La potenza di un buco nero

Artist's impression of a black hole

Questa rappresentazione artistica mostra nuove scoperte riguardo l’incontro tra stelle e buchi neri.Quando una stella si trova troppo vicino ad un buco nero, intense forze di marea iniziano a fare a pezzi l’astro. Quando accade questo incontro, alcuni dei detriti stellare vengono catapultati verso l’esterno ad alta velocità, mentre il resto cade verso il buco nero. Questo provoca un riflesso dei raggi X distinto che può durare addirittura per alcuni anni.

Rappresentazione artistica di un buco nero
Rappresentazione artistica di un buco nero

 
L’Osservatorio a raggi X Chandra della NASA, Swift Gamma-ray Burst Explorer, e l’ESA / NASA XMM-Newton ha messo insieme diversi pezzi di questo mosaico astronomico grazie proprio ad un incontro di questo tipo chiamato ASASSN-14li nel novembre del 2014. L’evento si è verificato nei pressi di un buco nero supermassiccio con una massa di un paio di milioni di volte la massa del nostro Sole. Questo buco nero è situato nel centro di PGC 043.234, una galassia che si trova circa 290 milioni di anni luce dalla Terra. Gli astronomi sperano di trovare sempre più eventi come ASASSN-14li per creare nuovi modelli su come i buchi neri influenzano i loro ambienti.

Video Player

stelle
Quando una stella si avvicina ad un buco nero essa è lacerata dalle tremende forze di marea, come illustrato da questa rappresentazione artistica. Filamenti contenenti gran parte della massa della stella cadono verso il buco nero. Alla fine, questi filamenti gassosi si fondono in un disco caldo incandescente a raggi-X. Credit: NASA Goddard Space Flight Center / CI Lab
La potenza di un buco neroultima modifica: 2015-11-04T21:09:36+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *