Il ladro rom che uccise un meccanico a Bologna, dopo cinque anni esatti è libero

eguaglianza, non tutte le vite hanno lo stesso peso. Bisogna essere tolleranti anche con gli assassini

Il bosniaco 23enne Sonic Halilovic, il 21 febbraio 2013 investì e uccise Quinto Orsi, meccanico di 72 anni, mentre stava rubando un’auto nella sua officina
22 Febbraio 2018 alle 10:51
bosniaco
Il magistrato di Sorveglianza ha concesso oltre 200 giorni di liberazione anticipata a Sonic Halilovic, il rom bosniaco 23enne che a Bologna il 21 febbraio 2013, esattamente cinque anni fa, investì e uccise Quinto Orsi, meccanico di 72 anni, mentre stava rubando un’auto nella sua officina. La Procura bolognese ha deciso di impugnare la decisione davanti al tribunale. Halilovic era stato condannato in primo grado a 16 anni per omicidio volontario col dolo eventuale, ma in appello e recentemente in Cassazione il fatto è stato giudicato come colposo e la pena definitiva è stata di sei anni e quattro mesi.
Dopo un periodo in carcere e poi ai domiciliari, lo zingaro assassino è a piede libero. La decisione del magistrato di Sorveglianza ha l’effetto che con la pena residua ricalcolata verso il basso, sarà ammissibile per Halilovic chiedere l’affidamento in prova ai servizi sociali. Martedì il pm Domenico Ambrosino e il procuratore aggiunto Valter Giovannini hanno firmato il ricorso, ritenendo che la gravità del fatto e la condotta del giovane, con precedenti anche quando era minorenne, non possano giustificare il beneficio. Nel merito dovrà esprimersi il tribunale di Sorveglianza, che è organo collegiale.
In occasione del quinto anniversario della morte del meccanico i comitati della Bolognina, la zona dell’omicidio, hanno organizzato davanti all’officina dove avvenne l’omicidio una commemorazione, che prevede anche la consegna di una lettera “alle autorità competenti con richiesta di revisione del processo e modifica della legge”.
Il ladro rom che uccise un meccanico a Bologna, dopo cinque anni esatti è liberoultima modifica: 2018-03-07T08:36:34+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *