Coronavirus: Dosio, carcere rischia essere lazzaretto

https://www.ansa.it/piemonte/notizie/2020/03/20/coronavirus-dosio-carcere-rischia-essere-lazzaretto_c5c78ba8-781d-4195-8d4a-c465a5f7be1b.html?fbclid=IwAR0xiIuoq8Cfq5cl5mVEy26Jj5CUNhff3YcD_I9zbmnp3zKnJp0MiaDuFJ8

Attivista No Tav in cella, per detenuti disinteresse generale

(ANSA) – TORINO, 20 MAR – “Oggi sui giornali è comparsa la notizia di due agenti delle Vallette contagiati. Di questo, da dentro, non ci arrivano né conferme né smentite”. E’ il testo di una lettera, datata 19 marzo, di Nicoletta Dosio, la 74enne attivista No Tav della Valle di Susa che – dopo avere rifiutato misure alternative – sta scontando una pena detentiva nell’istituto torinese. “Sulla situazione delle prigioni – prosegue Dosio – pesano il silenzio e il disinteresse generale.
    Lo stesso quotidiano che riferisce degli agenti contagiati non spreca una parola sull’angoscia dei prigionieri, sul sovraffollamento delle celle, sulla presenza di tanti malati cronici, anziani, bambini di detenuti, né sulle problematiche condizioni igieniche. Quanto al governo e al parlamento, le voci che si levano non sono certo a nostro favore: il ‘giustizialismo’ del ministro Bonafede fa il paio con le dichiarazioni di Salvini”. “Forse – aggiunge Nicoletta Dosio – tra breve potrebbe concretizzarsi l’ipotesi funesta che sta serpeggiando tra queste mura: il carcere trasformato in un grande lazzaretto, isolato da tutto e da tutti. A questo punto qualunque decreto sarebbe tardivo”. (ANSA).

Coronavirus: Dosio, carcere rischia essere lazzarettoultima modifica: 2020-04-04T21:53:30+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *