Tav, il fanatismo del “Sì al cemento” è la vera ideologia

https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/tav-il-fanatismo-del-si-al-cemento-e-la-vera-ideologia/

È abbastanza evidente che l’alleanza gialloverde ha portato al governo una squadra deludente per coerenza, competenza e chiarezza di idee. Ma non è uno scherzo della storia. Il livello della classe dirigente è questo e la vicenda del Tav Torino-Lione lo conferma. Sono soldi buttati. Ma la variopinta alleanza tra partito del cemento e provincialismo  piemontese pensa di riuscire nello spreco faraonico al servizio di carriere politiche miserabili accusando il Movimento 5 Stelle.

Inventano un partito del “no a tutto” e gli contrappongono competenza, razionalità e progresso. Ideologia pura.

Anche un piemontese non provinciale come l’ex direttore di Repubblica (e de La Stampa) Ezio Mauro ha versato lacrime sulla perdita “dell’appuntamento con il progresso” e sul “totem ideologico” che sarebbe il no al Tav.

Magari avesse ragione. Ma è il partito del Sì a incarnare il fanatismo.

Chiedete per esempio al sussiegoso Paolo Foietta, l’uomo dell’Osservatorio, quello che “mi ha nominato Mattarella” e che, messo lì dai governi Pd a fare la guardia all’affare si offende se il governo gialloverde lo ignora. Chiedete a Foietta, l’uomo che predica l’apertura alla Francia senza sapere il francese, se la nuova ferrovia porterà merci o persone.

Su una ferrovia o vanno i passeggeri a 300 all’ora o le merci a 80.

Tav, il fanatismo del “Sì al cemento” è la vera ideologiaultima modifica: 2018-11-04T23:24:01+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *