Sì-Tav, le nuove rivoluzionarie per gli umarell

https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/si-tav-le-nuove-rivoluzionarie-per-gli-umarell/

di  | 17 novembre 2018

Abbiamo l’impressione che Repubblica e Corriere si stiano accorgendo che il (da loro) pompatissimo fenomeno delle cosiddette madamine Sì-Tav di Torino non regge all’impatto con la realtà, specie da quando le suddette hanno incominciato ad andare in Tv togliendo al Paese ogni dubbio circa la loro competenza in fatto di treni. Da giorni, dopo aver salutato nelle sei signore le levatrici di un “nuovo femminismo” (Repubblica), ma che dico: le timoniere della “marea arancione del popolo del Sì”(Corriere ), sui due quotidiani non c’è un trafiletto che dia conto della tabella di marcia per il progresso partita da piazza Castello. Dispiace, perché onestamente ci stavamo affezionando alla saga fantasy su questa nuova “internazionale femminile”(Repubblica) creata da sei donne “così tanto coraggiose da sfidare il potere costituito”(come da comunicato “Siamo tutte madamine” a firma delle Pari opportunità del Pd) che ricordano un po’ “le donne dei manifesti al tempo di Stalin, rocciose contadine, temibili operaie con fazzoletto rosso, la zappa in mano, o il Kalashnikov (Repubblica), in effetti la prima cosa a cui abbiamo pensato apprendendo che fanno lavori come l’art director, la pr, la copy e la cacciatrice di teste (tutti veri lavori proletari).

Fortuna che c’è La Stampa, pulsante organo della sempre verde razza padrona, a insufflare nei lettoriariadirivoluzione. Ieri, mentre pensavamo con nostalgia alle magnifiche sorti e progressive forse sfumate, il quotidiano che abbracciò l’im pre sa
della marcia dei (delle?) 40 mila ha intervistato una delle madamine, segnatamente lacacciatrice diteste, la quale col linguaggio stringatodei fucilieriha comunicatoche lei e le altre tetragone eredi di Rosa Luxemburge AleksandraKollontaj sono pronte “ad aprire la fase 2” de ll ’operazione “Sì Torino va avanti”.Suquesta fase2lacompa
gna Ghiazza è chiara: “La fase uno è stata la spontaneità”; adesso “è ora di essere meno tenerine, sempre educate, ma più assertive. Meno g a rb a t e”. Che vogliano davvero imbracciare il Kalashnikov? A domanda tremante del cronista: “V olete essere il motore di un nuovo mov i m e n to ? ”, la sub-com andante Ghiazza risponde: “Vorremmo contagiare, portare questa scintillaalt r o ve ”; indi rivendica il ruolo sovversivo della competenza in ques t’epoca di barbarie: “Ab bi am o sempre aspettato di avere tutti 30 e lode prima di alzare la mano”, ed è la stessa che dalla Gruber aveva candidamente ammesso: “Non siamo tecnici, non conosciamo le problematiche che riguardano la Tav, ci fidiamo di quello che hanno detto i governi precedenti”.
Insomma per La Stampal’onda che tra le sue leader conta una presidente del Rotary Torino Est può fare l’opposizione. È inutile fermare il progresso. Al Corriereche le chiede: “Allora, al contrario di quel che dice Grillo, la Tav esiste?”, madama Castellinarisponde: “La Tav c’è. C’è una galleria geognostica”, che è come dire che dal momento che hai fatto una Tac al cervello tanto vale che si proceda alla lobotomia.Anche se“contagiare” è verbo rivelatore di quel pisapismo da zona C o quadrilatero romano che impedisce alla sinistra di fare la benché minima paura ai padroni, forse perché alla lotta di classepreferisce ilreciprocovezzeggiamento, c’è un passaggio dell’intervista alla Marcos di Porta Palatinache ciprovocaun’extra sistoledi purofervore. Quandoil cronista chiede se “le piacerebbe avere degli uomini del Sì”, Ghiazza ammette: “Spero succeda presto”, e basta spostare gli occhi in cima alla pagina, dove campeggia la foto del corteo, per rendersi conto che il 98% dei 30 mila Sì-Tav è composto da maschi ultrasettantenni, tutti chiaramente umarellche non vedono l’orache apraun cantiere qualunque e saprebbero consigliaregliingegneri suqualimateriali, scavatori e tecniche usare per costruire la Torino-Lione. Mattarella si sbrighi a incontrare le madamine, prima che in casa Sì-Tav comincino a volare i foulard di Hermes.

Sì-Tav, le nuove rivoluzionarie per gli umarellultima modifica: 2018-11-18T19:49:53+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *