TAV, VENAUS LANCIA IL “PIANO B”: TUNNEL DA OULX E UNA DELIBERA A TUTTI I COMUNI

http://www.valsusaoggi.it/tav-in-valsusa-venaus-lancia-il-piano-b-tunnel-da-oulx-e-una-delibera-a-tutti-i-comuni/


Venaus: il nuovo sindaco Di Croce con l’ex sindaco Nilo Durbiano

VENAUS – Il neo sindaco Avernino Di Croce, seguendo le orme del suo predecessore Nilo Durbiano, sta inviando in questi giorni il testo di una delibera chiedendone l’approvazione a tutti i Comuni della Valsusa, per lanciare il cosiddetto “Piano B” sul Tav Torino – Lione.

Si tratta del progetto alternativo lanciato nell’autunno 2018 dall’ex sindaco Durbiano, che prevede l’utilizzo e il potenziamento della linea storica fino a Oulx, per poi costruire un mini tunnel di 13 chilometri collegato a Modane. Rinunciando così al Tunnel di Base e alle altre opere previste attualmente da Telt.

Il Comune di Venaus approverà tale delibera in consiglio comunale. E tale proposta viene lanciata da Venaus a tutti i Comuni della Valsusa, chiedendo che venga approvata dai vari consigli comunali. Partendo però da due presupposti importanti: la contrarietà al progetto attuale della Torino – Lione e ribadendo il sottoutilizzo della linea storica Torino – Bardonecchia.

“Una volta ricevute le delibere dai Comuni che vorranno aderire con noi a questa proposta – spiega il sindaco Di Croce – le invieremo tutte al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al governo, chiedendo di riaprire il dialogo sul Tav e confrontarci. Voglio essere chiaro: noi andremo avanti anche se aderiranno 4 Comuni anziché 38, perché crediamo in questa proposta”.

Durbiano aveva già presentato l’iniziativa al prefetto e a Roma, trovando il consenso di alcuni esponenti della maggioranza di governo. “Voglio precisare che non si tratta di una mini Tav, ma di cercare una soluzione a questo annoso problema – spiega il sindaco Di Croce – la scorsa settimana ho presentato la proposta alternativa in una riunione a Venaus, a cui hanno partecipato quasi la metà dei Comuni della Valsusa. Dalla maggior parte dei partecipanti è emerso un parere positivo e per questo vogliamo andare avanti”.

Il progetto alternativo prevede appunto la costruzione di un tunnel da Oulx a Modane di circa 15 chilometri, a una sola canna e con un solo binario in direzione Francia. “I treni merci in discesa dalla Francia all’Italia potranno continuare ad utilizzare il Frejus – aggiunge il sindaco di Venaus – superando così il problema del passaggio dei treni merci in contemporanea e nei due sensi sotto il traforo storico”.

“Sono consapevole che questa delibera e questo atto farà discutere – annuncia Di Croce – ma vogliamo dialogare con il governo e affrontare il problema. So che questa proposta trova del consenso in Valsusa, anche tra i No Tav. Confrontarsi non significa calarsi le braghe, ma trovare un via d’uscita”.

La viceministra Castelli (Movimento 5 Stelle) ha definito questa proposta “un progetto di compromesso a cui stanno lavorando dei sindaci No Tav in Valsusa”.

Ma dal territorio alcuni sindaci No tav, a partire da Archinà (Avigliana) e Falchero (Sant’Ambrogio) fanno già sapere “di non conoscere questa proposta lanciata da Venaus e di non condividerla. Dovremo prima confrontarci con i nostri gruppi di maggioranza e nei consigli comunali, si tratta di un atto prematuro, visto che si sono appena tenute le elezioni comunali. I sindaci No Tav della Valsusa non stanno elaborando alcun progetto di compromesso”. Iniziativa non sostenuta neppure dall’Unione Montana guidata da Sandro Plano, presidente uscente: “Si tratta di un’iniziativa autonoma promossa dal Comune di Venaus e non dagli altri amministratori di Valle – spiega Plano – tocca al governo fare delle proposte, non certamente ai sindaci”.

La proposta alternativa di Venaus non piace sicuramente ai No Tav “duri e puri”. Da Bussoleno, l’assessore Francesco Richetto fa sapere “di non condividere questa proposta. Mi fa ridere sentir parlare di compromessi e trovare soluzioni non spetta agli amministratori della Valsusa. Il governo faccia il suo lavoro e faccia delle proposte, noi siamo sempre contro il Tav”

TAV, VENAUS LANCIA IL “PIANO B”: TUNNEL DA OULX E UNA DELIBERA A TUTTI I COMUNIultima modifica: 2019-06-26T18:13:00+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *