“Basta, boicottiamo Lilli Gruber” dopo i falsi numeri sull’accoglienza che ha propinato, è rivolta tra i telespettatori

LA GRUEBER non ha interesse ad indagare sulle quote e chiedere come mai i tanto antirazzisti e solidali francesi e spagnoli abbiano accolto un numero ridicolo rispetto alla quota assegnata che dovevano rispettare?

Su Twitter furoreggia un hashtag: #boicottaLa7. Sempre più cinguettii contro la rete di Urbano Cairo. La ragione? Lilli Gruber in primis, ma anche Giovanni Floris. Troppo anti-leghisti, per i leghisti che ora invocano il boicottaggio. Alla Gruber non viene perdonata l’intervista assai aggressiva di martedì sera a Matteo Salvini, oltre al servizio di Paolo Pagliaro sugli immigrati dal quale risultava che l’Italia fosse tra i fanalini di coda per quel che riguarda l’accoglienza. A Floris, al contrario, si rimproverano gli ospiti dell’ultima puntata di DiMartedì, tutti o quasi fieramente anti-salviniani. E insomma, tanto è bastato a far montare l’hashtag, dietro al quale si stanno raccogliendo diversi leghisti delusi.
 Per il triennio 2015-2018 (vigente il Dublino III) l’obiettivo era di “ricollocare” circa 98mila persone dal Paese di sbarco (di solito, Italia o Grecia) agli altri partner europei. Di questi solo 30.834 sono stati ricollocati:
10.272 in Germania che avrebbe dovuto ospitarne 27.536;
la Francia ne ha accolti 4.944 (su una quota prevista di 19.714),
la Spagna 1.358 (su 9.323). TRATTO DA :
“Basta, boicottiamo Lilli Gruber” dopo i falsi numeri sull’accoglienza che ha propinato, è rivolta tra i telespettatoriultima modifica: 2018-07-26T08:52:28+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su ““Basta, boicottiamo Lilli Gruber” dopo i falsi numeri sull’accoglienza che ha propinato, è rivolta tra i telespettatori

  1. Non avete nominato Mentana il re della balla,quello dei forni crematori in Siria. Ci rendiamo conto che la stampa e l’informazione italiana è in mano dei sionisti? TG 5-La7-La Stampa-Repubblica-Sky e tanti,troppi blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *