Bologna, anziana pestata a sangue alla fermata del bus

Repubblica omette di dire che il massacratore sia africano. CHI PAGA PER I DANNI ALLA SIGNORA? Chi sono i mandandi morali? Nessuna manifestazione contro la violenza sulle donne?

(ANSA) – BOLOGNA, 29 MAG – Una donna di 78 anni è finita all’ospedale Maggiore di Bologna dove è ricoverata in osservazione, con una prognosi di 30 giorni per un trauma cranico facciale con versamento, dopo essere stata picchiata e rapinata domenica sera da uno sconosciuto, ad una fermata dell’autobus. E’ successo verso le 22 e dell’episodio si è accorto un passante, un uomo che era su viale Togliatti in moto e ha visto l’anziana mentre veniva malmenata alla fermata dal rapinatore, quasi certamente un magrebino.
Quando l’uomo si è fermato e ha gridato, il malvivente è fuggito in bicicletta: ha portato via alla donna la borsa, con dentro circa 30 euro, documenti e un vecchio telefono cellulare.
Anche per questo all’inizio è stato difficile contattare il marito della vittima. La donna era riversa a terra, piena di sangue nel volto e sotto choc. Sono stati chiamati il 118 e la Polizia e sono state avviate indagini.

Picchiata e rapinata: soccorsa grazie alla segnalazione di un motociclista. L’aggressore è fuggito 29 maggio 2018
BOLOGNA – Riversa a terra, coperta di sangue e in stato di choc: così i sanitari del 118 e la polizia hanno soccorso una donna di 78 anni, pestata a sangue a una fermata dell’autobus nei pressi di viale Togliatti, domenica sera intorno
alle 22. La donna ora si trova all’ospedale Maggiore, in osservazione: ha una prognosi di 30 giorni per un trauma cranico facciale con versamento.
E’ stato un motociclista che stava percorrendo viale Togliatti ad accorgersi della brutale aggressione alla 78enne: ha visto un uomo che la malmenava, quindi si è fermato e si è messo a gridare: il rapinatore è fuggito in bicicletta, con la borsa della donna. Poi sono stati chiamati il 113 e  i soccorsi.
Bologna, anziana pestata a sangue alla fermata del busultima modifica: 2018-06-09T22:13:24+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *