Consapevolezze amare.

L’avreste mai pensato che

lo Stato di cui avete in tasca la Carta d’Identità davanti alla votazione di unamozione ONU (A/C.3/69/L.56/Rev.1)formulata per

Combattere la glorificazione del nazismo, del neonazismo e le altre pratiche che contribuiscono a favorire forme contemporanee di razzismo,
discriminazione razziale, xenofobia e intolleranza correlata.
 
SI SAREBBE ASTENUTO?Ebbene sì è successo

il 21 novembre 2014

con buona pace delle nostre
ANED (Associazione Nazionale Ex Deportati nei campi nazisti),
ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia),
ANCR (Associazione Nazionali Combattenti e Reduci)
ANA … etc.Controllate voi stessi:
sulla scheda riepilogativa della votazione originale
Per approfondire:
1 – qui
2 – qui

3 – qui

L’unico argine possibile:
una forte ed esplicita
espressione contraria dell’opinione pubblica,
partendo da Associazioni e i cittadini sensibili.
La storia lo dimostra.
 
Indignarsi è ancora possibile.
E manifestare e diffondere la propria indignazione è necessario.
 
Perché
il negazionismo NON è accettabile,
ogni percorso indirizzato a xenofobia e razzismo NON è accettabile.
Vi invito personalmente a diffondere questo mio messaggio.
Grazie per la vostra attenzione.
“Prima di tutto vennero a prendere gli zingari. E fui contento perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei. E stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, ed io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c’era rimasto nessuno a protestare.„
Testo originale di Emil Gustav Friedrich Martin Niemöller teologo e pastore protestante tedesco, oppositore del nazismo; nato il: 14 gennaio 1892, a Lippstadt, Germania, deceduto il: 6 marzo 1984, a Wiesbaden, Germania
Testo modificato da Bertolt Brecht
Drammaturgo tedesco

(10 febbraio 1898, 14 agosto 1956)
Consapevolezze amare.ultima modifica: 2014-11-26T21:37:10+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *