DA SAVERIO SALTARELLI ALLE SARDINE: QUALE ODIO? —– L’ALTRO 12 DICEMBRE — SCRITTO E CANTATO

https://fulviogrimaldi.blogspot.com/2019/12/da-saverio-saltarelli-alle-sardine.html

MONDOCANE

MERCOLEDÌ 25 DICEMBRE 2019

 

Amici, lettori, ciò che mi auguro leggiate qui sotto e ricordiate non c’entra niente col Natale, col suo bambinello e i suoi re magi (pastori e sovrani insieme ai piedi di un neonato che insigniscono di divinità: interclassismo e monarchia assoluta ante litteram); non c’entra con il disgustoso panzone con cui la Coca Cola ci ha corrotto le feste e neanche col capodanno. Ma c’entra col solstizio e con il ritorno della luce celebrato dai nostri avi meno dediti a strumentali superstizioni. E il ritorno della luce può essere anche inteso come ritorno della verità. Una verità riabilitata dal ricordo. E io questo ricordo me lo voglio portare nell’anno venturo e in tutti quelli successivi, finchè occhio e cuore saranno in grado di ricevere luce. Poi gli occhi si chiuderanno, ma la luce non si spegnerà.

https://www.youtube.com/watch?v=eWgJUdln3wg  Compagno Saltarelli, un mio amico e compagno, cantato da Pino Masi

L’altro 12 dicembre. Quello dimenticato. Quello quando in piazza non c’erano Sardine ben vestite, benparlanti, sorridenti, applaudite con standing ovation dall’universo  del comando perché “moderate” e ostili a ogni conflitto (che non sia con l’opposizione). Quando in piazza, a fare una denuncia non gradita agli autori della Strage di Stato dell’anno prima e tantomeno gradita a chi stava alle spalle dell’anarchico innocente Giuseppe Pinelli, quando volò da una finestra della Questura di Luigi Calabresi, c’erano decine di migliaia di manifestanti contro quella strage e quella “caduta”. Tra loro Saverio Saltarelli, 22 anni, studente abruzzese, facchino a Milano, rivoluzionario. Un poliziotto gli spacca il cuore con un candelotto lacrimogeno, “arma non letale”.

Saverio Saltarelli

La canzone ci parla di Saverio, ma pensa anche agli altri martiri di Lotta Continua e del’68 e seguenti. Martiri, quasi sempre inermi, di una strage di Stato che non si limita a Piazza Fontana, Piazza della Loggia, Italicus, Bologna, Via dei Georgofili, Falcone e Borsellino. Ci parla di una strage strisciante durata dieci anni: Saverio Saltarelli, Franco Serantini, Mariano Lupo, Tonino Miccichè, Alceste Campanile, Walter Rossi, Francesco Lorusso, Piero Bruno e tanti altri. Strage che comprende vittime di propria mano, mano guidata dalla sconfitta e dalla disperazione, dalla vergogna per i traditori. Vittima per propria mano di chi ha assunto su di sé il ruolo del poliziotto sparatore, di chi ha immerso la sua angoscia nei rimedi tossici ai labirinti della disperazione creati dal Potere. Labirinti che avevano il compito di complementare le varie bande assassine dello Stato, quelle ufficiali, le fasciste, le travisate.

Franco Serantini  https://www.youtube.com/watch?v=A-tW7hmv_VY

Ci sono coloro che, per raccontarci il ’68-‘77, fanno facile leva sui traditori e rinnegati di una generazione. Rivoluzionari poi ravvedutisi, alcuni infiltrati fin dall’inizio, reclutati dal Sistema e introdotti nelle sale profumate del prestigio e privilegio, benemeriti della conversione e del reinserimento come Sofri, Manconi, Erri De Luca, Lerner, De Aglio, Langer, Boato, Capuozzo, Crainz, Liguori, Mieli, pochi altri, detriti di quegli anni.

Francesco Lorusso

Detrattori e mistificatori che interpretano la vendetta di classe per le sconfitte subite e la Grande Paura ancora non metabolizzata, estendendo a una generazione intera, a milioni, oltrechè di studenti, quella volta, di donne, di operai, sottoproletari, intellettuali, soldati di leva, gente occultata nelle periferie urbane e relegata lontana dal benessere, una punizione collettiva. Punizione politica attraverso la deformazione storica praticata da ogni vincitore per nascondere nell’oblio i propri delitti. Rielaborazione in termini di stravolgimento e falsificazione. Il messaggio deve essere: “Tutti figli della borghesia (vedi la cantonata di Pasolini), cialtroni, millantatori, violenti per cause perse; non provateci mai più”.

Giorgiana Masi

Certo che c’erano figli della borghesia, ma meno male che ci siano stati. Come nei movimenti secessionisti, che si vedono oggi in varie parti, è il progetto che conta, più che i suoi protagonisti. Se sia di emancipazione, o regressivo. Quando sono capitalisti e reazionari a gestire a proprio vantaggio di classe il frazionamento e la separazione, come credo che sia nelle nostre regioni del Nord e in Catalogna, è un conto. Quando si tratta del popolo nordirlandese, o dei baschi, la questione è opposta. Nel caso dei curdi, poi, è una rivolta di retrogradi feudatari, a volte tinteggiati di femminismo ed ecologismo, costantemente, nell’una versione o nell’altra, pronti a farsi quinta colonna del nemico di nazioni libere, laiche, multietniche e multiconfessionali, progredite, antimperialiste. Parole, queste mie, che comunque non tolgono nulla alla complessità della questione.

Piero Bruno

Ai detrattori, o cultori dell’irrilevanza di quel decennio va tappata la bocca e sottratta la parola, non con i bavagli che di questi tempi svolazzano sulle nostre teste nel cielo del neoliberismo postdemocratico, impegnato nella globalizzazione del comando, e calano sempre più sulle nostre di voci; e nemmeno con il pensiero unico e totalizzato che vuole inquadrati i nostri neuroni in formazioni prone al regime, o complici.

Costoro vengano semplicemente fatti ammutolire, invitati a visitare i muri di una città, per ora virtuale, sui quali figurino i murales e le storie dei Sofri, Lerner, De Luca, Viale e compari. Poi, sulle case di un altro quartiere, i volti dei Saverio Saltarelli, Franco Serantini, Giorgiana Masi e compagni. Ognuno dei due fronti, corredato dei rispettivi apologeti e denigratori. Notare chi onora chi.

Per la verità, storica, politica, morale, basterebbe questo.

Claudio Varalli e Giannino Zibecchi

Odio sacro

Noi eravamo quelli dell’odio. L’odio che dei legittimi sentimenti umani è tra i più indispensabili, insieme all’amore, quando si tratta di prendere coscienza di chi ci opprime, sfrutta, depreda, inganna, ferisce, uccide. E di chi, per prenderci alle spalle, si finge amico. E’ l’odio sacro dei sopravvissuti ai tre milioni di vietnamiti sterminati; di un popolo, quello palestinese, perseguitato come nessuno mai nella Storia; degli iracheni ai cui tre milioni è stata tolta la vita e a 25 milioni la nazione, la storia, il futuro. E’ l’odio di chi viene indotto, da trafficanti e ipocriti dal cinismo incommensurabile, di lasciare la propria terra per essere straniero sgradito e sfruttato a sangue in quella di altri. E’ l’odio di chi è costretto da secoli a versare sangue, sudore, lacrime perché se ne ingrassino i padroni. E’ l’odio di chi subisce sanzioni, guerre, colpi di Stato, tutte forme di genocidio, per soddisfare la bulimia di risorse e di dominio di antropofagi. E’ l’odio che, contro il dettato interessato di Bergoglio, non perdona, non dimentica, perché se perdonasse e dimenticasse, sarebbe davvero la fine della Storia. La sconfitta definitiva.

Contro questo odio, esorcizzato anche “come “rancore sociale”, “invidia sociale”, fatti passare per strani fenomeni, ovviamente di pura pancia, in una società dove l’1% possiede, rapinando, quanto tutti gli altri, sono state messe in piazza le Sardine. Che non sono altro che i consapevoli e inconsapevoli ammortizzatori del rullo compressore col quale i dominanti passano sulle strade del mondo e sul corpo dei viventi.

Odio sacrilego

Sono loro gli emissari dell’odio di chi, invece, per odiare non avrebbe titoli, dato che si tratta del colpevole che infierisce sugli innocenti. Ma l’odio gli serve per giustificare la sua colpa. Sono gli odiatori che si pavoneggiano negli ampi panneggi dei diritti umani perché questi siano di loro esclusiva pertinenza quando trasferiscono genti da casa loro in campi da due euro l’ora, quando impongono diritti umani a forza di bombe e terrorismi, quando programmano una società in cui ai dominati tutto si può fare per la propria soddisfazione, il proprio profitto, il godimento del proprio odio. Odio sacrilego.

Walter Rossi

Oggi, nel brevissimo periodo, è tempo di Sardine. Figli della stessa genìa che allora costringemmo a cedere parti del proprio banchetto e che vide sgretolarsi parti del muro di cinta, per poi rifarsi con l’aiuto di strumenti di morte e intossicazione forniti o suggeriti dai Grandi Vecchi di dentro e di fuori, a stelle e strisce, o a stella a varie punte. La genìa che, per le Sardine, ha sostituito acclamazioni e vezzeggiativi alle mazzate, sbarre, eroina, riservate a noi. I De Aglio, Lerner, De Luca, Sofri, sprigionando peana da gole logorate da anni di sussidarietà nel palazzo dei signori, padri di tante Sardine, non mancano neanche stavolta di dare il proprio contributo. Agitano i turiboli perché pensano di aver ancora troppo da farsi perdonare da quelli sugli altari e sui troni. Dovrebbero chiedere perdono ad altri. Ma sarebbe un’ammissione dannante. E sanno che non lo otterrebbero.

Mariano Lupo

Per la verità storica, politica, morale, basta questo. Noi siamo ancora vivi, ci sarà qualcuno a cui passarla, quella verità.

https://www.youtube.com/watch?v=EXrk4gf84xw  Ballata della Fiat

Pubblicato da Fulvio Grimaldi alle ore 16:10

DA SAVERIO SALTARELLI ALLE SARDINE: QUALE ODIO? —– L’ALTRO 12 DICEMBRE — SCRITTO E CANTATOultima modifica: 2019-12-25T18:33:47+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *