MATTINALE DEI BUONI E CATTIVI, DA ERATOSTENE A GIGI DI MAIO——- FASTI E NEFASTI DEL GIORNO

http://fulviogrimaldi.blogspot.com/2019/04/mattinale-dei-buoni-e-cattivi-da.html

MONDOCANE

LUNEDÌ 29 APRILE 2019

Mattinale dei buoni e cattivi, da Eratostene a Gigi Di Maio

FASTI  E  NEFASTI  DEL  GIORNO

1) Quando parla il Colle: Turbamento Oggettivo. . La nuova legge sulla difesa che, salvinianamente, sancisce il mutuo e reciproco gangsterismo letale, ha fatto fuori il suo primo minorenne povero per la pistola del suo primo maggiorenne ricco, sparatore per sport, che lo ha colpito all’osso sacro, il che farebbe pensare a uno in fuga. Quest’ultimo si rallegra dello scudo fornitogli dal Mattarella con la definizione di “turbamento oggettivo”. Un nonsense totale, ma che permetterà al giudice di fargli pat pat e mandarlo a casa. Si spera che altri sparatori sportivi non siano presi da “turbamento oggettivo” all’ingresso del rider con una  pizza che pare una mina antiuomo, o della suocera il cui ombrello assomiglia a un Kalashnikov.

2) Brucia ragazzo brucia, per la Grande Distribuzione. Sono stato a Borgo Mezzanone, Foggia (vedi il docufilm “O la Troika o la vita”), la baraccopoli due volte incendiata, tre volte sgomberata per finta, dove regna il caporalato, lo spaccio e il magnaccismo, tutto in mano agli stessi africani. Non ve lo dirà il manifesto, che non ha mai speso una riga per la quarta mafia nazionale, perché nigeriana, la più capillare per spaccio e prostituzione. Borgo Mezzanone sopravvive e prospera e la legge sul caporalato di Renzi non verrà mai applicata: il prezzo dei pomodori e dell’uva di quei campi deve essere compatibile con i profitti della Grande Distribuzione, Grande Amica di ogni governo. L’altro giorno ci è bruciato vivo Samara, migrante del Ghana. Il “manifesto” se l’è presa con il governo che maltratta le Ong.

3) Divorare territorio. La Lega vuole mantenere le provincie, i 5 Stelle no, per risparmiare dicono. Renzi, generatore di mostruosità, le ha sostituite con le “Città Metropolitane”, strumento di pervertimento sociale e di urbanizzazione all’insegna della gentrificazione e, per questo regalo, il partito di “La Repubblica”, per una volta su un milione dalla parte dei 5Stelle, continua a ringraziare il bischerone.. E basterebbe uno sponsor così. Capita perfino alla Lega di dire una cosa giusta. Andrebbero abolite le regioni, costrutto artificiale sebbene costituzionale, di saporaccio etnicista, verminai di corruzione, oggi in ansia di autonomia sfascia-Italia. Non le provincie, corpo intermedio vicino ai cittadini, territorialmente, socialmente ed economicamente omogeneo, fuori dal deserto umano dei megacentri urbani.

4) Sessismo progressista. Marco Da Milano, debenedettiano (è tutto dire) direttore del fu-L’Espresso che insiste a chiamarsi L’Espresso, non si perde un’occasione dai sinistri  Zoro, Gruber, Formigli, Floris, da nessuno dei nostri cavalieri della crociata anti-barbarie gialloverdi, per bollare di infamia i quattro cavalieri dell’Apocalisse: razzismo, fascismo, maschilismo, sessimo che di questo governo sarebbero i pilastri. E, per evidenziare all’universo mondo la natura repellente di tali ismi, gli ha dedicato questa copertina:

 Ciò che scocciava assai Da Milano e compagni era il fatto che la sindaca, giovane e bella, avesse inchiodato un manager Ama che giocherellava col bilancio per attribuire indebiti premi di produzione a sé e ai colleghi. Bravo Marco, al siparietto PD-Soros di Diego Bianchi e degli altri della squadra rosa, oltreché ospite fisso, diventerai anche tronista e velina.

5) Un Regeni non si nega a nessuno. A Pechino, il premier Conte ha detto al presidente egiziano Al Sisi di ricordarsi di Giulio Regeni. Al Sisi  ha detto a Conte, ma sottovoce, di ricordarsi, primo, che nessun servizio del mondo che si rispetti si sarebbe mai autoaccusato facendo ritrovare un suo sequestrato, torturato e ucciso, al lato della strada; secondo, che lo hanno “scoperto” nelle stesse ore in cui Roma e il Cairo stavano concludendo affaroni che avrebbero tagliato fuori mezzo mondo petrolifero occidentale; terzo, che il ragazzo aveva lavorato per anni per un covo internazionale di spie capeggiato dall’inventore degli squadroni della morte John Negroponte; quarto, che al suo presunto socio locale, finto dissidente, aveva promesso 10mila dollari, mica per la moglie malata di cancro, ma solo per un preciso “progetto”. Il che, risaputo, ma taciuto da tutti, non ha impedito che la santa alleanza Regeni, Repubblica e il manifesto in testa, rilanciasse il martire Regeni contro l’assassino Al Sisi. Che ciò avesse a che fare con la prospettiva che il generale Haftar, protetto da Al Sisi, Putin e Trump, stesse sbaragliando i Fratelli musulmani  (leggi: Isis), cari ai colonialisti progressisti? Quei simpaticoni che tengono i migranti nei famosi “lager della tortura, dello stupro, e dell’uccisione” e che Haftar rischia di liberare, ponendo fine al grande business?

6) Biden, the progressive, for President ! “Il manifesto” festeggia la candidatura a presidente del Democratico Joe Biden, detto Pisolo (“Sleepy Joe”), sorvolando sul fatto, solitamente sconvolgente per “il manifesto”, che a casa sua è noto per aver molestato donne un po’ in alto e un po’ in basso. Sorprendente, direi, per un organo del collegio di difesa di Asia Argento. Tutta contenta, la referente di Zingaretti nella redazione politica del quotidiano anticomunista, saluta il futuro avversario del reietto Repubblicano Trump con vezzeggiativi come “centrista” e “moderato”.  Del tutto meritati: da Senatore, nei ’70, si distinse per accanimento anti-desegregazionista nelle scuole e nei mezzi di trasporto. Nei ’90, da presidente del Comitato Giustizia, si oppose alle accuse di molestie sessuali fatte da Anita Hill al candidato alla Corte Suprema,Clarence Thomas. Nel 2003 fu sostenitore decisivo al Senato dell’aggressione all’Iraq e, a seguire, di tutte le sette guerre di Obama. Quella che da loro si chiama “Corporate America”, l’élite finanziar-militar-securitar-digitale, in particolare delle assicurazioni e banche, lo eleva a suo candidato preferito. Anche per togliersi dai piedi il meno affidabile Sanders. Come poteva esimersi “il manifesto”?

7) S’ode a destra uno squillo di tromba;. A sinistra risponde uno squilloE tutti all’unisono rievocano, invocano, rivendicano e celebrano, a ulteriore esaltazione dello scontro con gli infedeli, le imperiture radici cristiane dell’Europa, anzi dell’Occidente tutto. Lasciando da parte il piccolo dubbio che l’asserzione solleciterebbe tra amerindi, afroamericani, Sami artici (lapponi) e altre popolazioni genocidate a colpi di Croce, c’è del vero, nel senso che è dalla radice cristiana che sono fioriti in Occidente dogma, pensiero unico, monarchia assoluta, pure infallibile, e guai terreni ed eterni inenarrabili per chi non ci sta. D’accordo, monarchi assoluti sono stati vissuti e sofferti anche da altre parti e in altri tempi, ma quello dei cristiani-cattolici ha un’esclusiva. Il razionale e, soprattutto, l’irrazionale, sono monopolio suo. Non si transige, come magari in Grecia e a Roma dove non solo si transigeva, ma dagli altri culti ci si sentiva perfino arricchiti. Pensiero molteplice – Socrate, Eraclito, Seneca – lì; qui pensiero unico – S. Agostino, S. Tommaso, Padri della Chiesa, Paola Binetti. E a  dar retta ad Ario, o a far gli alibigesi, o i catari, erano cazzi davvero amari.

8) Ora et labora. Eppur si muove! Il geologo Mario Tozzi, nella sua bella trasmissione (“Sapiens”, Rai Tre), dà una mano e parecchio conforto all’assunto di cui al numero 7, dimostrando come pensiero unico e progresso scientifico-tecnologico stanno in opposizione ontologica tra di loro. Negli anni più alti del mondo classico, i secoli del pensiero multiplo,  precedenti l’ossificazione imperiale, romana, bizantina, cattolica – se consentite, richiamerei quelli a nostra radice italiana ed europea –   in Grecia si erano fatti salti scientifici in avanti, pari solo all’esplosione all’indietro dei nostri ultimi decenni. Eratostene aveva misurato raggio e circonferenza (40mila chilometri esatti) del globo terrestre, poi fatto piatto e ridotto a metà dagli scienziati agli ordini di San Pietro. Si dice oscurantismo. L’astronomia dovette aspettare il rogo di Giordano Bruno e Galileo carcerato per vedersi confermata nella scoperta ellenista che la Terra gira intorno al sole, e non viceversa, botta tremenda al pensiero unico e diocentrico. Archimede, Euclide, tanti altri furono poi seppelliti (in parte salvati dagli arabi) insieme a matematica, geometria, geografia, filosofia, tecnologia, medicina, nei secoli dell’”Ora et Labora” di San Benedetto. Vennero risuscitati in tempi laici e profani, era dei Comuni, Rinascimento (Leonardo Da Vinci, non solo), Illuminismo, grazie alla riscoperta del dubbio e del “metodo scientifico”, spesso a costo di anime dannate e carni abbrustolite. E mettiamo pure sul piatto delle radici buone e cattive il dato che il metodo scientifico dei greci era fondato sull’osservazione e in onore della Natura, mentre quello degli industriali e digitali il contrario.

9) Di Maio scottato. Insisto, a dispetto dei miei sbeffeggiatori, col dire che le cose fatte finora dai 5 Stelle, a vantaggio dei dominati e spolpati, del mondo che ci circonda e a detrimento di chi ruba e imbroglia – non le aveva fatte nessuno. Nei palazzi e, ancor più, con le lotte sul territorio. Riconosco anche che la scelta obbligata dal voto dei non sufficientemente stufi non offriva alternativa alla coabitazione con i voraci pseudo-populisti e finto-sovranisti  della Lega (coabitazione che prima finisce meglio stiamo), giacchè è ovvio che la differenza tra costoro e la criptodestra PD è quella tra il Gatto e la Volpe, entrambi a caccia dei nostri zecchini d’oro. Tutto questo mi legittima a dire che all’omino forbito e scaltro, che insiste a vestirsi da agente di Tecnocasa e a inseguire Salvini baciando San Gennaro, la Brigata Ebraica e la sua  fidanzata a favore di camera e voto, il mio antico amico ed ecologico Pigmalione (vedi il mio docufilm “L’Italia al tempo della peste”), Alessandro Marescotti, ha provocato una bella scottatura. Poco o niente rispetto a quante vite l’oggetto del contendere, ILVA, ha incancrenito e carbonizzato nei decenni.

A un Luigi, pur bravino, ma, nell’occasione, dallo sguardo simile al mio bassotto Ernesto quando fa finta di essere da un’altra parte se gli rimprovero il formaggio rubato, Marescotti ha messo una zeppa tra i discorsi sul “nuovo corso Ilva” da sembrare Eratostene che contesta Tolomeo. L’inquinamento è ancora lì e peggiora, quelli che lo producono sono ancora immuni da conseguenze penali, il nuovo padrone non è affatto meglio del vecchio filibustiere (amico di Calenda e Vendola), eccetera, eccetera. Con Marescotti sembrava di sentire le inconfutabili ragioni dei NoTAP, NoTerzo Valico, No MUOS. O  non si negava l’opera prima, o la si nega e la si impedisce adesso. L’alternativa è farsi dare, certamente esagerando, dei democristiani, cioè dei berluscopidini, specie in estinzione, diversamente, spero, dai 5 Stelle.

Pubblicato da Fulvio Grimaldi alle ore 23:14

MATTINALE DEI BUONI E CATTIVI, DA ERATOSTENE A GIGI DI MAIO——- FASTI E NEFASTI DEL GIORNOultima modifica: 2019-05-02T00:22:08+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *