Pesaro: insegnante italiano senzatetto morto di freddo, a pochi passi dall’hotel dei profughi

chi è il mandande morale di questo omicidio di stato? Perché non era possibile ospitarlo in un luogo caldo? Perché non era degno di solidarietà?
Pesaro: insegnante italiano senzatetto morto di freddo, a pochi passi dall’hotel dei profughi

Un altro italiano muore in strada. Al freddo. A 8 minuti dall’ormai noto hotel dei profughi, l’hotel Principe.

E’ morto su una panchina del parco Miralfiore Rocco Bonaposta, 42 anni pesarese. E’ stato trovato ieri mattina vicino all’ingresso di via Cimarosa da un passante che ha dato l’allarme alla Questura.

Una morte per arresto cardiaco, probabilmente un malore. Era ‘conosciuto’ dalla Caritas. Ma le parrocchie locali sono aperte ai profughi, finti, non ai laureati italiani.

I servizi sociali del Comune non sapevano nulla di lui, troppo impegnati nell’accoglienza ai clandestini. E lui era un insegnante, un vuoto a perdere..

Era laureato in filosofia, ogni tanto qualche supplenza come maestro. E una vita da senza tetto. Alla fine la morte al freddo, su una panchina. fonte

 

Pesaro: insegnante italiano senzatetto morto di freddo, a pochi passi dall’hotel dei profughiultima modifica: 2018-02-05T22:38:37+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *