IL MONDO È TUTTO UN VIRUS — SCIENZA, MEDIA, PENSIERO UNICI —- DOPO LA LEGGE MARZIALE, IL DOGMA E LA CENSURA

https://fulviogrimaldi.blogspot.com/2020/03/il-mondo-e-tutto-un-virus-scienza-media.htmlMONDOCANE

SABATO 28 MARZO 2020

Dante, Inferno X, Eretici

“In Era Covid-19 abbiamo da un lato scienziati solitsti, interessati ad autoreferenziarsi piuttosto che a confrontarsi, dall’altro una bulimia di informazioni, diffuse a scopo più strumentale che informativo”. (Maria Rita Gismondo, direttore Microbiologia clinica e Virologia, Ospedale Sacco, Milano)

Il top della scienza: in galera gli eretici!

https://www.byoblu.com/2020/03/25/il-patto-trasversale-per-la-scienza-di-burioni-chiede-alla-procura-loscuramento-di-byoblu-byoblu24/

Prima una notizia di quelle che fanno accapponare la pelle dalla radice dei capelli all’unghia del ditone. Aveva già assaltato con una “diffida legale” la direttrice di Virologia del “Sacco” di Milano, Maria Rita Gismondo, una delle voci della scienza “altra” rispetto a quelle che, sostenute dall’apparato farmaceutico e politico, dettano legge su virus e vaccini. Voci sparute e inascoltate in Italia, numerose e autorevoli all’estero. Poi la sua volontà di imporsi come monopolista dell’unica Scienza da lui ammessa e propagandata, insieme ai tanti brevetti anti-virus di cui si è assicurato la proprietà, gli ha ulteriormente fatto perdere il senso delle proporzioni tra se stesso e le storiche e perenni varianti di interpretazione scientifica. Si parla del Dr. Roberto Burioni che ha denunciato alle procure di Modena e di Ancona Byoblu di Claudio Messora. E ha loro chiesto, tenetevi forte, di oscurarla.

Roberto Burioni, Claudio Messora

Byoblu è una web-tv che da anni, godendo di milioni e milioni di visualizzazioni e di decine di migliaia di sostenitori, rappresenta una voce preziosissima, anzi irrinunciabile, per chi non si piega all’unanimismo dei media di regime. Oltre tutto, un sito che nelle sue trasmissioni si preoccupa di dare spazio, oltre che a voci “eterodosse” rispetto al mainstream, a coloro che si collocano dal lato “giusto” degli schieramenti. Insieme a Byoblu è stato denunciato un ospite, il Dr. Stefano Montanari, che, insieme alla sua compagna, Antonietta Gatti, da molti anni produce ricerche e risultati, apprezzati in tutto il mondo, su microparticelle e polveri ultrasottili. Ricerca ed esiti del tutto sgraditi a coloro le cui attività anti-ecologiche e antisalutari sono all’origine della diffusione di queste particelle, indubbiamente facilitatrici dell’incidenza di virus influenzali per i danni inflitti al sistema respiratorio e non solo. Ebbi il privilegio, insieme ad altri, di partecipare anch’io a una trasmissione di Byoblu, pochi giorni prima di Montanari e, per le opinioni espresse, che sono quelle a molti italiani note e non dissimili a quante messe virtualmente sul rogo da Burioni & Co., devo aver contribuito all’anatema lanciato contro Claudio Messora.

Il censore: Byoblu delenda est

Ebbi il privilegio di intervistare la dottoressa Gatti, consulente scientifica di molti governi, sul ruolo che le esercitazioni a fuoco nelle basi Nato e italiane, insieme alle sperimentazioni di esplosivi e sostanze chimiche di produttori da tutto il mondo, potrebbero aver avuto sull’eccezionale mortalità di umani e animali in Sardegna. Figuriamoci la simpatia che le possono aver riservato i responsabili di tali attività. Non stupisce perciò come, nella sua pretesa di rappresentare l’unica scienza veritiera, accreditata e titolata a pronunciarsi su interpretazioni e provvedimenti relativi a questo come a tutti i virus, Burioni, prestigioso esponente insieme ad altri virologicamente consanguinei, del “Patto Trasversale per la Scienza” e feldmaresciallo della guerra contro i novax, si sia ritenuto in diritto/dovere di segnalare alla Giustizia trasgressori mediatici e scientifici del suo unicissimo pensiero.

Si prospetta una notte di San Bartolomeo che la faccia finita con tutti gli ugonotti (ho la tara di esserne un discendente) che insistono a propagare opinioni diverse da quelle del luminare del San Raffaele di Milano (Clinica privata multimiliardaria fondata dal noto Don Verzè, prete spretato e pluricondannato per corruzione e abusi edilizi). Il San Raffaele in tempi recenti è stato beneficiario, insieme alla clinica Maugeri, di 60 milioni di euro sottratti dal presidente della Lombardia Formigoni alla Sanità pubblica in cambio di tangenti e in cambio di 5 anni e 10 mesi di carcere, con pena ridotta, grazie a prescrizione, per la corruzione relativa al San Raffaele.

Italexit, fusse che fusse la vorta buona…

La prima, immediata conseguenza geopolitica agli occhi di noi non pazzamente innamorati della gabbia UE-euro è la riapertura della finestra per una possibile Italexit. Assistiamo all’implosione di quella specie di vergine di Norimberga che, da quando il Grande Vecchio Romano Prodi ce la inflisse, ci teneva chiusi e trapassati dai suoi chiodi d’acciaio. Tutti i sempre demagogici e altisonanti discorsi di solidarietà, fratellanza, coesione, con cui un costrutto del tutto politicamente immotivato e deleterio, voluto dagli Stati Uniti per eliminare dalla scena gli Stati nazionali con le loro costituzioni democratiche e antifasciste, sono svaporati. Li ha dissolti la realtà di una pseudounione autoritaria, illegittima e predatrice, servita esclusivamente a disintegrare quel poco di democrazia conquistata dalle masse dopo il 1945 e a imporci un ordine di burocrati non eletti e totalmente soggetti alle lobby dei grandi poteri economici a guida Usa e francogermanica. Il confronto tra gli sprezzanti dinieghi della BCE di Lagarde e la stitichezza di aiuti tuttora eventuali, il rifiuto della Germania e dei suoi satelliti di rinunciare al MES, meccanismo debito-austerità che ha ucciso la Grecia, e la generosità di paesi che l’UE ci aveva insegnato a odiare, ne hanno decretato la fine, quanto meno morale e ideologica.

Una geopolitica senza comprimari

E’ sparito il resto del mondo, se l’è mangiato CVovid-19. Non so se al tempo in cui leggerete queste note sarà ricomparso, o forse svanito in un gigantesco blob di coronavirus e conseguenti effetti collaterali.  Il vantaggio per i governanti e i poteri della nostra parte del pianeta è che, con il resto del mondo, spariscono crimini dell’imperial- capitalismo. Per noi il vantaggio si riduce alla sparizione delle ONG, organizzazioni governative e del bancomat George Soros. Niente più Medici Senza Frontiere, Medici per i Diritti Umani, Save the Children, Avaaz e neanche Amnesty e Human Rights Watch, in carenza, di “dittatori”, anti-americani e spargivirus, da abbattere e diritti umani amerikani da garantire a “rifugiati” e “prigionieri politici” (come se noi, reclusi da Conte, non lo fossimo).

Trovatemi, durante il decorso della pandemia, un trafiletto o uno spazietto tv che ci aggiorni su Idlib dove turchi e jihadisti persistono in invasione e massacri; qualcosa sullo Yemen, dove gli angloamericani perseguono, tramite Emirati e sauditi, l’eliminazione dalla faccia della Terra di un intero popolo; o sulle stragi di vecchi e bambini provocate dalle sanzioni USA-UE in Iran e Venezuela. Sono anche scomparsi i mattatoi allestiti dal premier indiano Modi sui propri cittadini non indù e su quelli musulmani nel Kashmir sequestrato. Nè si sa più nulla sui giri di vite di Bolsonaro nei confronti sia della democrazia, sia della natura brasiliana che offre respiro al mondo e di chi ci abita e che si va incenerendo. Si è taciuta l’esecrazione mediatica dell’egiziano Al Sisi, del coreano Kim Jong Un, del libico Haftar. Il vuoto che rimane dopo un pieno strabordante è quello dello “Zar” Putin. I latrati quotidiani dell’intero branco e dei tg e talkshow de La7 sono scaduti in isolati e nervosi ringhi E, colmo dei colmi, sono svanite in qualche abisso oscuro le sardine che avrebbero dovuto capovolgere l’Italia come un calzino. Dicono, temo a buona ragione, che “nulla sarà come prima”. Vogliamo scommettere che, invece, quanto sopra ho citato tornerà e più forte che pria?

Tace l’Italia, urlano i media

L’Italia si azzittisce e ansima di paura, sempre meno per il terrorismo da coronavirus, scatenato da politici, “tecnici” e stampa su controverse basi scientifiche e matematiche, come confermano voci attendibili e non condizionate, ma con enormi prospettive di profitti e di potere. Il paese si azzittisce e teme, sempre più per la condizione di carcerato innocente, con sulla testa la spada di Damocle della fine di una libertà, peraltro da tempo menomata, ben oltre il limite che l’arbitrio vorrà fissare alla sospensione di diritti civili e umani.

Allarghiamo lo sguardo dalle miserie e cialtronerie di un’Italia avviata di corsa alla sepoltura della sua già logora democrazia, superando i muri che hanno eretto intorno a ognuno di noi e che ci fanno sorridere amaramente se ripensiamo a quei muri che Ong e caritatevoli accoglitori senza se e senza ma, volevano abbattere a favore degli sradicamenti e mescolamenti di popoli e culture progettati dalla globalizzazione.

Sorvoliamo sullo scandalo di una metastasi della frode di Stato che attribuisce al Covid-19 tutti i decessi, causati da patologie che vanno dalla polmonite alle cardiopatie e ai tumori, con o senza lieve interferenza di virus influenzali, arrivando a gonfiare al 10% (26 marzo 2020) un effettivo tasso di mortalità intorno a un 2% direttamente collegabile all’influenza.

Ciò che non è possibile trascurare in una disamina delle conseguenze geopolitiche di un’operazione che, oltre a prefigurare il controllo orwelliano sulle popolazioni da parte di chi del fenomeno se ne è assicurato l’origine, la conduzione e ne ha programmato l’esito sociale, è il ruolo di propagandista che ne ha assunto il complesso stampa-tv. Ha colto l’occasione. Dopo anni in cui si sono demonizzati i social media come sentina di ogni infamia manipolatoria e di fake news, ha dimostrato un’assoluta sinergia con gli interessi di tutto ciò che sa di padrone e, in particolare, con le mire dell’élite imperialista di giungere finalmente alla resa dei conti con la parte del mondo che si oppone al colonialismo globalizzato e ne minaccia il fallimento.

Una stampa di sussidarietà

Da anni proviamo profonda vergogna e repulsione per un sistema mediatico nostrano che, pure in un Occidente altamente omologato nei suoi strumenti di persuasione e con eccellenze manipolatorie come il New York Times, la CNN, il Washington Post, pratica, meglio di tutti, i manzoniani servile encomio e codardo oltraggio. Ma quanto si è verificato in occasione degli aiuti stranieri ricevuti da un’Italia in pieno marasma per la propria incapacità e impreparazione ad affrontare un’epidemia virale non molto più virulenta di quante l’hanno preceduta, supera ogni immaginazione.

Sono venuti in nostro soccorso, non gli alleati storici USA, non i nostri famigliari UE e nemmeno il Vaticano, se non in misura indecentemente micragnosa rispetto alle altre confessioni da 8×1000. Chi ci ha dimostrato amicizia, solidarietà, in termini generosissimi, umani e materiali, sono stati i russi, i cinesi, i cubani, gli egiziani, i venezuelani. Tutte nazioni sulle quali, su indicazione di chi ci detta ogni cosa, si abbatte da anni l’ignoranza, l’odio e la diffamazione dei nostri media. Il giorno dopo, “La Stampa” degli Agnelli ha battuto ogni primato di insolenza all’informazione e di accanimento propagandistico descrivendoci gli aiuti giunti su 11 aerei di trasporto russi come minaccia militare di Mosca: se ne avvarrebbe per fini spionistici e militari, in vista dei cavalli dei cosacchi alle fontane di San Pietro.

“Il manifesto” ha intensificato il suo bombardamento di calunnie, insinuazioni, imposture, contro Russia (e Cina) che datano dalla sua radiazione dal PCI e dalla nascita del giornale che si burla di noi definendosi “comunista”. Identica la posizione del “Fatto Quotidiano”, altra mosca cocchiera dell’atlanto-euro-sionismo e identica l’indecenza deontologica e morale di tutto l’apparato mediatico nazionale Tutti in frenetica rincorsa di rimedi  all’evidente cambio di paradigma che il cinismo menefreghista dei padroni europei e statunitense a confronto con il fraterno umanitarismo ha suscitato nell’opinione pubblica. Se ne deve concludere un dato assiomatico: giornali e tv i cui dipendenti abbiano frequentato la cupola impenetrabile, riunita in Bilderberg o Trilateral, hanno perso ogni credibilità. Vale anche per i politici. Il potere economico fa il suo mestiere.

Vittima e boia di vittime

Ma non solo. Mentre Venezuela, Russia, Cina, Egitto e Cuba ci mandano aiuti, Gli Stati Uniti, seppure vittime del virus anch’essi, hanno il buongusto di approfittare dalle temperie in corso per accentuare le sanzioni contro quei popoli e anche contro l’Iran. Delle cui morti a migliaia, provocate dall’impossibilità di acquistare medicine, gli USA sono i responsabili diretti e volontari, insieme all’UE. Ma davvero impensabile, nel momento di un’epidemia che colpisce insieme alle sanzioni, è stata l’iniziativa dei vertici Usa di incriminare il presidente venezuelano di “narcoterrorismo”, mettendogli sulla testa una “taglia” di 15 milioni. Questo, da parte di un governo gangster, inviperito dal totale fallimento del suo regime change con il grottesco Guaidò. Un governo che, sotto la mistificazione della “guerra alla droga” (pari a quella della “guerra al terrorismo”), da decenni alimenta il mercato suo e occidentale e, di conseguenza le sue banche, di cocaina dal paese vassallo Colombia, che ne è il massimo produttore, e di eroina, dal paese vassallo Afghanistan, che ne è il massimo produttore.

La velocità e l’accanimento con cui la nostra stampa si è affannata a ribadire che cinesi e russi, con rispettivi amici e alleati, sono il male assoluto e noi stiamo nella scialuppa di salvataggio che riesce a scamparci da quell’orso e quel dragone, è il segno di quanto i mondialisti dell’imperialismo odino e temano la prospettiva eurasiatica. Che la problematica del superamento dell’egemonia mondiale degli Usa, dalla quale dipende il successo della cricca globalista che richiede di manovrare tutto, compresi gli Stati Uniti, per raggiungere lo scopo della dittatura mondiale su un “nuovo mondo”  huxleyiano, sia al cuore dei modi in cui viene gestita e propagandata la supposta pandemia, lo dimostra l’automatismo con cui i media si precipitano a restaurare l’immagine dell’antico e perenne nemico, non più rosso, ma sempre dittatura che annienta i diritti umani.

Vaticano e USA, una faccia una razza

Un’immagine incrinata non solo dall’aiuto fornito e dalla solidarietà dimostrata addirittura ai camerieri dei loro aggressori, ma anche dall’efficienza e tempestività con cui in Cina si è risposto al virus e dalla capacità della Russia di contenere l’epidemia. A fronte di questi paesi “nemici” o, comunque, malfamati, che sono venuti in nostro soccorso, stanno le manovre Nato-Usa per simulare un’aggressione alla Russia è, ancora più simbolicamente, il mezzo milione di mascherine italiane dirottate da Aviano negli Usa. Quanto all’altro Stato che sovrintende ai nostri destini, non solo spirituali, la Chiesa si è distinta per l’offerta più taccagna. In compenso, storicamente la più grande fabbricatrice di scenografie ammalianti, ci ha offerto un papa bianco, solo sotto la pioggia nera, in una piazza San Pietro deserta e grigia, stagliato contro la maestà della cupola di Michelangelo. Rimbombano per tutto il mondo le sue due frasi lapidarie, storiche, frutto di pensiero profondissimo: “Nessuno si salva da solo” e “siamo tutti nella stessa barca” (cosa, peraltro, non del tutto vera). Diavolo di un Bergoglio, come hanno fatto a venirgli in mente!

Pubblicato da Fulvio Grimaldi alle ore 20:55

IL MONDO È TUTTO UN VIRUS — SCIENZA, MEDIA, PENSIERO UNICI —- DOPO LA LEGGE MARZIALE, IL DOGMA E LA CENSURAultima modifica: 2020-03-29T22:04:02+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *