“Non possiamo pretendere che un AFRICANO sappia che in Italia su una spiaggia non possa VIOLENTARE una persona”. Ormai in Italia siamo alla FOLLIA!

frase vergognaPrima di lanciare l’allarme fake news, c’è il video che riprende la signora mentre pronuncia testuali parole. Femministe “evolute”….Tra l’altro è assai offensiva e veramente razzista come frase, da per scontato che gli africani siano stupratori di professione, quando, come ha detto lo stesso presidente della Nigeria, scappano perché son criminali, non credo affatto che nei loro paesi di provenienza le violenze sessuali siano tollerate o condonate


Le assurde parole di Carmen Di Genio, che stanno destando polemica in tutta Italia!
E’ polemica sui social nei confronti dell’avvocato del Comitato pari opportunità della Corte d’Appello di Salerno, Carmen Di Genio, durante un convegno a Palazzo di Città. Il suo intervento durante tale convegno sulla sicurezza e sulla legalità, ha subito innumerevoli critiche in seguito ad un discorso che rivolge al tema immigrazione.

Ecco le sue parole: “In uno Stato di diritto, solo l’attuazione del principio di legalità garantisce condizioni democratiche. La prevenzione passa per la regolamentazione e per la disciplina degli ingressi degli extracomunitari in Italia e per l’educazione alle regole di chi viene nel nostro Paese.

Non possiamo pretendere che un africano sappia che in Italia, sulla spiaggia non si può violentare una persona perché probabilmente lui non lo sa nemmeno, non lo sa proprio.

Per questo agli extracomunitari dobbiamo educarli alle nostre regole applicando questo principio di legalità. Educandoli alle nostre regole e non ghettizzandoli, come stiamo a mio avviso facendo. O li integriamo nella società oppure non li dobbiamo accogliere”.

VIDEO DELLE TESTUALI PAROLE AL LINK SOTTO

https://goo.gl/qSe5XS

“Non possiamo pretendere che un AFRICANO sappia che in Italia su una spiaggia non possa VIOLENTARE una persona”. Ormai in Italia siamo alla FOLLIA!ultima modifica: 2018-02-06T02:05:01+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *