“Così uomini di Soros hanno scritto il piano migranti del M5S”

Uomini di un’associazione finanziata da Soros avrebbero redatto una parte del programma grillino sui migranti. Ecco chi sono
Gli “uomini di George Soros” avrebbero contribuito a scrivere il programma di governo del Movimento 5 stelle riguardante i migranti: l’ “accusa” proviene da Francesca Totolo che, su Il Primato Nazionale, ha scritto un articolo che dimostrerebbe i legami intercorsi tra la Open Society Foundations e la redazione di parti del documento grillino riguardante i fenomeni migratori.
“Il secondo punto – ha sottolineato la giornalista – cioè Il ricollocamento dei richiedenti asilo” è stato redatto da Maurizio Veglio, noto avvocato tra i membri di ASGI (Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione)”, ma questa associazione, sempre secondo quanto scritto in questo articolo, sarebbe stata fondata e finanziata dalla Open Society Foundations. “L’ASGI – ha continuato la Totolo – ha aderito a numerose campagne pro-immigrazione e pro-ius soli tra le quali “L’Italia sono anch’io, campagna per i diritti di cittadinanza”, “Out of Limbo” per la promozione dei diritti dei rom apolidi o a rischio apolidia, “Ero straniero – L’umanità che fa bene”, “Non aver paura. Apriti agli altri, apri ai diritti”, e molte altre, in collaborazione con associazioni religiose (Caritas Italiana, Fondazione Migrantes, Centro Astalli, Comunità di Sant’Egidio), altre associazioni e organizzazioni sorosiane (A Buon Diritto, CIR, ARCI, Amnesty International, Antigone), Partito Radicale e diversi esponenti del Partito Democratico”. L’ente in questione, insomma, sarebbe concretamente impegnato in una serie di iniziative volte a favorire l’accoglienza dei migranti. E fin qui, nulla di strano. Quello che pare emergere, però, è un collegamento diretto tra alcune parti del programma sui migranti del Movimento 5 stelle e l’ASGI, la stessa che associazione che, come si legge qui, non disdegnerebbe fare spesso causa ai sindaci di centrodestra.
Il punto 3, ad esempio, cioè quello riguardante le “Commissioni territoriali”, ovvero la competenza sulle decisioni di attribuzione dello status di profugo dei richiedenti asilo, sarebbe stato scritto da Guido Savio, un altro avvocato di ASGI. Le tesi di Savio sarebbero già contenute all’interno di un documento dell’associazione di cui fa parte e tenderebbero a muoversi su direttrici politiche “globaliste”, quindi molto lontane dalla titolazione del programma pentastellato, che invece recita: “Immigrazione: Obiettivo sbarchi zero – L’Italia non è il campo profughi d’Europa”. Una titolo, dunque, che nasconderebbe in realtà una sorta di “inganno”. Il punto 4, ancora, è stato “redatto” da Nancy Porsia, che la Totolo definisce come una “giornalista esperta di Medio Oriente e Nord Africa e collaboratrice di diverse testate italiane e straniere molto mainstream media”.
Questi redattori del programma, secondo quanto appreso da alcune fonti de IlGiornale.it, sarebbero stati chiamati dai grillini in quanto esperti in materia d’immigrazione. Consulenti, forse, ma non direttamente esponenti politici del partito di Beppe Grillo. Quest’ultima redattrice, poi, non sarebbe direttamente riconducibile all’Open Society Foundations, ma avrebbe vinto un “working grant”, “Priorità europee, realtà libiche”, che sarebbe stato assegnato da Journalismfund, che sarebbe un’altra organizzazione finanziata da Soros, ai fini di “stimolare il giornalismo transfrontaliero in Europa”. Per la Totolo, insomma, ci sono pochi dubbi: “Quindi i punti 2, 3 e 4 del programma immigrazione del Movimento 5 Stelle sono legati da un filo rosso: l’Open Society Foundations di George Soros”, ha sottolineato la giornalista. Un programma di governo, in sintesi, dove sarebbe difficilmente riscontrabile l’intenzione paventata di far sì che l’Italia non continui ad essere “il campo profughi d’Europa”.
Giovanni Neve – Gio, 04/01/2018  
“Così uomini di Soros hanno scritto il piano migranti del M5S”ultima modifica: 2018-03-10T09:01:04+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *