IL PIÙ GRANDE AEREO ANTINCENDIO DEL MONDO

http://www.flyorbitnews.com/2016/05/10/il-piu-grande-aereo-antincendio-del-mondo-il-video-e-le-immagini/

scritto da Alessandro Iacopini
10 maggio 2016

Oltre 75mila litri di capacità, con la possibilità di raggiungere ogni parte del globo con al massimo venti ore di volo, rifornimenti inclusi. Sono queste le caratteristiche del più grande aereo antincendio del mondo, un Boeing 747-400 della compagnia americana Global SuperTanker, presentato giovedì scorso a Colorado Spring, in Colorado, sede dell’azienda e futura base operativa del velivolo.

L’aereo è stato chiamato Spirit of John Muir in onore del celebre naturalista statunitense di origine scozzese, tra i più grandi sostenitori della protezione e della conservazione dell’ambiente.

Nel corso della sua presentazione, l’aereo ha mostrato le sua capacità, effettuando un volo a bassa quota e rilasciando il suo carico d’acqua nei pressi dell’aeroporto. Secondo la Global SuperTanker il B747-400 ha una capacità di trasporto due volte superiore rispetto al più grande aereo antincendio finora utilizzato.

Durante la simulazione l’aereo ha volato a circa due cento metri d’altezza ad un velocità di circa 260 chilometri orari. Il B747, in particolare, era configurato con l’assetto d’atterraggio.

Il SuperTanker è certificato per trasportare, acqua, liquido ritardante, gel o schiuma e può essere ricaricato in circa trenta minuti. A pieno carico l’aereo ha una autonomia di oltre seimila chilometri.

Il Boeing 747 marche N744ST è arrivato alla Global SuperTanker dopo aver trasportato passeggeri per Japan Airlines dal 1991 al 2010. Nel 2012 l’aereo è stato acquisito dalla Evergreen International Airlines, una compagnia cargo che già effettuava dei servizi antincendio con dei più piccoli e obsoleti B747-100 e 747-200. Fallita la Evergreen, la Global ha acquisito il progetto e ha completato la riconfigurazione interna dell’aereo.

IL PIÙ GRANDE AEREO ANTINCENDIO DEL MONDOultima modifica: 2017-10-26T18:34:51+02:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *