Il rischio Brexit fa crollare la sterlina

La tolleranza della Ue dei popoli, sei in trappola, vuoi uscire dalla gabbia? TE LA FACCIO PAGARE…
Quando si dice le libertà in Occidente….
sterlina
di Nicol Degli Innocenti
 
Il rischio Brexit fa crollare la sterlina: la valuta britannica è scesa ai minimi da quasi un anno contro il dollaro stamani in seguito al rafforzamento del fronte anti-Ue. Ieri sera infatti Boris Johnson, il popolarissimo sindaco di Londra, ha annunciato la sua decisione di schierarsi a favore di un’uscita della Gran Bretagna dall’Unione.
 
La sterlina ha perso l’1,5% scendendo a 1.475 contro il dollaro e si è indebolita dello 0,7% contro l’euro, toccando quota 1.278. La reazione dei mercati rispecchia il fatto che con l’entrata in campo di Johnson, considerato da molti il successore più probabile di David Cameron alla guida del partito conservatore, si fa più aspra la battaglia tra i due schieramenti in vista del referendum del 23 giugno.
 
Oggi pomeriggio il premier affronterà i Comuni per la prima volta dall’annuncio della conclusione dei negoziati con la Ue e della data del referendum. Cameron cercherà di spiegare le sue ragioni e convincere i deputati ancora indecisi a sostenere la sua linea che è meglio per la Gran Bretagna restare membro dell’Unione e continuare a spingere dall’interno per le riforme.
 
Downing Street ha minimizzato, dicendo che la decisione di Johnson era prevista, ma la discesa in campo del sindaco uscente di Londra è un duro colpo per Cameron e il fronte del sì. Secondo un sondaggio istantaneo di Ipsos Mori, per un terzo degli elettori l’opinione di Johnson è importante nel determinare il loro voto.
 
Johnson ha detto che «non avrebbe mai voluto schierarsi contro Cameron o il Governo, ma che dopo lunghe riflessioni» non ha potuto fare altrimenti perchè il premier non ha ottenuto le necessarie concessioni da Bruxelles. «Voglio un accordo migliore per i cittadini britannici e voglio riconquistare la sovranità sul nostro Paese», ha detto.
 
La mossa di Johnson regala al fronte pro-Brexit il leader carismatico che mancava, e accentua la spaccatura all’interno del partito conservatore. L’Europa è fonte di dissidi e divisioni tra i Tories da trent’anni, ma la posta in gioco non è mai stata così alta. Un’uscita dalla Ue non solo sarebbe “un salto nel buio”, come ha sottolineato Cameron, ma sarebbe anche irreversibile e potrebbe portare alla spaccatura del Regno Unito con il distacco della Scozia, tradizionalmente più filo-europea di Galles e Inghilterra.
24-02-2016 15:35:02
Il rischio Brexit fa crollare la sterlinaultima modifica: 2016-02-29T21:32:01+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *