Relazione

Sabato 11 giugno, alle ore 10, nella sala consigliare del comune di Manziana, il Circolo della Tuscia dell’ANAIC  e il Meetup del Movimento 5 Stelle di Manziana hanno organizzato un incontro sul referendum, in programma a ottobre, sulla riforma della Costituzione e sulla legge elettorale.

imposimato solo

Relatori il senatore Ferdinando Imposimato,  presidente onorario della Corte di Cassazione, consulente Onu, giudice del caso Moro, fondatore del Comitato per il No, Vicepresidente dell’ANPI Roma, e Gianluca Perilli, consigliere  regionale del Lazio per il Movimento 5 Stelle.

imposimato palco

Moderatore il giornalista Fulvio Grimaldi.

Dopo i saluti delle due organizzazioni che hanno allestito l’incontro, Fulvio Grimaldi ha introdotto il tema del referendum illustrando le ragioni del NO alla riforma costituzionale Renzi-Boschi-Verdini e alla collegata legge elettorale Italicum, spiegando anche come lo Sblocca Italia, esautorando gli enti territoriali, fosse il preludio alla controriforma Renzi e come il TTIP Usa-UE ne fosse il naturale completamento.

Il consigliere Perilli ha approfondito con grande competenza tutti gli aspetti tecnici della legge e le degenerazioni politiche che ne derivano.

L’alto magistrato Imposimato da anni documenta e denuncia le malefatte della classe dirigente italiana, a partire dai misteri che avvolgono i grandi episodi di terrorismo per arrivare all’assalto alla Costituzione e ai fondamentali principi democratici insiti nella controriforma Renzi-Boschi-Verdini e nella legge elettorale. Il suo affascinante intervento, che spaziava dal contesto nazionale a quello internazionale, descriveva in termini davvero drammatici un assalto che, se non neutralizzato da una grande mobilitazione popolare e dalla vittoria del NO al referendum, sostenute dall’azione politica del Movimento 5 Stelle, rischia di portarci alla fine della democrazia e a un potere oligarchico di netta marca fascista.

imposimato folla

Il giornalista Grimaldi, alla mano di citazioni testuali, ha poi denunciato il trasformismo dei politici sostenitori della riforma che, però, solo dieci anni fa, ne avversavano vigorosamente quella analoga, pure volta a distruggere la costituzione e a concentrare tutto il potere nelle mani del governo, proposta dal governo Berlusconi e ampiamente bocciata dal voto popolare.

Gli interventi hanno destato grande interesse e molti applausi da parte di un pubblico numerosissimo e attento, che ha poi dato vita a un acceso dibattito, cui ha contribuito, con il suo saluto, anche l’Assessore alla Cultura del Comune, Eleonora Brini.

Da parte di tutti è stato sottolineato il fatto che questa riforma azzera le libertà democratiche e centralizza il potere nelle mani dell’esecutivo, senza i necessari contrappesi. Sono poi stati evidenziati i principi autoritari della legge elettorale proposta dalla maggioranza e il totale ribaltamento della Costituzione vigente nata dalla Resistenza.

imposimato carlo

Si è anche sottolineato come nei mezzi di comunicazione si siano completamente oscurate le ragioni del No, proprio parchè questa “schiforma“ è voluta fortemente dai poteri forti internazionali, non solo italiani.

Il grande successo dell’iniziativa ci fa ben sperare per la nostra attività futura nel territorio.

Un grazie particolare va agli amici 5 Stelle per il validissimo e decisivo contributo tecnologico e di allestimento.

Imposimato foto 1

Cogliamo l’occasione per annunciare che dopo metà luglio riprenderanno gli incontri del cineforum Patio Latino. Ci occuperemo, tra l’altro, di America Latina e delle elezioni presidenziali Usa.

Sandra Paganini

(Segretaria Circolo della Tuscia ANAIC)

Relazioneultima modifica: 2016-06-14T22:08:53+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *