SUSA: “IL COMUNE NON CONCEDE LA SALA AI NO TAV”

http://www.valsusaoggi.it/lettera-susa-il-comune-non-concede-la-sala-ai-no-tav/?fbclid=IwAR3e5HRi28uu105kSRuae3bUhqVkuD4XUB6th-SKOJxXrcAt_DM7QaRsw5Y

    

dal GRUPPO “SUSA”

SUSA – Abbiamo letto sui giornali locali che il Comitato No Tav Susa-Mompantero ha ripetutamente chiesto, a partire dal 27 giugno la Sala Consiliare per organizzare una serata informativa e che questa richiesta (11 luglio) non ha avuto seguito. Il Sindaco Piero Genovese ha motivato questa indisponibilità a causa dei lavori di ristrutturazione che si sono protratti sino a metà settembre. Successivamente l’indisponibilità è stata motivata dalla necessità di una cerimonia di inaugurazione della nuova sala prima di un Consiglio comunale a data incerta, presumibilmente entro settembre.

Nel frattempo la sala in questione è stata utilizzata per una serata in data 2 ottobre. In assenza di risposte il Comitato NO TAV ha chiesto e ottenuto dal Comune di Mompantero la sala
consiliare per il 18 ottobre. Si rileva poi che la Sala di Susa, sempre da inaugurare, è stata concessa all’ASL il giovedì 24 ottobre per la presentazione di una iniziativa “Prevenzione: un’opportunità da cogliere al volo“. Si constata quindi che l’esigenza di – inaugurare/regolamentare/esaminare – l’utilizzo di questo luogo di democrazia è una scusante poco attendibile.

Questo atteggiamento conferma l’ambiguità dell’Amministrazione comunale su un tema così delicato, controverso e importante per la nostra Città. I precedenti confermano questa sensazione. Al Festival ad alta felicità di Venaus, ha concesso in sordina panche, letti e tavoli, mentre non ha dato disponibilità per i gazebo con lo stemma di Susa. Oltre a questo fatto poco rilevante, il Sindaco ha firmato una lettera molto dura nei confronti della Regione a riguardo di un invito al cantiere della Maddalena e nel giro di pochi giorni ha cambiato idea partecipando all’incontro.

Il Vicesindaco Montabone è assessore nella Giunta dell’Unione montana Valle Susa con Assessori dichiaratamente contrari all’opera e Vicesindaco in uno schieramento a Susa che dichiara pubblicamente: “Noi non siamo né Sì Tav, né No Tav , noi siamo Oltre“. Posizioni ibride, “Oltre” può lasciar spazio a ogni interpretazione, ma che non stupiscono più di tanto nella confusione totale sulla politica che questa Maggioranza intende sviluppare in Susa e in Valle.

Tutto questo non giustifica la mancata autorizzazione in tempi congrui dopo la richiesta di un gruppo di Cittadini per una sala che non è di proprietà o di utilizzo esclusivo del Gruppo consiliare di maggioranza, ma che deve essere disponibile per ogni occasione di dibattito sulla politica o sui temi che riguardano la Città e la Politica, come si è fatto nel passato, lontano e recente. Invitiamo quindi l’Amministrazione in carica di tener ben presente che in democrazia si può anche non essere il “Sindaco di tutti” sulle scelte politiche, ma che “i diritti di tutti” devono essere rispettati.

Per i consiglieri

Alessandra Brezzo

Antonita Fonzo

Massimo Chianello

Sandro Plano

SUSA: “IL COMUNE NON CONCEDE LA SALA AI NO TAV”ultima modifica: 2019-10-23T21:01:07+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *