Grecia invasa… è solo l’inizio?

https://comedonchisciotte.org/grecia-invasa-e-solo-linizio/?fbclid=IwAR22VCDdQ_rDXNEgDuyY3R8GZK0mvksY92v7cK5Z07u2EvV7BDiX4mjKHlo

Come Don Chisciotte – Controinformazione – Informazione alternativa
Migranti del momento. Grecia settentrionale, stampa greca, novembre 2019

Grecia invasa… è solo l’inizio?

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU

greekcrisis.fr

La fine dell’autunno in Grecia è caratterizzata dall’intensificarsi dei flussi migratori in ingresso, non più solo nelle isole, ormai sature, ma direttamente sul continente. Sono giovani, in forze, dotati di cellulare, spesso inviati direttamente dalla Turchia, con evidenti finalità di destabilizzazione del mai amato vicino ellenico. La propaganda dilagante non ferma le reazioni popolari, che si fanno sentire un po’ ovunque, anche perché le disposizioni (ufficiali e non) dicono in sostanza che i nuovi arrivati devono venire prima dei greci in tutti gli ambiti di intervento pubblico (alloggi, sussidi, cure sanitarie, etc). L’impoverimento dei greci è tale che i villaggi sono ormai spopolati e molti non reclamano neppure i morti negli ospedali, per non doverne pagare la sepoltura. Le commemorazioni della rivolta studentesca del 1973 sono occasione di passerella per Tsipras e Varoufakis, ma nel mondo reale la gente subisce aggressioni e violenze dai nuovi arrivati e si organizza: gli alberghi cominciano a non volerli più ospitare (nonostante i rimborsi statali). E’ come un’invasione, ma senza colpi di arma da fuoco, almeno per ora: più di uno prevede che molti dei migranti entrati in questi mesi si “attiveranno” nel momento  in cui la Turchia deciderà di passare all’azione per un attacco militare vero e proprio. Intanto anche registi famosi come Costa-Gavras si prestano ad operazioni agiografiche verso il potere, facendo uscire il film ispirato al libro “Adulti nella Stanza” di Varoufakis. Da leggere per intero la lettera di Zoe Konstantopoúlou che presiedeva, all’epoca, il Parlamento Greco, che smonta la versione autoassolutoria dell’autore, secondo cui non ci si poteva opporre ai memoranda “Una lettura della storia che mostra quello che è successo nel 2015 come unico risultato del comportamento estremo dei creditori (…) è una lettura falsa. I creditori si sono comportati in modo criminale, spietato, che ricorda un colpo di stato. E’ un dato di fatto. Purtroppo, il governo greco e i responsabili delle trattative con i creditori hanno reso loro le cose più facili. Non si erano preparati, il loro lavoro era sommario e superficiale. E se alcuni pensano di aver capitolato perché non erano preparati, la mia convinzione, sulla base dei fatti che ho vissuto, è che hanno scelto di non prepararsi perché avevano accettato di capitolare”.

E infine, come sempre a fine anno, Panagiotis Grigoriou apre una sottoscrizione straordinaria, ormai non solo più per esigenze specifiche del blog, ma anche per il sostentamento materiale del suo autore. La pagina è QUESTA


Giovedì 14 novembre 2019

Da “C’è un passaggio e… Pasarán” – articolo originale QUI

(…)

[E] Poi ci sono i parassiti politici ed economici di Atene, tra cui il Presidente della “Repubblica” Pavlópoulos, e Mitsotákis nel ruolo di Primo Ministro e il loro “Parlamento” da operetta, tutto questo piccolo mondo di vampiri, che ha osato istituire un Comitato….. per commemorare i 200 anni della Rivoluzione Nazionale, Cristiana e Sociale del 1821, che ha portato ad una Grecia finalmente (e supponiamo) libera. A capo di questa commissione c’è la ricchissima Giánna Angelopoúlou, che aveva già presieduto il comitato delle fatidiche Olimpiadi del 2004, quando ancora le stesse caste avevano inghiottito tanti milioni, ma un regalino da qualche miliardo è stato come sempre inviato ai cittadini del paese reale sotto forma di debito. Giánna Angelopoúlou, la cui famiglia del marito venne notevolmente arricchita dalla gentile partecipazione dei tedeschi sotto l’occupazione degli anni ’40 (trasmissione 90.1 FM, 12 novembre 2019, mattino), ha tenuto addirittura un discorso al “Parlamento” il 7 novembre, un discorso degno di una mediocre liceale, un po’ come se stesse presiedendo l’Ufficio del Turismo della…. regione della Grecia.

La moglie del ricco uomo ha parlato degli armatori di Chios, della tessitura della seta di due secoli fa, delle attuali ONG che si occupano di protezione dell’orso, e poi della cosiddetta recente….. grandezza di una Grecia piuttosto multiculturale. Gli eroi della nostra Rivoluzione Nazionale sono stati ignorati, la Rivoluzione stessa è stata dimenticata, come se volessimo commemorare la Rivoluzione del 1821 senza di essa.


Angelopoúlou, Pavlópoulos, Mitsotákis. Atene, novembre 2019, stampa greca

(…)


Tsípras, Mitsotákis e Georgiádis. Atene, 11 novembre 2019, stampa greca

Dal “No pasarán”…… all’attuale “autostrada”, c’è stato solo un piccolo passo, ed è stato sicuramente fatto. Inoltre, la propaganda di questa sinistra, che i Mitsotakiani, così come i Sorositi, ripetono anch’essi, è allora abietta e grossolana. Doúrou [NdT: ex Presidente della Regione dell’Attica], attraverso il suo messaggio, assimila gli attuali migranti ai rifugiati greci cacciati dai turchi tra il 1922 e il 1924 dopo la guerra del 1919-1922. Quando nel 1923, a Losanna, la maggior parte dei greci era già stata espulsa o rimpatriata in Grecia. Il trattato, che seguì la prima espulsione dei greci da Smirne, dal ponte e dalla Cappadocia, riguardava 1.700.000 greci, che si trovavano ancora in Turchia, e circa 400.000 musulmani da Creta e Macedonia.


Doúrou….. quella accogliente. Pireo, 11 novembre 2019, fonte Internet

Un soldato greco, in servizio al confine greco-turco a nord vicino al fiume Evros, ha appena inviato un messaggio di dolore a Sávvas Kalenterídis. (…) Molto popolare in Grecia e Cipro, è autore di molti libri di analisi geopolitica e dirige la casa editrice “Infognomon” e il sito web InfognomonPolitics, vedi anche qui.

La relazione di Kalenterídis è la seguente: “Questa è la verità su Evros e sull’invasione straniera. La testimonianza di un soldato che vi presta servizio. Questa mattina ho ricevuto un messaggio da un soldato greco che non conoscevo in servizio ad Evros, e cito testualmente, dalla zona di sicurezza delle frontiere. L’ingresso degli stessi greci è severamente vietato, ad eccezione degli agricoltori della regione, per non parlare degli stranieri. Ciò ricorda l’avventura di due soldati greci entrati illegalmente nella rispettiva zona militare e poi arrestati l’anno scorso dall’esercito turco, che sono rimasti imprigionati per diversi mesi in Turchia prima di essere restituiti alle autorità greche. Il messaggio del membro è il seguente: Salve signor Sávvas….. Vengo da……… Sono un soldato e servo in Evros. La situazione è tragica…….. Non ho alcun diritto di impedire loro di entrare, perseguirli o adottare misure per avvertirli che stanno entrando in una zona militare vietata e che stanno entrando illegalmente nel mio paese! Non riesco nemmeno a fermarli! Non c’è più una zona di sicurezza al confine. Perché tutto quello che posso fare secondo gli ordini che ricevo è notificare le guardie di frontiera… Per dar loro il benvenuto allora…tutti insieme… I loro passaporti sono bruciati e dichiarano ciò che vogliono sui loro paesi d’origine. Essi sostengono anche di non avere un telefono cellulare… e così via… Questo è tutto e…”, blog di Kalenterídis, 10 novembre 2019.


L’invasione. Migranti verso Evros. Fonte, Kalenterídis, 11 novembre 2019

Passaporto mezzo bruciato. Fonte, Kalenterídis, 11 novembre 2019

Barca usata dai migranti a Evros. Fonte, Kalenterídis, 11 novembre 2019

Migranti e altri agenti turchi entrano a migliaia dal confine con la Turchia sul fiume Evros in modo organizzato e pianificato, aggiungendosi all’altra invasione, quella delle isole greche via mare. Va anche notato che questi immigrati clandestini che attraversano il fiume Evros non sono nemmeno registrati. “Evros, è un setaccio, e nessuno è chiamato ad avere almeno un’idea con chi abbiamo a che fare. Dal mio posto di lavoro sul delta del fiume conto tra i 70 e i 100 migranti ogni giorno. Sono aggressivi, vanno direttamente nei villaggi della minoranza musulmana della regione lungo le strade già indicate e poi scompaiono. Si tratta di una popolazione maschile, giovane e visibilmente formata, che ha ripetutamente attaccato gli abitanti della regione. Atene non sembra sentirci”, testimonianza di un ufficiale dell’esercito greco, radio 90.1 FM mattino, 13 novembre.

E nell’interno del paese, nel Peloponneso, nella regione di Patrasso, la Chiesa si prepara ad accogliere i migranti in un monastero storico che attualmente non ha monaci. Ne dedurremo che presto avrà un imam. Gli abitanti del villaggio vicino sono sconvolti e quelli della Chiesa esitano un po’ di fronte alla reazione popolare ma sperano di andare avanti con la “loro” decisione.

In ogni caso, le autorità greche e le forze armate e navali greche sono disinnescate dall’interno di fronte all’invasione, mentre i confini navali e terrestri della Bulgaria con la Turchia rimangono ermeticamente sigillati e controllati, con nessun migrante che attraversa i confini con la Bulgaria. Ciò che, secondo i giornalisti e altri lacchè della globalizzazione, sembra quindi impossibile da controllare in Grecia, sembra perfettamente possibile per altri paesi, e già confinanti con la Bulgaria. (…)

E’ una guerra e poi una guerra importante. I film di propaganda dell’Ufficio delle Nazioni Unite sulla migrazione imposta …. e contro le nazioni, anche promettono ai migranti condizioni ideali in Grecia, anche gli alberghi con piscina, sembrano video delle agenzie di viaggio, è qui. (…)

“Negli ultimi anni, il nostro paese è stato inondato da ondate di immigrati clandestini. Entrano illegalmente nel territorio greco, chiedono asilo come rifugiati e si stabiliscono qui. Non sono, per la maggior parte, rifugiati o semplici migranti economici che vengono a lavorare per qualche anno e poi tornano nel loro paese d’origine, sono coloni che cercano di costruire la loro nuova vita sul territorio di un altro paese”, dice Nikos Iglessis sul suo blog.

Così, in tutto il paese, le reazioni a questa colonizzazione forzata sono forti. “Invasori clandestini fuori dalla Grecia”, si legge ovunque, mentre i migranti moltiplicano gli atti di violenza e vandalismo, a volte anche saccheggiando chiese e organizzando campi di proprietà privata a Lesbo e Samo, per esempio, senza che la polizia faccia rispettare la legge o protegga i legittimi proprietari dei luoghi.

(…) “La propaganda dei ‘politicamente corretti’, mondialisti neoliberali e anti-patrioti di sinistra, cerca poi di convincere i greci che alla fine dovrebbero semplicemente prestarsi a un’eutanasia. Tutte queste persone ci dicono che non ci sono molti nuovi arrivati e che dobbiamo imparare a vivere con loro. Ma se li installiamo oggi, inevitabilmente ne arriveranno altri. Negli ultimi quattro mesi, il numero di arrivi ha ufficialmente raggiunto le 40.000 persone, secondo il vice ministro della protezione dei cittadini, G. Koumoutsákos, responsabile dell’immigrazione”.

“La società greca dovrebbe adottare, se possibile….per via endovenosa, una logica molto grottesca. I migranti, chiamati rifugiati, hanno diritti più alti dei greci. (…)

“Infine, la più grande minaccia alla sicurezza nazionale greca è la creazione di una grande minoranza musulmana nel paese, che sarà strumentalizzata a tempo debito da potenze straniere, la Turchia e molte altre, a fini geostrategici. (…)


Greco e senzatetto. Atene, novembre 2019

(…) molti greci sono senzatetto, mentre i resti di coloro che muoiono negli ospedali a volte non vengono rivendicati dai parenti perché le famiglie non hanno i mezzi per seppellirli. E’ un piano ed e’ in corso. (…) Dora Bakoyánni, membro….. nel tempo libero del gruppo Bilderberg e sorella ufficiale di Mitsotákis (in Grecia si dice a volte che è più sua madre), ha appena dichiarato “che i migranti dovranno essere sistemati selettivamente nei villaggi spopolati del paese”, stampa greca, novembre 2019. (…)

Nelle ultime notizie, i media tradizionali censura ogni evento legato alla cosiddetta crisi migratoria. Come se i fatti fossero….. emigrati altrove. Silenzio, ci sono le TV. Allo stesso tempo, i clandestini vengono imbarcati dal Pireo su autobus che li portano a destinazione, attraverso strade secondarie e talvolta sterrate, sempre scortati dalla polizia, sempre verso le tre del mattino.

(.) Altrove, gli abitanti stanno lottando e resistendo all’invasione come meglio possono, in Agía Varvára Imathias nella Macedonia greca, tre poli elettrici che circondano un campo sono stati distrutti e l’energia elettrica è stata tagliata, il rapporto è qui, 13 novembre 2019.


Gli abitanti del villaggio di Ano Sotirítsa. Televisione locale, 5 novembre 2019

(…) Ai vampiri politici ed economici che si sono incontrati il 7 novembre nel “Parlamento”, è stato visibilmente ordinato di accelerare il processo perché il paese reale e la gente sta reagendo qua e là, e dicono addirittura che prenderanno le armi (Internet greco, novembre 2019),


Giovedì 21 novembre 2019

Da “Non lasciate che il vostro paese affondi” – Articolo originale QUI

(…) ad Atene è stata la cosiddetta “celebrazione”, la commemorazione della quasi vera rivolta degli studenti dell’École Polytechnique nel mese di novembre, sotto il regime dei Colonnelli, nel 1973.

(…)

Questa rivolta studentesca, [avvenuta] soprattutto ad Atene, tra il 14 e il 17 novembre 1973, è stata certamente autentica, ma allo stesso tempo è stata “lavorata” e incanalata dall’interno dai servizi segreti greci, americani e israeliani, secondo quanto talvolta viene detto pubblicamente ad Atene, anche attraverso alcuni media, come su 90.1 FM, di questa settimana (trasmissione mattutina). E in ogni caso, l’obiettivo, ricercato e finalmente raggiunto, non era il rovesciamento della dittatura, ma l’espulsione del dittatore capo Papadópoulos e la sua sostituzione con l’ufficiale Ioannídis, un agente della CIA, una povera e tragica marionetta, (…)

Quelli di Papadópoulos dovettero cadere, in primo luogo perché il loro regime non voleva dare carta bianca agli Stati Uniti per utilizzare la base militare americana di Souda a Creta(…) Poi, c’era altrettanto e altrettanto urgente la questione di accelerare il….. piano anglosassone, americano e britannico per Cipro. Se necessario, Makarios avrebbe dovuto essere abbattuto a Nicosia, considerata troppo filosovietica. Soprattutto, la Turchia dovette essere introdotta con la forza nel gioco (…).


Varoufákis e la sua famiglia durante la sfilata del 17 novembre 2019 ad Atene (foto su Internet)

Successivamente, la transizione dalla dittatura alla democrazia è stata troppo agevole e soprattutto è rimasta in gran parte segreta. Karamanlis il vecchio è arrivato ad Atene il 24 luglio 1974 dal suo esilio d’oro a Parigi, e come previsto dalla programmazione, ha ammesso e soprattutto “legittimato” il piano dell’invasione di Cipro. Perché è stato sotto il governo di Karamanlís e non sotto i colonnelli che, con la sua seconda operazione Attila-II nell’agosto 1974, l’esercito turco ha finito per controllare non il 4% del territorio dell’isola come da luglio, ma quasi il 40%. Karamanlis ha poi pronunciato pubblicamente questa frase, che è rimasta negli annali della storia politica più triste del paese: “Cipro è molto lontana” in modo da [non] intervenire. Tuttavia, le forze armate greche disponevano di tutti i mezzi necessari per fermare l’invasione turca in modo pulito o almeno per contenerla.

Quindi, da questo punto di vista, Karamanlis difficilmente incarna la rottura di fronte al tradimento programmato e materializzato dall’ultimo dei Colonnelli, ma piuttosto la sua continuità. (…) Indubbiamente, la rivolta dell’École Polytechnique ha svolto un ruolo decisivo e, in definitiva, fatale, se si giudica dalla concretizzazione dell’atto finale della tragedia, accelerata dal licenziamento di Papadópoulos il 17 novembre 1973. (…) i comitati studenteschi erano stati infiltrati da agenti del regime, di fatto la CIA. (…)

Detto questo, dal punto di vista degli studenti dell’epoca, ma anche di alcuni ateniesi, come i miei genitori che vi parteciparono sul posto e a modo loro il 16 novembre 1973, la rivolta, la loro e quindi l’unica, era stata reale, sincera…. inefficace e soprattutto tradita. Il resto è il rito di una grande manifestazione dal 1974, che è diventata molto più piccola con gli anni della Troika e il tardivo risveglio di molti greci. Ed è in questa processione di appena 20.000 persone nel 2019 che il culmine dell’attuale perversione politica, Tsípras, la sua famiglia e Varoufákis, hanno partecipato. Arroganza e poi impostura. Era il grande circo degli hybris, soprattutto perché la famiglia Tsípras, allora costruttori immobiliari, fece fortuna sotto i colonnelli, e questo è solo un esempio.

(…)

Così, la popolazione greca è molto preoccupata, i nuovi migranti stanno occupando piazze e panchine, i giovani greci e soprattutto le donne non osano più uscire da soli, in ogni caso, perché molti casi di aggressioni sessuali, sia concrete che verbali, sono già stati segnalati, tranne che i media stanno facendo tutto il possibile per elevare lo stato di (nuovo) conflitto in cui il paese reale si sta gradualmente ritrovando. Solo a Lesbo, tra il 1° e il 14 novembre, sono arrivati 1425 migranti, circa cento al giorno, e naturalmente tutti dichiarano di essere rifugiati e immediatamente, sotto l’egida delle ONG di Sóros, presenteranno la loro domanda di asilo. Tuttavia, secondo le fonti di informazione di Droúgos, “il 58% di essi proviene da paesi asiatici, Pakistan, Afghanistan, Bangladesh, 31% dall’Africa subsahariana e dal Maghreb, e chiaramente meno del 10% dalla Siria.

(…) La situazione sta peggiorando ovunque, ad esempio sull’isolotto di Kastelórizo, l’invasione è in corso, i migranti vagano ovunque, ora entrano nelle case e nelle aziende per rubare o stabilirsi e persino per saccheggiare le chiese. I funzionari locali eletti allora suonano un vero e proprio segnale d’allarme, ma…….. Atene è lontana, stampa del 20 novembre.

Allontanandosi ad alta velocità dai miti che le pseudo-elite volevano imporre così tanto, il vero paese si ripudia e si organizza. Il sindaco di Samos, così come l’intero consiglio comunale, si è dimesso, opponendosi all’annuncio della creazione di un nuovo campo per migranti, presumibilmente chiuso, comunicato stampa del 21 novembre. (…)

Nel nord della Grecia, nel Kilkis, i residenti hanno presentato denunce contro le compagnie di autobus che trasportano immigrati clandestini e anche contro gli albergatori che li ospitano. Allo stesso tempo, gli albergatori locali si sono rifiutati di stipulare altri contratti con il Ministero, di fatto con le ONG e l’ONU, perché i residenti non accetteranno più migranti nelle loro case, a seguito dell’intervento del comune, la stampa della settimana. Allo stesso tempo, a Salonicco, i poliziotti hanno marciato dietro lo striscione: “Stiamo diventando migranti in patria”. Ufficialmente, la polizia denuncia la mancanza di risorse perché quasi la metà del personale delle stazioni di polizia è destinato alla sorveglianza dei migranti in tutta la Grecia e il sistema alla fine crollerà. In breve, denunciano il tentativo di sostituire la popolazione della Grecia, con la complicità dei politici, stampa della settimana.


Diventiamo migranti in patria. Polizia di Salonicco, 19 novembre 2019

(…) Allora lasceremo che Christian Darlot concluda, come Nicolas Bonnal fa tanto per il suo articolo:

“Miei cari amici, gli anni a venire non riposeranno su un morbido cuscino di piume. Se non vuoi questo futuro, parla con chi ti circonda, affronta le lacrime delle bande di vecchi amici, tollera le tensioni nelle riunioni di famiglia, ma non lasciare che il tuo paese cada a pezzi. E se non sei patriottico, fai qualcosa per la tua famiglia”.


Non lasciate che il vostro paese affondi. Atene, novembre 2019

Giovedì 28 novembre 2019

Da “Basso Impero” – Articolo originale QUI

(…)

I cosiddetti media mainstream nascondono la realtà come possono, ed è meglio seguire i media locali e alcune rare trasmissioni sulle principali stazioni radio per farsi un’idea del cataclisma del momento. O, semplicemente, basta vivere nel nord della Grecia o nelle isole, questi alti luoghi di passaggi e contrabbandieri per vedere cosa sta accadendo lì giorno e notte senza tregua, i media sono quasi inutili per la descrizione. E questa è l’Apocalisse. Gli abitanti hanno sofferto gli eventi sconvolti, organizzandosi con i mezzi di fortuna  di fronte a quest’ultima operazione di guerra ibrida e….. del tipo Attila, orchestrato, ricordiamo, tra gli altri, da Berlino, Ankara e Sóros.

“La nostra popolazione viene sostituita, tutte le nostre strutture crollano, la polizia, gli ospedali, le strade, tutto. Sulle spiagge della nostra isola, più di duecento migranti sono arrivati tra il sabato e la domenica, questa è l’entità del disastro. Le ONG agiscono spudoratamente al di fuori di ogni controllo, perché nella nostra isola hanno semplicemente sostituito lo Stato. Così, le ONG, FRONTEX e le altre autorità greche stanno lavorando esclusivamente e insieme al solo scopo di accogliere i migranti e mai per prevenire o addirittura ostacolare questa ondata”, il Sindaco di Samos, 90.1 FM, trasmissione del mattino, 27 novembre. Anche ad Atene questa disorganizzazione, prevista, sta accelerando. Negli ospedali, come il grande ospedale pubblico per bambini di Atene, i giovani migranti si organizzano in bande per rubare e assaltare il personale ospedaliero, la situazione diventa più che insostenibile, come riportano i media greci della settimana.

Questo è come invadere un paese senza nemmeno sparare una salva. Per il momento, almeno, perché i salvataggi arriveranno in tempo, quando ai nidi di agenti dell’esercito turco travestiti da migranti sarà ordinato di sabotare la Grecia dall’interno, con….. il tipo di cooperazione dei migranti musulmani, il giorno in cui la Turchia attacca, e quel giorno probabilmente non è lontano. “Accendete le vostre radio, ascoltate il mio grido d’allarme, la Turchia attaccherà e in breve tempo”, dice il giornalista Trángas dalla sua zona sulla radio 90.1 FM, ed è altrettanto chiaro che il governo Mitsotákis sta ora chiedendo il suo ritiro dalle onde radio, così la sua ultima trasmissione avrà luogo il 15 gennaio prossimo.


Migranti del momento. Grecia settentrionale, stampa greca, novembre 2019

I migranti si organizzano in bande negli ospedali. Media greci, novembre 2019

(…) a volte, anche la stampa tradizionale, come “Kathimeriní”, riferisce che un numero significativo di migranti si sono stabiliti in un albergo della città di Sparta, senza avvisare né il comune né gli abitanti, Kathimeriní il 27 novembre. Operazioni, come richiesto, tenute segrete, agli autobus scortati dalla polizia per effettuare l’operazione di colonizzazione, città dopo città, villaggio dopo villaggio. Gli spartani presenti sul posto hanno reagito in modo forte, molto disgustato. (…) Dettaglio importante, secondo le relazioni, gli albergatori in questione sono più spesso in fallimento, e quindi devono una somma significativa alle autorità fiscali “greche”, l’amministrazione fiscale appartenente fin dagli accordi di Tsípras del 2015 – 2016, interamente alla AADE Limited Company, una struttura gestita essenzialmente da Berlino via Bruxelles (…)


Sabato 30 novembre 2019

Campagna annuale di sostegno – dicembre 2019 – gennaio 2020

Il vostro blog, “Greekcrisis” sta entrando nel nono anno….. della sua storia. Libero ma spesso sopraffatto, prende atto dei momenti e degli stati d’animo che lo circondano mentre continua il suo viaggio con i suoi poverissimi materiali quotidiani e tutta la loro…. tossicità, poi i suoi poeti, e infine i suoi animali, più “adespoti” (senza padrone) che mai. Oltre 750 testi dal lontano mese di ottobre 2011, e analisi sincere che possono essere condivise o meno, naturalmente.

“Greekcrisis” (libera da qualsiasi affiliazione politica istituzionale e partigiana) funziona solo come sapete con donazioni, il vostro contributo, per coprire i suoi costi, in realtà le esigenze sempre più primarie dell’autore…. perché il blog senza i suoi lettori, semplicemente non esisterebbe.

Questa campagna eccezionale di sostegno finanziario in questo preciso momento, che è diventata una campagna regolare alla fine di ogni anno, è stata quindi lanciata e durerà due mesi, fino alla fine di gennaio 2020.

Si tratta di chiedere il vostro intervento e il vostro sostegno per raggiungere in due mesi i 2.000€ in più se possibile, di ciò che costituisce per noi le somme che permettono rispettivamente un funzionamento minimo del sito “Crisi greca”, per trascorrere l’inverno in un qualche modo.

Per effettuare le vostre donazioni, andate sulla pagina speciale “Donazione” tramite il pulsante “Pay Pal” o direttamente (se preferite) sul conto corrente bancario indicato nella stessa pagina.

GRAZIE per la vostra fedeltà e il vostro sostegno, nonché per i vostri messaggi e commenti. Dobbiamo resistere…… anche quest’anno, nelle avversità e nell’incertezza di questa fine…. del tempo.


Lunedì 2 dicembre 2019

Da “Gavras non è Gavroche” – Articolo originale QUI

I bastardi politici che “governano”, se possibile, impongono la loro versione dei fatti, anche quelli immaginari che ne derivano. E’ il caso del narciso Varoufákis. Questo Sóros sociale, molto compatibile, questo apolide professionista ha il coraggio di imporre, attraverso il cinema di un Gavrás finale, la cosiddetta fatalità come unica via d’uscita dalla storia. Ma Gavrás non è Gavroche, tranne che gli amici francesi del blog stanno cadendo sotto il fascino del film. Allora c’è bisogno di una risposta.


Il film di Costa-Gavrás. Stampa francese, novembre 2019

Così “Greekcrisis” a sua volta pubblica qui la “Lettera aperta dall’ex Presidente del Parlamento greco al regista Costa-Gavras”, di Zoé Konstantopoúlou.

“10 settembre 2019 – Lettera aperta a Costa-Gavras

Caro signor Gavrás,

“Come ho avuto modo di raccontarvi oralmente alla fine di maggio 2015 a Parigi, apprezzo e rispetto il vostro lavoro e il vostro contributo. Per questo motivo, nel giugno 2015, in qualità di Presidente del Parlamento greco, le ho chiesto di sostenere la relazione della commissione di revisione contabile del Parlamento per la verità sul debito greco. All’epoca, lei mi ha chiesto di inviarle la relazione e pochi giorni dopo siete stati uno dei primi firmatari. Cioè, avete sostenuto il lavoro scientifico ufficiale di avvocati, economisti ed esperti di fama internazionale, che hanno lavorato volontariamente per mesi e hanno analizzato le ragioni per cui il presunto debito pubblico del paese è illegale e non dovrebbe essere pagato dal popolo greco”.


Aléxis Tsípras e Zoé Konstantopoúlou, stampa greca.

“Con questa lettera aperta, vorrei che i miei dubbi fossero resi pubblici. Lei ha scelto di fare un film in riferimento ad un periodo estremamente importante della storia recente del nostro popolo e del nostro paese. Un periodo che alcuni di noi hanno vissuto dalle nostre posizioni di responsabilità e che tutti i nostri collaboratori hanno vissuto nel modo più intenso possibile. E lo ha fatto adottando pienamente la versione e la narrazione (veramente la sceneggiatura) di un uomo che ha giocato un ruolo decisivo in quel periodo”.

“Quest’uomo che si è comportato almeno in modo irresponsabile e inconsapevole nella gestione del negoziato, trattandolo come una questione personale, seguendo una strategia e una tattica personale, negoziando senza consulenti legali e minando gravi opportunità per il nostro paese (che ancora esistono), creando catene e legando la Grecia al terzo memorandum, ancor prima di aver completato il suo primo mese al Ministero delle Finanze.

“Ho vissuto questi eventi critici e questo mi ha portato a conclusioni che, almeno a mio avviso, sono abbastanza chiare sul ruolo che ciascuno dei protagonisti della storia ha avuto. (…) Una lettura della storia che mostra quello che è successo nel 2015 come unico risultato del comportamento estremo dei creditori e che dimostra che il governo greco non è stato in grado di difendersi e di rivendicare i propri diritti è una lettura falsa. I creditori si sono comportati in modo criminale, spietato, che ricorda un colpo di stato. E’ un dato di fatto.”

“Purtroppo, il governo greco e i responsabili delle trattative con i creditori hanno reso loro le cose più facili. Non si erano preparati, il loro lavoro era sommario e superficiale. E se alcuni pensano di aver capitolato perché non erano preparati, la mia convinzione, sulla base dei fatti che ho vissuto, è che hanno scelto di non prepararsi perché avevano accettato di capitolare. Ciò è stato chiaramente confermato quando hanno scelto di non utilizzare il lavoro svolto in Parlamento in quel momento e gli specifici strumenti negoziali prodotti da tale lavoro”.

“Nei negoziati del 2015, il governo di Tsípras, contrariamente ai suoi impegni, non ha mai sollevato la questione della cancellazione del debito, né messo in discussione il suo rimborso, ma l’ha accettato con l’accordo del 20 febbraio firmato dall’onorevole Varoufákis prima che il Parlamento iniziasse i suoi lavori. Con lo stesso accordo, il governo greco ha trasferito 11 miliardi di euro ai creditori, il che era contrario ai suoi impegni e al suo programma”.


Simbolo delle realtà europeiste. Grecia, anni 2010

“In risposta alle mie reazioni a questo accordo, Tsípras e Varoufákis fingevano di non capire. Non hanno sospeso il rimborso del debito né l’inizio dei lavori della commissione di audit del Parlamento per la verità sul debito greco, anche se si erano impegnati a farlo. Né hanno utilizzato la relazione del Comitato di revisione contabile, né nel momento cruciale dei cosiddetti negoziati di giugno”.

“Quando il Parlamento ha approvato il referendum, il signor Varoufákis ha cercato di invertirlo dichiarando che ‘se la proposta dei creditori cambia, la questione cambierà e il governo si batterà per il sì’, mentre il signor Dragasákis diceva che il referendum non poteva avere luogo. Ho dovuto fare una dichiarazione pubblica del Parlamento che il referendum non era stato annullato (…)”.

 

“E’ ormai chiaro che Tsípras e Varoufákis pensavano che il popolo greco avrebbe votato ‘Sì’ nel referendum, e stavano pensando di usare questo ‘Sì’ come alibi. Per questo motivo, Varoufákis si è dimesso il 6 luglio 2015, poco dopo il NO del referendum, per poi facilitare il tradimento: non ha giustificato le sue dimissioni, ha inviato una lettera di sostegno al suo successore Tsakalótos, e la sua procura per l’imminente accordo del 13 luglio – il terzo memorandum, ha votato a favore delle condizioni preliminari per l’applicazione del terzo memorandum, compresa la riforma del codice di procedura civile, che ha reso più facile per le banche in fallimento di sequestrare i beni dei cittadini. Tutto questo è stato fatto per scelta e non per mancanza di scelta”.

“Considero un errore scegliere di basare il proprio film, che tratta di eventi storici di tale importanza, esclusivamente sul racconto di un uomo, quando è chiaro che si è preoccupato molto sistematicamente di scrivere una sceneggiatura incentrata sul proprio personaggio eroico, che non si è preoccupato, come avrebbe dovuto, di sostenere il nostro paese e il nostro popolo, e che continua a non voler dare spiegazioni serie su molti eventi e sulle proprie azioni.

“Naturalmente, come artista e anche come Cóstas Gavrás, hai la libertà e il diritto di creare ciò che vuoi. Ma non credo che lei abbia il diritto di presentare unilateralmente, dal punto di vista di uno dei funzionari e delle persone coinvolte, eventi storici di tale importanza. Secondo lo scenario di Varoufákis e Tsípras, non poteva essere altrimenti per la Grecia”.

“So che potrebbe essere stato e può essere diversamente. E la responsabilità di coloro che non hanno voluto fare ciò che era giusto e che si erano impegnati a fare, non diminuisce cancellando il dolore di chi l’ha affrontato. La loro responsabilità non è diminuita, anche con il tuo film. “Con tutto il rispetto, Zoe Konstantopoúlou, ex Presidente del Parlamento.”


Ridateci la nostra patria. Protestante di Atene, anni 2010-2014

No, Gavrás non è Gavroche. Sappiamo che Gavroche è il personaggio del romanzo di Victor Hugo “Les Misérables” che sembra un bambino di strada parigino, probabilmente ispirato al bambino del quadro di Eugène Delacroix “La Liberté guidant le peuple”. Sappiamo bene come chiunque altro che Gavrás ci dà qui una versione volutamente parziale dei fatti, ispirata da uno dei figli spirituali del profittatore economico Sóros, cioè Varoufákis.

TRADUZIONE per comedonchisciotte.org di FRANZ-CVM

Grecia invasa… è solo l’inizio?ultima modifica: 2019-12-22T22:17:25+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *