La Francia rispetterà l’abbandono italiano del progetto Torino-Lione

Comunicato Stampa

PresidioEuropa

Movimento No TAV

17 settembre 2018

http://www.presidioeuropa.net/blog/?p=16419

La Ministra francese dei Trasporti Elisabeth Borne

ha dichiarato oggi che la Francia rispetterà l’abbandono

dell’Italia del progetto Torino-Lione

In unintervista televisiva di stamani 17 settembre data a BFM-TV la Ministra francese dei Trasporti Elisabeth Borne, in relazione alle decisioni governative sul futuro dei trasporti in Francia comunicate l’11 settembre, ha risposto (10’28’’ – 11’14’’) alle domande del giornalista Jean-Jacques Bourdin.

Jean-Jacques Bourdin – Si farà la Torino-Lione” ?

Elisabeth Borne – La Torino-Lione è un progetto che occorre fare in due.

JJB – Avete sentito che gli italiani rinunciano ?

EB – La Francia rispetterà gli impegni europei (notare: non gli impegni con l’Italia), ma non si potrà fare il progetto senza gli italiani. Oggi il Governo italiano ci dice di volere riesaminare il progetto, di riflettere, è una loro scelta. Incontrerò prossimamente il mio omologo italiano che vuole parlarmi di questo progetto, gli dirò che, se l’Italia intende ridiscutere il progetto, evidentemente non si può realizzare questo progetto senza gli italiani.

JJB – Si può rinunciare a questo progetto ?

EB –Non è l’orientamento che ha assunto la Francia, appartiene agli italiani di posizionarsi.

JJB – Se gli italiani rinunciano, anche la Francia rinuncia ?

EB – Non si può fare un tunnel da soli.

Questi i cinque obiettivi dichiarati degli annunciati investimenti francesi di €13,4 Md per il periodo 2018-2022, che non comprendono la Torino-Lione:

  1. Mantenere e modernizzare le reti stradali, ferroviarie e fluviali nazionali esistenti: la prima priorità.
  2. Desaturare i grandi nodi ferroviari per dare spazio ai treni dei pendolari. E’ ora necessario indirizzare gli investimenti di sviluppo nel trasporto ferroviario e dare priorità al trasporto dei pendolari e, per questo, creare una capacità aggiuntiva nei principali nodi ferroviari.
  3. Accelerare l’apertura di nuove strade nelle città di medie dimensioni e nelle aree rurali.
  4. Sviluppare l’uso della mobilità quotidiana pulita e condivisa per una migliore qualità della vita.
  5. Migliorare l’efficienza e il trasferimento modale nel trasporto delle merci.

Nell’ultima pagina, al di fuori dei cinque obiettivi strategici e dei relativi fondi, il Documento informa che la Francia onorerà l’impegno europeo per la Torino-Lione, un modo per non irritare la Commissione Europea.

Ma dalle parole della Ministra Borne pronunciate nell’intervista si capisce bene che prima si chiuderà questo dossier, meglio sarà per la Francia.

Il dossier completo delle decisioni francesi è disponibile qui.

La Francia rispetterà l’abbandono italiano del progetto Torino-Lioneultima modifica: 2018-09-17T20:28:21+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *