Costrette a prostituirsi – Sui carri bestiame dalla Nigeria all’Italia, la nuova tratta delle schiave del sesso

le femministe antirazzista antifasciste che cianciano di diritti delle donne (a patto non siano di destra) che ci dicono? Erano nei centri di accoglienza, PRELEVATE, ORA DITEMI CHE LE VOSTRE COOP NON SONO COMPLICI E’ questa la vita che sognavate per loro? Se rende a mafia capitale E TUTTE LE MAFIE ANNESSE l’omertà è d’obbligo? E le paternali sui diritti umani? Dedicato a chi bolla come razzisti xenofobi chi denuncia la mafia nigeriana (tra le altre mafie, indigena inclusa)

prostirute nigeriane
” Vi erano poi legami anche con alcuni esponenti della criminalità organizzata nigeriana dedita al reclutamento, all’introduzione clandestina e, quindi, allo sfruttamento di giovani donne. I destinatari della misura cautelare erano vicini a membri del gruppo “Black Axe”, già sottoposti a fermo nell’ambito dell’omonima operazione, per il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso.”
Sui carri bestiame dalla Nigeria all’Italia, la nuova tratta delle schiave del sesso
Costrette a prostituirsi 28 febbraio 2018
Torino – I carabinieri del nucleo Investigativo di Genova hanno smantellato un’organizzazione criminale dedita al traffico della prostituzione: 7 persone sono state arrestate.
Dalle indagini è emerso che le ragazze venivano “acquistate” in Nigeria e portate in Italia, in particolare a Torino: molte di loro hanno affrontato un lungo viaggio verso le coste libiche a bordo di carri bestiame. Arrivate in Italia, venivano accolte nei centri di accoglienza per richiedenti asilo: da lì, però, venivano prelevate dagli sfruttatori e trasferite a Torino e nella provincia, dove erano costrette a prostituirsi.
Costrette a prostituirsi – Sui carri bestiame dalla Nigeria all’Italia, la nuova tratta delle schiave del sessoultima modifica: 2018-03-07T08:54:58+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *