Lettera aperta di Frediani (M5S) ai Sindaci valsusini

 cropped-cropped-VSN-Logo-370x120_j

VALSUSA NOTIZIE

Voci dalla Val Susa

Inserito il 3 novembre 2015

Francesca-Frediani-200x264
di Leonardo Capella martedì 3 novembre 2015

Riportiamo integralmente la lettera aperta che la consigliera regionale Francesca Frediani (M5S) ha voluto indirizzare ai Sindaci dell’Unione Montana che hanno partecipato all’incontro con il Ministro Delrio il 28 ottobre scorso.

sindaci-delrio

Allegato alla lettera aperta vi è anche un estratto dell’audizione tenutasi il 22 ottobre u.s. dall’Arch. Foietta presso la II Commissione del Consiglio Regionale. Per completezza d’informazione potete leggerne il contenuto a questo indirizzo: http://www.valsusanotizie.it/?p=2211



OGGETTO: Lettera ai sindaci della Valsusa, spunti di riflessione su Tav e nuovi “tavoli”

Gent.mi amministratori,

dopo lunga riflessione e alla luce degli esiti dell’incontro con il ministro Delrio, intendo rivolgermi a voi direttamente. L’intenzione è quella di condividere alcuni elementi di riflessione in merito alla prospettiva di sedersi ad un nuovo tavolo per discutere della Grande Opera Inutile sul nostro territorio.

In allegato trovate alcuni estratti degli interventi effettuati dal commissario/presidente arch. Foietta durante l’audizione dello scorso 22 ottobre in II Commissione del Consiglio Regionale. Per non costringervi ad una lettura di un testo troppo lungo, ho estratto le parti che ho ritenuto più significative e le ho suddivise in tre sezioni:

– ruolo dell’Osservatorio

– dati su traffico merci (e altre profezie)

– saturazione della linea storica

Foietta non ha saputo, e probabilmente neanche voluto, esprimere in alcun modo alcuna previsione economico/trasportistica a supporto del progetto. Gravissime sono, altresì, le dichiarazioni del commissario in merito alla saturazione della linea che è tuttora il presupposto legislativo (art. 1 accordo Ita Fra 2001) sottostante alla realizzazione dell’opera: nessun mutamento o abrogazione in merito è intervenuto nell’accordo 2012 Ita Fra.

Prima di prendere una decisione irreversibile dovrebbe far riflettere il fatto che il Commissario Straordinario del Governo per la Torino Lione abbia confermato in una sede Istituzionale che non esistono previsioni macroeconomiche e trasportistiche che abbiano determinato il progetto della Torino Lione, e che anzi è assolutamente impossibile fare previsioni macroeconomiche affidabili su un orizzonte temporale così lontano come il 2025/30 e che il progetto è esclusivamente una scelta politica!

Vorrei ricordare che il M5S, nonostante in Valsusa sia la formazione politica con maggiore consenso, ha più volte dimostrato di saper anteporre alle proprie legittime aspirazioni di rappresentanza il bene comune della Valle.

Occorre ricordare inoltre i precedenti “adescamenti”, sfociati in roboanti messaggi mediatici del tipo “trovato l’accordo”. Prese in giro di questo tipo sono e saranno sempre all’ordine del giorno soprattutto laddove non è scolpito nella roccia che il previsto Tavolo (o come vogliono chiamarlo) avrà ad oggetto anche l’opzione zero!

Partecipare al tavolo senza alcuna garanzia formale significa quindi tradire la memoria storica della lotta al Tav e la fiducia dei cittadini che ripongono valore al patrimonio collettivo della memoria predetta.

Vi ringrazio anticipatamente per l’attenzione e vi porgo i miei cordiali saluti

Francesca Frediani

Consigliere regionale M5S Piemonte

Lettera aperta di Frediani (M5S) ai Sindaci valsusiniultima modifica: 2015-11-04T21:17:07+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *