Padova, incendia le multe sul bus e aggredisce i controllori

ormai è all’ordine del giorno, educazione e civiltà sempre più un miraggio, per non parlare della sicurezza

Ennesimo parapiglia a bordo di un mezzo di BusItalia per un biglietto non pagato È successo lunedì sulla linea 3, la polizia ferma e denuncia un quarantenne
PADOVA. Ancora una “battaglia” a bordo di un autobus del trasporto pubblico, con un passeggero che vuole viaggiare senza pagare, i controllori che cercano di far rispettare le regole e la polizia costretta a intervenire perché la situazione non degeneri.
Il parapiglia dell’altro giorno, l’ultimo in ordine di tempo, nasce da una buona dose di sfortuna oltre che dal solito malcostume. Molti salgono sui bus, solo pochi pagano. Il problema è proprio questo.
Nella giornata di lunedì i controllori di BusItalia si sono imbattuti in un tunisino senza biglietto a metà mattinata. Qualche scintilla ma niente di grave. Gli hanno fatto la multa e tanti saluti. Il problema è che lo stesso tunisino, 41 anni, regolare permesso di soggiorno, è stato “pizzicato” anche nel pomeriggio. Intorno alle 17.40 gli incaricati alla verifica dei titoli di viaggio l’hanno sorpreso a bordo del bus della linea 3 (Padova-Lion) in via D’Acquapendente.
L’uomo, stizzito, ha fatto vedere loro il verbale preso al mattino. Forse pensava che quel verbale gli avrebbe consentito di viaggiare gratis tutto il giorno. Ma non funziona così. La multa, così come il biglietto, ha una durata di 75 minuti. Che chiaramente era scaduta. Non è stato semplice cercare di farlo capire all’infuriato interlocutore. Non ha voluto sentire spiegazioni. Al culmine dell’ira ha preso i due verbali e li ha bruciati. Il tutto davanti ai passeggeri, all’autista e ai controllori. A quel punto è stata chiamata la polizia. La Squadra volante della Questura è arrivata in pochi minuti. Gli agenti hanno bloccato il tunisino, nonostante saltasse da un sedile all’altro. Alla fine l’hanno denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e interruzione di pubblico servizio. A causa delle sue intemperanze, infatti, il bus è rimasto fermo un quarto d’ora.
Per quel che riguarda le aggressioni ai dipendenti di Busitalia, il copione è quasi sempre lo stesso. «Vedi uno che sale sul bus, gli chiedi di esibire il biglietto e questo ancora prima di aprire bocca spintona e sferra pugni. Ormai siamo alla undicesima aggressione in pochi mesi nei confronti dei controllori o degli autisti» lamentano i rappresentanti sindacali di categoria. La più violenta rimane quella del 14 agosto scorso, quando, alla fermata
Eremitani, uno straniero tentò di strozzare una funzionaria di BusItalia. Nulla sembra poter fermare la scia di violenza che si è particolarmente accentuata in questi ultimi mesi. Il fenomeno è dovuto anche a una politica aziendale di intensificazione dei controlli.
di Enrico Ferro 14 marzo 2018
Padova, incendia le multe sul bus e aggredisce i controlloriultima modifica: 2018-03-26T09:29:03+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *