SAVIANO L’INTOCCABILE

estratto da SAVIANO L’INTOCCABILE

Se devo pensare a un ragazzo giornalista che fu davvero vittima della camorra penso a un giovane cronista precario del Mattino, si chiamava Giancarlo Siani. Lui non faceva mitologia della camorra, ne raccontava i fatti e i misfatti. Perciò fu ucciso.
Saviano col suo libro-collage sulla Camorra diventò Vittima Potenziale, e dunque Eroe Nazionale di una Guerra Virtuale; la Rai gli ha eretto santuari e la Repubblica gli dedica un’edicola votiva. Lui è costretto a fare una vita i…nfame, non è libero di camminare perché è un obbiettivo della malavita. È vero, ma Saviano non pensa di essere un comune mortale, si crede un dio e l’odiosa protezione in cui è costretto a vivere è un po’ come la campana di vetro dei santi e delle madonne.
Nel nome di un libro-denuncia di cui tutti comunque ammirammo il coraggio, nel nome della sacrosanta guerra alla camorra per cui merita rispetto, Saviano ha preteso di trasformarsi in Madonna Pellegrina dell’Umanità dolente, Onnisciente Portavoce della Coscienza Universale, Castigatore di chi sgarra dal Politically Correct. Finché parla di camorra merita rispetto, ma se pretende di essere Maestro Globale, al servizio del Pregiudizio Universale, diventa una caricatura. Peraltro col suo libro, diventato cult e film, Saviano non scalfì il potere della camorra, in compenso la mitizzò come Gomorra, la fece diventare modello da imitare per molti ragazzi e bollò per sempre l’Italia e Napoli agli occhi del mondo come la Terra della Malavita. Non bastava la realtà infame, c’è stata la sua rappresentazione che ne ha ingigantito gli effetti.
Tra i danni peggiori che quel best seller ha prodotto c’è l’auto-divinizzazione di Saviano. Che si piace e si compiace, recita ispirato, in tv guarda nella telecamera solo se è a specchio e lui si può mirare, si atteggia a Vate, si accarezza il cranio e si finge profeta e moralista. Un caso di mitomania, certificato dalla scorta, più la claque de la Repubblica e del Fazio’s clan. Intoccabile come un dogma di fede, si configura il reato di savianofobia appena dici qualcosa su di lui che non sia un peana. Saviano ha solo due concorrenti a Napoli: de Magistris e san Gennaro, coi loro poteri miracolosi….. (cit. Marcello Veneziani)
SAVIANO L’INTOCCABILEultima modifica: 2018-07-26T08:41:57+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *