Mobilitati da Soros e dai media del sistema migliaia di dimostranti contro Trump

come mai tutta questa acredine non si è manifestata mai contro il premio nobel per la pace Obama che ha aperto 7 fronti di guerra? Se la guerra è democratica, ci piace
Protest against President-elect Donald Trump in Los Angeles, California
vero? Nessuno di questi democratici colti civili ha mosso un dito PER DIFENDERE IL MOVIMENTO OCCUPY WALL STREET DURAMENTE REPRESSO DALL'”ANTISISTEMA” OBAMA? Un estratto per rinfrescare la memoria ma gli episodi di repressione furono numerosissimi “
Nonostante molti politici democratici in queste settimane abbiano espresso apprezzamento per le ragioni alla base del movimento Occupy Wall Street, sono stati spesso proprio i sindaci di questo partito a ordinare la più dura repressione nelle città americane. A Chicago, ad esempio, dove il sindaco è l’ex capo di gabinetto di Obama, Rahm Emanuel, nelle scorse settimane sono stati arrestati più di 300 manifestanti. Il sindaco democratico di Atlanta, Kasim Reed, ha invece definito “necessari” i 53 arresti operati mercoledì scorso dalla polizia tra gli occupanti di un parco pubblico nella metropoli della Georgia.
Le stesse autorità cittadine hanno invariabilmente citato come giustificazione per arresti e sgomberi brutali i timori per presunte infiltrazioni criminali tra i manifestanti, continua al link sopra
 
Estratto da un altro articolo: 
La repressione, che ha incluso, come voi potete ricordare, arresti violenti, disordini di gruppo, fumogeni (1) sui crani dei manifestanti, persone tenute in manette così strette da ferire, persone trattenute in prigionia finchè costrette a farsela adosso – era coordinata con le stesse grandi banche………
Questi documenti, in breve, mostrano che i poliziotti del DHS lavorano per e con le banche per prendere di mira, arrestare e depotenziare politicamente i dimostranti pacifisti americani. I documenti, rilasciati dopo lungo ritardo nella settimana fra Natale e Capodanno, mostrano una meta-trama (5) su scala nazionale che si schiude in città dopo città in un mondo orwelliano: sei università americane sono posti in cui la polizia dei campus ha passato all’FBI informazioni riguardanti gli studenti coinvolti in OWS (Occupy Wall Street), con il consenso delle stesse università (p51); le banche si sono messe intorno al tavolo con gli ufficiali dell’FBI per raggruppare informazioni riguardo i manifestanti di OWS ricavate dalla sicurezza privata; vennero fatti piani dall’FBI per boicottare gli eventi di Occupy, progettati per il mese successivo -e offerti ai rappresentanti delle stesse organizzazioni che i manifestanti avrebbero preso di mira; e addirittura le minacce di assassinio dei leader di OWS da parte del fuoco dei cecchini – da chi? dove?
 

Mobilitati da Soros e dai media del sistema migliaia di dimostranti contro Trump

I media dell’establishment e le organizzazioni controllate dal finanziere George Soros, uno dei principali finanziatori della Clinton, non accettano il risultato delle elezioni negli USA.
Dopo l’inaspettata nomina di Donald Trump, sono scoppiate le proteste a New York come in California ed a Portland, in Oregon , a Los Angeles ed in altre località degli States e, dalle varie informazioni pervenute, si capisce che non si tratta di un “movimento spontaneo” come vorrebbero far credere i grandi giornali USA (quelli che davano per scontata la vittoria della Clinton) ma di un fenomeno provocato ad arte.
A Los Angeles ci sono stati disordini e manifestazioni ed in questa città sono finite in carcere 15 persone fra manifestanti che erano scesi in strada a urlare la loro “indignazione”, a Chicago ci sono stati 13 fermati. A Oakland, in California, le proteste più dure con circa 6mila persone che hanno paralizzato il traffico lanciando oggetti contro la polizia in assetto antisommossa, hanno bruciato rifiuti e spaccato le vetrine dei negozi. Gli agenti hanno risposto con gas lacrimogeni lanciati contro i manifestanti.Secondo quanto diramato dalle autorità locali alcuni poliziotti sono rimasti feriti.
A New York un numero impreciso di manifestanti , si parla di alcune migliaia di persone , si sono radunati  a Union Square per poi marciare verso nord sul  lungo Broadway Street e prendere d’assedio la “Trump Tower”.
I dimostranti hanno bloccato la circolazione nelle strade trafficate di Manhattan in diversi isolati, creando caos e tensione.
Da notare che la folla dei dimostranti, che sembra certo sia stata  aizzata dalle ONG di Soros, si è autonominata come  “i guerrieri della giustizia sociale”, alcuni anche come “i guerrieri della notte”. Con molti slogans e cartelli di “Not my President“ (Non il mio presidente) e “L’amore sconfigge l’odio” (“love Trumps hate”) e “P—y grabs back” (“La vagina reagisce”), uno slogan femminista di rivolta contro la frase sessista usata da Trump in fuori onda in cui diceva di voler afferrare una donna per i genitali (“grabbing a woman by the p—y”).
Alcuni descrivono la scena come surreale, spettacoli che non si erano mai visti a New York City: “la gente cammina per strada come un esercito di zombie posseduti sotto choc”, racconta un testimone. Un comunicato diffuso dagli organizzatori di MoveOn.org (una delle ONG di Soros) descrive come i manifestanti si siano riuniti in centinaia per fare resistenza e dimostrare il ripudio di Trump e verso risultato delle elezioni.
A questo fine sono state organizzate e convocate, attraverso i social, marce per manifestare pacificamente ed esprimere contrarietà al risultato delle elezioni presidenziali.
Varie migliaia di manifestanti, nonostante la pioggia, già la notte del 9 novembre, si erano radunati a Union Square e avevano poi sfilato verso Midtown fino alla blindatissima Trump Tower sulla Fifth Avenue, dove si trova l’abitazione del nuovo presidente Usa. Alcuni manifestanti avevano anche bruciato maschere ed effigi che rappresentavano il volto del nuovo presidente degli Stati Uniti. Altre ragazze, per sfidare Trump,  si volevano denudare in segno di protesta ma sono state bloccate sia dal freddo che  dalla energica reazione della polizia.
A Chicago, alcune centinaia di persone si sono radunate davanti al ” Trump International Hotel e Tower” lanciando slogans “No Trump. No al Ku Klux Klan, No razzismo in Usa”. La polizia è stata costretta a chiudere le strade intorno al centro bloccando l’accesso all’arrivo di altri manifestanti.   A Los Angeles la polizia ha dovuto impedire una marcia improvvisata delle associazioni gay che volevano protestare in modo clamoroso contro Trump con esibizioni oscene in piazza. Fortunatamente lo spettacolo è stato bloccato per tempo dalle forze di polizia.
La regia di Soros e dei grandi media vuole imporre probabilmente un copione di ripulsa verso il nuovo presidente e si sono persino levate voci con richieste di separatismo dalla California, uno stato in maggioranza schierato a favore della Clinton, che non vorrebbe accettare il risultato delle elezioni presidenziali.
Una spaccatura molto forte si sta verificando negli USA tra la East coast, dove si trova la maggioranza degli elettori del Partito Democratico, oltre a città dell’Ovest come Los Angeles e San Francisco, e l’”America profonda” quella degli stati come il Texas, l’Arizona, il Nevada e gli altri stati dove i cittadini, in maggioranza bianchi (ma fra loro anche molti ispanici e neri), hanno espresso il loro scontento verso le politiche dell’Amministrazione Obama/Clinton che hanno portato sul lastrico milioni di americani con la perdita dei posti di lavoro per causa delle delocalizzazioni e della globalizzazione imposta con i trattati commerciali come il Nafta ed altri accordi.
Molti cittadini americani non comprendono neppure il perchè gli USA debbano spendere bilioni (migliaia di miliardi) di dollari per fare guerre in tutto il mondo, rovesciare governi non graditi in vari continenti e mantenere un colossale apparato militare con oltre 900 basi militari in tutto il mondo, mentre non ci sono le risorse per fare manutenzione delle opere pubbliche, per rilanciare infrastrutture e trasporti che sono ultimamente molto scesi di livello. Per non parlare di ospedali ed assistenza sociale che risulta, in vari stati USA, a livelli da terzo mondo.
Secondo diversi osservatori statunitensi, Il distacco dalla elite con la popolazione dell’America profonda, risulta sempre più forte e l’elite, di fronte ad un cambio di tendenza, si sta attrezzando per alimentare finte rivolte e finte opposizioni (“fake opposition”). Il processo è appena iniziato.
L.Lago
Nov 11, 2016
Mobilitati da Soros e dai media del sistema migliaia di dimostranti contro Trumpultima modifica: 2016-12-02T23:34:45+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “Mobilitati da Soros e dai media del sistema migliaia di dimostranti contro Trump

  1. I have been browsing online more than three hours today,
    yet I never found any interesting article like
    yours. It is pretty worth enough for me. Personally, if all website
    owners and bloggers made good content as you did, the internet
    will be much more useful than ever before.

  2. Avert measuring tesosterone concentrations after in the day, when measurements can not be high even iin men who
    don’t have hypogonadism.

    Also visit my web page: testosterone therapy side
    effects heaart (Veronica)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *