Russofobia in Danimarca. Ministro danese: i russi sono sul punto di attaccare Ospedali, infrastrutture, reti elettriche

Europa della solidarietà, SOCIOPATICA. Poi lancia l’appello per una colletta alla NATO, MA CHE CASO…….

Il ministro della Difesa danese, Hjort Frederiksen, ha dichiarato ai media che “i Attacco-Russia-NATOrussi vogliono attaccare la Danimarca per distruggere la loro democrazia”. Il ministro ha lanciato una serie di gravi accuse contro Mosca, dicendo che ” la Russia rappresenta una minaccia diretta, spaventosa e seria contro la nostra patria. Dobbiamo mettere in chiaro a noi stessi che siamo in pericolo e dobbiamo operare in base a questo”, queste le dichiarazioni del politico al giornale danese Berlingske.
Frederiksen ha voluto mettere per iscritto la sua prima intervista, visto che è stato nominato al suo posto a 69 anni di età. In cambio il politico, che in passato era stato ministro delle finanze, ha parlato per tutta l’intervista della “minaccia russa”. “Gruppi di commandos russi sono pronti per attaccare Ospedali, infrastrutture, reti elettriche, entrare nei sistemi informatici, creare frastorno nei sistemi sanitari, ha detto Frederiksen, riferendosi ad una informativi pubblicata il mese scorso dai servizi di intelligence del paese così come da altre conversazioni con altri politici occidetali e sistemi di sicurezza.
E per quale motivo la Russia dovrebbe attaccare un piccolo paese che non ha frontiere in comune? “Per estendere la paura e l’insicurezza fra la popolazione e paralizzare la nostra gente”, dice il ministro.
“E ‘un modo per destabilizzare i nostri paesi e le democrazie in modo molto fisico e tangibile, e questo pone una domanda pressante sulle nostre risorse per difenderci da questi attacchi”, ha detto Frederiksen.
Le accuse di Frederiksen fanno eco a quelle di funzionari dei servizi segreti degli Stati Uniti, che hanno pubblicato un rapporto la scorsa settimana,  da cui si deduce  che la Russia ha ordinato gli hacker di immischiarsi nelle elezioni degli Stati Uniti, in particolare con l’emissione dei  messaggi di posta elettronica relativi al candidato democratico Hillary Clinton. Il Cremlino ha ripetutamente negato l’accusa di interferenza.
“Dobbiamo spendere di più per la NATO per fermare i russi dal tentare qualsiasi cosa”.
Il politico ritiene inoltre che i missili Iskander-M che la Russia ha dispiegato nella sua enclave occidentale di Kaliningrad costituiscono un pericolo immediato per la Danimarca.
“Possiamo confermare che i russi stanno completando  in questo momento l’installazione di nuovi missili a Kaliningrad che possono raggiungere Copenaghen. Questo è ovviamente un rischio maggiore “, ha detto Frederiksen.
Mosca afferma  che i missili sono una risposta al continuo spiegamento  del sistema di  scudo missilistico di difesa degli Stati Uniti in tutta l’Europa orientale, ed ha rinforzato i suoi altri armamenti nella regione, a seguito di un aumento della presenza della NATO ai confini russi. L’alleanza occidentale sta cercando di limitare le ambizioni presunte  di Mosca nella regione attraverso l’operazione NATO ” Atlantic Resolve”, avviata in seguito alla frattura causata dal conflitto in Ucraina nel 2014, e comprende il trasferimento di truppe e attrezzature modernizzate  per l’Europa orientale.
Frederiksen ha anche detto che “una maggiore attività militare” della Russia nella regione artica, in cui entrambe, Mosca e Copenhagen, hanno rivendicazioni territoriali – quest’ultima attraverso la Groenlandia -sarebbero  un’altra potenziale fonte di conflitto, che deve richiedere “monitoraggio estensivo”.
Come soluzione, i sostenitori di  Frederiksen hanno aumentato il budget  delle spese militari, anche se hanno rifiutato di specificare se la Danimarca ha lo scopo di raggiungere l’obiettivo  della NATO del 2 per cento del PIL che deve essere  speso per la difesa (attualmente si spende 1,17 per cento).
“La NATO deve essere la nostra difesa comune e il nostro deterrente. Dobbiamo mostrare la forza che ci vuole, e quindi spendere il denaro necessario per evitare che i russi possano  provare qualsiasi cosa. Questo è fondamentalmente ed è questa  l’essenza del nostro pensiero “, ha detto Frederiksen.
Come gesto simbolico, Frederiksen ha sottolineato l’importanza del dispiegamento di 200 soldati danesi come parte del nuovo 5.000- della forza  di reazione rapida in Europa orientale il prossimo anno.
“Non è, naturalmente, perché pensiamo che i 200 soldati danesi possono fermare l’esercito russo. Ma dovrebbero sapere che la difesa territoriale della zona circostante inizia lì e attraversando la linea, poi la comune solidarietà nella NATO avrà effetto deterrente,” detto Frederiksen.
Il giornale ha riferito che l’ambasciata russa ha rifiutato di commentare le accuse.
Nota: Un caso da manuale di evidente psicosi causata dalla campagna di “Russofobia” scatenata in tutto l’Occidente.
Fonte: Russia Insider – Gen 16, 2017
Traduzione: Luciano Lago
Russofobia in Danimarca. Ministro danese: i russi sono sul punto di attaccare Ospedali, infrastrutture, reti elettricheultima modifica: 2017-01-30T14:36:36+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *