come Associazioni di Solidarietà “SOS Yugoslavia” e “SOS Kosovo Metohija”,   ci associamo e sosteniamo la lettera pubblica redatta dalla direzione centrale del Forum in Serbia, rendendoci disponibili ad eventuali iniziative pubbliche di denuncia di questo vero e proprio misfatto e insulto al valore della parola PACE. 

Enrico Vigna portavoce del Forum Belgrado Italia, presidente di SOS Yugoslavia-SOS Kosovo Metohija

  Al Norwegian Nobel Committee 

0255  Oslo –  Henrik Ibsens gate 51  –  N o r w a y

“Eminenti membri del Comitato per il premio Nobel della Pace,

Vi scriviamo a nome del Forum di Belgrado per un Mondo di Eguali, della Associazione dei Generali e Ammiragli della Serbia, della Fondazione UNITI per la Gioventù, di Organizzazioni indipendenti della Serbia e della diaspora serba.

Abbiamo avuto notizia dai media che la NATO è ufficialmente candidata per il Premio Nobel per la Pace 2019. A questo proposito consentiteci di attirare la vostra attenzione su quanto segue:

  1. 1. Esattamente 21 anni fa, la NATO ha illegalmente lanciato un aggressione militare alla Serbia (RFY) che è durata 78 giorni, dal 24 marzo al 10 giugno 1999, violando così la Carta delle Nazioni Unite, il documento finale dell’OSCE di Helsinki, nonchè il proprio atto istitutivo (1949). E’ stato un crimine contro la pace e l’umanità.

2.L’aggressione ha lasciato oltre 3500 morti, tra cui 89 bambini e circa 12.500 feriti. Il danno economico diretto è stato stimato in oltre 100 miliardi di dollari USA. Il numero di vittime umane a causa delle successive conseguenze dell’aggressione e del danno all’ambiente naturale deve ancora essere valutato.

3.Come la prima guerra dopo la seconda guerra mondiale sul suolo europeo, l’aggressione della NATO alla Serbia (RFY) è stata una svolta che ha introdotto la pratica delle aggressioni e degli interventi senza restrizioni in tutto il mondo. Questa aggressione è stato l’inizio della trasformazione della NATO stessa da alleanza difensiva in offensiva, ignorando il principio delle Nazioni Unite secondo cui la pace dovrebbe essere difesa con tutti i mezzi.

4.L’aggressione condotta in coalizione con l’organizzazione terrorista separatista dell’UCK, ha posto un precedente, incoraggiando il separatismo, il terrorismo e la mancanza di rispetto del diritto internazionale.

5.Durante l’aggressione, le forze della NATO hanno usato missili con uranio impoverito e altri armamenti e metodi proibiti, fortemente condannati dal Parlamento europeo, dall’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa e dai parlamenti nazionali di molti paesi membri della NATO e della UE. Ciò ha lasciato conseguenze durature, causando pericolosi decessi maligni e portando via le vite di migliaia di persone innocenti.

6.Questo crimine contro la pace e l’umanità ha provocato instabilità duratura nei Balcani. Ha gravemente compromesso la stabilità dell’Europa. Allo stesso tempo, la NATO ha inflitto danni irreparabili all’Europa (OSCE) e al World Peace and Security Order (ONU), introducendo così l’era della nuova guerra fredda.

Sperando che questi fatti meritino la vostra attenzione e valutazione, vi preghiamo di accogliere le assicurazioni della nostra più alta considerazione.

Belgrado, Marzo 2020.

Per il Forum Belgrado per un Mondo di Eguali, Zivadin Jovanovic, presidente

Per  Associazione dei Generali e Ammiragli della Serbia, Gen. Milomir Miladinovic, president

 Per la Fondazione UNITI per la gioventù, Prof. Dr. Danica Grujicic, presidente

 

Nuova immagine (2) Nuova immagine (3)

IL CENTRO MILITARE DEI VIRUS SI E’ TRASFERITO A SIGONELLA. E POI L’EPIDEMIA.

https://www.maurizioblondet.it/il-centro-militare-dei-virus-si-e-trasferito-a-sigonella-e-poi-lepidemia/?utm_medium=push&utm_source=onesignal

    17 Marzo 2020

La sigla NAMRU3 … sta per Naval  Medical Resarch Unit. E’ il reparto della Marina  USA che  conduce ricerche e sperimentazioni  su virus e batteri  –  ufficialmente, i patogeni che possono infettare le truppe americane sparse nei più sanitariamente discutibili paesi del  mondo.

Le ricerche di base, epidemiologiche e cliniche di NAMRU-3 si rivolgono in particolare alle malattie enteriche, alle infezioni acute respiratorie, alle epatiti, alla tubercolosi, alle meningiti, all’HIV e a varie infezioni da parassiti, batteri e virus che sono endemiche e rappresentano un grave problema pubblico nelle regioni d’intervento”.  Studia “ malaria, leishmaniosi,  dengue le altre patologie virali, alle malattie da batteri come la “diarrea del viaggiatore” (ETEC, campylobacter, shigelle), ecc”.

Un  potente  e multiforme ente sanitario  benefico, che  ha sotto-basi in mezzo mondo,  collabora  con l’OMS in ricerche sull’HIV,  ed oggi per esempio  fornisce al Ghana  i tamponi per i test del coronavirus


Il logo del reparto

Fin dal dopoguerra  (1946) questo ente filantropico del Pentagono  è  stato basato in Egitto. Si vorrebbe sapere come mai  adesso il NAMRU3 si trova a Sigonella, nella base militare, dove si è trasferito  a cominciare  dal febbraio 2019: un trasloco gigantesco, visto che è stato completato solo a dicembre; è arrivato qui armi e bagagli, è il caso di dire.

E  due mesi  dopo l’Italia è 

a) colpita dal coronavirus

b) di un ceppo distinto e indipendente  da quello che ha colpito la Cina,

c) così particolarmente virulento, da chiedersi come mai in Italia ci sono più malati e morti, ormai, che in Cina e in Corea.

Ad informarne è stato  il solo Antonio Mazzeo, un  giornalista ricercatore  alternativo  siciliano, al cui lungo e densissimo articolo rimando, col consiglio di leggerlo attentamente.


Antonio Mazzeo (al centro) si batte contro il MUOS

http://antoniomazzeoblog.blogspot.com/2020/03/a-sigonella-i-militari-usa-che.html

Qui si aggiungono stralci di un articolo del 27 gennaio 2012 del quotidiano  egiziano Al-Wafd  che lanciava sul NAMRU-3 i più pesanti sospetti: gestisce i patogeni capaci di ” sterminare l’intera nazione egiziana”,   conduce ricerche volte a manipolare i geni egiziani per alterarli e causare deformità;  sta conducendo esperimenti su bambini egiziani; che potrebbe essere responsabile di un aumento di infertilità, impotenza, ritardo e disabilità; e che i dati raccolti vengono utilizzati per progettare alimenti, semi e farmaci che sono stati sviluppati in America e poi venduti  agli egiziani.


Il nuovo capo  del NAMRU, capt. Marshall Mandeville, è quello a destra. Ora sta a Sigonella.

Il giornale definiva questo  ente filantropico del Pentagono “un demonio”:

L’unità americana di ricerca medica navale 3 (NAMRU-3) è un diavolo che controlla e indebolisce la salute degli egiziani

Diceva Al-Wafd:

“Quando si passa accanto al grande quartier generale della NAMRU  situato nel quartiere Al-‘Abbasia, nel cuore del Cairo  [e vede] il suo cancello rinforzato con ferro e cemento,  l’ampio spazio di terreno spianato che lo circonda,  le telecamere di sicurezza e le alte mura che lo proteggono, non si può non sospettare la grande importanza di ciò che si trova all’interno di questo edificio.  [..]  “I ricercatori dell’unità e i medici americani godono dell’immunità diplomatica. Alcuni di loro, infatti, appartengono alla CIA”.

“Dalla fondazione dell’unità NAMRU in Egitto, sono state scoperte dozzine di malattie virali nuove e mutate. Ciò può far sospettare che questi agenti patogeni sono importati. Nessun istituto medico di ricerca  si è infiltrato in Egitto in misura maggiore di NAMRU, che controlla il segreti dei virus utilizzati nelle [armi di] distruzione di massa e armi biologiche”

Per esempio, “l’Etiopia ha deciso di far chiudere l’unità NAMRU sul suo territorio, a causa di accuse e sospetti sulla sua attività, e [a seguito di affermazioni] che sta provando nuovi medicinali  sugli etiopi in cambio di denaro e regali, ciò che ha causato la diffusione di malattie incurabili ed epidemie. Vi sono anche sospetti che [NAMRU] abbia diffuso il virus dell’HIV.  Allo stesso tempo, NAMRU ha ampliato la sua attività in Egitto. Le sue operazioni sono approvate da un accordo con la Salute e Ministero degli alloggi e con l’Ospedale Febbri di  Abbassia.

“Già nel 1976, il pubblico egiziano venne  a conoscenza del  nome NAMRU in occasione di  un focolaio di meningite in Egitto; allora  NAMRU si offrì di collaborare con l’Ospedale Abbassia. Tuttavia, gli studi [di NAMRU] su [le vittime di questa malattia] in Egitto furono avvolti nel mistero. Ottocentocinquantasette persone furono infettate dalla malattia e 50 morirono in seguito all’intervento della NAMRU, dopo aver ricevuto un medicinale chiamato  Dexametazon. Si disse che il medicinale non produceva gli effetti sperati “.

“Nel 2006 il  NAMRU ha suscitato un altro scandalo,  placato con una rapidità sospetta. Una delegazione americana della NAMRU ha visitato il quartier generale   dell’ospedale di Al-‘Abbasia, e diversi giorni dopo è stata scoperta l’influenza aviaria [in Egitto]. I medici egiziani sono stati in grado eliminare [la malattia] quasi completamente entro sei mesi, ma poi Maher Abaza [un potente oligarca ammanicato con Mubarak]  è stato nominato ministro dell’agricoltura e ha deciso, senza motivo [apparente], di sospendere il coinvolgimento dell’Egitto nella gestione del virus, in cambio di un contratto con NAMRU-3. Più tardi, gli egiziani   furono colpiti da un mutante  non trattabile del virus  dell’influenza aviaria. Questo virus mutante apparve dopo che NAMRU ricevette campioni [di sangue] dai pazienti egiziani, che furono inviati negli Stati Uniti …

“Esperimenti sui bambini”

“NAMRU considera i bambini egiziani come un’opportunità per testare nuove medicine. Nei suoi rapporti, osserva che i bambini egiziani hanno i migliori sistemi immunitari, anche in confronto ai soldati dell’esercito americano. NAMRU controlla i nostri bambini quando sono ancora feti;  inserisce medici e ricercatori americani nei centri sanitari nei villaggi rurali, in modo che possano entrare in contatto con madri incinte e le informazioni [raccolte da questi medici e ricercatori] sono collegate alla rete di banche-dati della NAMRU. [NAMRU] ha suscitato scalpore quando i suoi medici hanno cercato di condurre uno studio sperimentale sui bambini ad Al-Bahira, sostenendo che desideravano sviluppare un siero dalla diarrea per una nuova vaccinazione. [Come parte di questo sforzo,] doni e denaro sono stati   dati alle famiglie dei [bambini] in Farshut, Umm Al-Laban, Kum Al-Qanatir,e altri villaggi nel centro di Abu Homs, ma le famiglie hanno rifiutato categoricamente di trasformare i loro figli in topi da laboratorio …

[Si tratta della ricerca “sui tamponi con tessuti rettali e feci di bambini rurali   di interesse internazionale pubblicata  dal Journal of Virology, citata  da Antonio Mazzeo].

Ma continuiamo a leggere il giornale egiziano:

“Questo scandalo ha suscitato una tempesta in parlamento … Inoltre, il dott. Farag Al-Dib, capo dell’Ufficio sanitario di Abu Homs, è stato dimesso dal suo incarico dopo essersi opposto alla sperimentazione su bambini innocenti tra uno e tre anni.”

“Le mani americane sono dietro infertilità, ritardo mentale e disabilità tra i bambini”

“Questo incidente ha sollevato domande, che sono rimaste senza risposta, se le mani americane nella NAMRU fossero dietro l’aumento di infertilità, ritardo mentale e disabilità tra gli egiziani nati negli ultimi anni …impotenza  [sic].  NAMRU ha raccolto sugli egiziani tutte le informazioni genetiche possibili, ed è nota  la sua capacità di distruggere i geni naturali e il sistema immunitario [degli egiziani] [e anche considerando il fatto] che invia [ Egitto] medicinali, semi e foraggi per animali ed è coinvolto in tutti gli esperimenti [condotti in Egitto] nei settori dell’agricoltura, del bestiame, dell’acqua, del cibo, ecc …

I campi di ricerca della NAMRU  totalmente sottratti alla supervisione delle autorità  egiziane. Oltre alla ricerca sull’AIDS, l’afta epizootica, l’emofilia, l’influenza aviaria, la febbre della Rift Valley, la febbre di Chikungunya – causata da zanzare – tubercolosi, malattia di Lumpyskin e altri, è responsabile anche delle vaccinazioni contro queste malattie, e dei metodi per eliminarle. Tutto ciò che resta è immaginare quanto pericolosamente semplice sarebbe usare tutto questa [informazione] contro il popolo egiziano, secondo la volontà americana, che ha Israele con forza dietro di sé “.

https://www.memri.org/reports/article-egyptian-al-wafd-daily-american-naval-medical-research-unit-three-namru-3-devil

Come vedete, benché datato 2012, un articolo  di eccezionale attualità. Ed anche ricco di insegnamenti per i governanti che si fanno  corrompere e  diventano servi e complici  del potere americano:  la fedeltà passata non ha salvato Mubarak quando Washington ha deciso di “sostituirlo”  con l’ esperimento dei Fratelli Musulmani.

Un notiziario militare statunitense ha dato notizia, nel luglio 2019, dell’insediamento del nuovo capo del NAMRU  a Sigonella, Marshall Manteville.  Ma questo lo avete già letto da Mazzeo.

Ron Paul : “E’ un trucco autoritario”

A noi non resta che riferire che Ron Paul si aggiunge alla fila di quelli che dicono che il coronavirus è un “trucco” per instaurare un regime autoritario.

Ron Paul, che è medico di famiglia, dice: “Non significa che la malattia sia innocua. Senza dubbio le persone moriranno di coronavirus. Coloro che appartengono a categorie vulnerabili dovrebbero prendere precauzioni per limitare il rischio di esposizione. Ma abbiamo già visto questo film. Il governo ingigantisce la minaccia come una scusa per strapparci ancora un po’delle nostre libertà. Quando la “minaccia” è finita, tuttavia, non ci restituiscono mai le nostre libertà.


Ron Paul, classe 1935, physician.

Un panico studiato, in cui interi stati si mettono in auto-isolamento, “e per cosa?”, dice il dottor Ron Paul: “Un virus che finora ha ucciso poco più di 5.000 in tutto il mondo e meno di 100 negli Stati Uniti? E  dov’è il panico per la  la tubercolosi, una vecchia malattia  tornata in forza,  che nel 2017 ha ucciso quasi 1,6 milioni di persone? Perché della TBC si discute così poco sui media?

http://www.ronpaulinstitute.org/archives/featured-articles/2020/march/16/the-coronavirus-hoax/

 

Nell’Europa del virus i bombardieri Usa da attacco nucleare

https://ilmanifesto.it/nelleuropa-del-virus-i-bombardieri-usa-da-attacco-nucleare/?utm_medium=Social&utm_source=Facebook&fbclid=IwAR2xb9oNNxhydgXIfkciwhiox-NHp3PKVeCK7EivwDJsg31epAF-k3Z3JX0#Echobox=1584382875

manifesto

L’arte della guerra. A causa del Coronavirus American Airlines e altre compagnie aeree statunitensi hanno cancellato molti voli per l’Europa. C’è però una «compagnia» Usa che, viceversa, li ha aumentati: la US Air Force

A causa del Coronavirus American Airlines e altre compagnie aeree statunitensi hanno cancellato molti voli per l’Europa. C’è però una «compagnia» Usa che, viceversa, li ha aumentati: la US Air Force. In questi giorni essa ha «dispiegato in Europa una task force di bombardieri stealth B-2 Spirit».

Lo annuncia da Stoccarda lo US European Command, il Comando Europeo degli Stati Uniti. Esso è agli ordini di generale, attualmente Tod D. Wolters della US Air Force, che allo stesso tempo è a capo delle forze Nato quale Comandante Supremo Alleato in Europa. Lo US European Command precisa che la task force, composta da un numero imprecisato di bombardieri provenienti dalla base Whiteman in Missouri, «è arrivata il 9 marzo a Lajes Field nelle Azzorre, in Portogallo».

Il bombardiere strategico B-2 Spirit, l’aereo più caro del mondo il cui costo supera i 2 miliardi di dollari, è il più avanzato aereo Usa da attacco nucleare. Ciascun velivolo può trasportare 16 bombe termonucleari B-61 o B-83, con una potenza massima complessiva equivalente a oltre 1.200 bombe di Hiroshima. Per effetto della sua conformazione, del suo rivestimento e delle sue contromisure elettroniche, il B-2 Spirit è difficilmente rilevabile dai radar (per questo è detto «aereo invisibile»).

Anche se è già stato usato in guerra, ad esempio contro la Libia nel 2011, con bombe non-nucleari di grande potenza a guida satellitare (ne può trasportare 80), esso è progettato per penetrare attraverso le difese nemiche ed effettuare un attacco nucleare di sorpresa.

Questi bombardieri, precisa lo US European Command, «opereranno da varie installazioni militari nell’area di responsabilità del Comando Europeo degli Stati Uniti». Tale area comprende l’intera regione europea e tutta la Russia (inclusa la parte asiatica). Ciò significa che i più avanzati bombardieri Usa da attacco nucleare opereranno, da basi in Europa, a ridosso della Russia.

Capovolgendo lo scenario, è come se i più avanzati bombardieri russi da attacco nucleare operassero da basi a Cuba a ridosso degli Stati uniti. È evidente lo scopo perseguito da Washington: accrescere la tensione con la Russia usando l’Europa quale prima linea del confronto.

Ciò permette a Washington di rafforzare la sua leadership sugli alleati europei e di orientare la politica estera e militare dell’Unione europea, nella quale 22 dei 27 membri appartengono alla Nato sotto comando Usa.

Tale strategia è facilitata dalla crisi provocata dal Coronavirus. Oggi più che mai, in una Europa in gran parte paralizzata dal virus, gli Usa possono fare ciò che vogliono.

Lo conferma il fatto che essi vi trasferiscono i loro più avanzati bombardieri da attacco nucleare con il consenso di tutti i governi e i parlamenti europei e della stessa Unione europea, con il complice silenzio di tutti i grandi media europei.

Lo stesso silenzio calato sulla Defender Europe 20, il più grande spiegamento di forze Usa in Europa dalla fine della Guerra Fredda, di cui i media hanno parlato solo quando lo US European Command ha comunicato che, a causa del Coronavirus, ridurrà i soldati Usa partecipanti all’esercitazione da 30.000 a un numero imprecisato, mantenendo comunque «i nostri obiettivi di più alta priorità».

Nel quadro di una vera e propria psy-op (operazione psicologica militare) vari organi di «informazione», anche in Italia, si sono subito scagliati contro «le bufale sull’esercitazione Defender Europe» (La Repubblica, 13 marzo) e, attraverso i social, si è diffusa la voce che l’esercitazione è stata praticamente cancellata.

Notizia tranquillizzante, rafforzata dall’assicurazione, data dallo US European Command, che «nostra principale preoccupazione è proteggere la salute delle nostre forze e quella dei nostri alleati».

Appunto sostituendo in Europa un numero imprecisato di soldati Usa con un numero imprecisato di bombardieri Usa da attacco nucleare, ciascuno con una potenza distruttiva pari a oltre 1.200 bombe di Hiroshima.

BERLINO KAPUTT (e sono stati gli americani, di nuovo)

https://www.maurizioblondet.it/berlino-kaputt-e-sono-stati-gli-americani-di-nuovo/?utm_medium=push&utm_source=onesignal

La Germania che  di colpo stacca un assegno da 550 miliardi,  e si rimangia il decennio di politica economica “zero null” di Schauble e di Merkel? “La decisione di stampare  550 miliardi è etero diretta”.   “Due giorni fa la Merkel è stata avvertita della fine del suo mandato e dall’incarico”.E da chi? Sentite questa ipotesi straordinaria: sono stati gli americani.

“Il contingente [di Europe Defender 2020]  si trova sul territorio tedesco e di fatto ha esautorato il governo”.

Il generale comandante dell’esercitazione si è avvalso delle clausole  di armistizio del 1945,  con la resa incondizionata della Germania.  Infatti,

“La Germania perdente dopo la fine della guerra si dotò di una Costituzione temporanea ovviamente scritta dagli americani e dai russi. Doveva restare vigente per un breve periodo poi la Germania avrebbe dovuto Indire un’assemblea Costituente e darsi una vera e propria Costituzione cosa che non fece mai.

Doveva restare vigente per un breve periodo poi la Germania avrebbe dovuto Indire un’assemblea Costituente e darsi una vera e propria Costituzione cosa che non fece mai. infatti la Germania non è uno stato Ma allo stato attuale alla forma in diritto di una Confederazione di Lander.  Giuridicamente non possiede il titolo di Stato né tantomeno di nazione e quindi tra le altre cose non avrebbe potuto aderire all’Unione Europea e siglare Patti”

E  guarda caso, il comandante generale dell’esercitazione “Europe Defender 2020”, General Christopher Cavoli,   è  probabilmente stato esposto  al coronavirus   (dopotutto  “il generale italiano dello stato maggiore Salvatore Farina ha contratto il virus, dice Reuters”)  e quindi non può tornare subito in USA, causa le misure dettate da Trump. Resterà qui per un po’, a fare la quarantena. In  Germania.  Con le sue truppe.

L’impero del quarto Reich tedesco ha esalato l’ultimo respiro e con esso Verrà giù un bel po’ di roba marcia”

Questa ricostruzione non è mia. Viene da una twitterista con intuizioni eccezionali, che  conosco solo dal suo pseudo:

Valeria KindQ

@VNotKind

Una che il Deep State non lo regge proprio!

Non so su cosa ella basi la sua ricostruzione, se su informazioni riservate a lei accessibili o pura (e  geniale) immaginazione  politica.  Né io ho la minima informazione aggiuntiva che confermi questa ricostruzione di ValeriaKindQ.  Salvo una: la sua plausibilità.

Nel momento in cui la Federal Reserve, ben conscia del collasso imminente di tutto il sistema occidentale basato sul dollaro, annunciava l’iniezione di 1500 MILIARDI di dollari dal nulla,  la Lagarde con la sua frasetta sugli spread italiani ha fatto crollare   tutte le borse europee, del  -16, del -14%.  Non c’era tempo da perdere; la banca centrale europea stava per far collassare  il sistema, e proprio nel momento in cui la Cina giganteggia di nuovo: uscita dall’epidemia, manda “aiuti”  e soccorsi  all’Italia che l’Europa ha abbandonato.

Il Deep State americano,  con fulminea capacità di decisione, ha esautorato la Merkel per salvare il salvabile. I due  ministri tedeschi Scholz e Altmaier   l’hanno palesemente sostituita quando hanno annunciato i  550 miliardi,  e aiuti di Stato “illimitati”  alle aziende, e ri-nazionalizzazioni di processi produttivi strategici;  hanno  seppellito trent’anni di dottrina politica fasulla  Schauble-Merkel.  E Scholz  è quello che, giorni fa, ha rifiutato di dare la mano alla Cancelliera, con la scusa del coronavirus.

Sono i curatori fallimentari per conto dell’America. E se davvero “l’America” l’ha fatto facendo valere le  clausole dell’armistizio  del’45 ,  è veramente la disfatta dal Quarto Reich UE. La Germania è tornata  alla casella del ’45, firma di nuovo la resa, dopo aver di nuovo ridotto l’Europa in macerie.

Che le cose stiano così, lo conferma  il tweet di Donald, che Bagnai ritwitta  :

Donald J. Trump

 

@realDonaldTrump

THE UNITED STATES LOVES ITALY!

Video incorporato

 

“Il crepuscolo dei Babbei” (cit.)

Se  le cose stanno  così, la disfatta è  anche quella del governicchio italiano, di Conte, di Gualtieri,  di Mattarella,  di Visco e di Zingaretti, di tutti coloro che, nel deep state italiota, stanno al potere  solo  in quanto servi della UE. La UE “di prima”, che non c ‘è più.

Non è, sia chiaro, un Crepuscolo degli dei. E’ il Crepuscolo dei Babbei, come titola gongolante  Alberto Bagnai su goofynomics.

(Qui, da leggere: https://goofynomics.blogspot.com/2020/03/il-crepuscolo-dei-babbei.html)

Babbei perché proprio lui, il senatore dell’opposizione, aveva suggerito in parlamento, giorni fa, “di fronte a un’aula semideserta, quale fosse la strategia più corretta da seguire e perché l’emergenza offrisse una opportunità tattica:”.

Fate un deficit  del 7 per cento, promettendo che negli anni seguenti diminuite il deficit di mezzo punto, fino a  tornare al 3 per centro sacro. Quel che ha fatto per anni la Francia. L’epidemia e  il blocco economico che ne consegue vi danno l’opportunità di farlo, vincendo le resistenze di Bruxelles”.

Era il regalo di un successo politico, quello che Bagnai offriva ai piddini. I piddini non hanno voluto. Per viltà.

Scrive il senatore: “I piddini, in riunione, non volevano saperne: “Non possiamo dare al Governo l’impegno a fare qualsiasi cosa sia necessaria, non possiamo rilasciare deleghe in bianco… Noi, come al solito, imbecilli subalterni”. Ed in braghe di tela, obbedienti a un Reich che non esiste più. Per stupidità. Per mancanza di palle. Per incapacità previsionale. E  peggio.

E questo peggio, ben lo delinea Bagnai: “La débâcle cui stiamo assistendo non è solo la sconfitta di un governante dissimulatore, narcisista e accentratore, che diffidente come un imperatore della decadenza affastella sulla propria scrivania tutte le pratiche per non risolverne nessuna; non è solo la rotta di una maggioranza variegata e incompetente, incapace di decisione perché incapace di visione; ma è anche e ahimè soprattutto la rovinosa disfatta del deep state italiano, di quel cordone sanitario di civil servant di alto bordo posti dal potere a perimetro e custodia dei politici, il tracollo di quegli uomini che effettivamente sono, anche quando non lo rivendicano con amabile alterigia, il potere”.

Quello è il vero peggio: l’incompetenza dei tecnocrati, lo scadimento dell’apparato burocratico e  dei grand commis che una volta  assistevano i politici (i politici passano, loro restano), ne traducevano la raffazzonata ed approssimativa volontà politica in testi legislativi corretti e coordinati con il quadro legislativo storico, ne scongiuravano con consigli discreti dietro le quinte, gli errori.

Questa classe non esiste più.  I suoi stipendioni li  prendono gente come Ignazio Visco: prototipo del tecnocrate incompetente e, proprio per questo, servile: verso il Quirinale, verso Bruxelles, verso la Merkel, verso la Lagarde  – verso qualunque donnetta tra Francoforte e Berlino.

“Dove sono i capi ufficio legislativo competenti, i capi di gabinetto callidi e lungimiranti, le segreterie tecniche agguerrite e reattive di una volta?”, chiede Bagnai.

Trent’anni di “nomine”  piddine a questi posti, hanno fatto scomparire questa classe assolutamente necessaria, i sapienti degli “arcana imperi”  in nome di quella continuità che è la patria. Sostituendoli con gente del partito e vicina al partito, magistrati di area, incompetenti  ma “europeisti”  e fedeli – esattamente come sono incompetenti i Gualtieri e i Mattarella.

E questa è una tragedia. Ha ragione Bagnai a preoccuparsi, perché  l’assenza dei “capi di gabinetto callidi e lungimiranti”  danneggerà anche il governo dell’attuale opposizione. Quando sarà.

La secessione di fatto più vicina

Per ora, il gigantesco 550 miliardi di Scholz & Altmaier rispetto ai (forse) 27 di Conte §  Gualtieri,  avrà un ovvio effetto: che il Nord ferito e impoverito dal coronavirus graviterà ancor più verso la Germania  economica e industriale –mentre il Sud arretrerà ancor più verso il reddito di cittadinanza permanente,  senza studiare né lavorare  quindi primitivizzandosi intellettualmente, riducendosi culturalmente al Neanderthal, perdendosi anche questa ulteriore rivoluzione produttiva che si annuncia con gli aiuto di Stato tedeschi.

Il fato che Fontana abbia assunto, per gestire l’emergenza in Lombardia, quel Bertolaso da tutti invocato e che i piddini non hanno voluto, è un chiaro sintomo del futuro.

Questo è ciò che ha ottenuto il  governo piddino per servile timore di  sforare il deficit dettato dal Reich.

Se la ricostruzione è vera, certo ci saranno conseguenze  malvage  per i rapporti europei con la Russia. Gli “americani”  ci venderanno il gas di scisto, i  gasdotti Est-Ovest saranno obliterati? Vediamo. Per ora ci basti questa giornata.

Diplomatici statunitensi coinvolti nella tratta di sangue umano e agenti patogeni per un programma militare segreto

https://www.maurizioblondet.it/diplomatici-statunitensi-coinvolti-nella-tratta-di-sangue-umano-e-agenti-patogeni-per-un-programma-militare-segreto/?utm_medium=push&utm_source=onesignal

(Ricordiamo anche questa scoperta  della grande giornalista Dilyana Gaytandzhieva

US diplomats involved in trafficking of human blood and pathogens for secret military program

L’ambasciata americana a Tbilisi trasporta sangue umano congelato e agenti patogeni come carico diplomatico per un programma militare USA segreto. Documenti interni, che coinvolgono diplomatici statunitensi nel trasporto e nella sperimentazione di agenti patogeni sotto copertura diplomatica, mi sono stati divulgati da addetti ai lavori georgiani. Secondo questi documenti, gli scienziati del Pentagono sono stati dispiegati nella Repubblica di Georgia e hanno ricevuto l’immunità diplomatica per la ricerca di malattie mortali e mordere gli insetti presso il Centro Lugar, il biolaboratorio del Pentagono nella capitale georgiana Tbilisi.

Questa struttura militare è solo uno dei tanti biolaboratori del Pentagono  sparsi in 25 paesi in tutto il mondo. Sono finanziati dalla Defense Threat Reduction Agency (DTRA) nell’ambito di un programma militare da 2,1 miliardi di dollari – Cooperative Biological Engagement Program (CBEP) e si trovano in paesi dell’ex Unione Sovietica come Georgia e Ucraina, Medio Oriente, Sud-est asiatico e Africa.

Il biolaboratorio del Pentagono è pesantemente sorvegliato. Tutti i passanti entro un raggio di 100 m sono filmati sebbene il biolaboratorio militare sia situato in una zona residenziale .

Le guardie di sicurezza mi avvertono che se non rispetterò, mostrerò il mio passaporto e lascerò questo posto, sarò arrestata. Anche la mia richiesta ufficiale al Centro Lugar per l’accesso alla struttura e per le interviste è stata respinta. 

Esperimenti segreti di notte

Tuttavia, torno di notte quando il laboratorio sembra funzionare ancora. Non importa quanto lontano l’aria è carica di odore di sostanze chimiche. Questo odore proveniente dal centro Lugar di notte viene soffiato dal vento nella zona residenziale. I residenti locali del quartiere di Alexeevka, dove si trova il laboratorio, si lamentano che durante la notte vengono bruciate segretamente sostanze chimiche pericolose e che i rifiuti pericolosi vengono svuotati nel fiume vicino attraverso i tubi del laboratorio.

[…]

I vicini ricordano un tragico incidente che coinvolse quattro filippini che lavoravano al Lugar Center. Due degli stranieri sono morti per un presunto avvelenamento da gas nel loro appartamento in affitto nel blocco 44 dell’insediamento di Alexeevka.

“La prima volta che hanno chiamato il servizio di emergenza ci è stato detto che avevano avvelenamento da cibo da pesce. Ma la seconda volta, quando arrivò l’ambulanza, uscì della schiuma dalla bocca. Gridavano: “Aiuto, aiuto!” Quando sono morti, li hanno portati via e hanno coperto tutto. È successo tutto qui ”, Albert Nurbekyan mostra l’appartamento sigillato dove morirono gli scienziati stranieri.

Sangue umano e agenti patogeni come carico diplomatico presso l’ambasciata degli Stati Uniti – documenti trapelati

I documenti interni e la corrispondenza tra il Ministero della Salute della Georgia e l’Ambasciata degli Stati Uniti a Tbilisi mostrano quali esperimenti sono stati condotti presso il Centro Lugar. I documenti trapelati rivelano che l’ambasciata degli Stati Uniti a Tbilisi trasporta agenti patogeni, nonché sangue umano congelato, come carico diplomatico.

Di seguito i documenti che comprovano la natura vampiresca della  “valigia diplomatica”….:  materiali deperibili conservati in ghiaccio secco;  agenti patogeni come il batterio Bartonella e suoi anticorpi, Escherichia Coli, Shigella..


Altri documenti eccezionali sono nell’articolo originale di Dylian. Qui: 

http://dilyana.bg/us-diplomats-involved-in-trafficking-of-human-blood-and-pathogens-for-secret-military-program/amp/

EMERGENZE “NATURALI”, O CENT’ANNI DI CIGNI NERI?

https://fulviogrimaldi.blogspot.com/2020/03/emergenze-naturali-o-centanni-di-cigni.html

MONDOCANE

VENERDÌ 13 MARZO 2020

ITALIA ANNI VENTI, NAZIONE DISTRUTTA: MARCIA SU ROMA-DITTATURA; ITALIA 1969, FINE BOOM: PIAZZA FONTANA – LEGGE REALE; CILE 1973, GOVERNO SOCIALISTA: CARRI ARMATI-DITTATURA; ITALIA 2000 PESTE SUINA, AVIARIA, CRISI: FISCAL COMPACT- MONTI-AUSTERITY; UCRAINA 20011, ACCORDI CON LA RUSSIA: NAZISTI-COLPO DI STATO; SIRIA 2011, ASSE SIRIA-IRAQ-IRAN-LIBANO: AL QAIDA-GUERRA; GRECIA 2020, ANCORA IN VITA: INVASIONE DI “PROFUGHI” AL QAIDA-CAMPAGNA ANTI-GRECA; ITALIA 2020, ACCORDI CON VIA DELLA SETA: VIRUS, CARRI ARMATI E….

Big Pharma-OMS, storia di un matrimonio
Nuova immagine (11)

Nuova immagine (12)

Palermo due giorni fa; Cile 1973

Gendarmi di noi stessi? Costituzione sospesa? Disobbedienza civile in musica e poesia

https://www.youtube.com/watch?v=9M7iGtuJQL4

Non pianger più. Torna il diletto figlio
a la tua casa. È stanco di mentire.
Vieni; usciamo. Tempo è di rifiorire.
Troppo sei bianca: il volto è quasi un giglio.
Vieni; usciamo. Il giardino abbandonato
serba ancora per noi qualche sentiero.
Ti dirò come sia dolce il mistero
che vela certe cose del passato.
Ancóra qualche rosa è ne’ rosai,
10 ancóra qualche timida erba odora.
Ne l’abbandono il caro luogo ancóra
sorriderà, se tu sorriderai.
Ti dirò come sia dolce il sorriso
di certe cose che l’oblìo afflisse.
15 Che proveresti tu se ti fiorisse
la terra sotto i piedi, all’improvviso?
Tanto accadrà, ben che non sia d’aprile.
Usciamo. Non coprirti il capo….
.

Bisogna che tu prenda un po’ di sole,
un po’ di sole su quel viso bianco.
25 Bisogna che tu sia forte; bisogna
che tu non pensi a le cattive cose…
Se noi andiamo verso quelle rose,
io parlo piano, l’anima tua sogna.
Sogna, sogna, mia cara anima! Tutto
30 tutto sarà come al tempo lontano…

.
65 Tutto sarà come al tempo lontano.
L’anima sarà semplice com’era;
e a te verrà, quando vorrai, leggera
come vien l’acqua al cavo de la mano. 
(Gabriele D’Annunzio, “Consolazione”)

O, per chi preferisce, toni di una disobbedienza civile più radicale , ecco qua:

https://www.youtube.com/watch?v=wqVYp6lEEes

Il taglio della lingua, come nel Medioevo cristiano

Nuova immagine (13)

Anzittutto una notizia seria. Chelsea Manning, l’eroina alla base delle rivelazioni di Julian Assange e Wikileaks sui crimini Usa-Nato, ha tentato il suicidio dopo 9 anni in carcere (sette sotto Obama, due sotto Trump) per essersi rifiutata di testimoniare contro Assange davanti a un Gran Giurì segreto. E’ stata liberata, ma sempre sotto minaccia di nuovi arresti e con l’addebito di $256.000 da una pena finanziaria di $1000 per ogni giorno di quel rifiuto. Chelsea ha risposto “Piuttosto che testimoniare contro Julian, muoio”. E ha mantenuto la promessa. Ora ai suoi sostenitori, che dovrebbero essere 7,5 miliardi di umani, il pagamento di questa ghigliottina monetaria. Coronavirus; o USAvirus?

Questa notizia fa il paio, quanto alla natura dell’identità morale e psichica del regime Usa, con l’imposizione di sanzioni a chi osasse fornire all’Iran, terzo paese per numero di contagiati virus (e pour cause!), farmaci e dispositivi per combattere la diffusione del Coronavirus nel paese già massacrato dalle più feroci sanzioni in atto nel mondo.

Nuova immagine (14)

Colonna Nato a Pescara, ieri

Italia, laboratorio dell’evoluzione capitalista. Europa laboratorio della guerra alla Russia

Nuova immagine (15)

Militari Usa in navigazione e marcia per “Defender Europe 20”

Rinfrancatici con note e versi, ritorniamo nella zona buia di una democrazia sospesa, di un auto-arresto domiciliare imposto. Di una militarizzazione feroce del paese e del continente, con i carri armati nelle strade, di pessimo gusto nelle circostanze, 37mila tra militari Usa e Nato che si mescolano, alla faccia del virus, nella spensierata armata che, con la più grande esercitazione dal 1945, “Defender Europe 20”, va simulando ai confini orientali, non una “difesa”, ma un attacco alla Russia. E forse anche il controllo di un’Europa tutta che, di fronte all’ennesima mazzata sociale in preparazione, potrebbe indossare dei gilet gialli. Hanno chiuso tutto, anche i bar in un paese senza cessi pubblici, ma un concentrato di uomini e mezzi, in caserme, mense, strade, navi, aerei, come non s’era visto in 75 anni, quello no, quello non l’hanno chiuso.

Al momento in cui scrivo, con le truppe da tempo in movimento, un minimo di circospezione e il timore di un contraccolpo duro dell’opinione pubblica, ha indotto il Comando Usa a Stoccarda a “ridimensionare” l’esercitazione. Anzichè 37.000 militari e 20.000 mezzi, la metà? Assordante, a proposito, il silenzio di Greta e di tutti i suoi gretisti di rango e di complemento, neanche interessati alla notizia che le FFAA USA inquinano il mondo e cambiano il clima più di 140 paesi messi insieme.

Un Grande Uomo di Stato del colpo su colpo e i suoi corifei

Lo psico-untorame mediatico, capeggiato da un Mentana e da tutta La7 in perpetuo orgasmo catastrofista, sostiene un governo in cui il tizio (acutamente scelto da Di Maio – o Grillo? – a suo tempo!) si sente il “commander in chief”, ma non è altro che il solito “sciaboletta” agli ordini di pupari. L’adepto di Padre Pio (senza trascurare la stella polare Pio IX) si esibisce di sera in sera per ottemperare agli ordini del sempre più feroce stato d’assedio che gli impongono quelli che erano i “fascioleghisti” e sono diventati gli stregoni degli apprendisti di maggioranza. Un casino totale, rinnovantesi ogni 24 ore, con le immancabili anticipazioni dei confidenti di regime, finalizzate, per esempio a trasferire anche al Sud il virusaccio, grazie alla fuga dal Nord di decine di migliaia di preventivamente informati del coprifuoco.  Così ci dobbiamo far crescere i capelli, ma possiamo comprarci un profumo.

Casino che nemmeno il delirio pro-Conte di uno dei giornali più rozzamente atlantisti, il FQ di Travaglio, riesce a trasformare in qualcosa di sensato, come disporrebbe la fedeltà bilderberghiana del suo vice, Stefano Feltri. L’altra sera, da Bilderberg-Gruber, Travaglio, che sembra stare a Conte come Goebbels al Fuehrer, ha dato in escandescenze contro colui che pure è un moderatissimo pilastro dell’establishment, Paolo Mieli (vecchio compagno di Potere Operaio!), il quale si era permesso qualche riserva sulla metodologia del giustamente non eletto premier.

Ma l’OMS e la UE ci ammirano e preparano la garrota

Nuova immagine (17)

 Lagarde, Von der Leyen., inquisite per scandali finanziari

E l’OMS ci dice “bravi” e, dal suo punto di vista, che è quello di Big Pharma, dice bene, e dice bene anche, inquisita per scandali da ministra della Difesa, Ursula von der Leyen,  “siamo tutti italiani”, velo di zucchero sulla mannaia della collega alla testa della BCE, pregiudicata per scandali finanziari, Lagarde, per la quale gli italiani possono anche andare a farsi fottere. Il che implica la rivelazione di una delle direttrici dell’operazione Covid-19: l’annientamento di tutti i “piccoli”, lavoratori, impiegati, precari, commercianti, artigiani, imprenditorietti, che dalle vacche secche, che seguiranno necessariamente per porre rimedio ai tonfi Coronavirus, verranno spazzati via a vantaggio di chi ha le piattafome, l’e-commerce. la gig-economy, insomma Google e Amazon. E l’assetto programmato dalla globalizzazione capitalista finanz-criminale, famelica di monopolio economico e di subordinazione del monopolio politico (sempre mascherato da bipolare). Sarà quello definitivo. Le risorse di costoro stanno alle nostre come Golia con la fionda a Davide senza.

Complottisti sì, ma con judicio

Nuova immagine (18)

Bene, evitiamo di scatenare le accuse di complottismo dei gatekeeper e lavapiatti del sistema e sorvoliamo sulle voci dei famigerati “terrapiattisti” e striscechimichisti secondo cui il virus, una delle armi biologiche di cui del resto è accertata la ricerca e lo sviluppo in

vari laboratori, a partire da quello di Fort Detrick nel Mariland, sia stata utilizzata a scopi politico-economici. E che poi, magari, sarebbe sfuggita di mano, come all’apprendista stregone. Ciò su cui siamo però ben equipaggiati nei confronti di chi dà del terrapiattista a chiunque sollevi il velo su qualche sporco dogma padronale, è l’analisi dei complotti dell’élite nell’uso che questa fa del Covid-19. Ma noi, contro la cavalleria dei suoi Burioni, paraburioni, criptoburioni, pseudoburioni, burioniultrà, abbiamo un gran bell’antidoto.

Voci per non farsi fregare

Nuova immagine (19)

Non solo la nostra eccellente, da Burioni perciò spernacchiata, Maria Rita Gismondo, direttrice di microbiologia e virologia del “Sacco” di Milano, che si affanna a smascherare il vergognoso trucco dell’attribuzione al Coronavirus di tutti i malati e morti di altro, con o senza quel virus, ma addirittura una delle massime autorità europee, Wolfgang Wodarg, internista e specialista delle patologie polmonari, responsabile parlamentare di Salute Pubblica, Medicina igienica, sociale e ambientale, professore alla John Hopkins University di Baltimora, fondatore della Commissione d’Inchiesta su “Etica e diritto della Medicina Moderna”, presidente, nel Consiglio d’Europa, del Comitato Salute, fondatore del Comitato d’inchiesta a Strasburgo sul ruolo svolto dall’OMS in merito alle Peste Suina del 2009, con conseguente discredito per l’organizzazione mondiale. E non avrei finito. Ma ce lo teniamo per dopo, come dessert, o meglio, digestivo, perché da digerire ce n’è.

Alla caccia del vaccino. Le montature precedenti

A partire da qualcosa che inviterebbe anche i più lealisti del Potere ad albergare qualche dubbio sulle origini del virus, ci sono i grandi centri di ricerca sui vaccini, ora tutti, come cavalli ad Ascot, in corsa frenetica per chi arriva primo. Da Israele ci arriva la notizia che un vaccino sarebbe pronto fra 90 giorni. Tenuto conto che per i vaccini contro virus nuovi ci vogliono anni di studio e test, su animali (ahiloro) e umani, gli andreottiani potrebbero pensare che qualcuno laggiù sapeva già tutto. Ma il caso più eloquente su ciò che muove e si muove attorno alle epi-e pandemie è quello del Dottor Albert Osterhaus, eminente ricercatore del virus H1N1, la peste suina, all’Università. Erasmus di Rotterdam. Indagato per conflitti d’interesse e reati finanziari, avendo pompato oltre ogni decenza la mortalità di quel virus, poi spentosi rapidamente con lo spreco di miliardi di dollari guadagnati dai farmaceutici per milioni di vaccini buttati (anche da noi). Il furbastro della speculazione sulla paura fu accusato di essere il perno di una Pharma-mafia che, da consigliere massimo dell’OMS, permise a lui e ai suoi soci di arricchirsi in misura paperonesca.

Volpi e polli del virus

Nuova immagine (1)

A dispetto di tutto ciò e anche di un suo precedente ruolo analogo in tutte le manifestazioni virali degli ultimi decenni, compreso quello Sars di Hong Kong e poi quello della fantasmatica Aviaria, quando, da consulente della Commissione Europea, ne esagerò una presunta portata micidiale mondiale, sempre a favore della ricerca di vaccini, inventandosi anche la fola che il 30% degli uccelli europei sarebbero portatori di quel virus. I suoi sforzi fecero emergere l’allora presidente OMS, Margaret Chan, resasi poi amatissima dai farmaceutici per aver commissionato miliardi di inutili vaccini antivirali, in particolare i costosissimi Tamiflu di Roche e Relenza di GlaxoSmithKline, provate poi del tutto inefficaci. Intanto, però, nel 2009, dalla minaccia di Osterhaus, consulente del governo olandese, che la peste suina sarebbe stata peggio della Spagnola, la ditta farmaceutica ViroClinics ricavò la commissione statale di 34 milioni di vaccini. Di quella società Osterhaus possedeva il 10%.

Ebbene ci credereste che un soggetto del genere possa essere in campo come autorevole ricercatore, esperto, consigliere di grandi istituti e, soprattutto, del “Gruppo Scientifico di Lavoro sull’Influenza dell’UE”? Che, del resto, è fondato e finanziato dagli stessi farmaceutici che ad esso, come all’OMS, affidano le loro fortune da pandemia? E che possa essere di nuovo nelle grazie dell’OMS, oggi diretto dall’etiope Tedros Adhanom Ghebreyesus? Adesso Osterhaus è in Germania, allontanato dall’Olanda per i traffici virali, lo hanno fatto nientemeno che direttore al “Centro di Ricerca su Infezioni Emergenti e Zoonosi”, all’Università di Medicina Veterinaria di Hannover e, pure, direttore della “Rete Globale Virus della Fondazione Salute Artemis One”. E cosa annuncia anche stavolta l’illustre professore? “Con le nostre esperienze e i nostri contributi in occasione delle epidemie MERS e SARS, come anche dei mortali virus H7N7 e H5N1, stiamo lavorando a un vaccino per questo nuovo coronavirus”. In corsa anche lui, di nuovo. Ci sono tutte le ragioni per fidarsi. Come dei 12 vaccini obbligatori. Come del “tutti in casa, zitti e mosca”.

Razionalità onesta e dunque dissidente. A rischio.

Chiudo, ma solo per oggi, con un bagno di razionalità, competenza, correttezza, salute morale. Alcuni estratti da un documento diffuso ieri dal Professor Wolfgang Wodarg, di cui sopra vi ho elencato i titoli. Vediamo cosa faranno al Prof. Wodsarg e a quella mezza dozzina di italiani che gli danno retta. Già solo se porto il bassotto Ernesto a più di 10 metri da casa, rischio tre mesi.

Nuova immagine (2)

“La campagna propagandistica Coronavirus non è fondata su un rischio sanitario straordinario. Però infligge un danno rilevante ai nostri diritti personali e di libertà mediante ingiustificate misure proibitive e di quarantena. Sono scenari dell’orrore che vanno ripetendosi da due decenni. Ma la pandemia di Peste Suina era in effetti una delle più lievi ondate di influenza della Storia, mentre ancora oggi gli uccelli migratori restano in attesa della famigerata peste aviaria.

Non stiamo misurando l’incidenza delle patologie da virus, bensì l’attività degli specialisti che le cercano. Tutte le istituzioni che oggi ci allarmano hanno ripetutamente fallito e ci hanno lasciato inermi (occhio al mio prossimo post), troppo spesso perché corrotte da interessi economici e politici.

Sistematicamente vengono messi sul conto di ogni ondata di influenza circa il 15% di malattie polmonari, per cui anche oggi, quanto a numero di casi, siamo in piena norma. Norma che prevede un deceduto su mille malati, ma che viene alterata verso l’alto attraverso l’impiego selettivo di documentazioni limitate alle cliniche, dato che quei ricoverati di solito stanno molto peggio di coloro che si curano in casa. Ovviamente, quando si ricerca il virus con particolare accanimento, è facile spiegarne l’accumulo regionale.

I servizi horror dei media occidentali da Wuhan erano il bonus di cui i virologi di tutto il mondo erano in attesa. Subito si sono precipitati a scannerizzare i ceppi virali nei loro frigo per confrontarli con il novellino di Wuhan e tirarne fuori esiti redditizi. Ha vinto la gara un laboratorio della Charité di Parigi e ottenne dalla solita OMS di commercializzare i suoi test in tutto il mondo a prezzi moltiplicati. E’ in atto la corsa miliardaria al vaccino.

Infine, se ora in Cina le cose risultano sotto controllo e in Italia i casi aumentano, c’è chi possa dire se indagini e esami analoghi sono state compiuti negli inverni passati, dove, perché e con quali risultati? Se si afferma che c’è qualcosa di più, ci si dovrebbe riferire a qualcosa che c’è stato (in Italia 5000 decessi da influenza, più o meno nel periodo degli attuali 1000).

Su Diego Fusaro, filosofo e politologo, si formulano pensieri e si provano sentimenti vari. Resta il fatto che, al di là di certi connubi che non condivido, è uno dei pochi che canta fuori dal coro, che respinge pensieri unici e che coltiva la sana scienza, come dice, del “dubbio socratico”.

https://www.youtube.com/watch?v=b7C-3eQYirg Diego Fusaro, carri armati.

Pubblicato da Fulvio Grimaldi alle ore 19:31

LA GERMANIA SI CONSENTE TUTTO CIò CHE LA UE VIETA

https://www.maurizioblondet.it/la-germania-si-consente-tutto-cio-che-la-ue-vieta/?utm_medium=push&utm_source=onesignal

La Germania ci fa passare di meraviglia in meraviglia.

Di colpo, stanzia  550 miliardi di euro (MILIARDI)  per il sostegno della sua economia.

Lo fa attraverso la banca pubblica KfW   – Kreditanstalt für Wiederaufbau:     ossia con “aiuti di Stato”, demonizzati se anche solo li prospettiamo noi, e puniti con multe se  proviamo a realizzarli.

Lo fa con estrema rapidità, senza passare per le lungaggini i dubbi e le regole che a noi impone la UE. “Stiamo mettendo tutte le nostre armi sul tavolo in una volta”,   ha dichiarato il ministro delle finanze Olaf Scholz.

Aggiungendo chiaramente che, se occorre,  saranno anche pi dei 550 MILIARDI. Non esiste un limite massimo alla quantità di credito KfW può garantire ”.

Ma come! Da dove prende i soldi la KfW?  Pensa che essi vengano creati dal nulla?  E le coperture?  E la  ferrea volontà  di giungere allo Zero Null, ossia bilancio in pareggio senza nemmeno un euro di emissione di debito? Soprattutto:  e dove  va  a finire  il sacro “freno all’indebitamento”   per cui il governo germanico non può contrarre nuovi debiti se non entro il limite dello 0,35% della crescita economica,    che  il paese intero ha voluto scolpire nel marmo della Costituzione, per renderlo stabile  e inamovibile ed etertno come le Piramidi?

Scholz,  facendo spallucce: “Non si deve puntare a risparmiare,  in una crisi”. Peter Altmaier, ministro dell’economia: “Abbiamo promesso che questo (piano) non fallirà per  mancanza di denaro o della mancanza di volontà politica: Non esiste un limite massimo alla quantità di credito KfW può garantire ”.

Trasecoliamo. Tutte le  misure   che sono malviste, ostacolate, ritenute  sospette  a Bruxelles e alla BCE,  come sintomi di maleodorante ed eversivo sovranismo, quando non della volontà di”vivere sopra i propri mezzi” dei meridios,  di  colpo  vengono adottate da Berlino – in blocco e  senza consultare i membri della zona monetaria – e sono linde, belle, utili e profumate di bucato.

Nazionalizzare si può!?

E le sorprese sono  forse finite qui?  Trasecolate:

Altmaier dice allo Spiegel che le  aziende  d’importanza strategica andrebbero nazionalizzate – e rilocalizzate in patria: la crisi del coronavirus  ci ha insegnato che le nostre farmaceutiche dipendono troppo dalle importazioni dall’Asia  dei componenti principali; bisogna riportare i loro  siti di produzione in Europa: “L’idea giusta è ridurre al minimo le dipendenze unilaterali, per riconquistare la sovranità nazionale nelle aree sensibili”.

Ha detto proprio “riconquistare la sovranità!”. Ha usato la parola sporca, condannata  da El  Papa Bergoglio! Da Repubblica! Da Mattarella e Cirinnà!   E adesso, anche la meravigliosa de-localizzazione, il prestigioso out-surcing nei paesi dove le paghe sono basse,  non sembra più indiscutibile. Scandalo!  Protezionista! Sospetto di fascismo.

Cosa dirà la UE di questo progetto protezionista, nazionalizzazioni e ri-localizzazioni in patria , un insulto alla libertà mondiale dei mercati?  Cosa diranno Ursula Van Der Leyen?  Tuonerà Gentiloni,  farà pesare  il suo biasimo David Sassoli? Non risulta che sino stati consultati.  L’elenco delle industrie “strategiche” e quindi nazionalizzabili non sarà lasciato a Bruxelles.  Lo decide Berlino per sé.

Bruno Le Maire, il ministro francese dell’economia, ha una lista: bisogna riconsiderare tutte le  catene del valore strategiche –   nell’aeronautica, nello spaziale, nell’auto, nella  farmaceutica e vedere a qual livello dipendiamo dall’approvvigionamento estero”; ha detto. “Se  scopriamo che per certe filiere dipendiamo per il 70-80 per cento dall’estero, bisogna rimpatriarne un certo numero  o crearne queste attività sul nostro territorio”. Dice  che vuole diminuire la dipendenza della Francia dalla Cina…

E no, e qui noi sbalorditi  troviamo il coraggio di reagire:  ben istruiti, sappiamo che la ri-localizzazione  della farmaceutica di base dalle Cina sarebbe anti-economica, avremmo prodotti che costerebbero di più; sarebbe uno spreco di  capitale e di   denaro pubblico. No,  ministro Le Maire,  noi  sappiamo che  è il capitale alla ricerca del profitto che meglio alloca le risorse, e sfrutta i vantaggi  competitivi.  Ce lo hanno spiegato per decenni  tutti i columnist liberisti dei grandi giornali,  della tv e della radio, d abbiamo ben appreso la lezione.

Ché poi non crediate, voi sovranisti e populisti italiani dal cattivo odore, che le regole nuove   che si sono dati i berlinesi –  a cominciare dalla banca di stato che apre un credito illimitato alle  imprese a scopo di protezionismo  –  valgano adesso per gli altri europei. Valgono solo per chi ha   poco debito pubblico e grandi avanzi, come la Germania.

Loro possono permettersi  statalismo, protezionismo, nazionalismo economico. Noi no. Lo ha detto chiaro Dombrovskis: “Non stiamo sospendendo il Patto di stabilità e di crescita, semplicemente  usiamo tutta la flessibilità che prevede”.

Il Patto orwellianamente chiamato di Stabilità e Crescita, impedisce di fare ad uno stato indebitato  tutto ciò che sta facendo adesso la Germania: iniezione di liquidità al sistema economico per mezzo di una banca di Stato,  e in misura illimitata.   Ci lasciano solo spendacchiare 24miliardi, soldi nostri, promettendo dii non calcolare le spese per l’emergenza virus ai fini del saldo strutturale di bilancio: questa è la “flessibilità” che ci cosnentono. Con cui dobbiamo affrontare un crollo del Pil dell’ordine del -10  o -15% e più.   . Perché noi siamo europeisti e anti-sovranisti, quindi obbediamo a Dombrovskis .

Noi crediamo che i confini ormai non abbiano più senso. Dalle ultime notizie, la Danimarca ha chiuso i suoi confini “agli stranieri”. In ciò,  anticipata dalla Polonia e dalla Cechia e dalla Slovenia. E dall’Austria che chiude in confini agli italiani.  Gli italiani incastrati all’estero non riescono a tornare, perché mancano i voli diretti e i treni si fermano prima delle frontiere.

Una bella notizia.  La nostra polizia, insieme a quella polacca, sta ai confini della Grecia a contrastare l’ondata dei falsi profughi falsi-siriani.  Ossia  la nostra polizia fà in Grecia ciò che le è vietato fare in Italia:

BasedPoland@BasedPoland
 

I’m filled with pride when I see the Polish border guards (the cars with the Green color) in move toward the Greek-Turkish borders.

The blue car belongs to the Italian police.

Come on Europe! Join us to protect the border of our 3000- years-old European civilization!

Video incorporato

E’ già stato fatto anche da Fusaro, ma è  bello vedere cosa   ci ha  insegnato il coronavirus:

gli investimenti pubblici servono e si possono fare.

Il deficit del3% si  supera senza che salga lo spread.

E’ la BCE, non i mercati, che pilota lo spread.

I mercati non sono razionali.

Le frontiere servono

Avere la propria moneta è fondamentale”

(Fabio Baioni)

Lo capissero  anche i nostri Quisling…

UE: no al virus, si alla guerra

http://www.altrenotizie.org/rubriche/analisi/8821-ue-no-al-virus-si-alla-guerra.html?fbclid=IwAR3qBmkUuA1GnAUIABOhQtGy5PF536RlJG_LRxlmWzqUoo0IZVEKNJpq0v8

I ministri della Difesa dei 27 paesi della Ue, 22 dei quali membri della Nato, si sono incontrati il 4-5 marzo a Zagabria in Croazia. Tema centrale della riunione (cui ha partecipato per l’Italia il ministro Guerini del Pd) non è stato come affrontare la crisi da Coronavirus che blocca la mobilità civile, ma come incrementare la «mobilità militare». Test decisivo è l’esercitazione Defender Europe 20 (Difensore dell’Europa 2020), in aprile e maggio.

Il segretario generale della Nato Stoltenberg, che ha partecipato alla riunione Ue, la definisce «il più grande spiegamento di forze Usa in Europa dalla fine della Guerra Fredda». Stanno arrivando dagli Usa in Europa – comunica lo Us Army Europe (Esercito Usa in Europa) – i 20.000 soldati che. insieme ad altri 10.000 già presenti e a 7.000 di alleati Nato, «si spargeranno attraverso la regione europea». Le forze Usa portano con sé 33.000 pezzi di equipaggiamento militare, dagli armamenti personali ai carrarmati Abrams.

Occorrono quindi adeguate infrastrutture per il loro trasporto. C’è però un problema, evidenziato in un rapporto del Parlamento Europeo (febbraio 2020): «Dagli anni Novanta le infrastrutture europee sono state sviluppate puramente a scopi civili. La mobilità militare è però ritornata ad essere una questione chiave per la Nato. Poiché la Nato manca degli strumenti per migliorare la mobilità militare in Europa, l’Unione europea, che ha gli strumenti legislativi e finanziari per farlo, svolge un ruolo indispensabile». Il Piano d’azione sulla mobilità militare, presentato dalla Commissione europea nel 2018, prevede di modificare «le infrastrutture non adatte al peso o alle dimensioni dei mezzi militari».

Ad esempio, se un ponte non può reggere il peso di una colonna di carrarmati, deve essere rafforzato o ricostruito. In base a tale criterio, la prova di carico del nuovo ponte, che a Genova sostituirà il ponte Morandi crollato, dovrebbe essere fatta con carrarmati Abrams da 70 tonnellate. Tali modifiche, inutili per usi civili, comportano forti spese a carico dei paesi membri, con un «possibile contributo finanziario Ue». La Commissione europea ha destinato a tale scopo un primo stanziamento di 30 miliardi di euro, denaro pubblico proveniente dalle nostre tasche.

Il Piano prevede inoltre di «semplificare le formalità doganali per le operazioni militari e il trasporto di merci pericolose di tipo militare». Lo Us Army Europe ha richiesto l’istituzione di «un’Area Schengen militare», con la differenza che a circolare liberamente non sono persone ma carrarmati. L’esercitazione Defender Europe 20 – è stato detto all’incontro di Zagabria – permetterà di «individuare nella mobilità militare qualsiasi strozzatura, che la Ue dovrà rimuovere». La rete dei trasporti Ue sarà quindi testata da 30.000 soldati Usa, che «si spargeranno attraverso la regione europea», esentati dalle norme sul Coronavirus.

Lo conferma il video dello Us Army Europe sull’arrivo in Baviera, il 6 marzo, dei primi 200 soldati Usa: mentre in Lombardia, a poche centinaia di km di distanza, vigono le norme più severe, in Baviera – dove si è verificato il primo contagio europeo di Coronavirus – i soldati Usa, scesi dall’aereo, stringono le mani delle autorità tedesche e abbracciano i commilitoni senza alcuna mascherina.

Sorge spontanea la domanda: forse sono già vaccinati contro il Coronavirus? Ci si domanda inoltre che scopo abbia «il più grande spiegamento di forze Usa in Europa dalla fine della Guerra Fredda», ufficialmente per «proteggere l’Europa da qualsiasi potenziale minaccia» (con chiaro riferimento alla «minaccia russa»), nel momento in cui l’Europa è in crisi per la minaccia del Coronavirus (c’è un caso perfino nel Quartier generale Nato a Bruxelles). E poiché lo Us Army Europe comunica che «movimenti di truppe ed equipaggiamenti in Europa dureranno fino a luglio», ci si domanda se tutti i 20.000 soldati Usa ritorneranno in patria o se una parte resterà invece qui con i suoi armamenti. Il Difensore non sarà mica l’Invasore dell’Europa?

fonte: www.voltairenet.org

Defender Europe non è un’invasione militare americana

https://www.limesonline.com/defender-europe-esercitazione-usa-invasione-russia/117104?fbclid=IwAR3khPYhqRK6vs5fPcZ1-ffm_mioFF5865qHgvNY2Y9R2HXAqY1SgDmPuNw

Carta di Laura Canali, 2019

Carta di Laura Canali, 2019.

Con la gigantesca esercitazione in Europa, gli Usa mettono in chiaro che da qui non se ne vanno. Anzi, occupano lo spazio tra Mosca e Berlino. Messaggio a Putin: la Russia resti al suo posto.

Durante questi giorni complicati, l’articolo sarà leggibile gratuitamente da tutti.

Per approfondire, leggi America contro tutti

[Articolo aggiornato il 12 marzo 2020]


Gli Stati Uniti detengono le chiavi militari dell’Europa. Coerentemente con la loro strategia geopolitica, cercano di contenere i loro rivali, Russia e Cina in testa. I paesi del Vecchio Continente non hanno alcuna voglia di occuparsi della propria sicurezza.


È da queste tre considerazioni strategiche che bisogna partire per capire Defender Europe-20, gigantesca esercitazione iniziata in questi giorni in Europa. E attorno alla quale sono nate le più fantasiose teorie del complotto e l’infondata impressione dell’imminenza di una guerra mondiale.


Eppure, la più grande manovra militare dai tempi della guerra fredda porta alla luce alcune delle questioni geopolitiche fondamentali, e inaggirabili, del nostro tempo.


Partiamo dai numeri, perché danno l’idea dell’enorme mobilitazione. Gli Usa avevano previsto di spedire in Europa 20 mila militari da praticamente metà del paese (23 Stati su 50), cui aggiungerne 9 mila già presenti nel nostro continente e 8 mila forniti da una quindicina di membri della Nato, Italia inclusa. Totale: 37 mila. L’11 marzo il Comando per l’Europa (Eucom) ha annunciato che il numero di soldati sarà ridotto a causa della pandemia del coronavirus, per garantire la sicurezza delle truppe. In ogni caso, questo è il dato importante, l’esercitazione si svolgerà lo stesso.


Non si tratta di un’invasione. In Europa sono stabilmente stanziati oltre 66 mila militari statunitensi, dislocati in basi in una dozzina abbondante di paesi, dalla Spagna alla Norvegia, dal Regno Unito alla Grecia. I principali paesi che li ospitano sono la Germania (più di 35 mila in 194 installazioni) e l’Italia (circa 13 mila in una decina di strutture). Non è un caso che siano gli sconfitti della seconda guerra mondiale: dal Giappone al Kuwait, è prassi che l’America si conquisti sul campo il diritto di acquartierare truppe all’estero.


Carta di Laura Canali, 2020

Carta di Laura Canali, 2020


Il dato più rilevante è che l’America si sta addestrando a trasportare massicci contingenti sull’altra sponda dell’Atlantico. Non è un’operazione banale: da sempre la logistica è uno dei crucci bellici principali. Anche nel fatato mondo della globalizzazione, in cui tutto sembra subito disponibile. Una delle chiavi del successo statunitense nelle tre guerre (due mondiali e una fredda) del Novecento per il dominio sull’Europa è stata proprio la capacità di far arrivare uomini, mezzi e rifornimenti attraverso l’Oceano. Winston Churchill riteneva la battaglia dell’Atlantico fra i convogli americani e i sottomarini tedeschi il fronte più importante del conflitto con la Germania nazista.


L’apertura della rotta atlantica è l’emblema della supremazia a stelle e strisce sull’Europa. Ma il ritorno della Russia a una postura militare normale e i suoi potenti sottomarinprovenienti dall’Artico obbligano gli strateghi di Washington a non darla per scontata. Senza inutili enfasi: il punto non è tanto se Mosca sia o no minacciosa (non lo è), è che sul primato nei mari l’America si gioca la leadership. Non può tollerare che nessuno rappresenti neanche un vago rischio sulle onde. Deve rassicurare se stessa di saperle ancora tenere aperte. Per questo la Marina ha rispolverato la tattica dei convogli. E per Defender Europe ha messo a disposizione una portaerei, sommergibili e velivoli da ricognizione antisottomarina per scortare le navi mercantili. Sulle quali sono caricate enormi quantità di armamenti: 20 mila pezzi, dai carri armati alle mitragliatrici. Si calcola che occupino una superficie di 120 mila metri quadrati, quasi due volte il Circo Massimo.


Carta di Laura Canali - 2018

Carta di Laura Canali – 2018


Oltre alla libertà delle rotte marittime, gli Stati Uniti vogliono saggiare quella delle rotte terrestri. Dai porti di Brema (Germania), Anversa (Belgio) e Vliessigen (Paesi Bassi), militari e armamenti attraverseranno mezza Europa per addestrarsi in Polonia e nelle tre repubbliche baltiche. Attingeranno altri mezzi, 12 mila pezzi dai depositi di Zutendaal in Belgio e Dulmen e Mannheim in Germania. Familiarizzeranno con strade e ferrovie, ponti e colli di bottiglia (come la breccia di Suwałki), cronometrando quanto ci si mette da A a B, dove bisogna potenziare le infrastrutture perché di lì non si passa. Paracaduteranno truppe nei paesi orientali e in Georgia. Condurranno altre sei esercitazioni minori (Allied Spirit, Dynamic Front, Joint Warfighting Assessment, Saber Strike, Swift Response e Trojan Footprint), testando nuovi modi di combattere, in particolare quelli che integrano la dimensione cibernetica e quella spaziale.


A livello geopolitico, Defender Europe lancia tre messaggi.


Primo, l’America non sta abbandonando l’Europa, anzi. Narrazione fin troppo diffusa alle nostre latitudini, nella convinzione che Washington voglia dedicarsi esclusivamente all’Indo-Pacifico, dismettendo gli impegni in questo spicchio di mondo. Ma non è ciò che sta accadendo. Sotto Trump le truppe nel nostro continente sono aumentate e i fondi assegnati al Comando militare per l’Europa (Eucom) sono cresciuti. Defender Europe è figlia di questi investimenti. Solo due anni fa non sarebbe stata possibile, ha ammesso il comandante di Eucom, generale Tod Wolters. Il fatto che si svolga nonostante la diffusione del coronavirus testimonia quanto le Forze armate ritengano cruciale questa penisola per gli equilibri mondiali. Hanno cancellato manovre simili, per esempio in Norvegia e Corea del Sud. Non questa. Nell’emergenza, gli Stati Uniti scelgono l’Europa per dire a russi e cinesi che i loro militari non fanno marcia indietro.


Peraltro, nessun governo europeo vorrebbe che l’America se ne andasse. Nemmeno il presidente francese Emmanuel Macron, che quando ha parlato di “morte cerebrale della Nato” intendeva provocare per aggiustare gli equilibri interni all’alleanza a favore di Parigi. Figurarsi poi la Germania, troppo spaventata dal suo oscuro passato per assumersi responsabilità militari. L’America si è ritagliata un impero europeo grazie alla vittoria nel 1945 e nella guerra fredda. Ma è stata anche invitata a farlo dalle nostre prostrate nazioni.


Carta di Laura Canali, 2019

Carta di Laura Canali, 2019


Secondo, la Russia deve stare al suo posto. L’esercitazione svolge una funzione di deterrenza, di intimidazione. Gli americani sono tornati a ritenere possibile la guerra in Europa. Non se lo sono inventati, è la principale conseguenza della crisi in Ucraina del 2014. Quando il tentativo di Kiev, incoraggiato e cavalcato dall’Occidente, di sottrarsi alla sfera di Mosca ha spinto Putin a prendere la Crimea e a spedire i carri armati nel Donbas. La posta in gioco è proprio la legittimità per il Cremlino di esercitare influenza nel suo ex impero. Ciò che gli Stati Uniti, per ragioni tanto strategiche quanto sentimentali, intendono negargli. Così una nuova cortina di ferro è tornata a calare sul continente. Solo che stavolta corre lungo le frontiere russe e produce instabilità. Defender Europe discende da questa strategia di contenimento. Tiene impegnata Mosca a guardarsi dall’avversario sull’uscio di casa.


Terzo, gli Stati Uniti stanno occupando lo spazio tra Mosca e Berlino. È l’Europa di mezzo, cordone sanitario che separa fisicamente le due massime potenze del continente. E allontana l’incubo che si saldi mai un’intesa fra Russia e Germania. Sembra inconcepibile, vedendo quanto poco si amano Merkel e Putin. Eppure nella storia i due imperi si sono usati a vicenda, rigorosamente sulla pelle delle nazioni nel mezzo. La guerra fredda era esattamente questo: evitare che nelle mani dei sovietici cadesse l’intero spazio germanico, cuore degli equilibri del continente. Nel bene e nel male. Defender Europe serve a includere il territorio a est di Berlino nella piena disponibilità strategica di Washington. Suo contraltare economico è lIniziativa dei Tre Mari, lautamente finanziata dagli americani per creare infrastrutture stradali, ferroviarie ed energetiche nei 12 membri centro-orientali dell’Ue – quindi per aiutarli a smarcarsi dalle dipendenze russo-tedesche e sigillarli dallavanzata della Cina.


Il comune denominatore di questi tre messaggi è che le collettività europee non sono padrone delle scelte di strategia militare che le riguardano direttamente. Da questa condizione geopolitica deriva lo sbigottimento popolare nei confronti di Defender Europe. Parigi e Berlino, per non parlare di Roma, desidererebbero una relazione più accomodante con Mosca. Perché le sono abbastanza lontane da non temere un’invasione, ma sufficientemente vicine per essere obliterate per prime in caso di guerra Usa-Russia, che potrebbe comportare l’uso dell’atomica. Tuttavia, questa condizione fa a pugni con un’altra costante delle nostre società: l’imperante mentalità pacifista ed economicista. Nessuno ha un esercito in grado di combattere da solo. Nessuno deve pensare alla propria sicurezza da tre quarti di secolo. Nessuno sarebbe disposto a stanziare i mastodontici fondi necessari, a recuperare lo spirito violento che sottende tanta impresa.


Sotto l’ombrello protettivo americano non si sta poi così male. Dolce trappola d’Europa.


Carta di Laura Canali

Carta di Laura Canali