UN TAGLIO IN PANCIA? COME ACCADE CHE LE TECH VI FARANNO GLEBA (per i 28 che non guardano Report o l’Annunziata)

 

UN TAGLIO IN PANCIA
Là dove la furia anfetaminica esplosa in questa era delle TECH in Artificial Intelligence (A.I.) raggiunge livelli da esplosione coronarica, è proprio nella Salute. La gara per il Super Brevetto lì, fa sembrare le innovazioni di Facebook o le App di Samsung lumache che attraversano l’autostrada.
E, di nuovo, ecco perché voi sarete al 99% sfigati che guarderanno alle cure super TECH e A.I. come i bambini poveri della Londra di Dickens guardavano col naso appiccicato alle vetrine le torte nelle pasticcerie dei ricchi.
Una delle ultime a uscire è una TECH sputata da una stampante in 3D, che produce delle fasciature chirurgiche o da emergenza che 1) chiudono il taglio o trauma in un quarto del tempo 2) trasmettono con una mini A.I. ai medici i dati su ogni minuto rigenerativo, infezioni, complicanze ecc. in tempo reale 3) lasciano cicatrici spesso invisibili o comunque molto minori rispetto alla norma.
La ferita viene spalmata di una nuova sostanza, Cellulose Nanofibrils, che aiuta le proteine coinvolte nella cicatrizzazione del tessuto ad attaccarsi a una ‘benda’ adesiva (si appiccica alla ferita) creata da una stampante 3D (sembra un transistor pieno di circuiti). La ‘benda’ quindi accelera la produzione di tessuto cicatriziale a una velocità incredibile, e allo stesso tempo racconta a un computer in ospedale cosa sta accadendo al taglio operatorio o ferita ogni secondo, in dettagli mai avuti prima dalla Medicina.
Chiunque fra noi futura GLEBA abbia avuto la sfortuna di avere un bisturi che gli ha aperto la pancia o il torace o la faccia, sa perfettamente cosa si patisce nella guarigione del taglio, le mille dolorose medicazioni, le complicanze. Lasciamo perdere i dettagli. Ma questa nuova TECH riduce la sofferenza e gli incidenti enormemente. Ad esempio, i liquidi prodotti dalla lacerazione/taglio vengono riassorbiti quattro volte più velocemente delle tradizionali medicazioni chirurgiche. L’eventuale infezione interna o esterna viene scovata dalla A.I. della ‘benda’ quando è a livello primordiale, e segnalata al computer del medico, che tenterà di stroncarla sul nascere. Non come di solito quando si urla dal male o si è già pieni di pus. Infine, l’esito cicatriziale, come detto, è infinitamente meno visibile.
Fantastica TECH in A.I. eh? L’ha inventata un lab da marziani in Finlandia, si chiama VTT Technical Research Center. Ha stretti contatti col ministero della Sanità di Helsinki, quindi uno pensa: “Dai! Magari questa volta i buoni nordici dei super Servizi Sociali passano questa super TECH alla Croce Rossa Italiana, che la passa a noi TECH-GLEBA bypassando la Merkel.”.
No.
Già la Barnard-Realtà ti si sbatte in faccia sulla home del VTT, con questa frase: “Noi creiamo tecnologia per il business – per il bene della società”. Certo, e i Rothschild comprano tutti gli anni i giocattoli della Befana, per il bene dei bambini.
Infatti, basta scavare sotto la superfice di un mm, e sbuca la Barnard-Realtà in tutta la sua spietatezza, perché quando uno legge la parola Ventures… alé, i giochi sono fatti. La VTT Ventures è il braccio finanziario per gli investitori della VTT e quindi anche della ‘benda’ magica. Sorry. Mentre la pagina introduttiva mostrava il volto umano di queste ‘belle anime’, quella Ventures mostra la foto sopra, e la nuda verità:
DALL’ELETTRONICA, ALLA IoT, ALLE SCIENZE BIOLOGICHE, LE AZIENDE DEL NOSTRO PORTAFOGLIO CLIENTI CREANO IL MONDO DI DOMANI”. (dove tu sfigato non abiterai)
E poi segue in termini inequivocabili l’ancor più cruda ammissione che tutte queste ‘meravigliose’ TECH in A.I. che stanno trasformando il Pianeta saranno da pagare a peso d’oro. La troviamo in due slogan della VTT:
CERCHIAMO COSTANTEMENTE TALENTI NUOVI PER COMMERCIALIZZARE IDEE SIGNIFICATIVE”.
&
LE PIU’ BRILLANTI IDEE NORDICHE SOSTENUTE DA DIRITTI DI PROPRIETA’ INTELLETTUALE”.
L’ultima frase si traduce in: brevetti da pagare, come accaduto per decenni all’Africa per tutte le medicine salva vita, AIDS inclusa: non pagavano e allora che crepassero.
Ora, la Barnard-Realtà v’insegna che nell’avvento delle incredibili super TECH in A.I. c’è insita nell’organismo – proprio incastrata come un virus micidiale – una novità tragica, ve la rammento:
Il nuovo Pianeta Terra in A.I., con computer quantistici o al DNA o computer molecolari, con materiali marziani e prodigi robotizzati, coi networks neuronali ecc., viene costruito su tecnologie talmente complesse, ma talmente inimmaginabili e così segrete per fruttare brevetti, che anche il più abile scienziato esterno alle TECH Corporations non ci potrebbe capire nulla. Quindi non è che se la VTT, o NVIDIA, o Wymo, o Google-Alphabet, o Benevolent A.I., o Baidu, o Tencent ecc. ci negano la salvezza per lucro, noi possiamo rifarcela in casa come è accaduto coi farmaci generici. Ci arrivate a capire che cosa vuol dire questo?
Vuol dire che i Padroni del Pianeta di cui sopra avranno le Chiavi della vita, della Salute, delle industrie, dell’Ambiente, dell’Energia, di tutto, in mano. Ok? Non paghi? Crepi. E devi pagare perché, si rilegga sopra, tutti questi Padroni devono rispondere ad altri Padroni che gli hanno versato miliardi su miliardi, gli investitori, che li rivogliono duplicati a dir poco.
Quindi, lo dico con tragica serietà:
Dopo tutte le prove che vi ho scritto in decine d’articoli do-cu-men-ta-tis-si-mi sul paradigma finanziario dei Padroni delle Chiavi della vita sul Pianeta, chiunque nei media vi parli di queste super TECH in arrivo SENZA AVVERTIRVI DEI PERICOLI VERI (magari fosse solo la perdita d’occupazione), è o un ignorante da cacciare dall’Ordine dei Giornalisti, o è una m… (finisce per erda). Capito ragazzini di Report e signora Annunziata, che mi copiate mesi dopo e pure male?
Per favore, non fate figli. Non li vogliamo poi da adulti con sbraghi nella pancia da 30 cm, bendati alla cazzo da Sanità pubbliche alla fame, mentre guardano col naso appiccicato alle finestre i fortunati degli ospedali di VTT Technical Research Center.
Paolo Barnard
Fonte: www.paolobarnard.info
6.11.2017
* spunti da Applied Materials & Interfaces.
MA I RIMEDI CI SAREBBERO:
MA PURTROPPO IN ITALIA:

UN MICROSCOPIO PER IL NOSTRO FUTURO

http://ilcorrosivo.blogspot.it/2017/11/un-microscopio-per-il-nostro-futuro.html

martedì 14 novembre 2017

Alba Canelli
Marco Cedolin

Tanto, di tutto e di più è stato detto e scritto sul microscopio del Prof. Stefano Montanari.
Ancora con questo microscopio?” Eh già, vi toccherà ancora leggere di questo argomento, eppoi decidete voi se è importante sapere quali sostanze vengono iniettate ai nostri figli nei vaccini, se sono sicuri. E l’acqua, l’amianto, l’inceneritore vicino casa (o anche più lontano) che incessantemente rilascia sostanze nell’aria che respiriamo? “Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”?Lavoisier è superato?
I moderni inceneritori bruciano rifiuti e rilasciano ossigeno nell’aria, meglio della sintesi clorofilliana?
Sapete bene che non è così.
Penso sia stato detto troppo poco, degli studi realizzati dagli scienziati Gatti/Montanari sulle nanopatologie, ed oggi questa ricerca è in serio pericolo.
La campagna diffamatoria costruita e portata avanti contro i due scienziati, va avanti da anni, inutile ripartire dall’inizio, chi volesse saperne di più, può leggere quanto accaduto, nel 2009 che fu per molte settimane l’argomento più dibattuto in rete.
Tra proprietari legali (Onlus Bortolani) e truffe legalizzate, cioè la sottrazione del microscopio acquistato con donazioni fatte per la ricerca del dott. Montanari, nel 2014 si arriva ad una  sentenza, che in alcuni passaggi sottolinea ciò che la logica impone, e cioè che:….
  • i denari utilizzati dall’Associazione Carlo Bortolani Onlus per l’acquisto del microscopio sono stati versati da soggetti che avevano inteso, con le proprie sostanze, sostenere il progetto di ricerca degli attori nell’ambito degli studi sulle nanoparticelle e la nanodiagnostica.
  • (…) l’associazione, infatti, avendo sposato la causa dei dottori Gatti e Montanari, ha liberamente assunto nei confronti del pubblico sottoscrittore un vero e proprio obbligo di garanzia volto ad assicurare che i denari raccolti non venissero distratti dal fine convenuto.
Tutto ciò era chiaro anche nel 2009, ma intanto nonostante la sentenza che obbliga la Onlus Bortolani a pagare le spese giudiziarie, perché non ha rispettato il vincolo di destinazione del microscopio, ad oggi i due ricercatori si ritrovano ancora in difficoltà, quando si tratta di svolgere e proseguire le loro ricerche.
Il microscopio attualmente è a Pesaro Urbino, la sentenza obbliga (inoltre) la onlus Bortolani a pagare le spese di trasferta dei due ricercatori, ma nonostante il disagio assurdo che devono affrontare per un microscopio che è loro (secondo la proprietà sostanziale ma non formale), rimane un dato di fatto tragico e ingiusto. Il prossimo 28 febbraio i dottori Antonietta Gatti e Stefano Montanari non potranno più utilizzare l’unico microscopio con cui è possibile effettuare la loro ricerca, quella sulle nanopatologie.
Potrebbe sembrare superfluo, ma purtroppo non lo è affatto, sottolineare come occorra uno sforzo da parte di tutte le persone di buon senso, per evitare che il lavoro di Stefano Montanari e di Antonietta Gatti non possa più procedere e vada irrimediabilmente perso tutto il bagaglio di conoscenza che grazie ai due scienziati è stato possibile accumulare, nonostante il boicottaggio permanente da parte della politica, dell’informazione e dei grandi interessi messi a repentaglio dai risultati delle loro ricerche.
Un vero e proprio sforzo di reni che, ovviamente nel piccolo delle possibilità di ciascuno, dovrebbe essere dovere di tutti gli italiani nessuno escluso, perché le ricerche di Montanari/Gatti riguardano la salute di ognuno di noi e si tratta del bene più prezioso che possiediamo. Troppo prezioso perché si possa lasciarlo nelle mani del bestiario politico che ben conosciamo, dei giornalisti prezzolati che gli fanno da grancassa, delle lobby farmaceutiche e dei grandi poteri industriali e finanziari che tirano le fila.
…………………………………………………………………………………………
A. Gatti., S. Montanari “Nanopathology: The health impact of nanoparticles” book, ed by PanStanford Publishing Pte.Ltd Singapore, ISBN -10981\-4241-00-8, 2008, 1-298. www.worldscibooks.com/nanosci/v001.html, —reviewed in (http://www.panstanford.com/browse_titles) (-http://www.env-health.org/m/191http://www.emito.co.uk/kontakt/go.do?uid=6847536&link=4134
2 K. Peters, R. E. Unger, A. M. Gatti, E. Sabbioni, R. Tsaryk and C. J. Kirkpatrick, “Metallic Nanoparticles Exhibit Paradoxical Effects on Oxidative Stress and Pro-Inflammatory Response in Endothelial Cells in vitro”. International Journal of Immunopathology and Pharmacology. 2007 20(4):685-95 
3 A.M. Gatti “L’uranio impoverito e le malattie dei soldati al ritorno da missioni di pace” Arpa Rivista, n. 3 maggio-giugno 2007 27-28.
4 A.M. Gatti “Gulf War Sindrome: is nanopathology to blame?” NanoNow, the magazine for small science, dicembre 2007, 43-44.
5 Antonietta M. Gatti, Marco Ballestri*, Gianni Cappelli* Nanoparticles: potential toxins for the organism and the kidney ? CRITICAL CARE NEPHROLOGY, 2nd Edition, Basic Physiology, 2008, Chapter 205 18-24.
6 A Gatti, J Kirkpatrick, A Gambarelli, F Capitani, T Hansen, R Eloy, G Clermont. “ESEM evaluations of muscle/nanoparticles interface in a rat model” Journal of Material Science: Material in Medicine Apr;19(4):1515-22. 2008 
7 A.Gatti, S. Montanari “ Nanopollution: the invisibile fog of future wars” The Futurist, May-June 2008, 32-34.
8 A.Gatti, S. Montanari “Nanocontamination of the soldiers in a battle space” In Nanomaterials : Risks and benefits, Ed I.Linkov and J. Steeveens , Ed Springer , the Netherlands , April 2008 83-92. (http://www.springer.com//nanotechno…/book/978-1-4020-9490-3)
9 A.Elder, I Lynch, K Grieger, S. Chan-Remillard, AMGatti, H Gnewuch,El.rafaie Kenawy, r. Kerestein, T. Kuhlbusch F. Linker, S.Matias N. Monteiro-Riviere, V Pinto, R. Rudnitsky, k Savolainen, a Shvedova, Human health risks of engineered nanomaterials in Risks and benefits, Edited by I.Linkov and J. Steeveens, Publisher Springer , the Netherlands April 2008,p 3-29. (http://www.springer.com//nanotechno…/book/978-1-4020-9490-3)
10 S.Barcikoswski, J. Walter, A Hahn, J.Koch, A. Gatti, Picosecond and femtosecond laser machining may cause health risks related to nanoparticle emission. Proc. Of LPM 2008-th 9th Int. Symposium on Laser Precision Microfabrication, 2008, Germany 1-5 
11 A.Gatti, D. Tossini, A. Gambarelli, S. Montanari, F. Capitani “ Environmental Scanning Electron Microscope and Energy Dispersive System investigation of inorganic micro- and nano-particles in bread and biscuits” Critical Reviews in Food and Nutrition 2009,49(3),275-82.
12 S. Montanari, A. Gatti “Inquinamento involontario da micro e nanoparticolato inorganico negli alimenti” Rivista di Scienze dell’Alimentazione (J. of Food Science and Nutrition) n.2 Apr-Giugno 2008 pag.17-28, [ISSN 1128/7969]. 
13 A.M Gatti, S. Montanari, “War Pollution and Human/Animal Nanopathology” The 3rd ICBUW International Conference Hiroshima, 2006, August, 3-6. http://www.bandepleteduranium.org/modules.php
14 A. Gatti “Le Nanotecnologie in Medicina“ ’Enciclopedia UTET, 2008, 2302-2312.
15 A. L. Guildford, T. Poletti, L. H. Osbourne, A. Di Cerbo, A. M. Gatti and M. Santin,”Nanoparticles of a different source induce different patterns of activation in key biochemical and cellular components of the host response” Interface: The Journal of the Royal Society. 16/2/2009—20:36, pp. 1–10 (doi:10.1098/rsif.2009.0021- RSIF 20090021) —
16 Niko BÄRSCH, Antonietta GATTI, and Stephan BARCIKOWSKI Improving Laser Ablation of Zirconia by Liquid Films: Multiple Influence of Liquids on Surface Machining and Nanoparticle Generation, JLMN Journal of Laser Micro-Nanoengineering 2009, vol.4 n.1, 66-70.
17 Stephan BARCIKOWSKI1, Jürgen WALTER1, Anne HAHN1, Jürgen KOCH1, Hatim HALOUI2, Thomas HERRMANN2, Antonietta GATTI3 Picosecond and Femtosecond Laser Machining May Cause Health Risks Related to Nanoparticle Emission JLMN-Journal of Laser Micro/Nanoengineering 2009, Vol. 4, No. 3, 159-164,
18 Antonietta M. Gatti, Daniela Quaglino, Gian Luca Sighinolfi, A Morphological Approach to Monitor the Nanoparticle-Cell Interaction, International Journal of Imaging (ISSN 0974-0627) Volume 2 No. S09 Spring 2009 (Editorial 1) 2-21. http://ceserp.com/cp-jour/index.php ISSN 0974-0627
19 A. Gatti, V. Puntes “While Scientists are still wondering, Industry is already selling” inviato a NanoNow 2009, june n.12, 28-30
20 Lisa Bregolia , Francesca Chiarinia, Andrea Gambarellib, Gianluca Sighinolfib, Antonietta M. Gattib, Patrizia Santia, Alberto M. Martelli and Lucio Cocco ” Toxicity of antimony trioxide nanoparticles on human hematopoietic progenitor cells and comparison to cell lines . J. of Toxicology 2009. Vol 262 n2,3 August 121-29.
21 T. Hansen, L. Klimek, F. Bittinger, I. Hansen, F. Capitani, A. Weber, A. Gatti, JK Kirkpatrick, Mastzellreiches Aluminiumgranulom, Der Pathologe. 29(4):311-3.
22 A.M Gatti, S. Montanari, Unintended Nanoparticles: The most dangerous yet? Military Problems and Nanotechnology Solutions, NanoNow, 2009, n 15, December 30-34.
23 Coauthor of the Meeting Report of FAO/WHO Scientific meeting: “Expert Meeting on “the Application of Nanotechnologies in the Food and Agriculture Sectors: Potential Food Safety Implications”, 2009 in press in 5 languages in 2010. (http://www.fao.org/ag/agn/agns/)) (http://www.who.int/foodsafety);http://www.who.int/…/fs_…/meetings/nano_june09/en/index.html
24 Antonietta M. Gatti1, Paolo Bosco2, Francesco Rivasi1, Sebastiano Bianca3, Giuseppe Ettore3, Luigi Gaetti4, Stefano Montanari5, Giovanni Bartoloni6, Diego Gazzolo7, Heavy metals nanoparticles in fetal kidney and liver tissues, Frontiers in Bioscience (Elite edition, E3) 2011;1 (January):221-6
25 Gatti A.M , DIPNA Development of an Integrated Platform for Nanoparticle Analysis to verify their possible toxicity and the eco-toxicity in Compendium of Projects in the European NanoSafety Cluster , Editors: Michael Riediker, Georgios Katalagarianakis, Lausanne, Switzerland March pag. 11-17, 2010 
26 Checchi L, Nucci MC, Gatti AM, Mattia D, Violante FS. Sarcoidosis in a dental surgeon: a case report.J Med Case Reports. 2010 Aug 10;4:259. (doi:10.1186/1752-1947-4-259)
27 A Gatti , Nanopathology: A New Word to Describe the Nanoparticle-Human Body Interaction in AzooNano http://www.azonano.com/details.asp?ArticleId=2753; 2010
28 Tommaso Iannitti, Stefania Capone, Antonietta Gatti, et al, Intracellular heavy metal nanoparticle storage:progressive accumulation within lymph nodes with transformation from chronic inflammation to malignancy International Journal of Nanomedicine 2010 Volume 2010:5 Pages 955 – 960 DOI: http://dx.doi.org/10.2147/IJN.S14363:http://www.dovepress.com/articles.php
29 Antonietta M. Gatti, Stefano Montanari, “Nanoparticles: a new form of terrorism? “In Proceedings of the NATO-ASI Conference in Chisinau, Moldova 07-17 June 2010 entitled “Technological innovations in detecting and sensing of chemical biological radiological, nuclear threats and ecological terrorismo , ED, by A. Vaseashta, E. Braman, P. Susman , Publisher SpringerScience +Business Media B. V. , Dordrecht, the Netherlands, 2012, 45-53, ISBN 978-94-007–2487-7, Doi 10.1007/978-94-007-2488-4_4.
30 E.Artoni, G.Sighinolfi, A. Gatti, R. Magistroni, D. Campioli The role of nanoparticles in cryoglobulinemia: a preliminary study. Clinical and experimental rheumatology 29(1):174-174 • January 2011
31 C. Falugi , M.G. Aluigi , M.C. Chiantore , D. Privitera , P. Ramoino , M.A. Gatti , A. Fabrizi , A. Pinsino , V. Matranga,Toxicity of metal oxide nanoparticles in immune cells of the sea urchin” Marine Environmental Research, Elsevier 2012,76, 114-121 (doi:10.1016/j.marenvres.2011.10.003)
32 A.Gatti, S. Montanari, “Nanopathology: A Controversial Aspect of Nanomedicine” NanoMagazine 2011 , 22 November, 18-21 ISSN 1757-2517
33 A.M.Gatti, S. Montanari Il fuoco amico “Social News” Anno 9, n.1 gennaio p.16-18, 2012
34 S. Montanari, A.M.Gatti I due lati di una medaglia “Social News” Anno 9, n.1 gennaio p.8-9, 2012
35 A.M.Gatti, La guerra e le nanopatologie 1^ Conferenza Nazionale Sanitaria deiMedici del Corpo Militare A.C.I.S.M.O.M. pag. 8-13, Milano 2012
36 Chiara Gambardella1*, Sara Ferrando1, Lorenzo Gallus1, Antonietta Morena Gatti2, Paola Ramoino1, Cesare Usai3, Livia Vittori Antisari4, Serena Carbone4, Carla Falugi1 Nanosilver pesticide-like toxic effect assessed by using Lemna minor. International Journal of Environmental Analytical Chemistry – Manuscript ID GEAC-2012-0504Nov 2012
37 L. Alexandrescu, K. Syverud, A. Gatti, G. Chinga-Carrasco..” A biocompatibility study of cellulose nanofibril-based structures” Cellulose 2012 ISSN 0969-0239- Cellulose, DOI 10.1007/s10570-013-9948-9, 18 March 2013, 1-13.
38 Chiara Gambardella, Maria G. Aluigi, Paola Ramoino, Alberto Diaspro*, Paolo Bianchini*, Antonietta M. Gatti**, Marino Rottigni, Grazia Tagliafierro, Carla Falugi, Developmental abnormalities and cholinesterase activity alteration in sea urchin embryos and larvae obtained from sperms exposed to engineered nanoparticles Aquatic Toxicology 130– 131 (2013) 77– 85 AQTOX-D-12-00673
39 Verstraelen, Sandra, Remy, Sylvie; Casals, Eudald; De Boever, Hilda Witters, Gatti, Antonietta; Puntes, Victor; Nelissen, Inge; “Gene expression profiles reveal distinct immunological responses of cobalt and cerium dioxide nanoparticles in two in vitro lung epithelial cell models” Toxicology Letters 2014, Volume 228, Issue 3,157-169. (http://dx.doi.org/10.1016/j.toxlet.2014.05.006)
http://www.sciencedirect.com/…/article/pii/S0378427414001970
40 L.Vittori, A. Gatti, S. Carbone Exposure of Tillandsia Usneoides at Silver Nanoparticles Conference proceedings of full text for publishing in Thomson Reuters database. Katerina Sanetrnikova, conference manager, NANOCON 2012, www.nanocon.cz<http://www.nanocon.cz/en/>
41 A.Gatti, S. Montanari “Engineered nanoparticles, natural nanoparticles and nanosized-by-products” NANO :the magazine for small science, n. 26 December 2012, pag 18-19.
42 A. Gatti “9/11 and nanoparticles: when one doesn’t like to be right” NANO :the magazine for small science, n. 26 December 2012, pag20-21
43 A.Gatti, I.Massamba, F. Capitani , M. Commodo, P. Minutolo “Investigations on the impact of nanoparticles on environmental sustainability and ecotoxicity “ EQA Environmental quality Vol 8 2012, 1-8, ISSN2039-9898
44 Tommaso Giordani (1)*, Alberto Fabrizi (2), Lucia Guidi (1), Lucia Natali (1), Giulia Giunti (1), Fausto Ravasi (1), Andrea Cavallini (1), Alberto Pardossi Response of tomato plants exposed to treatment with nanoparticles EQA – Environmental quality / Qualité de l’Environnement / Qualità ambientale, 8 (2012) 27-38
45 L. Vittori, S. Carbone, A.M. Gatti, G. Vianello, P. Nannipieri,”Toxicity of metal oxide (CeO2, Fe3O4, SnO2) engineered nanoparticles on soil microbial biomass and their distribution in soil” Soil Biology and Biochemistry Volume 60, May 2013, Pages 87–94, http://www.sciencedirect.com/…/article/pii/S0038071713000278
46 G. Degrassi, I. Bertani, G. Devescovi, A. Fabrizi, A. Gatti, V. Venturi Response of Plant-bacteria interaction models to nanoparticles EQA Environmental quality Vol8 2012, 39-50 , ISSN2039-9898 
47 L. Vittori, S. Carbone, A.M. Gatti, A. Fabrizi, G. Vianello,Toxicological effects of engineered nanoparticles on earth worms (lombricus rubellus ) in short exposure EQA Environmental quality 2012, Vol. 8, 51-60 , ISSN2039-9898 
48 C. Falugi, M.G.Aluigi, M.Faimali, S. Ferrando, C. Gambardella, AM Gatti, P.Ramoino , Dose dependent effects of silver nanoparticles on the reproduction and development of different biological models EQA Environmental quality Vol. 8 2012, 61-65, ISSN2039-9898 
49 S. Cattini, AM Gatti “In-vivo Diffuse Correlation Spectroscopy Investigation of the Ocular Fundus”.Journal of Biomedical Optics 18(5), , May 2013, pag.057001- (1-14).
50 A.Gatti, S. Montanari. The Quirra Syndrome : matter of Traslational Medicine, in Advanced Sensors fgor Safety and security Ed. By A.Vaseashta, S. Khudaverdyan, NATO Meeting in YEREVAN 2012, The NATO Science forPeace and Security programme: Series B:Physics and Biophysics, . Springer (ISBN978-94-007-7002-7), Dordrecht, Germany 2013, Cap. 4, 55-64.
51 Myrzakhanova M., Gambardella C., Falugi C., Gatti A.M., Tagliafierro G., Ramoino P., Bianchini P., Diaspro A. 2013. Effects of nanosilver exposure on cholinesterase activities, CD4 and CDF/LIF-like expression in zebrafish (Danio rerio) larvae. BioMed Res. Internat., vol. 2013, Article ID 205183, 12 pages, 2013. doi:10.1155/2013/205183.
http://dx.doi.org/10.1155/2013/205183 ,http://www.hindawi.com/journals/bmri/2013/205183/;
52 Chiara Gambardella, Carla Falugi, Antonietta M. Gatti, Marco Feimali, Lorenzo Gallus “Toxicity and transfer of metal oxide nanoparticles from microalgae to sea urchin larvae” Chem. Ecol., 16 January 2014; 30: 308-316 DOI:10. 1080/02757540.2013.873031, http://www.tandfonline.com/…/…/10.1080/02757540.2013.873031…
53 Chiara Gambardella,Maria G. Aluigia, Sara Ferrandoa, Lorenzo Gallusa, Paola Ramoinoa,Antonietta M. Gattib, Marino Rottignia, Carla Falugia,Developmental abnormalities and changes in cholinesterase activity in sea urchin embryos and larvae from sperm exposed to engineered nanoparticles. Aquatic Toxicology Volumes 130–131, 15 April 2013, Pages 77–85..
54 Maider Olasagastia, Antonietta M. Gattib,c, Federico Capitanic,Alejandro Barrancoa, Miguel Angel Pardoa, Kepa Escuredoa,and Sandra Rainieri. Toxic effects of colloidal nanosilver in zebrafish embryos . Journal of Applied toxicology 2014.; 34(5):562-75.
55 Gilberto Giannini, Antonio Giusto, Piero Pazzaglini, Annalisi Grucii, Daniele Contini, Pietro Gobbi, Antonietta Gatti, Laura Valentini, Paola. Boi, La microscopia elettronica a scansione: Collaborazione tra ARPAM e Università di Urbino. ARPAM Newsletter, Dicembre 2013, n.39 , 1-4.
56 Livia Vittori Antisari, Serena Carbone, Antonietta Gatti, Gilmo Vianello, Paolo Nannipieri, Toxicity of metal oxide (CeO2, Fe3O4, SnO2) engineered nanoparticles on soil microbial biomass and their distribution in soil, Soil Biology and Biochemistry 2013, 60:87–94. DOI:10.1016/j.soilbio.2013.01.016,
57 A.Gatti, New constituents and particle sizes herald new health dangers from pollution, Nano magazine n. 29 July 1-3, 2014 .
58 A. Gatti Archeologia: una disciplina affascinante e polverosa? Archeomedia Anno 9, 4 luglio 2014 http://www.archeomedia.net//39543-antonietta-m-gatti-arche…
59 A. Gatti, S. Montanari Nanopathology: The Nano-bio-interaction of Nanoparticles Inside the Human Body , M. Lungu et al. (eds.), Nanoparticles’ Promises and Risks, Springer International Publishing Switzerland 2014, PartII-5 5 , 70-84
60 A. Gatti, S. Montanari Identification of nanoparticles in organic matrices M. Lungu et al. (eds.), Nanoparticles’ Promises and Risks, Springer International Publishing Switzerland 2014 Part III-10, 213-220.
61 L P Nannipieri. Uptake and translocation of metals and nutrients in tomato grown in soil polluted with metal oxides- (CeO2, Fe3O4, SnO2, TiO2) or metallic- (Ag, Co, Ni) engineered nanoparticles, Environmental Science and Pollution Research (Springer)2014, 6 Settembre, 1-14. f (DOI 10.1007/s11356-014-3509-0) (http://link.springer.com/artic/10.1007%2Fs11356-014-3509-0…)
62 G.Degrassi, V.Venturi, L.Vittori Antisari, S. Carbone, A.Gatti, G. Vianello,C.Gambardella, Impact of Engineered Nanoparticles on Virulence of Xanthomonas oryzae pv oryzae and on Rice Sensitivity at its Infection. Article • December 2014, DOI: 10.6092/issn.2281-4485/4556
63 A.M. Gatti Nanomedicine and Nanopathology: Two Opposite Aspects of Nanotechnologies. Editorial Article, Journal of Nanomedicine Research 2014;vol I (2), 2-3
Citation: Gatti AM (2014) Nanomedicine and Nanopathology: Two Opposite Aspects of Nanotechnologies. J Nanomed Res 1(2): 00008. DOI: 10.15406/jnmr.2014.01.00008
64 Livia Vittori Antisari & Vito Armando Laudicina &Antonietta Gatti & Serena Carbone & Luigi Badalucco &Gilmo Vianello. Soil microbial biomass carbon and fatty acid composition of earthworm Lumbricus rubellus after exposure to engineered nanoparticles, Biol Fertil Soils 2015: 51; 260-69. DOI 10.1007/s00374-014-0972-1, Springerhttp://link.springer.com/article/10.1007/s00374-014-0972-1
65 G. L. Sighinolfi1, E. Artoni2, A. M. Gatti3and L. Corsi1, Carcinogenic potential of metal nanoparticles in BALB/3T3 cell transformation assay, Environmental Toxicology published 30 OCT 2014-http://onlinelibrary.wiley.com/d/10.1002/tox.22063/abstract
66 Antonietta m. Gatti, Stefano Montanari and Ashok Vaseashta Nanopathology—Risk Assessment of Mysterious Cryptogenic Diseases . in Life Cycle Analysis of Nanoparticles: Reducing Risk and Liability edited. By A. Vasehasta, DESTech Pubblications (Lancaster Pennsylvania. 2015; Cap.6. Pg. 143 -172, 
67 Antonietta m. Gatti, Stefano Montanari Letter to Science A new pathogenic agent: the Bad Luck.
68 Antonietta m. Gatti, Stefano Montanari “August 1945: WWII ended after two atomic bombs had been dropped: The health and environmental side-effects of high-temperature weapons including atomic bombs”. on January 8, 2015 at 17:00 warhistoryonline https://www.warhistoryonline.com//august-1945-wwii-ended-t…
69 “Gambardella C., Ferrando S., Gatti A.M., Cataldi E., Ramoino P., Aluigi M.G., Faimali M., Diaspro A., Falugi C. Morpho-functional and biochemical markers of stress in sea urchin life stages exposed to engineered nanoparticles. Environ. Toxicol., ” Environmental Toxicology 05/2015; DOI:10.1002/tox.22159.
70 Antonietta M. Gatti, Stefano Montanari Case Studies in Nanotoxicology and Particle Toxicology , Elsevier (USA) (ISBN: 978-0-12-801215-4). 2015; 1-260.
71 Roncati L1, Gatti AM2, Pusiol T3, Barbolini G1, Maiorana A1. Acquired immunodeficiency similar to Gulf War illness in a dead former serviceman. J R Army Med Corps. 2015 Jun;161(2):153-5.
72 Roncati L1, Gatti AM, Capitani F, Barbolini G, Maiorana A, Palmieri B
Heavy Metal Bioaccumulation in an Atypical Primitive Neuroectodermal Tumor of the Abdominal Wall. Ultrastruct Pathol. 2015 Aug;39(4):286-92.
73 Luca Roncati,1 Ph.D.; Antonietta M. Gatti,2, 3 Ph.D.; Federico Capitani,3 B.S. Goretta Bonacorsi,4 Ph.D.; Giuseppe Barbolini,1 Ph.D.; and Antonio Maiorana,1 Ph.D.A novel forensic Investigation applied to bone remains exhumed near Quira Interforce Firing Range: (Case Report) J.of Forensic Sciences 2015, December p.858-8612016 May;61(3):858-861. doi: 10.1111/1556-4029.13016. Epub 2015 Dec 31. PMID: 27122433
74 G.Visani*1, A.Manti2, L.Valentini2, B.Canonico2, F.Loscocco1, A.Isidori1, E. Gabucci1, P.Gobbi2, S. Montanari3, M. Rocchi3, S. Papa3, A.M.Gatti4* Environmental nanoparticles are significantly over-expressed in acute myeloid leukemia Leukemia Research, Volume 50, November 2016, Pages 50-56 http://www.sciencedirect.com/…/article/pii/S0145212616301916
75 Artoni E. 1,5, Sighinolfi G.L.5, Campioli D. 2, Magistroni R.3, Cappelli G.3, Gatti A.M.4, Sebastiani M.5, Colaci, Giuggioli D.5, Ferri C.5Micro and nanoparticles as possible pathogeneticco-factors of mixed cryoglobulinemia syndrome Occupational Medicine 2016 September 30;https://www.readbyqxmd.com//micro-and-nanoparticles-as-pos…
76 Livia Vittori Antisari,Serena Carbone,Antonietta Gatti,Gilmo Vianello,Paolo Nannipieri, Uptake and translocation of metals and nutrients in tomato grown in soil polluted with metal oxide (CeO2, Fe3O4, SnO2, TiO2) or metallic (Ag, Co, Ni) engineered nanoparticles.https://www.researchgate.net/publication/265394076_Article in Environmental Science and Pollution Research 22(3) • September 2014 
77 l.Vittori. A. Gatti ecc Impact of cobalt and silver nanoparticles and ions on soil microbial community structure, lumbricus rubellus health and their trophic interactions”. Environmental Toxicology and Chemistry Biol Fertil Soils (2015) 51:261– 269DOI 10.1007/s00374-014-0972-1
78 A M Gatti The theory of everythinghttp://medcraveonline.com/JNMR/articles-in-presshttp://medcraveonline.com/JNMR/JNMR-03-00053.pdf, J. of Nanomedicine &Research February 2016. 
79 Chiara Gambardella,1 Sara Ferrando,2 Antonietta M. Gatti,3 Edoardo Cataldi,2Paola Ramoino,2 Maria Grazia Aluigi,2 Marco Faimali,1 Alberto Diaspro,4 Carla Falugi5 Review: Morphofunctional and Biochemical Markers of Stress in Sea Urchin Life Stages Exposed to Engineered Nanoparticles (wileyonlinelibrary.com). DOI: 10.1002/tox.22159, Environmental Toxicology. 2015 ( Wiley Periodicals) Inc., 1-11.
80 Luca Roncati, Giuseppe Barbolini, Antonietta M. Gatti, Teresa Pusiol, Francesco Piscioli, Antonio Maiorana. The uncontreolled Sialylation is related to chemoresistent metastatic breast cancer, Pathology, Oncology, Research on-line ( DOI 10.1007/sl12253-016-0057-6) 2016 ; p1-5. Apr 1. [Epub ahead of print] PMID: 27037559 
81 Serena Carbone Sara Bosi; Antonietta Gatti; Giovanni Dinelli, Livia Vittori Antisari, Title: Metal and metal oxides engineered nanoparticles effects on physiological parameters and nutrients content in basil (Ocimum basilicum L.) spedito a Ecotoxicology and Environmental Safety, in accettazione
82 Roncati L, Gatti AM, Pusiol T, Piscioli F, Barbolini G, Maiorana A. The first investigative science-based evidence of Morgellons psychogenesis. Ultrastruct Pathol. 2016 Jun 7:1-5. [Epub ahead of print] PMID: 27269255
83 Antonietta Gatti Nano-biointeraction and nanopathology in AZOnano October 2016 http://www.news-medical.net//Nano-biointeraction-and-nanop…
84 Chiara Gambardella, Sara Ferrando, Antonietta M. Gatti, Edoardo Cataldi, Paola Ramoino,Maria Grazia Aluigi,Marco Faimali,Alberto Diaspro,Carla Falugì, Review: Morphofunctional and biochemical markers of stress in sea urchin life stages exposed to engineered nanoparticles Environmental Toxicology • May 2015 DOI: 10.1002/tox.22159
https://www.researchgate.net//277414327_Review_Morphofunct… [accessed Nov 23, 2016].
248 Gatti AM and Montanari S. New quality-control investigations on vaccines: micro- and nanocontamination. Int J Vaccines Vaccin 2017, 4(1): 00072. doi: 10.15406/ijvv.2017.04.00072…………………………. Comment:http://www.pharmaceutical-journal.com/…/re…/20202318.article Comment:http://www.ghostshipmedia.com/…/lead-iron-chromium-metals-…/……...http://www.healthnutnews.com/…/micro-nanocontamination-vacc…
249 Letter to the Editor Many vaccines have tiny amounts of inorganic matter, investigation finds. BMJ 2017http://www.bmj.com/content/356/bmj.j596/rr-3
250 Nano-biointeraction and nanopathology in News Medical Life sciences, 31 Oct. 2016; http://www.news-medical.net//Nano-biointeraction-and-nanop…
http://www.peacelink.it/editoriale/a/15248.html

IL PIÙ GRANDE AEREO ANTINCENDIO DEL MONDO

http://www.flyorbitnews.com/2016/05/10/il-piu-grande-aereo-antincendio-del-mondo-il-video-e-le-immagini/

scritto da Alessandro Iacopini
10 maggio 2016

Oltre 75mila litri di capacità, con la possibilità di raggiungere ogni parte del globo con al massimo venti ore di volo, rifornimenti inclusi. Sono queste le caratteristiche del più grande aereo antincendio del mondo, un Boeing 747-400 della compagnia americana Global SuperTanker, presentato giovedì scorso a Colorado Spring, in Colorado, sede dell’azienda e futura base operativa del velivolo.

L’aereo è stato chiamato Spirit of John Muir in onore del celebre naturalista statunitense di origine scozzese, tra i più grandi sostenitori della protezione e della conservazione dell’ambiente.

Nel corso della sua presentazione, l’aereo ha mostrato le sua capacità, effettuando un volo a bassa quota e rilasciando il suo carico d’acqua nei pressi dell’aeroporto. Secondo la Global SuperTanker il B747-400 ha una capacità di trasporto due volte superiore rispetto al più grande aereo antincendio finora utilizzato.

Durante la simulazione l’aereo ha volato a circa due cento metri d’altezza ad un velocità di circa 260 chilometri orari. Il B747, in particolare, era configurato con l’assetto d’atterraggio.

Il SuperTanker è certificato per trasportare, acqua, liquido ritardante, gel o schiuma e può essere ricaricato in circa trenta minuti. A pieno carico l’aereo ha una autonomia di oltre seimila chilometri.

Il Boeing 747 marche N744ST è arrivato alla Global SuperTanker dopo aver trasportato passeggeri per Japan Airlines dal 1991 al 2010. Nel 2012 l’aereo è stato acquisito dalla Evergreen International Airlines, una compagnia cargo che già effettuava dei servizi antincendio con dei più piccoli e obsoleti B747-100 e 747-200. Fallita la Evergreen, la Global ha acquisito il progetto e ha completato la riconfigurazione interna dell’aereo.

IL MOSE È UNA PORCATA, SE NE SONO ACCORTI ANCHE LORO

http://ilcorrosivo.blogspot.it/2017/10/il-mose-e-una-porcata-se-ne-sono.html

mercoledì 11 ottobre 2017

Marco Cedolin

Quando nel 2008 andava in stampa Grandi Opere, con un intero capitolo dedicato alla truffa del Mose, tutti i media mainstream nessuno escluso, cantavano in coro le lodi della nuova opera, magnificandone le proprietà taumaturgiche, pronti a giurare che il “mostro” in costruzione avrebbe salvato la città di Venezia ed altrettanto pronti nel bollare come antimoderna e demagogica qualsiasi critica venisse portata nei confronti del progetto.
Oggi, a nove anni di distanza, La Stampa di Torino pubblica un articolo Venezia e il suo Mose, storia di un fallimento”, nel quale racconta esattamente le stesse cose che a suo tempo ventilai in Grandi Opere, declinandole ovviamente al presente e non al futuro (come feci io) ed aggiornandole con il rendiconto di una serie di disastri ancora peggiori di quanto la Cassandra che alligna in me fosse stata in grado di vaticinare a suo tempo….
Il “mostro” non ancora completato (dovrebbe esserlo nel 2022) a fronte degli 1.6 miliardi di euro previsti (e dei 4,5 che ventilavo io) è già costato 5,5 miliardi del contribuente italiano e sostanzialmente la struttura versa in rovina, dal momento che per riparare gli elementi già rovinati dalla salsedine e dalle cozze prima ancora che l’opera sia entrata in funzione serviranno come minimo altri 700 milioni di euro, sempre che bastino, dal momento che stando a quanto scrive La Stampa anche buona parte delle strutture non ancora posate in mare si stanno arruginendo a causa della salsedine. Al tutto andranno sommati almeno 105 milioni di costo annuale per la manutenzione, sempre che bastino e la sensazione che emerge leggendo l’articolo è proprio quella che non basteranno.
Anche nel caso che l’opera riesca un giorno ad entrare in funzione, cosa di cui i giornalisti della Stampa dimostrano di dubitare fortemente, a Venezia non salverà un bel niente, dal momento che come scrivevo io allora e scoprono loro oggi, il Mose entrerà (se entrerà) in funzione solamente con le maree eccezionali oltre i 110 cm di altezza e resterà inerte con quelle inferiori che sono le più frequenti e la maggiore causa di danno per i veneziani.
Come se non bastasse intorno all’opera (come sostenevo in Grandi Opere) sulla Stampa viene fatto notare come abbia proliferato un giro di corruzione miliardario “per coprire lavori e opere mal progettati e peggio realizzati”, parte del quale sarebbe già stato svelato dalla magistratura.
E ciliegina sulla torta “secondo una perizia commissionata dal Provveditorato alle Opere Pubbliche di Venezia, braccio operativo del Ministero delle Infrastrutture, il MOSE rischia cedimenti strutturali per la corrosione elettrochimica dell’ambiente marino e per l’uso di acciaio diverso da quelli dei test. Le cerniere che collegano le paratoie mobili alla base in cemento – ce ne sono 156, ognuna pesa 36 tonnellate, un appalto da 250 milioni affidato senza gara al gruppo Mantovani – sono ad altissimo rischio (probabilità dal 66 al 99 per cento) di essere già inutilizzabili.”
Il tutto porta i giornalisti della Stampa (che come i loro colleghi 9 anni fa sostenevano l’opera contro la nostra miopia) ad affermare che il Mose sarebbe una vera e propria “antologia degli orrori”, che “non sempre il gigantismo paga” e che “il MOSE è il simbolo di quel che non si deve fare.”
Peccato che lor signori non abbiano preso coscienza della realtà prima che i miliardi dei contribuenti italiani venissero sperperati e la laguna veneta devastata, quando ancora le marchette in favore del Mose rendevano molti quattrini ed erano funzionali alla costruzione di fulgide carriere giornalistiche.
 

Grandi manovre nucleari alla Camera

https://ilmanifesto.it/grandi-manovre-nucleari-alla-camera/

manifesto

L’arte della guerra. La rubrica settimanale a cura di Manlio Dinucci

03.10.2017

Il giorno prima che il Trattato sulla proibizione delle armi nucleari venisse aperto alla firma alle Nazioni Unite, alla Camera dei deputati è stata approvata il 19 settembre, a grande maggioranza (296 contro 72 e 56 astenuti), una mozione Pd a firma Moscatt e altri.

Essa impegna il governo a «continuare a perseguire l’obiettivo di un mondo privo di armi nucleari attraverso la centralità del Trattato di non-proliferazione (Tnp), valutando, compatibilmente con gli obblighi assunti in sede di Alleanza atlantica, la possibilità di aderire al Trattato per vietare le armi nucleari, approvato dall’Assemblea generale dell’Onu».

La mozione Pd, «su cui il governo ha espresso parere favorevole», è una cortina fumogena per nascondere il fatto che l’Italia è accodata al crescente riarmo nucleare Usa/Nato ospitando, in completa violazione del Tnp, le bombe nucleari Usa B-61 che dal 2020 saranno sostituite dalle ancora più pericolose B61-12.

La vera posizione del governo Gentiloni è emersa il giorno dopo quando, attraverso il Consiglio nord-atlantico di cui fa parte insieme agli altri 28 governi della Nato, ha respinto in toto e attaccato il Trattato Onu. Alla Camera dei deputati la mozione Pd è stata votata da Forza Italia, Fratelli d’Italia, Scelta Civica, Alternativa Popolare, Democrazia Solidale e Gruppo Misto.

La Lega Nord, assente in aula al momento del voto, con una sua mozione chiama il governo «a non rinunciare alla garanzia offerta dalla disponibilità statunitense a proteggere anche nuclearmente l’Europa e il nostro stesso paese, non necessariamente rispetto alla Russia».

Come se l’Italia fosse in grado di stabilire contro chi debbano essere puntate le armi nucleari Usa. Sinistra Italiana e Articolo 1, nelle loro mozioni respinte dalla Camera, chiedono la rimozione delle armi nucleari Usa dall’Italia in base al Trattato di non-proliferazione e l’adesione dell’Italia al Trattato Onu. Però, sulla mozione Pd, entrambi i gruppi non hanno votato contro ma si sono astenuti. Ha invece espresso voto contrario il Movimento 5 Stelle.

Nella sua mozione, anch’essa respinta, esso non chiede però al governo né la rimozione delle armi nucleari Usa dall’Italia in base al Trattato di non-proliferazione, né l’adesione dell’Italia al Trattato Onu, ma di «relazionare al Parlamento sulla presenza in Italia di armi nucleari, non facendosi più paravento di un vincolo atlantico alla riservatezza inesistente per i cittadini e i parlamentari Usa» e di «dichiarare l’indisponibilità dell’Italia ad utilizzare armi nucleari, a non acquisire le componenti necessarie per rendere gli aerei F-35 idonei al trasporto di armi nucleari».

La mozione del M5S rispecchia la posizione espressa dall’aspirante premier Luigi Di Maio che «non vogliamo uscire alla Nato» (come ha dichiarato lo scorso aprile in una conferenza negli Usa), che (come ha dichiarato in un’intervista lo scorso giugno) «vogliamo restare nella Nato, ma vogliamo parlamentarizzare gran parte delle scelte».

Illusione o peggio.

Nel Consiglio nord-atlantico, stabiliscono le norme Nato, «non vi è votazione né decisione a maggioranza», ma «le decisioni vengono prese all’unanimità e di comune accordo», ossia d’accordo con gli Stati uniti cui spettano per diritto la carica di Comandante supremo alleato in Europa e gli altri comandi chiave, compreso quello del Gruppo di pianificazione nucleare della Nato.

Promettere che gli F-35, aerei concepiti per l’attacco nucleare soprattutto con le B61-12, possano essere usati dall’Italia con una sorta di sicura che impedisca l’uso di armi nucleari, equivale a una favola raccontata ai bambini per fargli dormire sonni tranquilli.

Microchip sottopelle obbligatorio per tutti presto in Italia, per primi anziani e lavoratori statali

ma non erano solo fantasie di quei “malati di mente” dei complottisti?


Per la nostra salute è ottimo perché possiamo prevenire ictus ed infarti, ma per tutto il resto è conveniente?
 
In futuro effettueremo i pagamenti tramite questo chip, entreremo nei locali tramite questo chip, timbreremo nel nostro ufficio tramite questo chip, chi ha il comando sul controllo globale saprà dove siamo in tempo reale in qualsiasi posto e non potremo decidere di estrarlo dal nostro corpo, sarà obbligatorio per tutti!

 

NON IMPORTA COSA VI RACCONTANO SUI VACCINI, NON ACCETTATELI, UNA NUOVA ARMA BIOLOGICA È DISTRIBUITA TRAMITE I VACCINI ..

mercoledì 20 luglio 2016

Non importa cosa vi raccontano sui vaccini, non accettateli, una nuova arma biologica è distribuita tramite i vaccini ..

PAKALERTPRESS
secretsofthefed.com

Ci sono state molte segnalazioni circa nanobot in fase di sviluppo che servono ad annientare le persone. Questo report in realtà identifica i nanobot e quello su cui si basano. Una volta che questi nanobot ricevuti tramite un vaccino contaminato, si inseriscono nel DNA delle vostre cellule ordina alle vostre cellule di riprodurre più copie di se stesso ed è così che si replica. E non  torna mai indietro, ordina semplicemente alle  cellule di continuare a produrre fino a quando le cellule stesse muoiono  facendo esattamente questo lavoro. Si è completamente verificato questo, in laboratorio già dal 2007, scorrete verso il basso l’articolo per vedere le immagini se non avete molta voglia di leggere.

Siti web di notizie alternative anti-vaccino contattate al momento RIGHT NOW  vengono epurate totalmente e simultanee della cache di Google entro poche ore e mi permetto di chiedere il perché. A dire il vero, c’è poco da mettere in discussione.

La risposta è apparentemente ovvia. Le élite sono ora in corso per una grande spinta per ottenere il nanobot batteriofagi T4 e altri additivi di vaccino contaminati messi in distribuzione pubblica mondiale tramite iniezioni tutti in una volta. E ho il sospetto che stanno per usare una falsa epidemia di Ebola per spaventare la gente ad accettare i vaccini con nanobot T4, che tutti ricevono di colpo in un breve periodo di tempo

Il volo flight370, abbattuto in Ucraina, e altre questioni, la rimozione dei siti web anti-vaccino nel bel mezzo di una epidemia “Ebola” è la coincidenza a cui tutti noi dovremmo prestare attenzione. 

Questa è la notizia, se ci manca questo quello che abbiamo sono suscettibili di essere distrutti.
Chiunque sia è sufficiente per trovare un sito web come questo, si dovrebbe conoscere il piano del NWO per lo spopolamento globale e la creazione di città di schiavi  che possono essere gestiti con facilità. Quale modo migliore poteva esserci per gestire un spopolamento massiccio con un falso focolaio , e la vera malattia ordinata a colpi, spacciata come i vaccino che dovrebbe proteggere? Puoi scommettere le élite non vogliono rilasciare in realtà qualcosa che potrebbe ucciderli in libertà sotto forma di una vera e propria epidemia. Avrebbero invece scelto di utilizzare tutti i loro soldi delle tasse ottenuti dai  malati per formulare un colpo e iniettarlo nelle loro vittime, con una certa percentuale di colpi  non pericolosi, forse da 1 a 10, e il resto rappresenta la fine della vita per il destinatario . Se la malattia è una malattia gestita  completamente non contagiosa, e che può essere accolta solo tramite una inoculazione, si può stare tranquilli mentre il mondo muore intorno a loro.

Ed è per questo che spingono i vaccini così duramente, e lavorano attivamente  per distruggere completamente diritto al legittimo dissenso. Sono certo che il mio sito web è esclusivo e rimane in linea con la causa divenuta  ben nota velocemente,  fa calare senza innalzare onde, mi accingo a impiegare questo beneficio per avvertire la gente e sperare per il meglio.

L’epidemia di Ebola è probabilmente un INGANNO un trucco per diffondere un VACCINO CONDENSATO VIRALE con Nanobot che vi distruggerà

Una nota del giocatore: che cosa accadrà se queste cose finiscono dentro di te? Questi non sono iPhone…? Sei sicuro che il laboratorio ISRAELIANO abbia il diritto di inocularti?

Con solo 183K di codice il DNA è super efficiente, nanobot virali sono stati rilasciati in libertà tramite le vaccinazioni, dal 22 settembre 2007 e vengono spacciati come una variante naturale del batteriofago T4. Ma questo rapporto prova che questi batteriofagi Nanobot non sono naturali, e sono stati creati  nei laboratori di Israele.
Questi nanobot invadono gli organismi ospiti o le cellule e inseriscono nel DNA e causa l’host per rendere più nanobot fino a quando gli organismi ospitanti o cellule muoiono da sforzi eccessivi loro produzione.

Questi sono suscettibili per essere nel vaccino per il Papilloma Virus , in quello antinfluenzale e altri vaccini: il ritiro è  distribuito con questi citati. 
Questi sono molto probabilmente nel Gardasil, che, in realtà sembra essere progettato per distruggere i centri emozionali femminili e attaccare il cervello, e come dimostra questo rapporto.

Se sei uno che va oltre il titolo e vai oltre la prima pagina di lettura, è meglio riconsiderare le vostre informazioni e abitudini ti poni nella condizione di leggere tutto.

Il nanobot a sei zampe batteriofago T4 distrugge il cervello e ti modifica geneticamente.

I vaccini utilizzati ora in distribuzione sono questi.

Qualcosa chiamato batteriofago T-4 esisteva anche prima, ma non aveva di certo l’aspetto di questo.

Sapevo che il sei zampe T4  batteriofago non era naturale e che è stato progettato e costruito da Israele, e ho trovato il modo per dimostrarlo. Clicca l’immagine a sinistra per vedere come ho dimostrato, che questa non è una bufala. Google non produce risultati di immagini per T4 bacteriphage prima del 1 settembre del 2007, e molto dopo il 1 settembre del 2008. Quindi questo è il lasso di tempo in cui questo piccolo demone a sei punte è stato rilasciato in libertà senza controlli. E Google ha successivamente truccato  queste ricerche, come  ho già documentato, in verità.

Si tratta di una situazione di emergenza, ora, questo è ciò che Israele sta  utilizzando per la sua guerra razziale con l’etno-bomba, e il seguente rapporto da questo sito web spiega tutto su questo argomento:

Questo è ciò che Israele sta per utilizzare nella sua guerra alle razze con l’etno-bomba.
La vera minaccia per il nostro futuro è il nanobot batteriofago T4 Si è verificato un allarmante sviluppo per quanto riguarda il tema dei fagi virus

Per fornire un background su questo, ho un amico molto vicino, che è un dottorato di farmacologia e un esperto nel campo della microbiologia  correlata. Pur avendo lunghe discussioni sul futuro della medicina come arma, questo amico è andato avanti e avanti su come i batteriofagi venivano riprogettati per attaccare le nostre cellule cerebrali, piuttosto che il loro ospite normale – batteri, DNA, si impianta direttamente nelle nostre cellule e le cambia immediatamente e per sempre , il cambiamento per le generazioni future, fornendo un carico utile di DNA alle cellule uovo nelle ovaie e anche per il sistema riproduttivo maschile. Ciò avrebbe un impatto permanente sul futuro del genere umano. Una volta che questo tipo di batteriofago è stato ricevuto tramite una vaccinazione, quelli vaccinati avrebbero indotto tratti del vaccino a passare lungo la via del DNA e inserito parte del betteriofago per tutte le generazioni future.

Anche se batteriofagi (che sono i virus che attaccano i batteri,) di vario tipo sono stati sempre praticamente intorno, sono finora stati considerati innocui perché diversi dal batterio, e sono anche altamente selettivi per il tipo esatto e specie di batteri che attaccheranno.

Quando si parla di questo argomento, ho sollevato la questione del perché stavano modificando i fagi invece dei virus comuni che hanno una storia nel attaccare le persone. Una risposta è nel fatto che fagi, più che i virus ordinari può attraversare il divario di specie, sono altamente selettivi nei loro obiettivi e sono programmati per attaccare solo precisamente quello per cui sono stati progettati – un batteriofago preferirà soltanto una variante di un particolare tipo di batteri. Per esempio, ci sono molti diversi tipi di batteri salmonella, e tra i batteri salmonella, un particolare fago attaccheranno solo una variante lasciando altre varianti di sola salmonella. Nel cervello , non tutti i neuroni sono identici, ma sono tutti simili così quando somministrati tramite un vaccino intenzionalmente contaminato, l’alta selettività di un batteriofago modificato può essere utilizzato per indirizzare con precisione il tipo di neurone un vaccino sabotato sarebbe destinato a spazzare via tutto.

Un’altra ragione per cui i batteriofagi sono stati scelti come candidati principali per il cervello e la modifica del DNA è il fatto che non sono progettati per attaccare le persone, per cominciare, quindi a reinfettare le persone che non hanno mai ricevuto il vaccino contaminato sarebbe impossibile – un fago, non sarebbe tale da farlo attraverso i polmoni o la pelle e nel flusso sanguigno, semplicemente perché non è mai stato progettato per rompere quelle barriere biologiche. Ma un ago, inietta direttamente nel flusso sanguigno  bypassa tali barriere. Così per l’élite, sarebbero emotivamente  intorpiditi, storditi, o geneticamente alterati avrebbero poco da temere, pur essendo tra le loro vittime, anche se la malattia infuria dentro di loro.
Non posso sottolineare come i fuori di testa miei amici nella comunità medica sono oltre questa tecnologia, uno ha detto in sostanza che rappresenta la fine del genere umano perché era nelle mani di persone malvagie, e che sarebbe stato utilizzato per dividere l’umanità in due gruppi diversi – uno che è stato reso inferiore per la sostituzione del DNA permanente, con il nuovo DNA diventano parte integrante di ciò che viene trasmesso attraverso le generazioni.

Ci sono due modalità di fagi in azione a operare , uno è per l’assalto attivo, e uno è in modalità dormiente. Il tipo assalto attivo delfago, chiamato fago litico sarebbe stato utilizzato per immediata modifica della personalità degli individui, e il tipo lisogenico, che invade e apporta modifiche al DNA, mentre lasciano tutto ciò che sta attaccando vivo, sarebbe stato utilizzato per la modificazione genetica delle persone , le modifiche che estendono alle generazioni future per essere permanenti.
E ora su questo robot spettrale come sei zampe fago T4 completamente esagonale che ora domina totalmente il web – Vorrei sapere perché le persone che stanno attuando questa truffa con il vaccino contaminato sulle persone che hanno in qualche modo fatto questa particolare variante così dominante nello spettro pubblico. Quindi, mi si permetta di chiedere perché questa cosa è quasi completamente in linea dominante, quando esistono molti tipi diversi di fagi e perché le immagini di questa cosa non c’erano  nelle immagini su Google prima di settembre del 2007?

Mi permetta di fare un ipotesi , guardate. E’ un questione di orgoglio nazionale. Una forma di culto come l’orgasmo religioso. Tutti i fagi raffigurati ora non solo hanno sei zampe, ma hanno anche una stella di David sul corpo. Questo non è naturale, è palesemente evidente, e in basso a destra è pericoloso. Sai cosa ci riserva il futuro, adesso? Si tratta di qualcosa di molto più spaventoso di ogni micro drone – è il cervello che mangia, i fago, specificamente progettati per mangiare i vostri neuroni emotivi e renderti incapaci di libero arbitrio. Mi è stato detto (molto tempo fa, nel 2010) è in fase di sviluppo come additivo per il vaccino da somministrare sotto stretto controllo e non può sopravvivere al di fuori del corpo, perché quel certo Gruppo a sei punte gli individui hanno la stessa genetica come il resto di noi, in modo da essere senza dubbio resi certi che la propria arma non può saltare fuori dal selvaggio e li perseguitino.

Incubo contaminato ha bisogno di un aggiornamento, perché parla solo di adiuvanti dei vaccini. Tutta questa cosa , il fago è qualcosa di nuovo, quattro anni avanzate di là di questo articolo. Vi suggerisco di prendere Alex come un grano di sale e di guardate questo video, è davvero mortificante.

Suggerisco a tutti di salvare una copia della foto a sinistra di un diverso tipo di #fago naturale, perché attraverso expungementdella storia “loro” senza dubbio vogliono creare uno stupore religioso su come le loro piccole gambe esagonali modelli andstar di davidphage per devastare i corpi del resto del genere umano. e su questa nota, forse l’ho già detto sopra che il motivo del ri-engineering del fago per fare il lavoro piuttosto che a un virus infettivo conosciuto, sarebbe quello di fare bene e assicurarsi che non si diffonda ad altre persone indiscriminatamente, ma non posso fare a meno di immaginare che un tale microrganismo non sarebbe stato selezionato solo per le sue apparizioni  profondamente ebraica . Quello stupido fago ha sei punti del corpo se visto dall’alto, sei punti sul corpo quando è visto di lato, e sei gambe.
PERFETTO, che tu sappia!

. . . . . Ma non sono sicuro che sia solo una coincidenza. . . . . . . .

Di seguito viene discusso un test in esecuzione di questo nanobot
I medici dicono “E’ come il cervello è in fiamme”

Leggi il seguente rapporto da vicino: è evidente che il vaccino Gardasil non è per il Papillomaè per attaccare i centri emozionali, e il seguente rapporto lo dimostra.

PHILADELPHIA (CBS) – E’ una malattia misteriosa, scoperta recentemente che colpisce principalmente le giovani donne, ed è spesso mal diagnosticataI medici hanno scoperto che, qui a Philadelphia, dicono che è come se il cervello fosse in fiamme.

Si inizia con cambiamenti di personalità, e poi le giovani donne restano stordite,  nei letti d’ospedale, come delle possedute e poi diventano catatoniche. Erano tutte normali, quando improvvisamente la loro vita è andata in tilt.

“Un minuto e sto singhiozzando, piangendo istericamente, e il minuto dopo mi piace ridere”, ha detto Susannah Cahalan, del New Jersey.

Il mio commento:

Cambiamenti di personalità? Questo è esattamente ciò che accadrà se i vostri centri emozionali, che controllano gran parte della personalità, vengono attaccati. E come possono i medici solo palesemente affermare che “E’ come il cervello fosse in fiamme” se non sono nel programma e non hanno alcuna indicazioni su ciò che sta succedendo? Inoltre, colpisce DONNE soprattutto giovani, il gruppo che avrebbe avuto il vaccino GARDASIL. Affermano in questo piccolo articolo che si può “vedervi una risposta autoimmune, in cui il sistema immunitario attacca il cervello“, oh, ma sono così irresponsabili da omettere un fatto palese che è  causato dai vaccini somministrati ad un gruppo controllato, e che i vaccini sono responsabili di tutti i disturbi autoimmuni del sistema immunitario.

Il fatto che si tratta di una somministrazione controllata di una malattia è provato dal fatto che è così selettivo in “giovani donne”, non donne di mezza età, adolescenti, ragazzi, bambini, uomini o qualsiasi altra cosa, ma,solo le donne giovani. LE GIOVANI DONNE INOCULATE con il VACCINO GARDASIL ,  è praticamente fuori discussione, che SOLO  LORO sono state colpite da questa malattia, è il mezzo che ha causato questa “malattia” a Philadelphia. Philadelphia senza dubbio ha un batch del vaccino personalizzato.

Ulteriore approfondimento sulla pila di BS nella relazione della CBS è il fatto che i medici chiamano una malattia auto immune per tutte. Non vi è alcun modo di poter sapere  per certo, a meno che non sapevano che c’era una campagna di prova vaccinazione a livello locale per Philadelphia, e hanno assunto chi era auto immune.? La mia ipotesi  è che questo piccolo mostro a sei zampe è stato testato con una prova, in un gruppo controllato da élite, con l’obiettivo primario –  su giovani donne, per vedere come le distrugge. Non c’è dubbio che qualsiasi donna che ha ottenuto questi vaccini, ha nella sua cartella clinica, si userà quel record per vedere se “dopo il recupero completo” da questa malattia diventa lo schiavo salariato perfetto che vogliono lei sia. Essi senza dubbio hanno tenuto traccia di tutto il corso che fa, dal numero di aborti per quanti giorni i suoi figli trascorrono in ricovero giornaliero, e in che modo lei segue la programmazione inserita nella sua vita attraverso vari meccanismi di controllo dei media. L’Obamacare sarà perfetto per questo.

Ero molto paranoica e maniacale. C’era qualcosa che non andava. Ho immaginato camion che mi seguivano “, ha detto Emily Gavigan, della Pennsylvania. 

E il peggio è venuto per Emily Gavigan, quando era al secondo anno presso l’University of Scranton. Ricoverato in ospedale, e fuori di se,  non poteva controllare i  movimenti del braccio. Poi ci sono stati attacchi epilettici, aveva bisogno di un ventilatore sempre acceso. I suoi genitori stavano guardando la loro unica figlia andarsene. 

E’ stata tra  la vita e la morte per settimane“, ha detto Grazia Gavigan, la mamma di Emily. 

La stavamo perdendo . Questo era qualcosa che non  potevo controllare “, ha detto Bill Gavigan, il padre di Emily.

Anche i medici non riuscivano a capire cosa non andava in Susannah.

Ho avuto movimenti anomali bizzarri, avrebbe lasciato le braccia estese, si sa, di fronte a me. Ero una persona relativamente normale, poi un minuto dopo ho le allucinazioni e insistevo sul fatto che mio padre mi aveva rapito “, ha detto Susannah.

Risultato, Susannah e Emily non erano malate di mente. Entrambi avevano una malattia autoimmune chiamata Encefalite da anticorpi anti-NMDA, quando gli anticorpi attaccano il cervello, causando gonfiore.

Il mio commento nome freddo per questo – “Encefalite da anticorpi anti-NMDA” e lasciami spiegare rapidamente che cosa significa. Recettore NMDA encefalite ,  indica rigonfiamento del NMDA la ricezione di assoni nel cervello. Anti è simulato. Si dà assoluta indicazione di autoimmune, che è BS. La linea di fondo, di questa terminologia, è che qualcosa ha causato un gonfiore dei siti del recettore NMDA.

Ed ora ho la mia arma, per cancellare la BS 

Quei medici sanno esattamente che cosa ha causato questo.
Volete sapere perché? Perché hanno detto che i recettori NMDA si gonfiavano, e non c’è modo per poterlo sapere, a meno che non si faccia tramite la chirurgia CERVICALE  per rimuovere alcuni dei TALI RECETTORI e metterli su un vetrino da microscopio e confermare che sono davvero gonfi. Quei medici sapevano che questo era un test, e che questi recettori avrebbe causato il gonfiore. Sapevano che c’era un esperimento biologico in corso, e sono stati gli osservatori, ASSENTE un cervello BIOPSIA NON C’È ALTRO MODO per loro di dire quello che hanno fatto, DIVERSA  la prescienza di quello che stava realmente accadendo. Di biopsie non se ne mai parlato. Convenientemente, la parte di una morte quasi certa di questi dei recettori, è stata lasciata opportunamente fuori.

Tutto ciò per quanto riguarda ciò che “i medici non riuscivano a capire ” è solo fumo negli occhi, se sputavano una risposta troppo in fretta qualcuno si sarebbe potuto chiedere come facevano a saperlo. E il fatto che questo si sia placato, dopo poche settimane, dimostra che non è stato alcun tipo di malfunzionamento autoimmune come questo articolo negli Stati Uniti, perché i disturbi autoimmuni non scompaiono dopo poche settimane. Qualcosa di diverso dal  autoimmune ha causato tutto questo. Credo che questo era un test GM virus batteriofago, dove i fagi virus è andato , ha fatto il suo lavoro, e quando lo ha completato , quei siti recettoriali non trasmettevano spazzatura casuale , perché erano morti. Fine dei sintomi. Il Morto tace.

Il fatto che tali dichiarazioni fallaci evidenti da parte dei medici reso in questo rapporto della CBS senza essere scoperto dimostra che la CBS non è qualificata per coprire argomenti di questa natura. Malattie autoimmuni chiarite in poche settimane? SI, COME NO.

Susannah dice che questo è ciò i medici hanno spiegato ai suoi genitori “, hanno detto loro che il suo cervello è in fiamme. Hanno usato queste parole: ‘Il suo cervello è in fiamme.

Eurasia energetica

MAGGIO 25, 2017

Chroniques du Grand Jeu 24 maggio 2017
L’integrazione energetica dell’Eurasia farà sudare freddo Washington…
Eurasia energetica 1
Le importazioni di petrolio russo dell’India sono esplose nel 2017. Mentre i dati consueti erano modesti, non superando mai le 500000 tonnellate all’anno (cioè 10000 barili al giorno), nei primi cinque mesi di quest’anno hanno già raggiunto il milione di tonnellate. Causa, i tagli di produzione dell’OPEC per alzare il prezzo dell’oro nero, nonché la disputa su un giacimento iraniano. Gli esperti non vedono alcuna ragione per cui la tendenza muti nel prossimo futuro, in particolare con Rosneft pronta a comprare la compagnia indiana Essar Oil, specializzata nelle raffinerie. Certamente le basi geografiche, distanza, Pamir e Himalaya, Pakistan, impedivano alla Russia di essere tra i principali fornitori di Krishna, almeno di petrolio (il gas è un’altra questione):
 
Eurasia energetica 2
Alcun problema del genere tra Russia e Cina, la cui luna di miele energetica non conosce nuvole soprattutto perché si aggiunge ai megaprogetti delle nuove Vie della Seta cinesi. Russi e sauditi concorrono per il primo posto da fornitore del dragone insaziabile, con in filigrana il futuro del petrodollaro, quindi della potenza statunitense. Il viaggio faraonico dei Saud di marzo, a quanto pare, non ha avuto l’effetto desiderato; per il secondo mese consecutivo, l’orso ha superato il cammello quale primo fornitore dell’oro nero del Regno di Mezzo, con 11500000 di barili al giorno contro 963000. Il gasdotto Skorovodino-Daqing, avviato nel 2011, ha visto dalla nascita passare 100 milioni di tonnellate, circa 400000 barili al giorno. Rientra nell’enorme complesso ESPO (East Siberia-Pacific Ocean) che potrebbe presto ridisegnare la mappa energetica dell’Asia orientale con i suoi tentacoli verso Corea e Giappone, tanto più che la sua fonte ha un futuro luminoso. Si noti di passaggio l’assoluta importanza strategica che riceve l’Asia del Nord, un punto su cui torneremo presto.
Infine, dall’altro lato della scacchiera eurasiatica, le forniture di Gazprom alla Turchia sono aumentate del 26%, per oltre 10 miliardi di mc nei primi quattro mesi dell’anno. Come i complici europei che tuttavia detesta, il sultano è sempre più dipendente dall’oro blu russo. E dire che il Turkstream, la cui costruzione è appena iniziata, non è nemmeno operativo…
Eurasia energetica 3
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Ha scoperto il bruco mangia-plastica, ma ora la ricercatrice italiana è senza lavoro

In Italia con i CIP6 che vanno ad inceneritori figuriamoci se interessa a qualcuno.

dedicato ai pennivendoli marchettari che ripetono in continuazione i lacché europeisti che ci vuole tanta formazione, che gli italiani sono choosy e non studiano A CHE SERVE??? Risparmiateci i soliti panegirici che è sempre colpa della gente se l’economia va male e non di chi fa le leggi in modo abusivo ed anticostituzionale. Secondo, cari pennivendoli (a voi la laurea non serve per fare il passacarte) che fate credere che in Italia viga chissà quali sostegni al reddito…si certo tremila nomi diversi MA altrettanti PALETTI ATTI AD ESCLUDERE sempre più disoccupati da quella miseria che chiamate assegno di disoccupazione ora REI
Federica Bertocchini è l’artefice della scoperta che potrebbe essere decisiva in settori come lo smaltimento dei rifiuti. Il suo contratto a Santander è scaduto: «Resto in Spagna, qui c’è un decoroso assegno di disoccupazione»
diuntitled Paolo Decrestina
Federica Bertocchini
È cosa nota la teoria secondo cui i migliori cervelli italiani all’estero trovino spazio per crescere e affermarsi a livello internazionale. Perché in Italia la ricerca non viene supportata dai fondi che meriterebbe mentre all’estero si punta sulle menti dei giovani. In realtà non è così, o quantomeno non è sempre così. E lo dimostra la storia della biologa Federica Bertocchini. La ricercatrice, 49 anni, nei mesi scorsi aveva notato che la tarma della cera in realtà era ghiotta anche di polietilene, il materiale utilizzato per buste, pellicole alimentari o tappi di bottiglia. Insomma è la principale artefice della scoperta di quello che poi è stato nominato il bruco mangia-plastica.
Il contratto scaduto
La biologa però, dopo una vita passata a lavorare all’estero, 20 anni tra Inghilterra, Stati Uniti e Spagna, ora è disoccupata. Senza lavoro. Il contratto all’Istituto di biomedicina di Cantabria, a Santander, come spiega il Resto del Carlino, è scaduto e ora la 49enne originaria di Piombino è alla ricerca di una nuova occupazione. Nell’intervista al quotidiano racconta come è arrivata la scoperta del bruco mangia-plastica, un lavoro «di squadra» con suo amico biochimico (Paolo Bombelli) che insieme a un collega (Chris Howe) lavora all’Università di Cambridge. I tre hanno studiato i meccanismi di degradazione della plastica (che ha una struttura molecolare simile alla cera) e hanno pubblicato il 24 aprile il loro lavoro sulla prestigiosa rivista Current Biology.
L’attesa di un nuovo incarico
Federica Bertocchini spiega anche però che, come in tutta Europa, i tagli ai fondi per le università hanno messo in difficoltà anche gli atenei iberici e quindi anche il suo contratto non è stato per il momento rinnovato. Resterà comunque in Spagna per godere del «dignitoso assegno di disoccupazione» previsto nell’attesa dell’arrivo di un nuovo incarico e intanto proseguirà i suoi studi sulla digestione del polietilene della tarma della cera.
22 maggio 2017 (modifica il 22 maggio 2017 | 12:45)

Svezia, Rfid: il chip sottopelle che ‘trasforma’ i dipendenti in “cyborg”

rfidÈ grande come un chicco di riso ed è in grado di sostituire il documento d’identità, la carta di credito, il badge, può aprire porte e attivare pc e stampanti: si tratta di un chip che, impiantato sotto pelle, può trasformare gli uomini in “cyborg”.
Nell’azienda svedese Epicenter è boom di adesioni per il chip Rfid. Da quando è stato lanciato il programma nel 2015, già 150 dipendenti hanno aderito e si sono fatti impiantre il chip sottopelle.
L’adesione è esclusivamente su base volontaria: chi, tra i 2 mila dipendenti del complesso, lo desidera può sottoporsi all’intervento, che è indolore. Il chip Rfid, grande quanto un chicco di riso, viene iniettato sotto la pelle tra il pollice e l’indice grazie a una siringa con un microago. In pochi secondi i dipendenti diventano in grado di timbrare il cartellino, interagire con le macchine dell’azienda, ma anche fare aquisti semplicemente avvicinando la mano a un lettore.
C’è però il risvolto della medaglia: il microchip offre alla società che lo installa la possibilità di controllare dove si trovano i dipendenti, quanto spesso vanno al lavoro e anche che cosa acquistano. Tuttavia, i sostenitori dell’iniziativa non sono preoccupati per eventuali violazioni della privacy per via delle severissime leggi svedesi in materia. Inoltre, i l chip è biologicamente sicuro.
L’ E picenter è un complesso che ospita diverse aziende di information technology e startup che costituiscono il motore della veloce crescita svedese e dei record di occupazione giovanile. L’iniezione è praticata solo ai dipendenti che lo chiedono: accettarla o rifiutarla non ha alcun influsso sulla carriera, assicurano dalla sede. In poco tempo, il chip è diventato molto popolare.
“Il maggiore beneficio offerto dal chip è convenienza e praticità – spiega Patrick Mesterton, cofondatore e amministratore delegato di Epicenter – perché ti offre funzioni multiple senza ricorrere a carte di credito, documenti d’identità o chiavi”.
via Informazione Consapevole – Di Ginevra Spina