Corteo No Tav: razzi, pietre e fuochi contro la polizia. 20 denunciati

https://www.lastampa.it/torino/2019/07/21/news/durante-il-corteo-no-tav-razzi-pietre-e-fuochi-appiccati-contro-la-polizia-20-denunciati-1.37153779

I disordini causati ieri sera dai circa 200 manifestanti partiti da Giaglione e diretti al cantiere di Chiomonte

Duecento partecipanti al «Campeggio studentesco No Tav», in corso a Venaus fino al 24 luglio, hanno violato ieri sera, sabato 20 luglio, la «zona rossa» attorno al cantiere dell’Alta Velocità, istituita con l’ordinanza interdittiva della Prefettura. Azione dimostrativa terminata con il lancio di pietre e di petardi e un principio di incendio nel bosco.

Percorrendo il sentiero Gallo Romano, i manifestanti, tra cui alcuni attivisti del centro sociale Askatasuna, hanno raggiunto la cancellata metallica allestita per sbarrare gli accessi all’area del cantiere Tav. 

Dopo aver ammassato legno e altro materiale infiammabile, hanno dato fuoco alla catasta cercando di sfondare la cancellata metallica utilizzando un grande tronco di legno come ariete.

Subito dopo hanno cercato di aprire un varco con un flessibile elettrico. Respinti con un idrante dalle forze dell’ordine, quindici attivisti, travisati, hanno continuato l’assalto al cantiere lanciando  per circa 10 minuti pietre, petardi, bombe carta e razzi da segnalazione nautica. Gli investigatori della Digos hanno riconosciuto venti militanti antagonisti che saranno denunciati per violazione del provvedimento prefettizio. Alcuni anche per accensioni pericolose. Due dei manifestanti saranno denunciati «per inottemperanza al “foglio di via obbligatorio” dal comune di Giaglione, tra cui una militante catanese e un esponente di Askatasuna».

La Digos sta esaminando le riprese video per «individuare anche gli altri responsabili degli episodi criminosi». Il  lancio di un razzo di segnalazione verso le forze dell’ordine, avrebbe infine innescato un principio di incendio nell’area boschiva. Le fiamme sono state subito domate dal personale del cantiere e dalla polizia con l’impiego di estintori.

Il commento di Salvini
«Chi attacca la polizia e il cantiere della Tav in Valsusa attacca tutta l’Italia: le divise sono il simbolo di chi difende la sicurezza dei cittadini perbene, l’Alta Velocità è l’emblema di un Paese che vuole andare avanti e non indietro. Nessuna tolleranza per i criminali, mi aspetto condanne inequivocabili da tutti gli schieramenti politici. Basta ambiguità: ora controlli a tappeto, arresti e accelerazione dei lavori». Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Corteo No Tav: razzi, pietre e fuochi contro la polizia. 20 denunciatiultima modifica: 2019-07-23T23:18:22+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *