Picchiata infermiera italiana a bordo della nave Acquarius. Volevano abusarne

Nessun messaggio di solidarietà e nessun arresto per il tentato stupro. C’è chi è più eguale degli altri, alla faccia del femminismo de sinistra (eh si perché i destri maltrattano le donne, narra la leggenda)

Migliorano le condizioni di un infermiera italiana picchiata dai dei migranti tunisini a bordo della nave Acquarius.
La donna si era recata nella stiva della nave per recuperare dei viveri da distribuire, quando tre ragazzi tunisini di 27, 30 e 22 anni l’hanno afferrata da dietro e hanno iniziato a strapparle i vestiti di dosso, la donna dopo aver fatto resistenza è stata brutalmente picchiata, solo le urla e i rumori che hanno attirato alcuni membri dell’equipaggio l’hanno salvata da una fine quasi certa. La donna, una giovane infermiera di 27 anni ha riportato qualche livido ed un evidente stato di shock dovuto allo spavento,  è stata trasportata al più vicino ospedale di Valencia non appena sbarcata, e sottoposta a visita ortopedica e psichiatrica.
Intanto, la gloriosa accogliente antirazzista Spagna di Sanchez:
Il premier socialista Pedro Sánchez, accogliendoli e restituendo a tutti il diritto universale per la salute, è stato anche fermo nel ricordare che chi non ha «le carte in regola, in Spagna non può restare». Quindi, meglio smorzare subito la festa perché la luce del giorno che inonda Valencia porta già spiacevoli notizie: i minorenni saranno portati a Malaga, le donne in attesa e i malati in un’altra unità, sconosciuta, mentre per gli altri li attende un Cie, centro di identificazione ed espulsione che Amnesty International vuole chiudere.
La Spagna è il paese europeo che dal 2006 attua una severa politica di respingimenti e rimpatri. Nel 2009, all’apice della peggiore emorragia d’immigrati giunti alle Isole Canarie provenienti dalla zona sub-sahariana, ogni mese i voli charter riportavano in Africa dai 15mila ai 25mila rifiutati. Tanto che in Spagna chi vince l’appalto statale dei rimpatri, vince la lotteria di Natale: un affare da svariati milioni d’euro, pagati da Madrid. fonte
Picchiata infermiera italiana a bordo della nave Acquarius. Volevano abusarneultima modifica: 2018-07-26T08:24:49+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *