COS’È IN GIOCO CON IL GIORNALISTA DI WIKILEAKS? TUTTO! —– ASSANGE DEVE MORIRE (E NOI CON LUI) —– INFORMAZIONE, O TI VENDI, O SEI FUORI

https://fulviogrimaldi.blogspot.com/2020/02/cose-in-gioco-con-il-giornalista-di.html

MONDOCANE

VENERDÌ 21 FEBBRAIO 2020

 

Julian Assange, 49 anni, nel 2018 e nel 2020, torturato in carcere a Londra

DOMENICA A ROMA, PIAZZA DEL POPOLO, ORE 16. SABATO A MILANO, PIAZZA LIBERTY, ORE 17.

In treno blindato con capotreno il Direttore

Se pensate che il giornalismo italiano abbia toccato il fondo, avete modo di aggravarvi e constatare che, oltre il fondo, c’è un sottofondo, come nelle valigie o nelle macchine dei narcos, dove ormai sguazza l’intera compagnia che deve convogliarci sui carri bestiame verso dove ci vogliono rinchiudere Bilderberg e i suoi sguatteri. Di stazioni il treno ce ne ha fatto percorrere già parecchie. Saltiamo quella fatiscente di “Regeni”, dove pare che in sala d’aspetto giacciano ancora vecchi rotoli del Mar Morto che raccontano di un giovane italiano dai suoi eliminato in Egitto perchè da agenti egiziani scoperto al servizio della multinazionale di spionaggio Oxford Analytica, diretta dall’inventore degli Squadroni della Morte, John Negroponte e, quindi, fiduciario bruciato.

Ci hanno lasciato affacciare sulla fermata “Zaki”, dove ci distribuivano giornali dai titoli cubitali su Patrick Zaki, altro giovane, stavolta egiziano, in Egitto torturato, scudisciato con cavi elettrici, elettroshockato. Lo diceva l’associazione sorosiana di cui Zaki faceva parte e, dunque, lo dicevano tutti i giornali italiani, ma nessuno di quelli egiziani, o di altri paesi. Già perché lì, come ci ha spiegato il controllore “Amnesty”, c’è la dittatura, con 60mila prigionieri “politici” (nessuno dell’ISIS che imperversa da un capo all’altro) e ne spariscono 10 al giorno e li torturano tutti, mentre da noi no. Nessun cittadino viene mai fermato, tantomeno picchiato e torturato. Solo se osa usare la formula iettatrice No Tav, o No Bellanova, oppure, evidente teppista o sovversivo, insulta il pubblico ufficiale chiedendo perché lo stiano pestando. Ma guai se qualche paese osa interferire con le nostre forze dell’Ordine, o con la nostra magistratura. Un po’ di rispetto per un paese sovrano, che cazzo!

Alla fermata successiva, “Fatto e Gabanelli”, solo una gran pila di giornali spiegazzati e buttati. A malapena si riusciva a leggere di Patrick Zaki, ma neanche più una riga su torture, scudisciate con cavi ed elettroshock, “non ce n’erano i segni visibili”, né lui l’aveva mai detto. In compenso c’erano il capostazione Travaglio e la telegrafista Gabanelli che, a dispetto di continue assoluzioni dei capi ENI, Descalzi e Scaroni, vogliono cacciarli, e magari torturarli, perché a forza di estrarre petrolio per noi italiani dai megagiacimenti egiziani di Zhor, insultano i martiri Regeni e Zaki, e questo è niente, se si pensa che, d’accordo col dittatore Al Sisi, sottraggono il business ai nostri amici americani, britannici, olandesi, francesi di Exxon, BP, Shell, Total…

Ne abbiamo passate altre, di stazioni, col treno bestiame allestitoci dal giornalismo italiano. Interessanti le fermate “Sardine 1”, “Sardine 2” e “Sardine 3”, tutte vestite Benetton, insignite del Nobel per le Gaffe e galleggianti spensierate su barchette marca Soros, in un mare di petrolio. Nella prima folle festanti e branchi di pesce. Nella seconda, pesce congelato nei banchi del mercato Soros, avvolto amorosamente in giornali come “il manifesto” o “Repubblica”, o nell’immancabile appello di Fra Zanotelli. Nel terzo, a Napoli, dove sono meno boccaloni, banchi vuoti e pesci andati a male nei secchi.

Il Regno di Mordor, patria dei media

La stampa di Mordor

Tutto questo per celebrare l’impeccabile deontologia, il votarsi alla verità fino all’estremo sacrificio, sotto la guida assennata e moralmente impeccabile di editori purissimi, grandi capitani di un’economia tesa a soddisfare i tanti bisognosi a discapito dei pochi privilegiati, che ai loro giornali allegano in omaggio pezzetti del proprio sacro cordone ombelicale. Ù

Quel treno poi, dopo molte altre stazioni, a un certo punto filava dritto, non credevamo ai nostri occhi, verso alcuni corpi legati sui binari. Vicino, sempre più vicino. Orrore!  Uno sembrava Julian Assange! A questo punto abbiamo sfondato le porte da vagone a vagone e ci stavamo avventando sui macchinisti perché si fermassero prima della carneficina. Non se ne davano per inteso…

Assange e gli altri

Ma qui incomincia la storia di Julian Assange, e anche di Chelsea Manning e di Edward Snowden e di altri che gli anglofoni chiamano “whistleblower” (fischiatori) e noi “eroi dell’informazione”, “combattenti della verità”, “Illuminatori dell’oscuro Regno di Mordor”

Coloro che pazientemente seguono i miei scritti sanno già che Julian Assange, australiano, 49 anni, è rimasto per 7 anni, dal 1911, prima protetto dal presidente Correa, poi recluso dal presidente Moreno su ordine USA, in una stanza dell’ambasciata dell’Ecuador di Londra. Vi si era rifugiato perché inseguito da un’accusa di stupro mossagli in Svezia dalla polizia che aveva alterato la deposizione di una donna in cui questa negava di essere stata violentata, e per la quale nella capitale inglese era stato fermato e poi rilasciato sulla parola. Solo dopo nove anni la Procura svedese, per l’accusa ovviamente subornata dalla Cia, ha dovuto chiudere il caso. Per sette anni non ha visto che molto raramente un suo legale, qualche amico giornalista, un gatto. Niente luce del sole. I suoi visitatori venivano illegalmente spiati da un’agenzia spagnola che ne apriva telefoni e computer e ne rubava i dati.

Su richiesta degli Usa, che ne hanno preteso l’estradizione per 17 capi d’imputazione, eminentemente di rivelazioni di segreti di Stato, spionaggio e collusione col nemico, che prevedono 175 anni di galera, cioè la morte vivente, Scotland Yard il 19 aprile 2019 irrompe nell’ambasciata (Moreno aveva ricevuto in cambio 1,5 miliardi di aiuti statunitensi), ne estrae a forza Assange e lo sbatte per 50 settimane – poi rinnovate – in una prigione di massima sicurezza, in isolamento. Isolamento che schianta la salute fisica e mentale del detenuto, tanto da far dichiarare al Relatore Speciale dell’ONU sulla Tortura, Nils Melzer, che Assange rischia la morte da tortura fisica e psicologica. In una prima udienza, il giornalista australiano appare incapace di capire le procedure, fa fatica a ricordare il suo nome. Solo su richiesta firmata dai decine di altri detenuti, ad Assange viene sospeso l’isolamento. Le sue condizioni migliorano leggermente. Al padre che, indefesso, gira il mondo per sostenerne la causa, appare invecchiato di vent’anni.

Tortura

Lunedì 24 febbraio è prevista una nuova udienza sull’estradizione e a fine maggio altre. Nel mondo, non in Italia, i colleghi di Assange nei media, sostenuti da grandi mobilitazioni popolari intensificano la lotta contro l’immane sopruso inflitto al più coraggioso di tutti noi. I carcerieri del Regno Unito e degli Usa, nell’imbarazzo per quella che è smascherata come la più criminale violazione della libertà di stampa e d’espressione, in un mondo occidentale già strangolato da mille censure e bavagli, contano di far morire Julian in carcere. Alla fine, per dribblare l’ostacolo costituito da una deontologia del Quarto Potere che si vuole cane da guardia contro il Potere e che approva ogni verità sottratta ai frodatori, sono ricorsi al mezzuccio infinitamente tentato e infinitamente fallito: Assange, strumento dei russi, perché le sue pubblicazioni avrebbero danneggiato Hillary Clinton al tempo delle elezioni del 2016, rivelandone i finanziamenti ai terroristi islamici in Medioriente. Danneggiare una come l’assassina della Libia, non è difficile. Quanto ai russi, non ne sono stati troppo contenti quando, anche di Mosca, Assange ha pubblicato almeno 800 documenti riservati su sistemi di controllo.

Chi ci rappresenta

Voglio dare massima evidenza alla circostanza, altamente lusinghiera per un paese di  lavapiatti del principe, che vede una stampa italiana tacere, o al massimo borbottare, su questo epocale tentativo di colpire uno per educarne tutti gli altri alla definitiva sottomissione in cambio di guiderdoni. Nulla di sorprendente quando in piazza per Giulio Regeni, o per qualche altra mistificazione della malapolitica, si vedono prontissimi sempre la Federazione Nazionale della Stampa e l’Ordine dei Giornalisti, con i rispettivi capoccia. Per i perseguitati in un modo che neanche Torquemada, nessuno mai. Cosa c’entrano loro con sabotatori delle menzogne del Potere, o con un giornalista che sarà esempio di verità e coraggio da qui alla fine del mondo?

Chelsea

Julian, direttore della piattaforma Wikileaks, che da due decenni rivela al mondo, con milioni di dati, documenti diplomatici e militari, gli orrori perpetrati dagli USA e dalle potenze alleate in tutto il mondo attraverso guerre, massacri come quello dei marines che mitragliano a morte, divertendosi, undici civili innocenti a Baghdad, torture, colpi di Stato, rapimenti, assassini mirati. Gran parte di queste prove gli vengono fornite da un giovanissimo analista dell’Intelligence militare, Chelsea Manning, diventato donna dopo l’arresto e tuttora in carcere, dopo sette anni e mezzo per aver diffuso documenti classificati, di nuovo, dal 9 marzo 2019, per rifiutarsi di testimoniare contro Assange davanti all’obbrobrio giuridico di una giuria segreta che non lo libererà mai. Multata di 1000 dollari per ogni giorno di continuato rifiuto, Chelsea ha dichiarato: “Non cederò mai”. Anche lei è detenuta in condizione che sono state definite inumane dal Relatore Melzer. Del resto si tratta di quelli di Guantanamo e Abu Ghraib.

Edward

A partire da Edward Snowden, rivelatore dello spionaggio Cia e NSA su tutti i telefoni e computer del mondo e che, unico a scamparla, nel 2013 riesce a rifugiarsi a Mosca, , di questi eroi dell’informazione, del rispetto per un pubblico che ha diritto di sapere, soprattutto le malefatte dei suoi governanti, la Storia del mondo può incidere sulle sue tavole del giusto e del bene, i nomi nobilissimi, le imprese esemplari. Nomi ed imprese di un giornalismo che, in Occidente, per la maggior parte, ha tradito la sua missione. Il sacerdozio al servizio del vero e del reale trasformato in codardo oltraggio e servo encomio  a vantaggio delle più brutali, sanguinarie e bugiarde oligarchie dal tempo di Johannes Gutenberg, inventore della Stampa nel 1455.

Viviamo in un mondo oscuro come descritto in Mordor daTolkien, e prima da Huxley e  Orwell, dove la segretezza è diventata un cielo come quello finto di Truman Show e la trasparenza è stata sostituita dal muro di quel film. Dove gli autori di crimini, tipo quello dell’elicottero dei marines, o i torturatori di Guantanamo, vanno liberi e onorati e chi ne racconta i delitti va in galera, o finito prima. Al processo “internazionale”, ma delle sole quattro potenze vincitrici, in base a leggi retroattive, furono impiccati 14 tra gerarchi e generali, non tutti ugualmente colpevoli.  Nessuno ha mai processato mandanti ed esecutori di Hiroshima o Nagasaki. Non si perseguono più i crimini di guerra, le obbedienze agli ordini ingiusti. Nessuno stupratore yankee di donne irachene è mai stato incriminato.

Quello contro Julian Assange è chiaramente un processo contro quanto ci resta di giornalismo non venduto e comprato. E’ la minaccia di stare in guardia, giacchè ora può capitare anche a te, se non stai ai patti dell’informazione ai tempi neoliberisti dell’oligarchia globalizzatrice e del pensiero unico e politicamente corretto. Seguirà a questa morte del giornalismo, a questa capillare vittoria della censura, la tirannide. E questa non è mai responsabile di nulla: unaccountable, come si dice in inglese. Basta che contro i dissidenti, i complottisti, i residui investigativi, i diversamente politici, si pronunci la parola “ODIO”, ed è fatta. Del resto non sapremo mai più niente.

Ora ci ritroviamo in piazza per Assange, la grandissima Chelsea, altro che Antigone, Edward Snowden, l’integrità di tutti noi. Forse non tanti qui, ma tantissimi in un mondo meno addormentato. Si vedrà se siamo riusciti a fermare quel treno maledetto, con i giornalisti chiusi dietro le porte blindate e, sulla motrice, le bandiere a stelle varie.

Pubblicato da Fulvio Grimaldi alle ore 19:15

COS’È IN GIOCO CON IL GIORNALISTA DI WIKILEAKS? TUTTO! —– ASSANGE DEVE MORIRE (E NOI CON LUI) —– INFORMAZIONE, O TI VENDI, O SEI FUORIultima modifica: 2020-02-22T11:03:39+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *