Gilet gialli, No Tav italiani e francesi preparano una nuova manifestazione

8 luglio 19 Corriere 

Assemblea a Modane. Perino sui M5S: «Situazione grave, ma non seria»

Di Fabio Tanzilli

Una nuova iniziativa di protesta tra agosto e settembre, in occasione della chiusura dei bandi per i nuovi cantieri. E’ questa una delle ipotesi emersa ieri pomeriggio a Modane, durante l’incontro tra i No Tav italiani e francesi.

All’incontro hanno partecipato anche alcuni rappresentanti dei Gilet Gialli, amministratori valsusini e il sindaco di Villarodin Bourget, piccolo comune della Maurienne da sempre contro il Tav.

Proprio il primo cittadino ha lanciato l’allarme sui problemi idrici del suo paese, dove in alcune zone mancherebbe già l’acqua e temendo che le nuove discenderie possano peggiorare la situazione.

Tra i No Tav erano presenti Alberto Perino, Francesco Richetto e Paolo Prieri.

Perino ha fatto alcune battute in merito alla questione tra i No Tav e i 5 Stelle: «La situazione è grave, ma non seria», ha affermato, ricordando che Beppe Grillo è sempre stato contro l’opera.

I No Tav italiani e francesi chiedono che i soldi vengano investiti non per realizzare la nuova linea, ma per mettere in sicurezza il territorio e la linea storica: «A causa del maltempo sono stati chiusi tre percorsi ferroviari e dell’autostrada tra Chambery e Modane — spiegano i No Tav — da più di due mesi circa 50 traverse sono rotte e non sostituite: forse cercano di dimostrare che ci vuole una nuova linea, trascurando la manutenzione?».

Nel pomeriggio i No Tav sono andati a visitare le zone già interessate dai lavori a Saint Julien e in particolar modo la segheria Milliex, sotto sfratto per dare spazio al cantiere ferroviario: «Nei dintorni già altre attività hanno dovuto chiudere per gli espropri e circa 50 persone sono rimaste senza lavoro – dicono gli attivisti – hanno abbattuto alcune case, presto le stesse cose potranno ripetersi in Valsusa».

Gilet gialli, No Tav italiani e francesi preparano una nuova manifestazioneultima modifica: 2019-07-15T22:51:29+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *