I No Tav ai 5 Stelle: “Via dal Movimento ma non dimettetevi”

https://www.lastampa.it/torino/2019/08/01/news/i-no-tav-ai-5-stelle-via-dal-movimento-ma-non-dimettetevi-1.37288465?fbclid=IwAR0tRcfpSxHoMHZqBQdXuMPnTRr8zy5qfTqtGGD0noHIixaQcbts15zEyKg

Perino: “La fiducia nei grilini è zero, quella nelle persone è altissima”. Ma Appendino ha già bocciato l’appoggio esterno 

 Muore nel salone dove è nata l’ alleanza tra No Tav e 5 Stelle. Muore quattro giorni dopo la marcia di sabato verso il cantiere, quando la frattura era già evidente. «Tutta colpa del sì del premier Conte alla Tav» diceva qualcuno. Ed è ancora una volta Alberto Perino – l’ uomo che ripete da sempre «non ci sono governi amici per i No Tav» – a dettare la linea. Prima dell’ incontro aveva detto: «Scelgano: o sono grillini oppure sono No Tav».
Quando prende la parola, all’ assemblea di Bussoleno, voluta per rimarcare le posizioni di tutti, e per provare a tornare a capirsi dopo le evidenti frizioni della scorsa settimana, l’ uomo che è stato ed è icona della valle in lotta contro il super treno, lima un po’ i toni, ma la sostanza resta più o meno quella. «Visto che li abbiamo mandati lì come No Tav, gli eletti dei Cinquestelle si facciano buttare fuori dal movimento. Che non è più quello di una volta, di quanto Grillo veniva in Clarea a fare le battaglie con noi». Punto due del pensiero del leader dell’ anima popolare del mondo anti Tav: «Non accetteremo nessuna forza politica che voterà il decreto Sicurezza bis».

No TAV M5S 0

Ora la questione è semplice. Perino – ma non soltanto lui – vorrebbe che chi è davvero contrario alla Torino – Lione si sfili la casacca grillina, e rimanga dov’ è. In parlamento, oppure nelle amministrazioni comunali, per portare le istanze dei No Tav. Impossibile da realizzare a Torino anche se tre-quattro consiglieri di quelli accorsi all’ assemblea di ieri, i cosiddetti irriducibili – Ferraro, Albano, Paoli – sarebbero d’ accordo.
Ma la sindaca ha detto chiaramente che non accetterà l’ appoggio di un gruppo esterno.
In sala, Guido Montanari, ex vicesindaco di Appendino.

 No TAV M5S 1

Che fa due cose. La prima: invita i grillini «dissidenti» ad andarsene dai Cinquestelle: «Anche gli altri consiglieri devono fare la scelta di passare al gruppo misto (il riferimento è alla Pollicino). Lasciando Appendino appesa ad un filo». La seconda cosa che fa è attaccare frontalmente colei che lo ha estromesso dalla giunta: «Cacciando me Torino si è allineata al partito di Di Maio. E questo è un male per il movimento, per l’ Italia e per l’ ambiente. A questo punto non è più un problema mio, ma una questione politica». E di vita o di morte della giunta torinese.

 No TAV M5S 2

Perino, che queste cose le aveva subodorate aveva anche lanciato un salvagente ai possibili dissidenti del mondo Cinquestelle: «La fiducia nei grillini è pari a zero. Quella nelle persone, invece è altissima». Una presa di posizione che, alla fine, fa dire a Viviana Ferrero: «Se i No Tav mi chiederanno di lasciare il movimento lo farò». E detto da lei che è anche vice presidente del Consiglio comunale è una presa di posizione fortissima. Rincara la dose: «Il momento mi delude politicamente. Ma non moralmente». Insomma: si aspettano le decisioni.

I No Tav ai 5 Stelle: “Via dal Movimento ma non dimettetevi”ultima modifica: 2019-08-02T22:15:58+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *