Migranti, fondi UE per i corsi di sci: il caso arriva all’Europarlamento

risorse per i terremotati? Che stiano ancora in tenda, le coop produttrici devono migranti sciprendersi tutto il tempo e soldi che vogliono. Per i disabili? Per loro ancora tagli ai servizi (come se fossero già chissà quanti).I corsi di sci? Sono stati evidentemente inseriti nei diritti inalienabili dell’uomo. Cosa non si fa per ungere ste mafie della cosiddetta “solidarietà” (di cui i migranti sono solo strumento per estorcere denaro al contribuente). Silenzio, sennò si “strumentalizza”, ma meglio precisare onde essere tacciati di xenofobi, i soldi per sti vizi sono un furto ai contribuenti, chiunque siano i percettori dei corsi.


L’eurodeputata Mara Bizzotto (Lega Nord) presenta un’interrogazione urgente alla Commissione UE
Il caso delle lezioni di sci gratuite per i clandestini presunti profughi che sarebbero pagate con fondi europei, arriva nelle aule del Parlamento Europeo.
A portare la questione all’attenzione di Bruxelles è l’europarlamentare della Lega Nord Mara Bizzotto che ha presentato un’interrogazione urgente alla Commissione Europea su “gli ennesimi inaccettabili trattamenti di favore nei confronti di clandestini presunti profughi che si sono verificati in provincia di Udine, dove 16 immigrati minorenni hanno ricevuto gratuitamente lezioni di sci finanziate, secondo le dichiarazioni degli stessi organizzatori, attraverso fondi europei”.
L’on. Bizzotto, nella sua interrogazione all’esecutivo comunitario, chiede inoltre “di verificare come sono stati spesi realmente questi soldi di provenienza europea e se questi fondi sono stati impiegati in modo corretto rispetto alle normative vigenti” ma, soprattutto, l’eurodeputata chiede ai massimi vertici della UE “di bloccare definitivamente, e con effetto immediato, l’erogazione di simili finanziamenti a tutti quei Comuni, enti e associazioni che, direttamente o indirettamente, concorrano a realizzare simili iniziative che si configurano, a tutti gli effetti, come discriminatorie e razziste nei confronti dei friulani e degli italiani”.
E’ scandaloso che a questi clandestini presunti profughi, che già ricevono dallo Stato vitto e alloggio gratuito, vengano regalati anche corsi di sci a carico dei contribuenti – conclude l’europarlamentare leghista Mara Bizzotto – Pensare, come fanno quelli di sinistra e gli amici della Serrachiani, di regalare a questi immigrati pure le lezioni di sci dopo che lo Stato spende 4 miliardi di euro all’anno per il loro mantenimento, è pura follia e rappresenta uno schiaffo in faccia per milioni di italiani e friulani in difficoltà per i quali lo Stato non offre nessun servizio o sussidio, figurarsi i corsi di sci gratis”. martedì, 31, gennaio, 2017
Migranti, fondi UE per i corsi di sci: il caso arriva all’Europarlamentoultima modifica: 2017-03-01T13:52:01+00:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*