“IN VALSUSA NESSUNA ORGANIZZAZIONE MILITARE MA UN IMPORTANTE LABORATORIO POLITICO”

Arringa dell’avvocato al maxi processo No Tav che vede imputate 53 persone per gli scontri dell’estate 2011

28/10/2014

PAOLA ITALIANO
TORINO

«Se non si considera il contesto e il fatto che in Valsusa ci fu una militarizzazione, non si può capire quel che avvenne nell’estate 2011»: l’avvocato Claudio Novaro ha così introdotto la sua arringa al maxi processo No Tav che vede imputate 53 persone per gli scontri del 27 giugno e del 3 luglio 2011. Per tutti, la procura di Torino ha chiesto condanne per un totale di circa 190 anni di carcere. All’aula bunker del carcere delle Vallette Novaro ripercorre con l’ausilio di filmati i fatti del 27 giugno. «Dietro quelle giornate – ha detto il legale – c’è un conflitto sociale degradato dalla procura a problema di ordine pubblico. La Libera Repubblica della Maddalena – ha aggiunto – non era un’organizzazione militare, ma un laboratorio politico importante». 

“IN VALSUSA NESSUNA ORGANIZZAZIONE MILITARE MA UN IMPORTANTE LABORATORIO POLITICO”ultima modifica: 2014-10-30T20:35:53+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *