Parlamento UE approva schedatura di massa: dati biometrici di 350 milioni di persone

https://www.imolaoggi.it/2019/04/23/parlamento-ue-approva-schedatura-di-massa-dati-biomentrici-di-350-milioni-di-persone/

Il Parlamento europeo ha votato la scorsa settimana per collegare una serie di sistemi di controllo delle frontiere e di migrazione in una gigantesca banca dati contenente i dati biometrici di cittadini dell’UE e di paesi terzi.

Questo nuovo database sarà noto come Common Identity Repository (CIR) ed è impostato per unificare i record su oltre 350 milioni di persone. Per la sua progettazione, CIR aggregherà sia i documenti di identità (nomi, date di nascita, numeri di passaporto e altri dettagli di identificazione) che quelli biometrici (impronte digitali e scansioni facciali) e metterà i suoi dati a disposizione di tutte le autorità di frontiera e di polizia. Il suo ruolo principale sarebbe quello di semplificare il lavoro ai posti frontiera e quello delle forze dell’ordine dell’UE che saranno in grado di cercare dati in un sistema unificato molto più velocemente, piuttosto che cercare individualmente in database separati.

La scorsa settimana, i funzionari UE hanno dichiarato: “I sistemi coperti dalle nuove norme includeranno il sistema di informazione Schengen, Eurodac, il sistema di informazione visti (VIS) e tre nuovi sistemi: il sistema europeo di casellari giudiziari per cittadini di paesi terzi (ECRIS-TCN), il sistema di ingressi / uscite ( EES) e il Sistema europeo di informazione e autorizzazione dei viaggi (ETIAS) “.

Il Parlamento europeo e il Consiglio europeo hanno promesso “salvaguardie adeguate” per proteggere il diritto alla privacy dei cittadini e regolamentare l’accesso dei dati ai funzionari.

L’UE gestisce uno dei più grandi database biometrici del mondo

Da quando i piani per creare questo database biometrico condiviso sono stati resi pubblici, lo scorso anno, i sostenitori della privacy hanno criticato l’UE, definendo la creazione di CIR come il “punto di non ritorno” nella creazione di un “database centralizzato europeoo del genere Grande Fratello”.

Una volta installato e funzionante, CIR diventerà uno dei più grandi database di tracciamento delle persone nel mondo, proprio come i sistemi utilizzati dal governo cinese e dal sistema indiano di Aadhar.

Negli Stati Uniti, la protezione doganale e di frontiera (CBP) e il Federal Bureau of Investigations gestiscono database biometrici simili.

L’esistenza del database viene giustificata dalla necessità di dotare le forze dell’ordine di strumenti migliori per il monitoraggio di migranti e criminali; tuttavia, c’è sempre il timore che il sistema venga lentamente esteso fino a  includere e rintracciare le persone che non sono oggetto di indagini penali e perfino i turisti che viaggiano nella UE.

www.zdnet.com

Parlamento UE approva schedatura di massa: dati biometrici di 350 milioni di personeultima modifica: 2019-04-30T23:50:59+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *