Mattarella: liberare l’Europa da egoismi nazionali e sentimenti populisti

La sovranità nazionale, sancita dalla costituzione, ha cambiato nome e diventa qualcosa di cui liberarsi? Bene si chiama ALTO TRADIMENTO e devi essere processato per questo 
Quindi fatemi capire, per decreto qualcuno sancirà chi  sarà da etichettare come populista e quindi poi? Sarà messo al bando? Al confino? Cos’è la versione moderna della condanna al rogo per eresia?
E chi deciderebbe su tali editti? La gente con un referendum?
 
lunedì, 27, luglio, 2015
 
Mattarella
Un “progetto in affanno” che “ha bisogno di rilancio”. Cosi’ Sergio Mattarella vede l’Ue e dalla XI conferenza degli ambasciatori italiani lancia un appello affinche’ “l’Europa si rianimi e che affronti la sfida” della globalizzazione”. “Noi diciamo che il progetto Ue e’ in affanno perche’ non da oggi ha bisogno di rilancio” ha detto il presidente della Repubblica.
 
“Ci vuole coraggio, responsabilita’, forza innovativa, visione piu’ grande” dei presunti interessi contingenti”. E ci vuole, ha detto ancora Mattarella ” forte senso di equita’ perche’ la democrazia non e’ storicamente separabile dalla dimensione sociale”.
 
“Dobbiamo liberare l’Europa dalla tenaglia che la stringe tra egoismi nazionali e sentimenti populisti” ha aggiunto. Il “telaio” dell’Europa si rafforza, ha anche detto Mattarella, dando all’unita’ monetaria la “necessaria proiezione di unione politica”. E questo accadra’ se le scelte dei governi e degli organismi saranno “orientate ” verso “lo sviluppo, gli investimenti e il lavoro” e se “le distanze sociali e territoriali si ridurranno anziche’ allargarsi, ipotizzando “uno scontro fra presunti Paesi di serie A e presunti Paesi di serie B”, ha sottolineato il Capo dello Stato.
 
“Piu’ Europa e’ un obiettivo che appartiene alla categorie delle scelte strategiche” e “L’Italia e’ protesa a questo traguardo”. (AGI) .
Mattarella: liberare l’Europa da egoismi nazionali e sentimenti populistiultima modifica: 2015-07-29T22:51:36+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *