I giudici salvano i clandestini: non si possono più espellere. Una mossa contro Salvini?

Il tribunale contro il governo

Immigrati, i giudici di Milano fanno ricorso alla Corte europea: sospese le espulsioni
22 Giugno 2018
Il Tribunale di Milano ha fatto ricorso alla Corte di Giustizia europea per sapere se la norma Orlando-Minniti – che toglie ai migranti la cui domanda di asilo è stata rigettata la possibilità di ricorrere in Appello – contrasta oppure no con il diritto Ue. E in attesa di una risposta i giudici consentono ai clandestini di rimanere in Italia.
Insomma, nei giorni in cui la stretta di Matteo Salvini sull’immigrazione si fa sempre più forte i giudici si mettono di traverso. Come riporta il Corriere della Sera, se l’immigrato non dimostra di essere in pericolo o in fuga da una guerra, i commissari rigettano la domanda di asilo. Si parla del 60 per cento dei richiedenti che spesso con l’avvocato d’ufficio – cioè pagato dallo Stato – fanno ricorso in Tribunale. Se anche in primo grado il loro ricorso viene rigettato, dopo la Minniti-Orlando, al migrante non resta che ricorrere in Cassazione. Nel frattempo, però, il clandestino non ha diritto a restare in Italia, quindi il Viminale può espellerlo in qualunque momento.
I giudici milanesi della sezione immigrazione però si sono convinti che la norma italiana “non rispetta alcuni principi che rappresentano le pietre angolari del diritto dell’Unione Europea”.
I giudici salvano i clandestini: non si possono più espellere. Una mossa contro Salvini?ultima modifica: 2018-07-26T21:14:34+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *