stupri quotidiani, è sempre stato così

stupro1anche le donne straniere sono vittime delle risorse. Ma ci vogliono raccontare che è normale una situazione del genere, è sempre stato così, 4 stupri nell’arco di pochi giorni di distanza
 
Asti, si salva dallo stupro chiudendosi in bagno e chiamando la polizia
 
Arrestato un marocchino di 28 anni
 23/12/2017 12:13 CET
Ha tentato di violentare una donna all’interno di un locale etnico di corso Casale, ad Asti, di fronte alla palazzina dove è stata rinchiusa e violentata una trentenne e che nei giorni scorsi è stata sgomberata. L’uomo, di cui al momento non sono state rese note le generalità, è stato arrestato dalla polizia. La donna, dopo esser stata morsa ad una guancia, era riuscita a divincolarsi e a sfuggirgli, chiudendosi nel bagno del locale, dove ha chiamato la polizia.
In manette è finito un marocchino di 28 anni, che nel tentativo di violentare una connazionale di 36 anni l’ha anche morsa ad una guancia. Soccorsa e medicata, la donna sta bene. La polizia sta ricostruendo i momenti dell’aggressione, avvenuta la scorsa notte in un ristorante take away, dove servono kebab. L’uomo è stato rinchiuso nel carcere di Quarto, a disposizione dell’autorità giudiziaria
Stupra una clochard vicino all’aeroporto, arrestato un uomo di 37 anni
Il luogo in cui è avvenuta la violenza, vicino all’aeroporto Cristoforo Colombo di Genova
 
ARTICOLI CORRELATI
Genova – Violenza tra clochard. O meglio: stupro. Un senzatetto romeno di 37 anni ha violentato una donna di 34, pure lei romena e anche lei senzatetto. Lo stupro è avvenuto a Sestri Ponente, vicino all’aeroporto Cristoforo Colombo. Il violentatore è stato arrestato dalla polizia.
La donna, ferita a una gamba, è stata notata a Dinegro da alcuni passanti, che hanno chiamato un’ambulanza. In ospedale, la poveretta ha raccontato la violenza: prima a una pattuglia delle Volanti che si è attivata per individuare il luogo esatto in cui è avvenuto lo stupro. E successivamente, agli investigatori della Squadra Mobile che hanno avviato indagini per identificare e localizzare l’autore dell’aggressione bestiale.
Dal racconto della giovane donna è emerso che aveva conosciuto il connazionale alla Stazione Ferroviaria Santa Maria Novella di Firenze alcuni giorni fa e avevano deciso di andare insieme in Francia. La sera del 19 dicembre, il treno sul quale viaggiavano si era fermato alla stazione ferroviaria di Genova Principe e loro, dopo aver girato per la città, avevano deciso di trascorrere la notte in un riparo di fortuna individuato vicino all’area aeroportuale genovese. Durante la notte, l’uomo ha abusato della donna ferendola anche alle gambe nel tentativo di immobilizzarla. Successivamente, prima di fuggire, lo stupratore le avrebbe sottratto i documenti e il cellulare.
 
La povera donna, con un mezzo pubblico, ha raggiunto Dinegro dov’è stata infine soccorsa. Le indagini della Mobile e la descrizione dettagliata del romeno, ne hanno consentito l’arresto, poche ore dopo in piazza Caricamento, dov’è stato bloccato da un equipaggio delle Volanti.
Addosso aveva anche i documenti della donna che aveva violentato. Accompagnato in questura, è stato arrestato per violenza sessuale e denunciato per lesioni e furto. È stato portato in cella a Pontedecimo. 23 dicembre 2017
stupri quotidiani, è sempre stato cosìultima modifica: 2017-12-26T13:58:02+01:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *