Trump firma il decreto per far uscire gli Usa da Ttp

tutti i signori della cosiddetta società civile che tanto si sono battuti contro il TTIP dovrebbero esserne lieti, se in buona fede. Così come i sedicenti no global, ma non sarà così. Trump sul TTIP:
Il TTIP, così come lo conosciamo, darebbe un colpo fatale all’industria americana. (…) L’ondata di mondializzazione ha annientato la classe media. La mondializzazione non deve necessariamente svolgersi in questo modo, possiamo raddrizzarci in poco tempo.” fonte 

no lobbyist

Trump ha firmato un ordine esecutivo che sancisce il ritiro degli Stati Uniti dal Ttp (Trans-Pacific Partnership), l’accordo di libero scambio voluto dal suo predecessore Obama e undici Paesi affacciati sul Pacifico
Lo aveva promesso ed è stato subito di parola. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato il decreto per il ritiro di Washington dal Ttp (Trans-Pacific Partnership), l’accordo di libero scambio tra gli Usa e il Canada e altri 10 Paesi del Pacifico (Australia, Brunei, Cile, Giappone, Malesia, Messico, Nuova Zelanda, Perù, Singapore e Vietnam).
L’accordo, perfezionato ad Atlanta nell’ottobre 2015, aveva come scopo l’abbattimento delle barriere al commercio tra le nazioni che rappresentano circa il 40% della produzione economica mondiale. Fin dall’inizio della sua campagna elettorale Trump aveva individuato il Ttp (così come il Ttip con l’Europa, poi saltato) e il Nafta (North American Free Trade Agreement) tra i propri bersagli, al fine di rilanciare la produzione interna agli Stati Uniti.
“Ne abbiamo parlato per molto tempo”, ha detto Trump parlando dallo Studio ovale della Casa Bianca: “Così facendo, facciamo grandi cose per i lavoratori americani”, ha aggiunto. L’obiettivo della nuova amministrazione americana, come spiegato varie volte da Trump, è siglare accordi bilaterali con le nazioni asiatiche. Bisogna ricordare che la Cina – che non faceva parte del Ttp – lo considerava un accordo “ostile”. Vedremo ora quali conseguenze vi potranno essere nei rapporti commerciali e finanziari tra Pechino e Washington.
Oggi Trump ha incontrato diversi manager dell’industria manufatturiera americana: “Vogliamo iniziare a produrre di nuovo i nostri prodotti”, è l’esortazione che ha rivolto loro. “Noi taglieremo le tasse in modo massiccio sia al ceto medio che alle compagnie, sarà massiccio, stiamo tentando di abbassarle tra il 15 e il 20%”. Ma non ha parlato solo del taglio delle tasse ma anche dell’eliminazione di misure e regolamenti che, a sua detta, “in questo momento di vi impediscono di fare qualsiasi cosa”. “La cosa più grande è che noi taglieremo i regolamenti in modo massiccio, credo che li taglieremo del 75%”. E ancora: “Se qualcuno vuole creare una fabbrica, tutto sarà veloce, si dovrà affrontare una procedura ma sarà veloce, ci prenderemo cura dell’ambiente, della sicurezza, ma voi svolgerete un enorme servizio”.
Nel salutare Michael Dell, di Dell Technologies, Trump ha poi aggiunto: “Quando Dell vorrà realizzare qualcosa di mostruoso o speciale, noi daremo la nostra approvazione molto velocemente”. Ma poi ha rivolto un monito alle compagnie che producono all’estero, tornando a minacciare dazi: “Imporremo una tasse di confine molto più pesante quando faranno entrare i prodotti”. Tra gli altri capi industria che Trump ha incontrano si segnalano: Jeff M. Fettig (Whirlpool), Alex Gorsky (Johnson & Johnson), Marillyn A. Hewson (Lockheed Martin), Klaus Kleinfeld (Arconic), Mario Longhi (U.S. Steel), Elon Musk (SpaceX), Kevin Plank (Under Armour), Mark S. Sutton (International Paper) e Wendell P. Weeks (Corning). Raffaello Binelli – Lun, 23/01/2017
Trump firma il decreto per far uscire gli Usa da Ttpultima modifica: 2017-01-31T14:38:27+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *